Pagina 24 di 34 PrimoPrimo ... 142223242526 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 231 a 240 di 332

Discussione: A cosa stai pensando ?

  1. #231
    FileNotFound Guest

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    Sto pensando: Insegni ?

    Personalmente non solo sono contrario alla promozione obbligatoria nel senso "traffichino" che hai detto, ma anche in tutti gli altri sensi: anche se ci fosse un giustificatissimo motivo per cui lo studente non ha potuto raggiungere la preparazione sufficiente ad affrontare la classe successiva.

    Può sembrare crudele (e impietoso) ma io penso che ci voglia molta più "pietas" a fare il possibile (anche bocciare) affinché gli studenti imparino ciò che hanno scelto di imparare (ammesso che abbiano scelto loro...).

    Eppoi non capisco il senso di "correre" a tutti i costi, per arrivare all'età giusta (?) alle mete giuste (?).

    I ragazzi si vergognano se perdono un anno. Si vergognano a stare loro ("più grandi") in una classe di "più piccoli"... Più grandi... più piccoli... ma chi glie lo ha insegnato che l'età mentale si giudica dall'età anagrafica ?

    Quasi non capitasse mai (anziché "SEMPRE") che "giunti a meta" (magari regolarmente e "con onore"), "parcheggino" semplicemente (forse per la vita) il Titolo di Studio in una cornice lasciata appesa a qualche tipo di muro.



  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
     
  3. #232
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    17,012
    Grazie dati 
    4,802
    Grazie ricevuti 
    2,588
    Ringraziato in
    2,187 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    (ammesso che abbiano scelto loro...).
    Sto pensando, anzi, penso, che anche iscriversi a un liceo scientifico e poi dover studiare letteratura per passare l'anno non è scegliere.
    Ma è solo un mio punto di vista.
    «Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione;
    un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato.
    » (A. Einstein)

  4. #233
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,961
    Grazie dati 
    2,101
    Grazie ricevuti 
    1,565
    Ringraziato in
    939 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    Per un periodo della mia vita mi sono dedicata ai ragazzi/e giudicati difficili, incapaci, tonti, non meritevoli, timidi e asociali.
    Mi venivano affidati per avere una guida nello studio (non sono un'insegnante) alcuni professori dei miei figli pensavano che fossi la persona giusta, di ugual pensiero, le assistenti sociali e una psicologa. Così questi "disturbatori" frequentavano la mia casa, studiavano, facevano merenda e giocavano con i miei figli. Accolti con il sorriso e la pazienza quasi meravigliati, cominciavano a fidarsi, a lavorare sui libri odiati.
    Ho conosciuto poco o nulla i genitori, si tenevano alla larga, forse temevano chiedessi loro del denaro, ma in diversi casi erano del tutto disinteressati. Mi dispiaceva perché avremmo potuto collaborare. Era difficile e appagante seguirli ognuno da solo, perché avevano un modo diverso di apprendere e volevo evitare il continuo confronto. Prima di ogni cosa insegnavo il reciproco rispetto. Sono contenta, qualcuno lo vedo ancora oggi. Hanno tutti preso delle buone strade. sono delle brave persone. Io sono felice di aver potuto vedere nei loro occhi "il lampo" quella luce speciale che illumina il volto quando si comprende veramente una nozione. La Provvidenza mi ha dato il dono di ricordare quanto avevo studiato e la possibilità di sentirmi utile e amica. E' stato bellissimo.

  5. #234
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    Sto pensando: Insegni ?
    si ho scelto questa strada per fare la morta di fame ed infatti rientro nella categoria degli 80 euro di Renzi.
    Ne parlo qui, perchè sono fra amici ma in genere dicendolo altrove, ho avuto tutta una serie di brutte esperienze. Quando arrivo qui od altrove ho il cervello fuso perchè il mio è un lavoro tutto mentale e scrivo peggio di molti altri, nè me ne può fregare molto, in quanto venire qui può rappresentare per me, spegnere il cervello in parte ed una forma di relax. Mi è capitato invece altrove, di essere presa in giro per questo e quindi, difficilmente mi apro.
    anche iscriversi a un liceo scientifico e poi dover studiare letteratura per passare l'anno non è scegliere.
    lo dici a me che dopo l'ultima riforma abbiamo di scienze quasi le stesse ore, solo che con due ore dobbiamo insegnare tre materie e con tre libri con notevole costo aggiunto per le famiglie.
    Il prossimo anno quando, sarà l'anno della maturità delle materie riformate, la terza prova, dovrebbe arrivare al pari della prima e della seconda , direttamente dal ministero come le prove Invalsi, uguale per tutti. Ancora, però non c'è alcuna chiarezza sui programmi che si dovranno svolgere il prossimo anno.
    La Provvidenza mi ha dato il dono di ricordare quanto avevo studiato e la possibilità di sentirmi utile e amica. E' stato bellissimo.
    Sei sempre fantastica Marcella, veramente ogni volta che ti si legge, si ha di nuovo fiducia nel genere umano.

  6. #235
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,961
    Grazie dati 
    2,101
    Grazie ricevuti 
    1,565
    Ringraziato in
    939 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    Ti ringrazio janet, ma se fossi come tu dici, non mi sentirei e non sarei così sola.
    Riflettevo sul tuo problema e le tue difficoltà professionali, queste sono veramente irte, non permettono di lavorare serenamente. Mi domando: chi regolamenta i programmi d'insegnamento ha mai insegnato? Si ricorda o ripensa ai tempi sui banchi di scuola? questa scuola che deve formare lavoratori e cittadini informati e capaci?
    e poi..quanti insegnanti si dannano per capire quale guida d'insegnamento devono intraprendere per svolgere la loro Missione?
    Da parte mia un grande apprezzamento per te, vorrei essere una tua alunna.

  7. #236
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    17,012
    Grazie dati 
    4,802
    Grazie ricevuti 
    2,588
    Ringraziato in
    2,187 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    chi regolamenta i programmi d'insegnamento ha mai insegnato? Si ricorda o ripensa ai tempi sui banchi di scuola? questa scuola che deve formare lavoratori e cittadini informati e capaci?
    Questo me lo chiedo anch'io... sembra che partano dal presupposto (secondo me sbagliato) che uno si possa definire formato e intelligente se sa un po' di tutto, invece se uno sa tutto di un po', è considerato ignorante perché non sa il resto.

    Esempio banale del mio ragionamento: come se uno non potesse essere considerato diplomato in informatica perché non si ricorda quando è scoppiata la prima guerra mondiale.
    «Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione;
    un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato.
    » (A. Einstein)

  8. #237
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,961
    Grazie dati 
    2,101
    Grazie ricevuti 
    1,565
    Ringraziato in
    939 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    Io so o credo di sapere un po' di quasi tutto. Mi spiego meglio: posso affermare di avere nozioni di base, alcune più approfondite, poiché sono curiosa di sapere cerco d'informarmi e so anche quando è scoppiata la prima guerra mondiale.
    Immagino il mio sapere o la mia conoscenza in questa maniera, come un album di figurine (con didascalia). alcune pagine sono praticamente o quasi complete, altre con diverse caselle vuote, ancora altre (informatica per esempio) con pochissime figurine, e poi pagine e pagine con una figurina o assolutamente bianche. Ma l'interesse e la curiosità (ancora viva, alla mia età) mi spingono a cercare altre "figurine". Non ne devo fare sfoggio, mi servono.
    Credo non si tratti di diplomi ottenuti, ma sapere o avere nozioni in vari settori.
    Il modo di concepire il sapere scolastico è variato nel tempo, pensa agli anni di scolarizzazione d'obbligo, prima fino alla terza elementare poi la quinta, per entrare alle medie bisognava fare un esame di ammissione, altro esame per passare dal ginnasio (parlo del classico) al liceo, quindi la maturità e infine l'università.. Ora è cambiato tutto e c'è perfino la laurea breve.
    La scuola serve. Ma lo studio dovrebbe continuare per ognuno di noi in qualsiasi modo anche leggendo CT si ricevono nozioni, alcune volte le offri altre le usi, sempre con curiosità, interesse ed umiltà. Cultura è anche scambio di idee.

  9. #238
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,847
    Ringraziato in
    5,687 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    Citazione Originariamente scritto da marcella36 Vedi messaggio
    Il modo di concepire il sapere scolastico è variato nel tempo, pensa agli anni di scolarizzazione d'obbligo, prima fino alla terza elementare poi la quinta, per entrare alle medie bisognava fare un esame di ammissione, altro esame per passare dal ginnasio (parlo del classico) al liceo, quindi la maturità e infine l'università..
    ma ricordo anche che al termine della terza media i professori stilavano una specie di rapporto dove "consigliavano" un dato indirizzo.
    Nel mio caso scrissero che ero destinato a fare l'operaio ed io, orgoglioso, mi sono iscritto invece a Telecomunicazioni....mi sono diplomato...concorsi su concorsi, niente raccomandazioni e alla fine....faccio l'operaio !
    A parte il fatto che ogni mestiere ha la sua dignita', mi chiedo ora se quelle persone, a suo tempo, avessero ben compreso le mie capacita' oppure se quel "consiglio" fosse solo prevaricatorio ....non lo sapro' mai !


  10. #239
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,961
    Grazie dati 
    2,101
    Grazie ricevuti 
    1,565
    Ringraziato in
    939 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    A parte il fatto che ogni mestiere ha la sua dignita', mi chiedo ora se quelle persone, a suo tempo, avessero ben compreso le mie capacita' oppure se quel "consiglio" fosse solo prevaricatorio ....non lo sapro' mai !
    Concordo, ogni mestiere ha e merita dignità. Ma tanti la insudiciano lavorando senza coscienza! Parlo proprio dei commenti e dei "consigli" di alcuni professori che hanno si insegnato la loro materia ma ormai annoiati dal ripeterla, senza vero interesse per i loro allievi, senza cercare di comprenderli e provare ad indirizzarli nella giusta maniera. Come i medici che non cercano di comprendere il malato e non capiscono la malattia.
    Arma, il fare l'operaio, per te è una necessità contingente, come lo è per molti di questi tempi, la scuola e i tuoi professori non c'entrano o dovrei pensare che avevano una magica sfera di cristallo. L'intelligenza, la tua capacità di esprimerti e la capacità creativa che dimostri in così tanti modi mi danno l'idea di colui che accetta per dovere e necessità il proprio lavoro, sapendo, che avrebbe potuto fare di più con la sua sensibilità in campi diversi. Il nostro piccolo mondo di CT te lo conferma spesso.
    Quanti, anche io, hanno dovuto rinunciare alle proprie aspirazioni! La vita è dura e spesso gli educatori dovrebbero mettersi allo specchio ed educarsi.
    Questa è la mia convinzione.

  11. #240
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,847
    Ringraziato in
    5,687 post

    Riferimento: A cosa stai pensando ?

    Citazione Originariamente scritto da marcella36 Vedi messaggio
    Arma, il fare l'operaio, per te è una necessità contingente, come lo è per molti di questi tempi, la scuola e i tuoi professori non c'entrano o dovrei pensare che avevano una magica sfera di cristallo.
    Mah....probabilmente avranno valutato in base a cio' che meglio esprimevo in quel periodo e debbo dire, francamente, che a loro discolpa, per esempio, c'era una mia idiosincrasia per l'italiano e per la geografia in cui andavo malissimo !
    Pero'....c'e' anche da dire che basarsi solo su un anno di vita scolastica non avrebbe dovuto dare il diritto di "pronosticare" un bel niente giacche' non potevano sapere, ad esempio, se c'erano problemi in famiglia o altro.
    Comprendo un tentativo di indirizzo all'universita', questo si, ma alla medie mi sembra quantomeno presuntuoso.
    Poi, come hai ben detto, le contingenze sono imprevedibili e chiunque si dovrebbe ritenere fortunato di svolgere un lavoro che ha sempre sognato o per cui e' stato sempre portato.


Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie