Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Rugby - 6 Nazioni 2010: Italia - Inghilterra 12-17

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    3,307
    Grazie dati 
    1,368
    Grazie ricevuti 
    1,610
    Ringraziato in
    1,003 post

    Rugby - 6 Nazioni 2010: Italia - Inghilterra 12-17

    Italia - Inghilterra 12-17

    Partita equilibrata e decisa solamente da alcuni episodi. Primo tempo che si chiude in perfetta parità (6-6), con due calci piazzati a testa segnati da Bergamasco e Wilkinson (quest'ultimo oggi non in giornata, dato che ne sbaglia altri due), ma Italia più intraprendente che rischia poco a parte un'incursione inglese al primo minuto che per poco non si concretizza in una meta per gli avversari. Inglesi attendisti che non spingono ed aspettano l'errore azzurro.

    La partita si decide ad inizio ripresa: prima la meta (ed unica dell'incontro) inglese, nata da un mancato placcaggio di Masi e poi la successiva espulsione temporanea di Castrogiovanni che definire surreale è un'eufemismo. Come diceva giustamente un commentatore televisivo "non abbiamo ancora (noi italia) il potere politico per vincere questo sei nazioni". Questo è vero, perchè se l'arbitro applicava lo stesso metro di giudizio, ci sarebbero dovute essere minimo due espulsioni temporanee ai danni degli inglesi ed una definitiva (per un placcaggio al collo di Mclean mentre si è in area, un qualcosa di indecente). L'Italia però non si scoraggia e rimane attaccata al risultato: si porta anche a soli due punti dagli inglesi, con un grande calcio di punizione sempre di Mirco Bergamasco. Wilkinson con un drop finale allunga il distacco tra le due squadre.

    Partita quindi equilibratissima, come testimonia il risultato. Se giochiamo cosi contro la Scozia, il prossimo turno, vinciamo. Inglesi che non ripetono la brillante prestazione contro il Galles ed il drop finale di Wilkinson è testimone della paura inglese, di non prendersi rischi, cercando di far mete, ma prendere i punti necessari per vincere. Continua la nostra crescita: 5 anni fa perdevamo 40-5 sempre al Flaminio, surclassati, oggi perdiamo 17-12, con onore e con un'arbitraggio meno di parte, magari poteva anche scapparci qualcosa in più

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Sep 2009
    Sesso
    Uomo
    Località
    trieste
    Messaggi
    35
    Grazie dati 
    54
    Grazie ricevuti 
    66
    Ringraziato in
    25 post

    Riferimento: Rugby - 6 Nazioni 2010: Italia - Inghilterra 12-17

    Una gran partita degli azzurri, peccato perchè sono andati veramente vicino al colpaccio

  4. #3
    Data registrazione
    Feb 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Udine
    Messaggi
    198
    Grazie dati 
    6
    Grazie ricevuti 
    63
    Ringraziato in
    38 post

    Riferimento: Rugby - 6 Nazioni 2010: Italia - Inghilterra 12-17

    Citazione Originariamente scritto da Lo Zio T
    Se giochiamo cosi contro la Scozia, il prossimo turno, vinciamo.
    Secondo me questa è un'affermazione un po' azzardata...

    A mio modo di vedere (purtroppo) in questa partita si sono visti tutti i limiti di cui la nostra nazionale soffre. Neanche dando il massimo (e in questa partita l'Italia ha veramente dato tutto) non riusciamo ad impensierire un'Inghilterra spenta come quella di ieri.

    Il movimento cresce però i tempi non sono ancora maturi...

    Quando torna Parisse??

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie