Pagina 16 di 152 PrimoPrimo ... 614151617182666116 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 151 a 160 di 1511

Discussione: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

  1. #151
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,850
    Ringraziato in
    5,690 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    Non ho che questa

    A1 - Al servizio segreto di sua maesta'

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #152
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    b2 - Solo per i tuoi occhi ?

  4. #153
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,850
    Ringraziato in
    5,690 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    B2 - La spia che mi amava

    Nuovo avatar di Key :

    jamesbond.jpg

  5. #154
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    AHAHAHAH! che bello! grazie mille Arma,simpatico davvero :-)

    c2-Moonraker ?


    io adesso devo staccare,vi saluto,ciao! buon weekend!

  6. #155
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,622
    Grazie dati 
    11,542
    Grazie ricevuti 
    13,952
    Ringraziato in
    7,447 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    intervengo giusto al volo

    Citazione Originariamente scritto da Armandillo Vedi messaggio
    A1 - Al servizio segreto di sua maesta'
    Citazione Originariamente scritto da keyser_soze60 Vedi messaggio
    b2 - Solo per i tuoi occhi ?
    queste due sono esatte!

    MANCA SOLO LA C2


    a stasera
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  7. #156
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,850
    Ringraziato in
    5,690 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)



    007 - Bersaglio mobile (A View to a Kill)

  8. #157
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,622
    Grazie dati 
    11,542
    Grazie ricevuti 
    13,952
    Ringraziato in
    7,447 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    no, non lui

    mi dispiace
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  9. #158
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,966
    Grazie dati 
    6,176
    Grazie ricevuti 
    5,868
    Ringraziato in
    3,004 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    La spia che mi amava

    io ce l'avevo la Lotus Esprit in scala ridotta

  10. #159
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,622
    Grazie dati 
    11,542
    Grazie ricevuti 
    13,952
    Ringraziato in
    7,447 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    Citazione Originariamente scritto da wrongway Vedi messaggio
    La spia che mi amava
    ce l'abbiamo fatta!

    e con questa la griglia finisce qui!

    la scena del frame stata girata in Sardegna, sulla costa di Alghero


    e andiamo dunque a concludere i giuochi


    ecco la griglia finale:


    ecco i titoli indovinati:

    A1 - Al servizio segreto di Sua Maest (On Her Majesty's Secret Service) (Arma)
    A2 - Goldeneye (wrong)
    A3 - Zona pericolo (The Living Daylights) (wrong)
    A4 - Octopussy - Operazione piovra (Octopussy) (Key)
    B1 - Casino Royale (Niki)
    B2 - Solo per i tuoi occhi (For Your Eyes Only) (Key)
    B3 - L'uomo dalla pistola d'oro (The Man with the Golden Gun) (Key)
    B4 - Una cascata di diamanti (Diamonds Are Forever) (wrong)
    C1 - Dalla Russia con Amore (From Russia with Love) (Key)
    C2 - La spia che mi amava (The Spy Who Loved Me) (wrong)
    C3 - Skyfall (Mnemo)
    C4 - Si vive solo due volte (You Only Live Twice) (wrong)
    D1 - Il mondo non basta (The World Is Not Enough) (Key)
    D2 - Missione Goldfinger (Goldfinger) (Key)
    D3 - Thunderball: Operazione tuono (Thunderball) (Key)
    D4 - Licenza di uccidere (Dr. No) (Key)



    ed ecco la classifica:

    Key ---> 8 caselle + poker (26 punti)
    wrong ---> 5 caselle (10 punti)
    Arma, Niki, Mnemo ---> 1 casella (2 punti)



    vince quindi Bond-Key a cui passo la palla per la prossima manche

    luned o quando lui vorr

    ed infine un mio piccolo commento ai 16 film che ho scelto:

     

    Immagine ridotta

    Licenza di uccidere (Dr. No, 1962) di Terence Young

    Folgorante esordio di James Bond: la nascita di un mito e di una fenomenologia di frasi e situazioni cool, a partire dagli spettacolari titoli di testa fino alle splendide "Bond girls". Sean Connery buca lo schermo, ma lapparizione di Ursula Andress, che emerge dalle acque in bikini, come una dea classica, rimasta scolpita nella memoria degli spettatori di tutto il mondo.

    Immagine ridotta

    Dalla Russia con Amore (From Russia with Love, 1963) di Terence Young

    Squadra che vince non si cambia e Terence Young si supera, regalandoci il miglior Bond di sempre: sceneggiatura granitica, mix perfetto di azione, suspense, glamour e ironia british, erotismo conturbante e rimandi fedeli al romanzo di Fleming. Connery al top dello splendore fisico e si consacra nel ruolo che ne segner per sempre la carriera.

    Immagine ridotta

    Missione Goldfinger (Goldfinger, 1964) di Guy Hamilton

    Hamilton bissa, e quasi eguaglia, il successo del predecessore, sfornando un altro eccellente capitolo della saga pi famosa e longeva della storia del cinema. Per molti contende la palma di miglior Bond a From Russia with Love ma di certo ha consegnato alla memoria collettiva parecchie scene memorabili: Bond che esce dallacqua, si toglie la muta e resta in abito da sera, la donna nuda ricoperta doro, il cappello con lama annessa per tagliare le teste o il raggio laser che cerca di fare a fettine il nostro eroe. Questo capitolo ha inaugurato la lunga galleria di canzoni dapertura di grande successo, uno dei marchi di fabbrica di Bond.

    Immagine ridotta

    Thunderball: Operazione tuono (Thunderball, 1965) di Terence Young

    Ritorno in grande stile di Terence Young per la quarta volta di Connery nei panni elegantissimi di 007. E uno degli episodi pi famosi ed avvincenti della saga, per le trovate di grande effetto spettacolare ed anche per il carismatico cattivo italiano interpretato dal nostro Adolfo Celi. Nel 1983 ne fu fatto un discutibile remake apocrifo, Mai dire mai, che segn il ritorno, fuori tempo massimo, di Connery al suo personaggio pi famoso e che fece andare su tutte le furie la famiglia Broccoli, storici produttori della saga ufficiale.

    Immagine ridotta

    Si vive solo due volte (You Only Live Twice, 1967) di Lewis Gilbert

    Quinto capitolo della saga, con un Connery un po appesantito ma ben compensato dalla consueta miscela vincente di erotismo patinato, luoghi esotici e situazioni glamour. Su tutti spicca il cattivissimo Blofeld di Donald Pleasence, che appare per la prima volta a figura intera in tutta la sua perfidia, dando luogo ad uno dei villain cinematografici pi famosi di sempre. Connery, dopo questo film, dichiara di voler lasciare la serie.

    Immagine ridotta

    Al servizio segreto di Sua Maest (On Her Majesty's Secret Service, 1969) di Peter R.Hunt

    Primo Bond del dopo Connery, con laustraliano George Lazenby scelto a raccoglierne la pesantissima eredit. Il film pi che decoroso, con una buona trama, uno 007 pi umano e meno tecnologico, una splendida sequenza dazione sulla neve ed un finale amaro che non taspetti. Ma il punto debole, purtroppo decisivo, nellincerto protagonista che non riesce mai ad entrare realmente nel personaggio, e meno che mai nel cuore del pubblico, incapace di scrollarsi di dosso lingombrante ombra di Sean Connery. La pellicola non ha avuto il successo dei capitoli precedenti ma resta ampiamente sottovalutata.

    Immagine ridotta

    Una cascata di diamanti (Diamonds Are Forever, 1971) di Guy Hamilton

    Dopo il flop di Lazenby, Albert Broccoli (storico produttore della saga) riesce a convincere Sean Connery a tornare, per la sesta volta, nei panni dellagente segreto pi famoso del mondo. Ma gli anni passano inesorabili e lattore scozzese ha perso smalto e convinzione, oltre che i capelli, e tutto il film ne risente. Questo suo ultimo Bond (a parte linatteso e controverso ritorno apocrifo del 1983) anche il suo peggiore. Eppure non mancano le trovate spettacolari di grande effetto per un film discreto, ma ben al di sotto degli standard scintillanti degli anni 60. E dopo di questo Connery, visibilmente stanco e deluso, dir il famoso never again, poi puntualmente parodiato dallefficace titolo del remake del 1983 (Never say never again).

    Immagine ridotta

    L'uomo dalla pistola d'oro (The Man with the Golden Gun, 1974) di Guy Hamilton

    Secondo Bond interpretato da Roger Moore, che ha barattato il fascino rude e lenergia virile di Connery con una maggiore eleganza ed un massiccio uso dellironia. E un film discreto ma non brillante che risente sicuramente del divorzio tra Broccoli e Saltzman, suo storico collaboratore nella produzione della celebre saga di 007. Gli elementi di spicco del film sono le suggestive ambientazioni asiatiche ed il carismatico villain del leggendario Christopher Lee, che qui ci regala una delle sue interpretazioni pi famose. Da segnalare anche lavvento di un erotismo pi audace, come nella famosa scena in cui Scaramanga (Lee) minaccia Maud Adams con la sua pistola doro, infilandogli la canna nella bocca.

    Immagine ridotta

    La spia che mi amava (The Spy Who Loved Me, 1977) di Lewis Gilbert

    Decimo film della saga e terza volta di Roger Moore come James Bond. Capitolo dignitoso e godibile, con unestrema variet di ambientazioni (anche la nostra Sardegna) ed una regia di buon mestiere funzionale allazione incessante. Il film si fa ricordare per la sfolgorante bellezza di Barbara Bach, che diverr una delle Bond girl pi celebrate, e per la comparsa di squalo, il gigante cattivo dai denti di metallo, che torner in un altro episodio della serie, caso quasi unico di comprimario che ruba la scena al villain principale. A partire da questo episodio la saga inizia a virare nel caricaturale, finendo poi per eccedere grossolanamente nelle pellicole successive, e dimenticando del tutto il sottile equilibrio tra dramma e ironia che aveva segnato la fortuna dei film con Sean Connery.

    Immagine ridotta

    Solo per i tuoi occhi (For Your Eyes Only, 1981) di John Glen

    Tra humour, adrenalina e sequenze mozzafiato, questo quinto Bond di Roger Moore si risolleva alquanto dai precedenti episodi e garantisce un piacevole intrattenimento. Ne resteranno soprattutto la canzone principale, composta da Bill Conti, ed il fascino magnetico di Carole Bouquet, altra Bond girl eccellente. Questo film segna anche una rottura definitiva con il passato per la scelta, invero obbligata da controversie legali legate ai diritti dautore, di far sparire lo storico cattivo della serie, Blofeld (che muore nel prologo della pellicola), e la sua sinistra organizzazione, la SPECTRE.

    Immagine ridotta

    Octopussy - Operazione piovra (Octopussy, 1983) di John Glen

    Questo Bond n. 13 il sesto, e penultimo, interpretato da Roger Moore, che era alquanto scettico sul tornare nel ruolo ma venne poi convinto dal clamoroso ritorno di Connery nellapocrifo Mai dire mai, che usc nello stesso anno ma perse la sfida al botteghino. Moore ha compiuto 55 anni, e si vede, e non bastano gli straordinari stunt-man o la ricchezza di ambientazioni esotiche a risollevare le sorti di un film stanco, come il suo protagonista, e ripetitivo nelle situazioni. Da segnalare la presenza nel cast di Kabir Bedi, il famoso Sandokan televisivo, nel ruolo del tirapiedi del villain principale.

    Immagine ridotta

    Zona pericolo (The Living Daylights, 1987) di John Glen

    Con il pessimo Bersaglio mobile del 1985 si chiusa lera di Roger Moore, invero mai giunto ai fasti del celebre e ingombrante predecessore Sean Connery, e si inaugura un nuovo corso con un nuovo protagonista: il gallese Timothy Dalton, dal fascino duro e deciso. Ma nonostante una trama ben congegnata, ricca di azione e di trovate spettacolari, il nuovo Bond non buca mai davvero lo schermo e la mitologia del personaggio ne risente. Lantica magia sembra spenta, il gradimento in calo, ci si comincia a interrogare sulleffettiva attualit del celebre agente segreto del MI6 e sul futuro di 007 dopo quasi 25 anni dal primo mirabolante episodio.

    Immagine ridotta

    Goldeneye (1995) di Martin Campbell

    Nuovo decennio, nuovo Bond. Abbandonati gli insuccessi degli anni 80 con uno stanco Roger Moore ed un incerto Timothy Dalton, ci vogliono quasi 6 anni per trovare un nuovo interprete degno della tradizione di 007. Ed la volta dellelegante irlandese Pierce Brosnan, che, complice una trama avvincente, un ritmo serrato, alcune sequenze di grande impatto spettacolare ed alcune novit strutturali, riesce a risollevare le sorti di una saga che sembrava ormai avviata sul viale del tramonto. Il successo grande ma la formula semplice: tornare allantico con stile, glamour, tecnologia, ironia ed invincibilit, ma con inevitabili concessioni ai cambiamenti imposti dalle nuove mentalit pi aperte ed in sintonia con il nuovo ruolo sociale della donna. Ed ecco quindi che il capo del MI6, M, una femmina (la grande Judi Dench, che ricoprir il ruolo per ben 7 pellicole) e le Bond girl principali diventano due, paritarie e complementari: Izabella Scorupco e Famke Janssen. Alcuni fans, sullonda dellentusiasmo troppo a lungo sopito, scomodano paragoni eccellenti, e fuori luogo, con il mito Connery, scegliendo di ignorare la tendenza (che poi si far deriva) americaneggiante della seconda parte del film, che nei capitoli successivi seppellir il mito, e lo charme, di Bond sotto un diluvio di effetti speciali cos esagerati da scadere nel ridicolo involontario, una sorta di auto-parodia inconsapevole.

    Immagine ridotta

    Il mondo non basta (The World Is Not Enough, 1999) di Michael Apted

    Ultimo Bond del vecchio millennio, il terzo, e penultimo, con Brosnan protagonista. Film incerto, a tratti pasticciato, lazione spettacolare ma esagerata, le nuove frontiere degli effetti speciali hanno fatto danni anche dalle parti di 007, e sembra di assistere ad un videogame fasullo e troppo allamericana, nel senso pi deteriore del termine. Sembra ormai chiaro a tutti che anche lera Brosnan, eletto troppo in fretta a salvatore della patria, agli sgoccioli e che ci vorr una specie di miracolo per adattare la saga alle sfide del nuovo millennio. Non molto da salvare in questo Bond n. 19, a parte la Bond girl, cattivissima, interpretata dallaffascinante Sophie Marceau che , a tutti gli effetti, una coprotagonista. Da dimenticare, invece, la fugace apparizione della Cucinotta, decisamente fuori luogo in queste produzioni.

    Immagine ridotta

    Casino Royale (2006) di Martin Campbell

    Efficace reboot, riattualizzato ai tempi attuali, della saga dell'agente segreto pi famoso del mondo: James Bond, 007. La sapiente operazione di restyling parte dal protagonista, Daniel Craig, passa per un approccio s spettacolare ma meno esagerato e, soprattutto, pi ruvido e brutale piuttosto che ironico, e termina con una dark lady non solo bella ma di grande spessore, Vesper Lynd (Eva Green). In un buon mix tra tradizione e innovazione, azione ed approfondimento psicologico, Martin Campbell si prende tutto il tempo per mostrarci le "origini" di 007, il suo rapporto con M (Judi Dench), che mai come in questo nuovo corso sta per Mother, e, soprattutto, la sua storia d'amore con Vesper, dal cui strappo prender le mosse la sua "carriera" di seduttore incallito e senza cuore. In attesa di Moneypenny, di Q e di un cattivo all'altezza del compito, che arriveranno nei capitoli successivi, Campbell si concede anche il lusso di rinunciare al "Martini agitato non mescolato" ed ha la felice idea di traslare la celeberrima presentazione in coda, facendo capire che tutto comincia da adesso e che questo solo il capitolo zero del nuovo Bond. La nuova saga piace e convince e, dopo gli ultimi patetici episodi con Brosnan, la cosa ha del "miracoloso". In perfetto stile Bond. E' uno degli episodi pi belli e convincenti dell'intera saga, io lo colloco subito dopo il numero 2 ed il numero 3.

    Immagine ridotta

    Skyfall (2012) di Sam Mendes

    Grande successo di pubblico e critica per questo Bond n. 23, il terzo con Daniel Craig nei panni di 007, con il brillante Sam Mendes al timone che sembra voler portare un approccio autoriale in quello che uno dei simboli pi duraturi del blockbuster seriale. Senza rinnegare quanto di buono si era visto nel reboot n. 1 (Casino Royale) e senza rinunciare alla consueta azione spettacolare tipica della saga, il regista sposta lattenzione sul lato umano, e debole, di Bond, sui legami di sangue, sul passato che ritorna, sui segreti scomodi. Senza svelare mai troppo, Mendes ci affascina con un cattivo di spessore, bene interpretato dallistrionico Javier Bardem, che fa da contraltare ad uno 007 tormentato e vulnerabile, e non pi granitico come un tempo. La leggerezza dei film con Roger Moore ormai un lontano ricordo, ma il pubblico ha gradito moltissimo, al punto che questo il capitolo che ha stabilito il record assoluto dincassi della saga, senza tener conto dellinflazione. Ormai il nuovo corso della fortunata serie, Bond 2.0 (come si usa dire di questi tempi), ha definitivamente tracciato una nuova direzione, pi cupa, pi umana e pi introspettiva. Sar difficile far meglio, ma il prossimo SPECTRE si gi candidato per tentare di alzare lasticella un po pi in alto. Ci riuscir ?



    buon weekend a tutti
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  11. #160
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (2 semestre)

    ciao a tutti!
    grazie Stridy,bellissima griglia
    ecco il nuovo quiz,far un indovina fotogramma a meno che i gruppi non mi vengono in mente strada facendo,ammesso che la strada si far :-)

    ecco qua :


    Immagine ridotta



    Riepilogo Tentativi (0)
     





    Riepilogo Indizi
     


    Immagine ridotta



Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti alluso dei cookie