Pagina 3 di 3 PrimoPrimo 123
Mostra risultati da 21 a 27 di 27

Discussione: Oscar 2015

  1. #21
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,616
    Grazie dati 
    11,539
    Grazie ricevuti 
    13,952
    Ringraziato in
    7,447 post

    Riferimento: Oscar 2015

    ciao Shiny, bentornato

    sei diventato più prezioso di Malick ma quando scrivi cose di questo tipo ...

    Citazione Originariamente scritto da shiny Vedi messaggio
    "Boyhood" non l'ho visto ma ne ho sentito parlare in tutte le salse. Onore al coraggio di Linklater ma le storie normali di gente normale francamente mi annoiano. Non trovo nulla di eccezionale nel vedere un ragazzo che cresce, ci son passato pure io! Se mi ricordavo di filmarmi una volta all'anno forse ne avrei fatto un film anche migliore, sicuramente con molti più avvenimenti e tanti (ma tanti) problemi in più.
    o di questo ...

    Citazione Originariamente scritto da shiny Vedi messaggio
    "Birdman" è metacinema. A me non piace Inarritu ma Birdman è bello Stilisticamente non inventa nulla (c'è ancora qualcuno che si sorprende per i pianisequenza?) ma prende a piene mani da grandi maestri come Altman (come giustamente ricorda Strider) e mischia le tecniche moderne al cine-teatro, manipolando egregiamente tempo e spazio. Se si aggiungono degli ottimi dialoghi e interpreti in stato di grazia ne vien fuori il film più interessante del lotto. Di certo sputazza un po' dove mangia perchè per vincere deve essere votato da tutta quella gente che ha messo un costume (e son tanti!) ma l'Academy non è nuova a cose del genere (del tipo, se parlo male di una cosa la rendo interessante? probabile, ma è un corto circuito visto che il film sostiene l'opposto). Vedremo quanta auto-ironia avranno i votanti.
    capisco nuovamente perchè mi sei mancato e mi rendo conto che, in fin dei conti, va benissimo poterti avere tra noi anche così ... in pillole

    Citazione Originariamente scritto da shiny Vedi messaggio
    Chi manca? Sicuramente Fincher e il suo Gone Girl (mi rifiuto di chiamarlo col titolo italiano), IL film sull'amore sado-masochista, altro che 50 sfumature... e manca Nolan che ahimé ha toppato alla grande, generando un mappazzone pretenzioso e visionario, sprecando una opportunità immensa per la prima statuetta della sua carriera.
    Gone Girl mi è piaciuto tanto ma è proprio un film anti-Oscar e troppo cattivo per il moralismo americano. Peccato perchè oggi è difficile trovare tanto coraggio in un film made in USA.

    su Interstellar che si può a dire ? a mente più fredda le magagne si fanno più evidenti e tutto il pastrocchio finale assume connotati ancora più intollerabili

    Nolan, facci un altro "prestigio"

    Citazione Originariamente scritto da shiny Vedi messaggio
    Ergo per me dovrebbe vincere "Birdman" o "American Sniper", perciò vincerà "Boyhood" . Non credo che l'Academy quest'anno sdoppierà il premio film/regia, ma andrà su una direzione precisa: Inarritu o Linklater.
    io la nottata non la posso fare, domani alle 8,30 devo essere in ufficio, non posso prendermi ferie in questo periodo altrimenti un pensierino ce lo facevo. Spero che Cielo ci conceda una replica domani sera

    comunque sto leggendo tante cose in giro sui siti americani e pare che ormai Birdman e Boyhood siano dati alla pari

    speriamo che l'uccellaccio di Inarritu ce la faccia sul "ragazzino che cresce" di Linklater

    a domani, direi domani sera per quanto mi riguarda, per i commenti ...

    Ultima modifica di Strider; 23-02-15 alle 00: 53.
    "Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #22
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,616
    Grazie dati 
    11,539
    Grazie ricevuti 
    13,952
    Ringraziato in
    7,447 post

    Riferimento: Oscar 2015

    and the Oscar goes to ...
     







    "Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  4. #23
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    3,307
    Grazie dati 
    1,368
    Grazie ricevuti 
    1,610
    Ringraziato in
    1,003 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Bentornato Shiny.

    Citazione Originariamente scritto da shiny Vedi messaggio
    "Boyhood" non l'ho visto ma ne ho sentito parlare in tutte le salse. Onore al coraggio di Linklater ma le storie normali di gente normale francamente mi annoiano. Non trovo nulla di eccezionale nel vedere un ragazzo che cresce, ci son passato pure io! Se mi ricordavo di filmarmi una volta all'anno forse ne avrei fatto un film anche migliore, sicuramente con molti più avvenimenti e tanti (ma tanti) problemi in più.
    Il discorso è comprensibile ed anche giusto sotto il tuo punto di vista, alla fine è sempre una questione di come si vuol intendere il cinema. Secondo me ogni concetto, anche il più banale, può essere soggetto e oggetto di cinema. Certo, anche una storia comune, magari simile ad altre. Ma perchè non raccontarla? Perchè la si è già vissuta o la si può ritrovare guardando in giro, con attenzione? Va bene, ma la forza dell'umanità di queste storie rimane impressa. per chi non le ha vissute è un qualcosa di nuovo, che fa riflettere; per chi le ha vissute è un insieme di sensazioni che riafforano da dentro, ma pur sempre comunicazione.
    Anche solo per tornare "bambini" e ricordare un po' certe sfumature della nostra infanzia che con il passare degli anni sono rimaste sommerse dalle questioni quotidiane.
    Ovviamente se il film è fatto bene, senza ristagnare in se stesso. :

    "Birdman"

    [...]

    Di certo sputazza un po' dove mangia perchè per vincere deve essere votato da tutta quella gente che ha messo un costume (e son tanti!) ma l'Academy non è nuova a cose del genere (del tipo, se parlo male di una cosa la rendo interessante? probabile, ma è un corto circuito visto che il film sostiene l'opposto). Vedremo quanta auto-ironia avranno i votanti.
    Sicuramente, ma mangiare nel piatto che si riceve non significa dover mettere da parte la critica verso chi lo offre. In fondo Inarritu si rende conto dell'assenza di sapori nei piatti (a vantaggio dell'estetica) partendo proprio da ciò che gli è stato offerto: Riggan, senza Birdman, forse non avrebbe mai pensato di dirigere l'altra sua opera, non avrebbe ricercato "l'arte". E' vero, critica Birdman e lo vuole sconfiggere, ma anche quando si "eleva" nel finale, riconosciuto per il suo talento e non per essere Birdman (anche se probabilmente più per il gesto che per altro), lo fa come "Birdman", perchè è iniziato tutto da lì.

    ---------- Post Unito alle 14: 14 ----------

    TUTTI I PREMI
    MIGLIOR FILM: Birdman
    MIGLIOR REGIA: Alejandro González Iñárritu
    MIGLIOR ATTORE: Eddie Redmayne
    MIGLIOR ATTRICE: Julianne Moore
    MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: J.K. Simmons
    MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: Patricia Arquette
    MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE: Birdman
    MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: The Imitation Game
    MIGLIOR FILM STRANIERO: Ida (Polonia)
    MIGLIOR FILM ANIMAZIONE: Big Hero 6
    MIGLIOR FOTOGRAFIA: Birdman
    MIGLIOR SCENOGRAFIA: Grand Budapest Hotel
    MIGLIOR MONTAGGIO: Whiplash
    MIGLIOR COLONNA SONORA: Grand Budapest Hotel
    MIGLIOR CANZONE: "Glory" da "Selma"
    MIGLIORI EFFETTI SPECIALI: Interstellar
    MIGLIOR SONORO: American Sniper
    MIGLIOR MONTAGGIO SONORO: Whiplash
    MIGLIOR COSTUMI: Milena Canonero (Grand Budapest Hotel)
    MIGLIOR TRUCCO: Grand Budapest Hotel
    MIGLIOR DOCUMENTARIO: CitizenFour
    MIGLIOR CORTO DOCUMENTARIO: Crisis Hotline: Veterans Press 1
    MIGLIOR CORTO: The Phone Call
    MIGLIOR CORTO D'ANIMAZIONE: FEAST

    Ansa

  5. #24
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,616
    Grazie dati 
    11,539
    Grazie ricevuti 
    13,952
    Ringraziato in
    7,447 post

    Riferimento: Oscar 2015

    ieri notte sentivo e leggevo lamentele dei fans sul fatto che Leo DiCaprio non ha mai vinto un Oscar

    io ho una soluzione per lui, rapida ed efficace: come prossimo ruolo deve pretendere quello di un qualche malato in maniera invalidante, più grave è ... meglio è

    mi pare che sia stato tutto nella norma, magari per Boyhood ci si aspettava qualche premio in più

    felicissimo per il trionfo di Birdman, film coraggioso, sperimentale e di qualità, un prodotto tutt'altro che hollywoodiano

    mi dispiace un po' per Keaton ma queste sono le leggi dell'Academy, c'è poco da fare

    mi sento ancora uno zombie per la notte in semi-bianco
    "Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  6. #25
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    3,307
    Grazie dati 
    1,368
    Grazie ricevuti 
    1,610
    Ringraziato in
    1,003 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Non che me ne intenda, ma sono abbastanza d'accordo sul considerare grottesco l'oscar per la sceneggiatura dato a "The Imitation game".

  7. #26
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,616
    Grazie dati 
    11,539
    Grazie ricevuti 
    13,952
    Ringraziato in
    7,447 post

    Riferimento: Oscar 2015

    soprattutto se teniamo conto che ha battuto P.T. Anderson

    non ho ancora visto il suo film, però posso già scommettere qualunque cosa che non esiste proprio il paragone
    "Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  8. #27
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,792
    Grazie dati 
    1,565
    Grazie ricevuti 
    2,190
    Ringraziato in
    976 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Bene, nuttata passata abbastanza in scioltezza, ora cala un po' la palpebra ma tengo duro

    Come ampiamente previsto è stata una premiazione spezzatino, molto ecumenica nell'elargire premi a pioggia su quasi tutti i film candidati. Ha vinto il migliore? Credo di sì e questo è bene. Diciamo che è abbastanza difficile contestare le statuette tranne appunto la sceneggiatura di "The Imitation Game"

    Citazione Originariamente scritto da LoZioT
    sono abbastanza d'accordo sul considerare grottesco l'oscar per la sceneggiatura dato a "The Imitation game"
    non è grottesco, è scandaloso . Trattasi del plot più conformista e convenzionale dell'intero lotto, il meno rischioso e quello con meno personalità... Insomma il compitino ben svolto.
    Io considero i premi per la scenggiatura tra i più importanti e vederli assegnati a tale lavoro è oltremodo oltraggioso.

    Per il resto tutto OK. Gli attori hanno confermato i pronostici e, come avevo previsto, non c'è stato lo sdoppiamento film/regia (quando hai una serie di titoli equivalenti è l'unico modo per far vedere che si è scelta una linea).
    Dalle prime battute si è capito che "Gran Budapest Hotel" avrebbe preso solo premi tecnici e la ghettizzazione della Disney ai soli cartoni animati (Oscar per corto e lungometraggio) in luogo del suo nuovo filone live action (snobbato già in partenza Maleficent e ignorato poi il sontuoso Into The Woods) ha ulteriormente favorito il film di Anderson.

    Lo show è stato mediocre, più del solito, con conduttore rigido e malvestito, dalla battuta floscia, bravo a mettersi in mutande più che a cantare. Jack Black sta sul palco 30 secondi e gli ruba la scena, che sia il caso di dargli più spazio in futuro?
    All'insegna della più rigida convenzione la cerimonia nelle sue quasi 4 ore ha sciovinato le 5 canzoni nominate più una alla chiusura dell'In Memoriam e il numero di Lady Gaga di cui parlerò poi. Tutto orribile, compresa la canzone vincente, un gospel-rap tanto fasullo quanto pompato dall'Oprah's touch. Vedere mezza platea in lacrime con Chris Pine/Capitano Kirk sciolto nel pianto in primo piano ha raggiunto livelli di trash inenarrabili, secondi solo al pistolotto politico-pari opportunità di John Legend & Co. Imbarazzanti. Dell'In Memoriam va ricordato l'incredibile numero di caduti nell'anno 2014... l'Academy si ricorda della nostra Virna Lisi (che a Hollywood a suo tempo ci andò) ma si dimentica di Francesco Rosi (con sommo sdegno del pubblico italico e dei conduttori di Cielo). Che a Hollywood siano un po' provinciali è assodato ma Rosi in America manco sanno chi è, del resto l'anno scorso si dimenticarono pure di Resnais (rimediando in extremis quest'anno).
    Lady Germanotta sfila sul red carpet in guanti da cucina e ce la ritroviamo sul palco 2 ore dopo vestita da meringa, con look ripulito tranne i tatuaggi a proporci un medley per il 50° anniversario di "Tutti Insieme Appassionatamente". Canta che sembra Celine Dion altro che Poker Face e ci si chiede al momento se sia posseduta o in playback... tant'è, il momento è scult ma sublime, ed ecco che entra Miss Julie Andrews in persona. L'usignolo di Hollywood e delle montagne austriache. Chi meglio di lei per premiare "The Sound of Music", ovvero dare la statuetta per la colonna sonora?
    Vince Desplat, primo Oscar meritato per la carriera ma, se posso dire, non per lo score, carino e niente più. Tuttavia sarà la sola sorpresa della serata.
    Di Desplat vanno dette due cosine: ha sfatato dopo tanto tempo la maledizione di chi è nominato con due titoli (l'altro era meglio ma tant'è); ha purtroppo dovuto subire la presenza ingombrante di Hans Zimmer che con la sua mole prima gli ha offerto un impegnativo abbraccio e poi gli impallava la moglie durante le dediche, rendendo il tutto un po' ridicolo.
    E poi chi glielo spiega al compositore francese, primo musicista presidente di giuria a Venezia, che nella rassegna in laguna ha snobbato il film che qualche mese dopo ha sbancato gli Oscar? Un po' di imbarazzo deve averlo avuto, suvvia...

    Il resto è la solita solfa: pianti e rossori, tristi bigliettini, ciao mamma, ciao papà, l'America è bella, l'America è grande. Sono la mecca dei sogni ma vanno là tutti e gli fanno il culo a strisce: negli ultimi 5 anni il solo cineasta americano che ha vinto è Ben Affleck. Fa riflettere.
    Che non gli venga in mente poi ti tirar su di nuovo il muro col Messico che dopo Cuaron e Inarritu mancano ancora il più bravo (Del Toro) e il più pazzo (Rodriguez). In genere fanno film che mal si sposano con le statuette ma si sa mai che ci prendan gusto. Academy avvisata con Sean Penn che in effetti era perplesso.

    Momento top: mezza platea con l'Oscar fatto di LEGO in mano, l'unico che avranno
    Momento flop: Oprah che ansima in preda all'emozione... de che? con inevitabile bradisismo pettorale
    Momento flop parte 2: Jack Nicholson ci aveva abituato a stare in prima fila con gli occhiali da sole e passi, ma il chewing gum di Michael Keaton è un nuovo elemento di bon ton
    Momento Piero Angela: ma cosa diamine ha Nicole Kidman alle mani che quando applaude sembra Edward Mani di Forbice? batte i polsi!!

    All'anno prossimo! (con gli Oscar, io spero di tornare prima )


    Ultima modifica di shiny; 23-02-15 alle 19: 18.

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie