Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 11 a 20 di 27

Discussione: Oscar 2015

  1. #11
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,610
    Grazie dati 
    11,536
    Grazie ricevuti 
    13,950
    Ringraziato in
    7,446 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Citazione Originariamente scritto da Lo Zio T Vedi messaggio
    l'ho trovato disorientante, talmente "estremo" sotto il profilo del confine tra realismo e apparenza da sembrare quasi surreale nella sua strategia di difesa.
    quando si dice cavalcare l'onda lunga dei media

    i processi spettacolo sono ormai abituali negli USA, si sa come vanno queste cose e, chiaramente, il regista tende a distorcere la cosa, per dissacrarla, sotto la lente del grottesco

    anche in Birdman ci sono diverse parti interessanti dove viene evidenziato chiaramente come le nuove tecnologie hanno cambiato i costumi, i parametri di giudizio, il modo di fare e di pensare
    "Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #12
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    3,307
    Grazie dati 
    1,368
    Grazie ricevuti 
    1,610
    Ringraziato in
    1,003 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Citazione Originariamente scritto da Strider Vedi messaggio
    anche in Birdman ci sono diverse parti interessanti dove viene evidenziato chiaramente come le nuove tecnologie hanno cambiato i costumi, i parametri di giudizio, il modo di fare e di pensare
    Assolutamente.

    Ripensando anche solo a quando lui si spara, credo che da un lato sia riuscito ad ottenere il riconoscimento di artista che tanto desiderava, ma dall'altro è anche vero che è stato il gesto in se a rappresentare la novità che ha esaltato il pubblico ed elevato l'attore. Difatti, se ricordo bene, quando l'amico mostra il giornale si parla proprio della "nuova moda" del realismo crudo, segno che probabilmente l'opinione pubblica si è fatta conquistare unicamente dalla "novità", alla stessa stregua di un effetto speciale classico.

    Ieri sera, invece, sono riuscito a vedere "Foxcatcher" e devo ammettere che mi ha sorpreso. L'altro film sportivo di Miller non l'ho ancora visto (ricordo, invece, che "Truman Capote" non mi era dispiaciuto, anche se ricordo poco), però lo stile del regista di indagare sulla profondità psicologica dei protagonisti si vede e riesce a trasmettere allo spettatore tutti i conflitti interni, le angosce e le debolezze. Nei due film che ho visto non ci sono mai "vincitori", ma si tratta sempre di analisi amare che contrappongono il cinismo, l'ego, il profitto da una parte, l'ingenuità (se così vogliamo definirla) e la speranza dall'altra. Non è un capolavoro, ma quantomeno ci mette del suo e non è poco.

  4. #13
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    3,307
    Grazie dati 
    1,368
    Grazie ricevuti 
    1,610
    Ringraziato in
    1,003 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Visto "La teoria del tutto", film abbastanza deludente.
    Un po' me lo aspettavo, alla fine si è trattata di una storia di amore con il lavoro di Hawking a fare da sfondo e richiamato poco o nulla (prima mezz'ora a parte), quando sarebbe dovuto essere il contrario. Almeno, se l'intenzione era quella di fare un film biografico su Hawking e sulle sue teorie.
    I due attori protagonisti molto bravi però, mi sono piaciuti molto. Ed a giudicare dai film, direi che Redmayne è favorito per l'oscar di miglior attore (sempre ammesso che la torta venga divisa in più parti).

  5. #14
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    3,307
    Grazie dati 
    1,368
    Grazie ricevuti 
    1,610
    Ringraziato in
    1,003 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Mi ero sempre ripromesso di iniziare, prima o poi, a guardare qualcosa dei Dardenne e finalmente sono lieto di averlo fatto. “Due giorni, una notte” è una pellicola che apparentemente sembra voler strizzare l'occhio alla lacrima facile ed alla pietà, ma invece analizza cinicamente le problematiche lavorative, dai disagi familiari alle necessità economiche, passando per le volontà di chi gioca con i propri dipendenti, comparandoli a delle insignificanti pedine vuote.
    Il viaggio di Sandra ci permette di andare ben oltre al normale qualunquismo. Il suo “porta a porta” rappresenta lo strumento visivo con il quale possiamo venire a conoscenza di storie e persone tutte diverse tra di loro. L'analisi di generale si sposta sullo singolo, sui mille volti attraverso i quali il disagio sociale odierno si può manifestare. E' uno spaccato realistico di una realtà odierna, con il solito stile tipico del cinema francese di quest'ultimo periodo: pulito, concreto e centrato. I Dardenne non fanno eccezione e non posso che esserne “felice”, apprezzo molto questo modo di fare cinema, sobrio ma allo stesso tempo essenziale; veritiero senza voler essere ruffiano.
    Inoltre, è una riflessione interiore sulla malattia e la volontà di continuare a vivere, la determinazione nel cercare di dare un futuro migliore per se stessi e gli altri.

    Gran bel film, a questo punto vi chiederei a cosa dare la priorità tra gli altri lavori dei fratelli Dardenne. :


    Per quanto riguarda "Selma", classico biopic sulla scia del successo recente di "12 anni schiavo", oltre che a "The Butler", anche se pur partendo dallo stesso punto si tratta di tre film differenti fra di loro.
    "Selma" non è tanto di più del classico film di genere, anche se una rinfrescata sulla storia (recente) è sempre utile.
    Due-tre passaggi sono ben riusciti, grazie a dei dialoghi incisivi che riescono a trasmettere non soltanto la discriminazione razziale e sociale, bensì l'importanza degli insegnamenti che vengono dati ai figli. E' abbastanza chiaro che dall'odio nasce solo altro odio, a 360°; il dialogo tra Luther King e lo studente, in macchina, mi ha colpito molto: Ancora oggi mi ricordo di una bambina. lei continuava a graffiare la faccia del mio amico jesse, mentre il padre lo picchiava con un bastone.
    In buona sostanza una visione la merita.

  6. #15
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,962
    Grazie dati 
    6,176
    Grazie ricevuti 
    5,861
    Ringraziato in
    3,000 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Citazione Originariamente scritto da Lo Zio T
    a questo punto vi chiederei a cosa dare la priorità tra gli altri lavori dei fratelli Dardenne. :
    da "La Promesse" in poi dei Dardenne li ho visti tutti

    qualitativamente non è che si discostino molto l'uno dall'altro: "Rosetta" e "Il matrimonio di Lorna" sono quelli che mi sono piaciuti un pochino di più

    lo scorso giugno Rai 3 aveva previsto di mandare in onda la prima in chiaro de "Il ragazzo con la bicicletta" poi è saltata e da allora non lo hanno ancora trasmesso

    [EDIT]

    a complemento, vista la similitudine con le tematiche dei fratelli belgi, consiglierei "La vita sognata degli angeli" di Zonca
    Ultima modifica di wrongway; 21-02-15 alle 08: 00.

  7. #16
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,610
    Grazie dati 
    11,536
    Grazie ricevuti 
    13,950
    Ringraziato in
    7,446 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Il mio preferito dei Dardenne è Rosetta, poi a seguire Il figlio. Comunque lo stile è quello, c'è molta coerenza formale, tematica e sintattica nel loro modo di fare cinema sociale "alla francese", con un costante impegno nella realtà contemporanea, una denuncia mai urlata ma lucida e dei personaggi dolenti, a loro modo emblematici, costantemente pedinati dalla macchina da presa quasi a volerne tracciare un documentario intimo in tempo reale. Pure l'ultimo, di cui hai già ampiamente parlato, mi è piaciuto e la Cotillard è di un'intensità toccante, senza ricorrere al facile sentimentalismo. I tanti che oggi sono afflitti dal drammatico problema del precariato, ma anche quelli, più fortunati, che possono godere di una posizione lavorativa privilegiata, dovrebbere vedere questo film e meditare. La riflessione sulla natura umana, il contrasto tra altruismo ed egoismo, entrambi presenti dentro di noi, è di grande finezza psicologica. Come sempre gli autori cercano di non dare giudizi netti ma di lasciare a noi le dovute considerazioni.

    Selma non l'ho ancora visto ma lo farò sicuramente. Non mi aspetto meraviglie ma il tema è sempre interessante, doloroso e, ahimè, attuale, nonostante i progressi fatti in merito. Ho anche sentito che, per la prima volta dopo diversi anni, sarà possibile seguire la diretta della "magica notte" in chiaro su Cielo e la cosa mi rallegra molto. Io, fino a qualche anno fa, la facevo la "maratona"

    adesso non c'ho più l'età e la palpebra mi cala già sul red carpet

    comunque c'è molta incertezza sul miglior film, fino ad un mese fa la vittoria di Boyhood era data per certa, adesso pare che stiano risalendo le quotazioni di American Sniper, che, essendo un film molto 'mmerecano, ha avuto un successo di pubblico stratosferico in patria

    Il buon vecchio Clint la zampata la piazza sempre, anche con un film normale e al di sotto dei suoi standard migliori. Ne ha fatta di strada da quel sigaro in poi

    anche Birdman è lì sul pezzo, dovrebbe essere un gioco a tre, così dicono le fonti hollywoodiane ed i sussurri della rete. Staremo a vedere, ormai ci siamo ...

    and the Oscar goes to ...
    Ultima modifica di Strider; 21-02-15 alle 14: 32.
    "Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  8. #17
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    3,307
    Grazie dati 
    1,368
    Grazie ricevuti 
    1,610
    Ringraziato in
    1,003 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Intanto vi ringrazio per i consigli sui Dardenne, confidando sempre nell'arrivo di altri utenti nella discussione.

    Citazione Originariamente scritto da Strider Vedi messaggio
    una denuncia mai urlata ma lucida e dei personaggi dolenti, a loro modo emblematici, costantemente pedinati dalla macchina da presa quasi a volerne tracciare un documentario intimo in tempo reale. Pure l'ultimo, di cui hai già ampiamente parlato, mi è piaciuto e la Cotillard è di un'intensità toccante, senza ricorrere al facile sentimentalismo. I tanti che oggi sono afflitti dal drammatico problema del precariato, ma anche quelli, più fortunati, che possono godere di una posizione lavorativa privilegiata, dovrebbere vedere questo film e meditare. La riflessione sulla natura umana, il contrasto tra altruismo ed egoismo, entrambi presenti dentro di noi, è di grande finezza psicologica. Come sempre gli autori cercano di non dare giudizi netti ma di lasciare a noi le dovute considerazioni.
    Ecco dov'erano le parole che non trovavo ieri sera.

    Comunque, lo stile quasi da documentario utilizzato appositamente nel seguire Sandra e particolarmente emerso durante i vari "porta a porta" è ben calibrato, coniuga racconto e sobrietà, molto discreto e ben riuscito. :

    La Cotillard è un'attrice che mi piace molto, perchè ha sempre un suo stile (dato dai movimenti, dalle azioni) che riesce sempre a non risultare indifferente. Ed anche in questo film non è da meno, nonostante un ruolo "di sofferenza", dove non deve apparire ma, anzi, rappresenta un fantasma che vaga per le strade alla ricerca di una possibilità. In ogni caso credo che parte del merito deve essere anche attribuito ai dialoghi, perfettamente sposati con la quotidianità degli eventi.

    Citazione Originariamente scritto da Strider Vedi messaggio
    Selma non l'ho ancora visto ma lo farò sicuramente. Non mi aspetto meraviglie ma il tema è sempre interessante, doloroso e, ahimè, attuale, nonostante i progressi fatti in merito. Ho anche sentito che, per la prima volta dopo diversi anni, sarà possibile seguire la diretta della "magica notte" in chiaro su Cielo e la cosa mi rallegra molto. Io, fino a qualche anno fa, la facevo la "maratona"
    Senza voler scendere nei dettagli, forse sarebbe stato meglio avere un film che partisse "dal principio" della lotta di Luther King. O meglio, per come sono fatto io, iniziare un film con un qualcosa già "in atto" lascia sempre un qualcosa di diverso, quasi di incompiutezza (anche se è un po' ingeneroso come termine). Però c'è sempre una questione legata alla durata di una pellicola da tenere in considerazione.

    Un aspetto positivo, invece, è dato dal non cercare delle ruffianerie abbastanza palesi (penso alla scena delle frustrate di "12 anni schiavo" con il primo piano sul volto sofferente della donna), a mio modo di vedere, anche se un minimo di "spettacolarizzazione", c'è, ma niente di insopportabile, imho. :

    Poi ci sarebbe da sottolineare una cosuccia sul finale, ma su questo preferisco aspettare. :

    comunque c'è molta incertezza sul miglior film, fino ad un mese fa la vittoria di Boyhood era data per certa, adesso pare che stiano risalendo le quotazioni di American Sniper, che, essendo un film molto 'mmerecano, ha avuto un successo di pubblico stratosferico in patria

    Il buon vecchio Clint la zampata la piazza sempre, anche con un film normale e al di sotto dei suoi standard migliori. Ne ha fatta di strada da quel sigaro in poi

    anche Birdman è lì sul pezzo, dovrebbe essere un gioco a tre, così dicono le fonti hollywoodiane ed i sussurri della rete. Staremo a vedere, ormai ci siamo ...

    and the Oscar goes to ...
    Anche "Boyhood" mi pare che abbia ricevuto tanti commenti positivi in patria, a questo punto dovrebbe essere lui il vincitore (ed infatti ha vinto anche ai Critics' Choice. Magari non ci sarà la doppietta film+regia, però credevo che gli avversari più "scomodi" sarebbero stati "The Imitation game" e "La teoria del tutto", più che il film di Clint (più che altro per il fatto che Eastwood ha già fatto due volte la doppietta film+regia).

    Ovviamente il mio tifo andrà tutto per "Birdman" (non credo che "Whiplash" cambierà la mia "classifica"), anche se non mi dispiacerebbe nemmeno "Boyhood" (ma in realtà nemmeno "The imitation game", anche se è chiaro che gli altri due giocano in trasferta sotto questo aspetto ). :

    Per gli attori più o meno abbiamo già detto tutto: scontato l'oscar alla Moore, dall'altra parte testa a testa tra Keaton e Redmayne (con il secondo favorito). Più difficili da sceglieri gli attori non protagonisti, mentre per le sceneggiature non saprei proprio.

  9. #18
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,610
    Grazie dati 
    11,536
    Grazie ricevuti 
    13,950
    Ringraziato in
    7,446 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Citazione Originariamente scritto da Lo Zio T Vedi messaggio
    Anche "Boyhood" mi pare che abbia ricevuto tanti commenti positivi in patria, a questo punto dovrebbe essere lui il vincitore (ed infatti ha vinto anche ai Critics' Choice. Magari non ci sarà la doppietta film+regia, però credevo che gli avversari più "scomodi" sarebbero stati "The Imitation game" e "La teoria del tutto", più che il film di Clint (più che altro per il fatto che Eastwood ha già fatto due volte la doppietta film+regia).
    c'è il premio dei produttori che è molto indicativo, guarda qui:

    Producers Guild of America Award - Wikipedia, the free encyclopedia

    in pratica dal 2007 il film che vince il Producers Guild of America Award poi vince anche l'Oscar

    e quest'anno ha vinto Birdman

    dopo questo evento la vittoria di Boyhood, che prima era data per certa al 100%, è tornata in discussione

    American Sniper non era considerato fino ad un mese fa come candidato papabile, ma nessuno si aspettava che in patria potesse incassare tanto

    312 milioni di $ fatti solo in casa sono un risultato enorme per un film di questo tipo, è al 40° posto assoluto appena dietro ad un blockbuster come La compagnia dell'anello ed ha superato l'episodio II di Star Wars, questo per darti un termine di paragone. Nessuno si aspettava un simile boom al botteghino e l'Academy può essere influenzata da queste cose, infatti adesso il film di Eastwood viene messo nella griglia dei pronostici subito dietro i due favoriti. Mentre fino a 30 giorni fa non veniva considerato

    secondo me tutti gli altri non hanno nessuna possibilità e, alla fine, vincerà Boyhood perchè i segnali dicono questo, però un po' d'incertezza non guasta

    e speriamo sempre che l'uccellaccio di Inarritu faccia lo scherzetto sul filo di lana

    la Moore è data per vincitrice sicura e se lo merita per la carriera (non ho ancora visto questo Still Alice, ma i ruoli di malati di solito fanno breccia nei giurati)

    idem per Redmayne che secondo me ha già l'Oscar in tasca al 100% e mi dispiace molto per Keaton che ha fatto l'interpretazione della vita e chissà quando gli capiterà più una situazione del genere

    per i non protagonisti il favorito è J.K. Simmons, dicono che l'Oscar sia già suo

    invece per le donne c'è più incertezza, spero che non vinca di nuovo la Streep (alla 29° nomination! )

    e basta! non se ne può più! con tutto il rispetto per lei che è un mostro di bravura

    mi piacerebbe la Arquette, eccellente la sua interpretazione imho, o al limite la Stone, davvero brava in Birdman

    vedremo ...
    "Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  10. #19
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    3,307
    Grazie dati 
    1,368
    Grazie ricevuti 
    1,610
    Ringraziato in
    1,003 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Citazione Originariamente scritto da Strider Vedi messaggio
    per i non protagonisti il favorito è J.K. Simmons, dicono che l'Oscar sia già suo
    Sì, è stato bravo secondo me, lo merita.

    Ed a proposito di "Whiplash", devo ammettere che mi aspettavo un film maggiormente di nicchia. Non che non lo sia sotto il profilo musicale - deve esserlo sotto questo aspetto - ma per il resto è una pellicola scorrevole; magari eccessiva in certi aspetti (ed al contrario, ci sono alcune sfumature interessanti, ad esempio sugli "allenamenti" con lo strumento, la simbiosi con la musica), però perfettamente in grado di trasmettere il punto di vista del protagonista in una sorta di climax "delirante" che si riesce a vivere in prima persona (ad un certo punto mi veniva quasi il tremolio alle mani come Andrew ). Inoltre, la batteria è spesso uno strumento di secondo piano, quasi "snobbato". Beh, qui si prende una bella rivincita. :

    Per il resto, ormai ci siamo. :
    Ultima modifica di Lo Zio T; 22-02-15 alle 21: 58.

  11. #20
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,792
    Grazie dati 
    1,565
    Grazie ricevuti 
    2,190
    Ringraziato in
    976 post

    Riferimento: Oscar 2015

    Cià, a poche ore dalla cerimonia dico anche la mia Mi fa strano che il mio primo messaggio nel 2015 qui su CT arrivi quasi alla fine di febbraio, ma come si dice c'est la vie

    Avete già detto moltissimo ma se posso permettermi aggiungo che a conti fatti l'annata 2014 è molto molto debole.
    Negli 8 film nominati non solo non c'è il grande film ma tra quelli che ho visto si fa fatica anche a tirarne fuori uno discreto.

    "The Imitation Game" è tronfio e impaludato, poco coraggioso e sempre indeciso su che linea narrativa prendere;
    "La Teoria del Tutto" è il film furbo dell'anno, confezione e interpretazioni di pregio, un po' di zucchero, menomazione con riscatto (solite compensazioni della vita, tipiche di Hollywood);
    "Grand Budapest Hotel" è Wes Anderson con pregi e difetti, confezione glassata (più che laccata), apoteosi della simmetria, personaggi buffi e stralunati. E' un geniale pastiche ma se dovesse essere premiato ripensando a "I Tenenbaum" un po' mi girerebbero.
    "Boyhood" non l'ho visto ma ne ho sentito parlare in tutte le salse. Onore al coraggio di Linklater ma le storie normali di gente normale francamente mi annoiano. Non trovo nulla di eccezionale nel vedere un ragazzo che cresce, ci son passato pure io! Se mi ricordavo di filmarmi una volta all'anno forse ne avrei fatto un film anche migliore, sicuramente con molti più avvenimenti e tanti (ma tanti) problemi in più.
    "American Sniper" è il film più rigoroso e ideologicamente difficile da digerire per un non americano (specialmente se sinistrorso... ). E' quello che ho amato di più perchè è il film più compatto, chiaro, diretto, sincero. Puro Clint. Non credo vincerà ma ha tutto quello che manca a The Imitation Game, il coraggio della tesi.
    "Birdman" è metacinema. A me non piace Inarritu ma Birdman è bello Stilisticamente non inventa nulla (c'è ancora qualcuno che si sorprende per i pianisequenza?) ma prende a piene mani da grandi maestri come Altman (come giustamente ricorda Strider) e mischia le tecniche moderne al cine-teatro, manipolando egregiamente tempo e spazio. Se si aggiungono degli ottimi dialoghi e interpreti in stato di grazia ne vien fuori il film più interessante del lotto. Di certo sputazza un po' dove mangia perchè per vincere deve essere votato da tutta quella gente che ha messo un costume (e son tanti!) ma l'Academy non è nuova a cose del genere (del tipo, se parlo male di una cosa la rendo interessante? probabile, ma è un corto circuito visto che il film sostiene l'opposto). Vedremo quanta auto-ironia avranno i votanti.
    "Whiplash" non l'ho visto, non mi sbilancio, "Selma" è la quota Oprah che l'America tutta deve versare alla donna più potente del mondo, sarà meglio di "The Butler" ma da questo punto di vista abbiamo già dato, grazie.

    Chi manca? Sicuramente Fincher e il suo Gone Girl (mi rifiuto di chiamarlo col titolo italiano), IL film sull'amore sado-masochista, altro che 50 sfumature... e manca Nolan che ahimé ha toppato alla grande, generando un mappazzone pretenzioso e visionario, sprecando una opportunità immensa per la prima statuetta della sua carriera.

    Ergo per me dovrebbe vincere "Birdman" o "American Sniper", perciò vincerà "Boyhood" . Non credo che l'Academy quest'anno sdoppierà il premio film/regia, ma andrà su una direzione precisa: Inarritu o Linklater.

    Veniamo alla distribuzione degli altri premi con pronostici secchi:
    Attore Protagonista -> Redmayne
    Attrice Protagonista -> Julianne Moore (e sarebbe anche ora)
    Attore Non Protagonsta -> J.K Simmons (torniamo a valorizzare i caratteristi)
    Attrice Non Protagonista -> bella lotta, io vorrei la Arquette o Laura Dern

    Animazione -> nei miei sogni Takahata, ma penso Dragon Trainer 2 o quel gioiellino che è The Boxtrolls
    Film Straniero -> non ne ho visto nessuno a naso "Ida" ma il film argentino è andato forte

    Premi tecnici, my passion
    L'anno scorso era facile, c'era solo "Gravity", quest'anno è un casino:
    Montaggio -> Grand Budapest Hotel
    Fotografia -> Grand Budapest Hotel
    Trucco -> Grand Budapest Hotel
    Scenografia -> Into The Woods
    Costumi -> Into The Woods
    Effetti Visivi -> Intertsellar
    Suono (Mixing) -> Birdman
    Suono (Editing) -> Interstellar
    Sceneggiatura Originale -> Birdman
    Sceneggiatura Non Originale -> Vizio di Forma

    Colonna Sonora Originale - > nel mondo ideale Hans Zimmer e la sua "Interstellar", più realisticamente Johann Johannson per "La Teoria del Tutto"
    Canzone Originale -> dato che han fatto fuori le migliori resta solo il contentino per "Selma" (ma quella di Lego Movie è trascinante )

    Quest'anno le sbaglierò tutte ad ogni modo manca poco e io mi farò la nottata su Cielo finalmente dopo tanti anni (non ho SKY).

    Ciao cinefili!!

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie