Pagina 126 di 300 PrimoPrimo ... 2676116124125126127128136176226 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 1,251 a 1,260 di 2994

Discussione: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

  1. #1251
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    3)Nella morsa del ragno

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #1252
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,969
    Grazie dati 
    6,179
    Grazie ricevuti 
    5,875
    Ringraziato in
    3,007 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    4) Nashville (1975)

  4. #1253
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    4)Osterman Weekend ?

  5. #1254
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,969
    Grazie dati 
    6,179
    Grazie ricevuti 
    5,875
    Ringraziato in
    3,007 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    5) The Game - Nessuna regola

  6. #1255
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    5)eXistenZ ?

  7. #1256
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,636
    Grazie dati 
    11,553
    Grazie ricevuti 
    13,959
    Ringraziato in
    7,452 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)



     





    vi siete tolti subito il pensiero

    due quiz seccati quasi in simultanea (anche il geo dall'altra parte)



    a dopo


    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  8. #1257
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,969
    Grazie dati 
    6,179
    Grazie ricevuti 
    5,875
    Ringraziato in
    3,007 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    la prox volta che metti quella bionda sotto spoiler avverti che si rischia la salute aprendolo: mi ha preso un coccolone

  9. #1258
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,636
    Grazie dati 
    11,553
    Grazie ricevuti 
    13,959
    Ringraziato in
    7,452 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    siorre e siorri

    abbiamo gi il vincitore

    peccato perch avevo preparato dei bei gruppi e questo un film a cui tengo moltissimo e che, quindi, andava onorato diversamente

    ma si sa che gli incerti del "mestiere" sono sempre dietro l'angolo

    procediamo quindi con la ...


     


    la fo breve

    the winner is ...

     





    WRONGWAY









    wrong ha indovinato al 22 tentativo e quindi si porta a casa 13 punti per la classifica semestrale pi la guida della prossima manche






    ed il film misterioso era ...

     


    Immagine ridotta


    Nashville (1975) di Robert Altman

    A Nashville, durante i giorni del festival della musica country, si intrecciano le storie di tanti personaggi: star affermate o decadute, giovani alla disperata ricerca del successo nel difficile mondo dello spettacolo, candidati politici in cerca di consensi elettorali, galoppini del potere, avventurieri di mezza tacca. L'intreccio tra interesse politico e spettacolo musicale rappresentato con un lucido disincanto che ha pochi eguali nella storia del cinema.

    Robert Altman stato uno dei pi grandi registi americani. Un pensatore libero, una voce fuori dal coro, sempre ai margini dei percorsi mainstream, innovativo nello stile e nelle tematiche, si sempre distinto per la sua grande capacit di raccontare storie corali, ritratti al vetriolo di un'altra faccia dell'America. Il grande regista ha quasi sempre smontato la rassicurante ed ipocrita retorica buonista del Sogno Americano, attraverso gli stumenti del sarcasmo e della pungente critica sociale. Il suo cinema tipicamente fatto da perfide commedie corali, in salsa amara, di profonda intelligenza ed acutissima riflessione. Mai banale, sempre elegante nello stile, un uomo contro che si sempre distinto per il grande rigore formale e la sferzante acutezza dello sguardo. Sempre snobbato dall'Accademy Award, manco a dirlo, a parte il premio contentino alla carriera del 2006. Tantissimi grandi film degni di lode: "MASH" (1970), "Il lungo addio" (1973), "California Poker" (1974), "Un matrimonio" (1978), il cult "Quintet" (1979), "I protagonisti" (1992), "America Oggi" (1993), "Radio America" (2006), giusto per citarne alcuni. Ma "Nashville" , senza alcun dubbio, il suo capolavoro, il manifesto della sua arte, nonch uno dei film americani pi belli ed importanti di sempre. E' il film altmaniano per eccellenza

    Un film da vedere, rivedere, ascoltare, possedere e custodire gelosamente nella propria collezione. Opera manifesto di una generazione e della fine di un'epoca, superbo ritratto corale di un periodo storico: la fine degli ideali del '68, la contro-cultura, sulle note avvolgenti della musica country in un viaggio di 5 giorni nelle radici musicali americane. E' una meravigliosa galleria di personaggi, tutti ben approfonditi, che incarnano lo sbandamento di una nazione, ma anche la sua carica vitale, il suo cinismo e la sua voglia di andare avanti. Con il consueto stile caustico Altman celebra, al tempo stesso, epopea e fine del sogno americano, svelandone le ingenuit, le contraddizioni e mettendo a nudo la faccia sporca e meschina della politica, dietro una maschera di lustrini scintillanti. E' il sogno spezzato di una generazione disillusa che vive per e attraverso la musica, una lucida riflessione sul mondo dello spettacolo, le sue chimere ed i suoi inganni. Ma , soprattutto, l'anima (musicale) di un popolo portata in scena nuda e cruda, senza retorica n indulgenze.

    Il film come un grosso carrozzone che viaggia senza un centro vero e proprio e la folta galleria di storie e situazioni non identifica un vero protagonista, a parte la musica. La musica il traino della vicenda, quella che accomuna ed omologa, lo strumento per andare oltre le meschinit e le tragedie dell'esistenza. Memorabile, in tal senso, la surreale tragica vicenda finale ambientata al Partenone. La struttura caotica e decentralizzata del film una perfetta metafora per esprimere il senso di smarrimento di quegli anni, la caduta degli ideali e la ricerca affanosa di una comune identit sociale e politica.

    La pellicola trasmette un forte senso di realismo, al punto che sembra quasi un documentario, in certi momenti. Altman sceglie di applicare il principio di diretta rappresentazione della realt, tipico della Nouvelle Vague francese, amplificandolo, per, su un caleidoscopio di storie e personaggi, dando vita ad un suggestivo spaccato di vite collettive. La scelta di Nashville quasi obbligata perch la capitale del Tennessee , da sempre, anche, la capitale della musica country e di tutto il kitsch ad esso correlato. Ma, come sempre in Altman, non c' solo questo dietro la facciata pi evidente: Nashville anche uno dei simboli di quella "old America" conservatrice ed ancorata ai valori tradizionali (patria, famiglia, casa, religione). Valori che, non a caso, qui vengono messi tutti in discussione, demistificati e mostrati come deboli, frammentati, privi di una coesione complessiva. Ed il cinico edonismo individuale espresso dal "it dont worry me" finale, rappresenta il top della critica all'egoismo sociale di una generazione. Ma anche il frutto inevitabile di una classe dirigente sprezzante e meschina, non solamente americana. Da sottolineare, altres, il coraggio "perfido" di Altman, nel riaprire vecchie ferite mai rimarginate della storia americana, come l'omicidio Kennedy, qui indirettamente rievocato.

    Insomma, quest'opera il masterpiece di Altman per eccellenza, per molti aspetti complementare ad un altro suo capolavoro, "America oggi" del 1993, che per risulta ben pi amaro e privo di quella frizzante energia vitale che traspare da molte sequenze di "Nashville".

    Invito, quindi, tutti gli appassionati di cinema a riscoprire questo capolavoro assoluto (come gran parte delle opere di Altman, del resto) perch un meraviglioso manifesto (anche musicale) di un'epoca storica irripetibile. E' Uno dei migliori film americani dei 70's.


    e vi lascio sulle splendide note di Keith Carradine

    CLICK





    il gruppo 1 non ve lo svelo visto che era appena all'inizio


    that's all folks!







    pace e bene!

    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  10. #1259
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,969
    Grazie dati 
    6,179
    Grazie ricevuti 
    5,875
    Ringraziato in
    3,007 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    a sensazione il primo frame mi diceva:

    - film USA girato in USA (a colori in lingua inglese)
    - periodo 1970-99
    - drammatico

    e scorrendo i titoli su imdb ovviamente quello saltava fuori tra i primi

    per la prox ci si legger luned in mattinata

    quindi vi auguro subito buon weekend

  11. #1260
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,400
    Grazie dati 
    11,495
    Grazie ricevuti 
    8,854
    Ringraziato in
    5,692 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2015 (1 semestre)

    Siete diabolicamente irrangiungibili !!!
    Mi ricordate quei fenomeni che riescono con 2/3 battute a riconoscere una canzone...tanto di cappello !!

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti alluso dei cookie