Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Renzi "Berlusconi e Grillo sono uguali"

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Renzi "Berlusconi e Grillo sono uguali"

    Renzi è un pò preoccupato per le riforme costituzionali ed attribuisce il voltafaccia di Berlusconi solo ad un atteggiamento dovuto alle vicine elezioni europee.
    E' però sopratutto contro Grillo, che si scaglia nei suoi sempre massicci interventi televisivi che lo porteranno, anche, per la seconda volta ad andare alla trasmissione Amici di Maria De Filippi.
    Anche Napolitano, in calo nei sondaggi e di questo accusa sopratutto, Grillo, è preoccupato per le riforme costituzionali ed ha avuto, recentemente, con il premier un colloquio di un'ora e mezza.
    Ora, Renzi sembra non aver più tanta fretta di concludere l'abolizione del senato entro il 25 maggio.
    Intanto nella trasmissione dell'Annunziata spara a zero contro i suoi due rivali e dice: “Dire che per i tedeschi i lager non sono mai esistiti come ha fatto Berlusconi ieri è sbagliato e inaccettabile, così com’era inaccettabile quella di Grillo sulla Shoah“.
    Ma con Berlusconi è molto più morbido e del resto lo stesso ex cavaliere dice:"Se arriveremo al 20 per cento ci sarà da accendere un cero”.
    Invece con Grillo è più pesante e dice “A me viene il dubbio che Grillo forse sia il più furbo di tutti, anzi si levi il forse e ci consideri tutti spettatori, paganti o meno, del suo show. Lui ironizza sugli 80 euro che sono due biglietti per il suo spettacolo, ma a una mamma possono far comodo”.
    Si però, non considera che c'è una grande categoria di persone, gli incapienti, i pensionati, il popolo delle partite IVA che sono fuori da questi benefici ed anzi dovranno pagare, in quanto la tassa anche sugli utili dei conti correnti è stata elevata al 26% e molti pensionati sono stati costretti dal governo Monti ad aprirsi un conto corrente per l'accredito della pensione.
    Ora non si tratterà certo di grandi conti ma già rinunciare a pochi euro per chi stà attento ad ogni minima spesa, è grave.
    Inoltre è estremamente interessante questo articolo di Repubblica che paragona Renzi a Cortes, che una volta sbarcato in Messico, aveva fatto bruciare le navi.
    C'è scritto nel Def, infatti "Nel 2015 e 2016 il raggiungimento del pareggio di bilancio in termini strutturali richiederà misure aggiuntive per colmare il gap residuo, che il governo ipotizza perverranno unicamente dalla spesa". Questo significa trovare quasi cinque miliardi per ridurre il deficit, oltre ai dieci per coprire gli sgravi Irpef. Si è in questo modo a 15 miliardi.
    Dagli impegni lasciati dalla precedente Legge di stabilità emergono interventi per almeno altri dieci miliardi.
    Si sale così a 25 miliardi, ossia l'1,7% del Pil.
    Renzi potrebbe salvarsi da questa manovra correttiva da 25 miliardi da effettuarsi ad ottobre, solo con le elezioni anticipate.
    Vedremo un pò, ora che ha, ideologicamente, bruciato le navi, come farà.

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,850
    Ringraziato in
    5,690 post

    Riferimento: Renzi "Berlusconi e Grillo sono uguali"

    "Renzi: Berlusconi e Grillo...sono uguali"...si lo sono, così come Renzi e' un "tassatore" e Grillo un "populista".

    Beghe.
    L'aria delle europee ormai contagia chiunque e si sprecano i ricatti velati, le minacce, le promesse, i voltafaccia, quindi i timori di perdere consensi e di conseguenza le poltrone !
    Solito vizio italico che ben rappresenta questa classe politica ignara dei veri interessi della gente.
    Credo si sia solo all'inizio di questa lunga campagna elettorale che assume caratteri piu' rilevanti rispetto al semplice voto europeo.
    Ci si gioca il futuro politico !
    Renzi spera in un successo per confermare il suo ruolo di "rivoluzionario" e conta di riscuotere un probabile consenso dato dal suo operato fin qui presentato; Berlusconi, in crisi evidente, cerca di risollevare le sorti di FI facendo leva sui soliti argomenti (comunisti, toghe rosse, tasse, no-euro, golpe) conscio che il partito a tutt'ora non puo' proporre figure validamente spendibili e Grillo cavalca il malumore generale promettendo in caso di affermazione la ridiscussione degli scellerati patti europei colpendo sia a destra che a sinistra.

    Di certo c'e' che M5S ed una probabile forte astensione impauriscono non poco gli altri rivali non tanto per l'Europa quanto per le ripercussioni a livello nazionale.
    Sono elezioni europee ma sembrano quelle politiche o almeno di queste hanno concreti caratteri.

    Personalmente sosterro' Grillo perche' ho capito che per quanto Renzi faccia, la "casta", non si demolisce e forse nemmeno la si intacca !
    Per attendere non c'e' piu' tempo e servirebbe una vera svolta, un potente scossone che scardini una volta per tutte un "modo di pensare" la politica come cosa propria con quel coraggio e quella sfrontatezza che attualmente nessuno incarna.

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie