Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Istat: cala ancora il potere d'acquisto delle famiglie

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Istat: cala ancora il potere d'acquisto delle famiglie

    Mentre sembra giunto il momento della sfida e della divisione fra Renzi e Forza Italia, fatto indubbiamente dovuto al risultato dei sondaggi che vedono sempre più in auge il PD trainato da Renzi ed in calo Forza Italia, mentre, ancora, si aspetta di vedere domani il piano presentato da Renzi con unica copertura i tagli della spending review, l'ISTAT ci fa sapere che il potere di acquisto dei nostri stipendi è calato ancora, nel 2013, circa dell'1,1%.
    In ogni caso c'è un segno positivo, ossia l'ISTAT ci dice che la pressione fiscale è diminuita di 0,2 punti percentuali rispetto al 2012, attestandosi al 43,8%.
    Le famiglie italiane, anche se gli aumenti dei prezzi sono stati lievi, hanno continuato a non comprare, con una spesa per i consumi finali del -1,3%.
    C'è un altro dato preoccupante fra quelli forniti dall'ISTAT e riguarda il rapporto deficit/Pil .
    Tale rapporto nel 2013 è stato del 2,8%, quindi in calo dello 0,1 % rispetto al 2012.
    Il fatto è che a questa voce vanno aggiunti i derivati ossia 3,2 miliardi, in aumento rispetto al 2012, anno in cui erano ammontati a 1,9 miliardi.
    Questo risultato porterebbe l'Italia a superare la famosa soglia del 3%, imposta dall'UE e quindi il nostro paese potrebbe incorrere nelle sanzioni per deficit eccessivo.
    Fonte

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,850
    Ringraziato in
    5,690 post

    Riferimento: Istat: cala ancora il potere d'acquisto delle famiglie

    Un dato in aumento e' quello del risparmio delle famiglie.
    Non fidandosi delle promesse gli italiani spendono poco e "ammucchiano" per pararsi il sedere...come dar loro torto !

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie