Pagina 4 di 4 PrimoPrimo ... 234
Mostra risultati da 31 a 39 di 39

Discussione: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

  1. #31
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,969
    Grazie dati 
    6,179
    Grazie ricevuti 
    5,875
    Ringraziato in
    3,007 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    debbo premettere che apprezzo sia la "difesa a spada tratta" del film in s da parte di Eres sia le critiche mosse al film da altri

    detto ci, spendo i miei due cent su "La grande bellezza", Sorrentino, gli oscar, e il "cinema italiano"...

    sarebbe bello poter esprimere un giudizio su di un film basandomi esclusivamente sulla visione dello stesso... io nella quasi totalit delle volte non ci riesco: questo accade o perch ho visto altri films diretti dallo stesso regista, o perch ne ho visti altri interpretati dagli stessi attori, o perch il film volente o nolente rimanda ad altre pellicole (anche se solo dicessi che il film in questione "il migliore di...", comunque finirei con il relazionarlo ad altri)

    ora io Sorrentino lo conosco sin dal suo primo film, e so che Sorrentino non nato Sorrentino, ma ci diventato (per fare degli esempi: neanche Kubrick "filmicamente" nato Kubrick, ma ci diventato, mentre Lynch, i Coen, Michael Mann and so on erano gi Lynch, Coen, Mann...)

    apro uno spoiler per render ancor meglio l'idea, ma che si pu tranquillamente saltare:

     

    i fratelli Coen nei loro primi 5 films avevano sviluppato uno stile ipercinetico che aveva trovato il suo culmine formale in "Crocevia della morte" - l'essere pappa e ciccia con Sam Raimi non era un caso - poi con "Fargo" hanno scoperto il dolly e quei grandi spazi che avrebbero raggiunto l'apoteosi con "Non un paese per vecchi" (toh! anche loro come Wenders anni addietro avevano trovato John Ford ) ma tutto ci li aveva messi nel frattempo in condizione di realizzare il "film perfetto", ovvero quel "Il grande Lebowski", summa della loro arte


    Sorrentino con "L'uomo in pi" aveva esordito positivamente, tuttavia in esso non c'era nulla che avrebbe fatto supporre che quel regista sarebbe diventato una delle punte di diamante del cinema nostrano. Con "Le conseguenze dell'amore" aveva iniziato a disegnare le sue traiettorie, per l'alone glaciale che avvolgeva l'intero film le aveva ovattate, per l'appunto attenuandole. con "L'amico di famiglia" che iniziamo a vedere il Sorrentino che conosciamo oggi, e che con "Il divo" prima, e con "This Must Be the Place" poi, a parer mio sfociato in qualcosa di fine a se stesso... da l il mio "non se Sorrentino , o ci fa..." che ho gettato altrove...

    "La grande bellezza" stilisticamente continua sulla falsariga dei suoi ultimi lavori, quindi dal punto di vista, mi si conceda la ripetizione, prettamente "visivo", pu sconcertare

     
    (uno che conosco, e che non aveva idea di chi fosse Malick, nel guardare "The Tree of Life" mi sussurr: "devo farmi dare l'indirizzo del suo spacciatore" )


    ...a me, invece Sorrentino oramai non mi sorprende pi...

    ora Roma io la conosco da Milanese nel senso che ci sono stato in gita alle superiori, e l'ho (ri)girata in films come "Roma" di Fellini, "Caro diario" di Moretti, "Gente di Roma" di Scola, e un'infinit di altri... alla cartolina patinata della nostra capitale sorrentiniana, preferirei infinitamente che Carax mi (ri)spedisse quella della sua, ritratta ne "Gli amanti del Pont-Neuf"

    quello che invece ho trovato realmente stimolante nel film puramente soggettivo, anzi addirittura "fisico" nel senso che mi ha fatto star male a mo' di cattiva digestione! e non cosa da tutti... (mi successo con pellicole "estreme" come Irrversible, Trainspotting, o L'isola di Ki-duk)

    per quel che riguarda gli oscar, sussiste il problema gi sottolineato di che cosa d'altro ci fosse in competizione... io ho solo visto "Il sospetto", con Vinterberg, ahilui, che vive con la spada di Damocle di "Festen" sulla cucuzza mentre spero di vedere "Omar" di Abu-Assad del quale apprezzai "Paradise Now" (in ambo i casi comunque ritengo che non ci fosse storia...) quindi il peso specifico della statuetta rimane puramente simbolico

    infine il "cinema italiano": Clooney una volta disse che era costretto a girare "certi" films, per poterne finanziare altri (ovvero recitare in "porcate", per poi proporre qualcosa che fosse di qualit) ...ora, se fossi sicuro che con i soldi fatti con i vari zalone, soliti idioti, aldo giuan & giacom, muccini, moccia, virz, etc. poi si realizzassero pellicole di maggior spessore, la cosa la riuscirei a digerire meglio ( sempre un fattore di pancia indi scorta di Alka-Seltzer, Maalox, etc. ) ma il forte dubbio che non sia cos, mi rimane... non sar mica per via dei vari contributi statali e dell'unione europea a cui costretto ad accedere chi fa del cinema come si deve (e ahinoi non solo? )

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #32
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    4,202
    Grazie dati 
    209
    Grazie ricevuti 
    874
    Ringraziato in
    725 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    Citazione Originariamente scritto da shiny Vedi messaggio
    Non sarai un critico, probabilmente fai lo psicologo, perch ora grazie a te so di essere limitato intellettivamente ed anche infelice.
    Onestamente nemmeno io mi spiego come io riesca a sopravvivere con questa aridit di spirito e di interessi...

    Tu non hai giudicato il film, hai giudicato chi lo guarda
    ...non posso perdere tempo a fare cose che non mi interessano...
    No, ho giudicato solo il film e le sensazioni che mi ha dato, punto.
    Non credo di avere scritto nulla di infelice come hai detto tu, da quella parola ho preso spunto per risponderti, nulla di pi.
    Non prendertela, nulla di personale.

  4. #33
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    6,233
    Grazie dati 
    4,320
    Grazie ricevuti 
    5,792
    Ringraziato in
    3,036 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    E adesso dico la mia E parto riportando il commento di uno dei miei contatti di Facebook
    La grande bellezza come la corazzata potemkin.
    Ecco, io non sono cos drastica Il film non mi dispiaciuto e ho apprezzato molto l'irrealt di una Roma semivuota accompagnata dai cori classici
    Ma stringi stringi? Probabilmente faccio parte della schiera degli ottusi
    Per me, e parlo proprio a livello personale, non pretendo di convincere nessuno, il senso di tutto il film sta racchiuso in due cose: il discorso fatto da Jep all'amica comunistoide e al fatto che i personaggi principali fossero tutti NON romani e da Roma se ne sono andati.

    Che cosa ha convinto the ammericans a mollare la statuina? L'arcano per me sta qua (altro commento su fb di un mio amico):
    Nonostante un grandissimo Tony Servillo e nonostante delle ottime intuizioni il film mi pare solo una zoppicante parodia del miglior Fellini. Dopo l'Oscar tutti a salire sul carro dei vincitori ma io purtroppo non cambio idea. Bravissimo Sorrentino a vendere il prodotto agli americani. Come vendere frigoriferi agli eschimesi
    Detto ci, non lo boccio, anzi, ma sinceramente sono totalmente d'accordo con quanto scritto da Shiny e da Strider

    Citazione Originariamente scritto da shiny Vedi messaggio
    L'arte soggettiva, la tecnica no. E un film un compromesso di arte e artigianato.
    Citazione Originariamente scritto da Strider Vedi messaggio
    Se ti vuoi soffermare alle sole emozioni allora tutto si riduce ad un discorso personale, soggettivo, legato alla propria sfera emotiva ed al proprio percorso di vita.

    Dire che un film bello perch mi emoziona serve a poco in una discussione aperta con altre persone (un forum). E' un fatto, punto. Ma non serve ad alimentare una discussione perch una cosa meramente soggettiva e quindi non giudicabile in un contesto collettivo.
    In particolare prendo spunto da queste due frasi per fare una considerazione. Io ho guardato La grande bellezza con l'occhio a un continuo confronto con La vita di Adele, che ha "scippato" Cannes al primo.
    Ebbene, Shiny lo sa, ma anche Strider penso, ho preferito di gran lunga Sorrentino a coso, Kechiche. La tecnica, l'artigianato di Kechiche, la trovo inutilmente ossessiva, mentre Sorrentino lo trovo pi poetico. Adesso faccio un confronto che venite a cercarmi per menarmi : le riprese di Roma di Sorrentino le ho trovate paragonabili ai ritratti di Malick in The tree of life (film che ha vinto il mio personale premio "e quindi?" )

    Comunque chi ha capito tutto di questa storia Key :
    Citazione Originariamente scritto da keyser_soze60 Vedi messaggio
    Non comprendo tutto questo "chiacchericcio" che la gente fa, chi s'indigna,chi si sconcerta,chi si scandalizza,in fondo solo un film,una rappresentazione romanzata della realt secondo l'occhio del regista


    p.s. poi parliamo dei film confezionati ad hoc per attirare premi

  5. #34
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,635
    Grazie dati 
    11,553
    Grazie ricevuti 
    13,959
    Ringraziato in
    7,452 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    Citazione Originariamente scritto da Mnemosyne Vedi messaggio
    Ma stringi stringi? Probabilmente faccio parte della schiera degli ottusi
    il punto sta qui, carissima Viviana, ed questo che dovrebbero capire (ma mi rendo conto che non facile) tutti quelli che bandiscono il cinema d'autore per partito preso: non sempre la visione di un film si deve tradurre in uno "stringi stringi", non sempre un fillm deve essere latore di un messaggio chiaro o di una morale condivisibile. Questo ragionamento lo si pu applicare al mainstream, al cinema inteso come intrattenimento/spettacolo e capisco perfettamente che la maggioranza delle persone, che guardano al cinema come ad un mezzo di evasione con cui trascorrere due ore "liete", cerchino questo.

    Per, se parliamo di arte, la cosa diversa e la sua fruizione non va sempre di pari passo con la comprensione ma, piuttosto, con un'esperienza immersiva che pu essere di varia natura. Altrimenti che cosa sarebbero le forme d'arte irrazionali e d'avanguardia ? vedi ad esempio il surrealismo che, grazie a Bunuel, ha avuto un forte ascendente anche sul cinema.

    vogliamo parlare dei film di Lynch, ad esempio ?

    Citazione Originariamente scritto da Mnemosyne Vedi messaggio
    Che cosa ha convinto the ammericans a mollare la statuina? L'arcano per me sta qua
    secondo me due cose:

    1) gli americani vanno matti per Fellini, per il suo modo surreale e fantastico di rappresentare la realt italiana. Questo film, forse furbescamente, prende direzioni simili a quella concezione di cinema

    2) la concorrenza era poca roba a quanto leggo, premettendo che io non ho ancora visto gli altri film


    e poi diciamo pure che La grande bellezza un buon film, molto curato, con una grande regia e delle immagini potenti. Altrimenti sembra che stiamo parlando di Mediterraneo


    Citazione Originariamente scritto da Mnemosyne Vedi messaggio
    Adesso faccio un confronto che venite a cercarmi per menarmi : le riprese di Roma di Sorrentino le ho trovate paragonabili ai ritratti di Malick in The tree of life (film che ha vinto il mio personale premio "e quindi?" )
    ma hai ragione

    ultimamente Sorrentino gioca un po' a fare il Malick, guarda questa inquadratura qui sotto tratta da La grande bellezza:



    se non Malick questo


    ma, credo, che non ci sia nulla di male: stiamo parlando di un grande Maestro, uno dei migliori in assoluto nel racconto per immagini e ci sta che un giovane promettente regista che aspiri in alto ne sia influenzato


    comunque, prima o poi, ti devi rivedere The tree of life

    io l'ho rivalutato (finale banale a parte) e, forse, lo farai anche tu
    Ultima modifica di Strider; 06-03-14 alle 14: 46.
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  6. #35
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    6,233
    Grazie dati 
    4,320
    Grazie ricevuti 
    5,792
    Ringraziato in
    3,036 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    Ma pensa che volevo usarlo per il cinequiz ma sarebbe durata ancora meno de Il lato positivo

    Per il resto...adesso dico un po' di cose random, in maniera sicuramente confusa.
    Di sicuro come dici tu l'arte va al di l di un messaggio esplicito e diretto, o almeno non solo quello. E di sicuro ci che arriva al fruitore finale diverso per ognuno e strettamente personale. Per questo motivo ci sono opere che a me commuovono, mi emozionano e ad altri nulla e viceversa. Per lo stesso motivo non discuto le emozioni che il film ha suscitato in Eres, ma non mi sento "menomata", n ritengo di non averlo capito, se a me non ha dato lo stesso. Vale ovviamente per tutte le forme d'arte: io ad esempio ho seri problemi con la letteratura russa, non la reggo proprio, ma non mi sogno certo di dire che Tolstoij "fa schifo".

    Qui allora entra in gioco secondo me il fattore "tecnica": se uno padroneggia la propria arte si vede. L'abilit nel creare qualcosa si vede. Ci sono canoni oggettivi tramite i quali si pu valutare tale abilit e per quanto riguarda il cinema io mi affido al vostro giudizio, io faccio parte delle "bestie"
    Grazie all'esperienza puoi renderti conto quando la tecnica sopperisce a qualche mancanza, mascherando furbescamente qualcosa. Tiro in ballo sempre il solito esempio letterario (oddio, letterario...): quelle schifezze di libri di Brown hanno capitoli cortissimi, in modo da mascherare il fatto che le sue storie hanno uno sviluppo lentissimo. E' una furbata: il lettore alla fine dice me lo sono mangiato il libro, ma in realt non vero.
    Ed questo ci che critico principalmente al film di Malick, tanto che famosa la proiezione a pizze invertite e nessuno se ne accorto. Dai, vuol dire che in questo caso c' qualcosa che non va

    Mi fermo qua per ora, ho altre cose da dire, ma il tempo tiranno

  7. #36
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,635
    Grazie dati 
    11,553
    Grazie ricevuti 
    13,959
    Ringraziato in
    7,452 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    Citazione Originariamente scritto da Mnemosyne Vedi messaggio
    Ma pensa che volevo usarlo per il cinequiz
    hai fatto bene a non usarlo, secondo me non arriverebbe a 10 tentativi. Anche se poi t' andata male comunque


    Citazione Originariamente scritto da Mnemosyne Vedi messaggio
    io ad esempio ho seri problemi con la letteratura russa, non la reggo proprio, ma non mi sogno certo di dire che Tolstoij "fa schifo".
    perfetto! il nocciolo della questione sta tutto qui


    Citazione Originariamente scritto da Mnemosyne Vedi messaggio
    Ed questo ci che critico principalmente al film di Malick, tanto che famosa la proiezione a pizze invertite e nessuno se ne accorto. Dai, vuol dire che in questo caso c' qualcosa che non va
    bah, sono sempre stato scettico su questa notizia. E poi bisogna capire che tipo di pubblico fosse, se era gente accorsa per vedere il bel Brad Pitt abbastanza "normale" che ci abbia capito poco, che si sia annoiata prestando poca attenzione (o magari dormendo) e quindi non si sia accorta di nulla. La struttura non lineare del film non aiuta molto in tal senso, se lo si guarda in modo superficiale e distratto.

    Mi ricordo quando vidi in sala The Master (che a me piaciuto un sacco), direi che circa l'80% del pubblico pensava ad altro: chi ha lasciato la sala, chi parlava, chi giocava col telefono, chi sbuffava, chi sonnecchiava

    e il film di Malick mi sembra mediamente ben pi ostico di quello di P.T. Anderson
    Ultima modifica di Strider; 06-03-14 alle 16: 14.
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  8. #37
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,400
    Grazie dati 
    11,495
    Grazie ricevuti 
    8,854
    Ringraziato in
    5,692 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    Bella discussione ed io, spettatore alle prime armi, azzardo un parallelo: giudicare un film da Oscar e' come porsi davanti ad un Miro' e un Caravaggio ?
    Il "non critico" ammirera' il Caravaggio scartando il Miro' perche' nell'immediato incomprensibile.
    Il critico, allenato e studioso, sara' in grado invece di cogliere l'arte in ambedue le opere.

    Come ho gia' detto "La grande bellezza" non mi e' dispiaciuto ma non sono stato in grado di cogliere altro se non il tema conduttore e alla domanda che mi ero fatto - e' da Oscar ? - (leggo che anche Mnemo se l'e' posta) credo che la risposta piu' convincente sia stata quella che ho ascoltato in tv da, credo, un esperto, il quale poneva l'accento sull' immenso amore-invidia che all'estero hanno del nostro paese.
    L'amore per i luoghi cos unici che l'Italia offre, con la sua arte, con la sua gente e soprattutto con la sua storia....nel bene e nel male.
    Un set ideale per approfondire argomenti cos delicati come la vita e la morte che altrove sarebbe impossibile.
    L'ambiente, Roma in questo caso, indolente, romantica ma anche cruda e ipocrita ben si prestava a fare da co-protagonista alla pellicola e, come ho avuto modo di dire, non penso che un film cos lo avrebbero potuto girare altrove.
    Non sono un fanatico della mia citta' ma se si doveva parlare "del tutto e del nulla" quale migliore location che questa citta' ruffiana e al contempo splendida ?


  9. #38
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    6,233
    Grazie dati 
    4,320
    Grazie ricevuti 
    5,792
    Ringraziato in
    3,036 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    Qua ragazzi rischiamo di aprire il vaso di Pandora e saturare di Ot questo thread

    Sposto l'attenzione su un altro argomento attinente, invece
    Allora dei vari film in lizza per i premi vari me ne mancano diversi, quindi non posso molto fare confronti, per mi pongo un dubbio: ma perch per vincere qualcosa si deve per forza fare "drammoni" su temi pi o meno scottanti? Io ho visto 12 schiavo e l'ho trovato bello e interessante, mi sono piaciuti Chiwetel Ejiofor, Michael Fassbender e
    Lupita Nyong'o (loro due soprattutto), ma sinceramente non ho trovato da meno Scorse con The Wolf of Wallstreet e Di Caprio (che vince ufficialmente il premio Toto Cutugno )
    Sembra sempre che debba essere premiata la sofferenza o il politically correct o in mancanza di questi, il convenzionale.
    E' pur vero che nel corso degli anni ci sono stati degli sprazzi di novit (premio per Il ritorno del Re, anche se l'ho inteso come cumulativo di 3 anni)
    Ultima modifica di Mnemosyne; 06-03-14 alle 18: 19.

  10. #39
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,635
    Grazie dati 
    11,553
    Grazie ricevuti 
    13,959
    Ringraziato in
    7,452 post

    Riferimento: OSCAR 2014: notizie, curiosit, pronostici

    Citazione Originariamente scritto da Mnemosyne Vedi messaggio
    ma perch per vincere qualcosa si deve per forza fare "drammoni" su temi pi o meno scottanti? Sembra sempre che debba essere premiata la sofferenza o il politically correct o in mancanza di questi, il convenzionale.
    perch questa l'America (anzi questa l'Academy che ne costituisce una rappresentanza "artistica" e famosa): una societ perbenista, conformista, arrivista, edificata sulla violenza, che vive all'ombra di grandi Sogni e di alcuni peccati originali


    quest'anno una scelta coraggiosa sarebbe stata The wolf of Wall Street che l'apoteosi del politicamente scorretto ma anche un illuminato compendio di grande regia, di tecnica sopraffina e di recitazione incisiva. Ma era ovvio, vista la mentalit americana, che vincesse un drammone realistico su uno dei suddetti peccati originali.

    Negli ultimi anni scelte coraggiose ed in controtendenza rispetto a quanto detto sono state The artist e, soprattutto, Non un paese per vecchi: noir cupo e violento che tutto tranne che politicamente corretto. Per va anche detto che quell'anno il classifico film "da Oscar" non c'era tra i 5 candidati. Anche American beauty fu una scelta eccellente che combin coraggio e qualit, ma siamo andati gi pi indietro.


    Diciamo, quindi, che la tendenza questa ma, a volte, ci sono le eccezioni. Ma, in fondo, va bene cos perch gli Oscar rappresentano un certo tipo di cinema nell'immaginario collettivo, quella la loro tradizione. Per fortuna ci sono anche i Festival che danno risalto ad un altro tipo di pellicole, pi ricercate o d'elite. Insomma la scelta ampia e per tutti i gusti, per fortuna
    Ultima modifica di Strider; 06-03-14 alle 20: 14.
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti alluso dei cookie