Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Bologna: tolte le voci "padre e madre" dai moduli di iscrizione a scuola

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Bologna: tolte le voci "padre e madre" dai moduli di iscrizione a scuola

    Nei moduli del comune di Bologna per l'iscrizione a scuola, le voci "padre" e "madre" saranno sostituite da "genitore richiedente" e "altro". Per un pò si era pensato a qualcosa del tipo "genitore 1" e "genitore 2" ma questo avrebbe voluto indicare una specie di gerarchia fra genitori.
    Varie sono state le repliche al fatto, da parte dei politici.
    Ad esempio Casini ha messo in guardia contro " questa pericolosa mistificazione burocratica che intende mettere in discussione due figure che nella nostra società hanno un valore preciso, fondante e certamente non divisivo. Surrettiziamente invece- sostiene Casini- si vuole far passare l'idea che la genitorialità possa essere diversa da quella naturale".

    L'Arcigay di Bologna dice invece che si tratta i di "un atto di grande buonsenso e di buona politica". L'auspicio, concludono gli attivisti, è che altri Comuni seguano al più presto questa strada.
    Fonte

    Mentre a Vigevano sono oltre 403 i bambini esclusi dalla mensa scolastica per motivi economici, Bologna dove si vede stanno tutti in perfetta situazione economica, ha tempo di occuparsi dei moduli, sempre più strana e differenziata la situazione nei vari comuni italiani

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,850
    Ringraziato in
    5,690 post

    Riferimento: Bologna: tolte le voci "padre e madre" dai moduli di iscrizione a scuola

    Per quanto riguarda i moduli penso sia una correzione moderna ed adeguata ai tempi benche', come s'e' visto in Parlamento, ancora sussitono divisioni ideologiche sul tema dell'omofobia e in generale sull'omosessualita'.
    Non c'e' niente da fare, l'Italia "laica ma non troppo" e' indietro e lo e' anche sui temi etici e su ogni aspetto che minimamente tocchi o sfiori la religiosita'.
    Questo e' un paese dove i criminali vengono sepolti con tutti gli onori, dove si predica bene ma si razzola male, dove all'interno delle mura domestiche si puo' fare di tutto e i panni sporchi lì restano, dove esporre la mascolinita' diventa una qualita' da sostenere, dove si attaccano i gay ma si va a prostitute, dove ancora un seno scoperto indigna ma le colate di sangue no, dove la pedofilia viene taciuta e quasi tollerata, dove il vicino extracomunitario e' bravo ma il crocifisso non si tocca, dove viaggiano chili di cocaina nei fiumi ma di legge non si discute, dove infine l'ipocrisia regna sovrana e "padre" e "madre" non sono appunto piu' "genitori" ma procreatori annullando quindi anche l'idea di genitori terzi, adozioni, concepimenti, ecc..

    Che poi:

    genitore

    genitóre s. m. [dal lat. genĭtor -oris, der. di genĭtus part. pass. di gignĕre «generare»]. – Colui che genera o ha generato, quindi il padre


    quindi perfettamente corretto e non offensivo.Ma si sa, la pattuglia dei nuovi cavalieri templari non si concede soste e pervicacemente continua la sua lotta contro i miscredenti !

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie