Pagina 394 di 701 PrimoPrimo ... 294344384392393394395396404444494 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 3,931 a 3,940 di 7007

Discussione: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

  1. #3931
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,635
    Grazie dati 
    11,553
    Grazie ricevuti 
    13,958
    Ringraziato in
    7,451 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)




    siorre e siorri ...

     


     

    che manche ragazzi!

    veramente al cardiopalma
     

    un duello fino all'ultima cella tra Niki e wrong
     

    e vince ...
     

    rullo di tamburi ...
     




    NIKITA


    complimenti!

    29 punti per lei e 28 per wrong

    mai vista una griglia cos

    ci risentiamo in tarda serata per i riepiloghi e le formalit del caso









    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #3932
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

    bella manche, mi sono divertito molto anche io :-)
    complimenti!

  4. #3933
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

    bravissimi

  5. #3934
    Data registrazione
    Nov 2012
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,881
    Grazie dati 
    1,683
    Grazie ricevuti 
    2,834
    Ringraziato in
    1,555 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)



    grazie a tutti! sono davvero felice

    e una grande stretta di mano al bravissimo wrong

    ci sentiamo domani con la nuova manche


  6. #3935
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,969
    Grazie dati 
    6,179
    Grazie ricevuti 
    5,875
    Ringraziato in
    3,007 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

    Ol! Ol ol ol! Ol! Ol ol ol!

    E finalmente la Niki riuscita a spezzare il duopolio!

    ...e stridy ...e wrong ...e stridy ...e wrong ...e stridy ...e wrong ...e non se ne poteva pi!

    Mar! Questa stata la griglia pi difficile a cui ho partecipato (se escludo quelle delle rare incursioni nel CiakCinema del p2pforum dove in mezzo a tutti quei "mostri" cara grazia se riuscivo ad indovinarne almeno una di casella! ) ...come ho staccato sono corso a farmi una doccia! Le griglie precedenti avevano un campo ristretto su cui districarsi (il nuovo millennio, gli anni 70, i registi italiani di bmovies) mentre questa spaziava su tutti i generi e su tutte le epoche, e con solo "Love" come parola chiave (per altro neanche presente su tutte le schede imdb ) stata un'impresa: c' stato un momento in cui non avrei mai immaginato di riuscire a recuperare tutto il terreno perso... a vederle adesso, viene spontaneo da chiedermi come non ne abbia riconosciute diverse, ma tant'... tutti questi cinequiz, indipendentemente dal tipo, per come li vedo io sono delle vere e proprie sfide contro se stessi, e il fatto che "la ruggine" non l'abbia riconosciuta prima come accaduto con film visti oramai anni orsono, proprio sintomo della vecchiaia: significa che la memoria recente andata a farsi benedire...

    Onore alla combattiva Niki, a tutti quelli che hanno partecipato, e ovviamente complimenti all'ideatore/conduttore

    see you tomorrow...

  7. #3936
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,635
    Grazie dati 
    11,553
    Grazie ricevuti 
    13,958
    Ringraziato in
    7,451 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

    'sera

    ed eccomi qui per l'aggiornamento finale

    stata una bella manche, probabilmente la pi appassionante e combattuta tra le griglie che ho condotto

    io mi sono divertito molto e spero sia stato lo stesso anche per voi

    complimenti a Nikita, che stata sorprendente , avevo ideato questa griglia pensando a lei ma non credevo riuscisse ad indovinarne tanti , davvero in gamba

    complimenti a wrong che ha perso per un pelo ma si dimostrato, nuovamente, "signore delle griglie"

    ed anche all'inossidabile Key che ha alzato un po' la sua media personale rispetto alle ultime partecipazioni alle grigliate

    ho cercato di miscelare film mainstream molto famosi con film d'autore, alcuni dei quali davvero di nicchia

    anche i frame erano di varia difficolt, anche se la cosa sempre molto soggettiva

    insomma, ho cercato di fare una griglia per "tutti i gusti" ... non so quanto ci sono riuscito ma ci ho provato

    ed ecco a voi la griglia finale:




    ecco l'elenco dei 25 titoli indovinati:

    A1 - I segreti di Brokeback Mountain (2005) di Ang Lee (Nikita)
    A2 - Dracula di Bram Stoker (1992) di Francis Ford Coppola (wrong)
    A3 - Il postino (1994) di Michael Radford (Key)
    A4 - The New World - Il nuovo mondo (2005) di Terrence Malick (Key)
    A5 - Jules e Jim (1962) di Franois Truffaut (Nikita)

    B1 - Camera con vista (1985) di James Ivory (Nikita)
    B2 - 2046 (2004) di Wong Kar-wai (Key)
    B3 - Gli amanti del circolo polare (1998) di Julio Medem (Nikita)
    B4 - Moulin Rouge! (2001) di Baz Luhrmann (Nikita)
    B5 - Dirty dancing, balli proibiti (1987) di Emile Ardolino (Nikita)

    C1 - Harry, ti presento Sally... (1989) di Rob Reiner (Key)
    C2 - Qualcosa cambiato (1997) di James L. Brooks (Key)
    C3 - Edward mani di forbice (1990) di Tim Burton (wrong)
    C4 - Lezioni di piano (1993) di Jane Campion (wrong)
    C5 - Senso (1954) di Luchino Visconti (wrong)

    D1 - Il favoloso mondo di Amlie (2001) di Jean-Pierre Jeunet (wrong)
    D2 - Se mi lasci ti cancello (2004) di Michel Gondry (wrong)
    D3 - L'et dell'innocenza (1993) di Martin Scorsese (wrong)
    D4 - Il cielo sopra Berlino (1987) di Wim Wenders (wrong)
    D5 - Un sapore di ruggine e ossa (2012) di Jacques Audiard (wrong)

    E1 - Amour (2012) di Michael Haneke (Nikita)
    E2 - Il laureato (1967) di Mike Nichols (Nikita)
    E3 - Le onde del destino (1996) di Lars Von Trier (Nikita)
    E4 - Le pagine della nostra vita (2004) di Nick Cassavetes (Nikita)
    E5 - La sorgente del fiume (2004) di Theodoros Angelopoulos
    (Nikita)


    ed il punteggio finale:

    Nikita .............. 29 punti (11 caselle indovinate + bonus poker di 7 punti)
    wrongway
    .............. 28 punti (9 caselle indovinate + bonus cinquina di 10 punti)
    Keyser
    .............. 10 punti (5 caselle indovinate)

    la prossima manche tocca dunqua a Nikita

    ed infine, per chi fosse interessato, un mio breve commento ai 25 film proposti

     

    Immagine ridotta


    I segreti di Brokeback Mountain(2005) di Ang Lee
    Melodramma sincero ed ardito sull'amore che travalica le convenzioni sociali, i compromessi familiari e la mitologia "istituzionale" della vecchia frontiera americana, ovvero quella di John Wayne e del cowboy come icona possente di ruvida mascolinit. L'amore gay tra i due giovani cowboys di Ang Lee talmente puro da elevarsi a simbolo, talmente sofferto da coinvolgere a prescindere dall'orientamente sessuale, talmente arduo da contenere gi in s i presagi dell'inevitabile finale. Delicato ed amaro, una delle migliori storie d'amore del nuovo millennio. Ledger e la Williams sono da applausi, ma tutto il cast offre il meglio di s. Da mostrare ai sostenitori della (pseudo) "cultura" omofoba.

    Immagine ridotta


    Dracula di Bram Stoker (1992) di Francis Ford Coppola
    Melodramma horror fiammeggiante ed "infedele" (all'ispiratore), malgrado il titolo. Appartiene a quel filone produttivo del grande Maestro italo-americano che pu ben definirsi ridondante e manierista. Opera eccessiva e diseguale, cocktail non sempre riuscito di stili e di invenzioni, riduce il mito del vampiro ad una ricerca ossessiva del perduto Amore attraverso il Tempo. Tanti difetti ma che respiro potente! che forza espressiva! che genialit visionaria! La ricostruzione ambientale e la fotografia "pittorica" sono il punto di forza. Insomma puro Coppola: da vedere e rivedere, nonostante i limiti. La Ryder sovrasta tutti ed il suo sguardo intenso buca schermo, cuori e Tempo: l'Amore non muore mai!

    Immagine ridotta


    Il postino
    (1994) di Michael Radford
    Commovente elegia sull'amore, sull'amicizia e sulla Poesia, forza suprema per elevarsi oltre le barriere sociali, morali e geografiche. L'incontro tra l'opulento poeta e lo scarno postino di quelli che scaldano il cuore, ma nulla potrebbe accadere senza Beatrice, vezzo poetico e forza motrice delle azioni del fato. Una piccola perla del nostro cinema resa indimenticabile dai tragici eventi reali. Grande Troisi, perfetta incarnazione delle maschere tristi "eduardiane", nel suo commiato dalla carriera e dalla vita.

    Immagine ridotta


    The New World - Il nuovo mondo
    (2005) di Terrence Malick
    Viaggio "panico" immersivo, struggente e spirituale nella Natura bellissima e selvaggia e nell'Idea di un mondo intatto (il Paradiso perduto) che andrebbe osservato e preservato anzich depredato. Il mito di Pocahontas e la grande storia d'amore con il tenebroso John Smith diventano metafora di un'idea di mondo che il regista texano ha sempre proposto nelle sue opere. L'evidente impianto a tesi nulla leva alla vis espressiva ed all'incanto delle immagini, di quelle che solo Malick sa regalare. La versione estesa (che orgogliosamente posseggo) un autentico sollucchero per i fans del regista americano. La Pocahontas di Q'Orianka Kilcher uno spettacolo di eleganza e di "grazia": incanto nell'incanto.

    Immagine ridotta


    Jules e Jim
    (1962) di Franois Truffaut
    Capolavoro "scandaloso" della Nouvelle Vague che celebra la trasgressione ed esalta la centralit della figura femminile nel menage (stavolta a tre) amoroso. Rese la Moreau un'icona dell'emancipazione femminile degli anni '60. Sincero e sfacciato, un inno alla libert che ancora oggi rapisce ed stato modello obbligatorio per tutti gli amanti del cinema d'autore francese. Il cinefilo Bertolucci gli ha reso un omaggio postumo e ripetuto nel suo "The dreamers - I sognatori".

    Immagine ridotta


    Camera con vista
    (1985) di James Ivory
    L'eterno paradigma amoroso "lui-lei-l'altro" viene rivisitato da Ivory con la consueta eleganza estetica, mentre i toni ovattati tipici del pi "british" tra i registi americani vengono rinvigoriti dalla calda solarit della dolce Toscana. Le pungenti atmosfere del romanzo di Edward Morgan Forster sono trasposte con efficacia sullo schermo ed il grande cast e la perfetta ricostruzione storica fanno il resto. Grande successo internazionale per un film "prezioso".

    Immagine ridotta


    2046
    (2004) di Wong Kar-wai
    Pi che un seguito del precedente capolavoro "In the mood for love" questo film di Wong Kar-wai ne costituisce una (il)logica derivazione, una sorta di costola "illegittima". I personaggi principali sono gli stessi (con la bella Gong-Li al posto di Maggie Cheung) ma l'aria che si respira ben diversa e ci che si perde in densit emotiva lo si guadagna in sospensione simbolica. Il regista spinge all'eccesso il suo stile ipnotico portandoci in uno spazio-tempo indefinito, un limbo di astratto straniamento alla ricerca di ci che si perduto (e di ci che "non stato" nel capitolo precedente). Il rischio di alto, e per alcuni sterile, auto-compiacimento stilistico l in agguato, ma difficile non farsi rapire dalla suggestione delle immagini. L'amore (perduto, inseguito, sognato) diventa un inestricabile paradosso senza via d'uscita.

    Immagine ridotta


    Gli amanti del circolo polare
    (1998) di Julio Medem
    Melodramma "raffreddato" e compassato, che procede attraverso atmosfere oniriche ed immagini di alto magistero registico per analizzare la dicotomia lontananza (geografica) - vicinanza (sentimentale) ed il suo viceversa. Medem ci regala delle trovate visive di grande ingegno e di notevole altezza poetica. La classe non manca ma qualche limatura qua e l avrebbe giovato. Da scoprire.

    Immagine ridotta


    Moulin Rouge!
    (2001) di Baz Luhrmann (Nikita)
    Musical sentimentale di grande ricchezza visiva e di sregolata energia. La patina tanta, la retorica sentimentale pure, ma la chimica tra i due interpreti funziona egregiamente cos come gli arditi accostamenti musicali. E' un giocattolo hollywoodiano travestito da bohemien europeo ma lo spettacolo, nonostante tutto, "deve continuare". L'eccessiva teatralit dell'impianto non sempre si addice all'anima mainstream del progetto. Il fascino della Kidman copre (e ripaga da) diverse magagne.

    Immagine ridotta


    Dirty dancing, balli proibiti
    (1987) di Emile Ardolino (Nikita)
    Furba miscela di erotismo glamour, trasgressione giovanile e fisicit esplosiva, espressa attraverso il ballo. Il finale edificante difficile da tollerare ma le musiche e le sequenze di ballo, ben coreografate, sono la forza del film. Grande successo di pubblico, femminile ma non solo, negli anni '80. Rese Patrick Swayze un divo.

    Immagine ridotta


    Harry, ti presento Sally...
    (1989) di Rob Reiner
    Commedia sentimentale, esilarante e intelligente, con qualche tocco di umorismo nero di gran classe. Costruita abilmente sull'eterna "battaglia" tra i sessi, una delle migliori commedie americane degli anni '80. L'alchimia tra i due protagonisti funziona egregiamente ed alcune scene, come quella dell'orgasmo simulato, sono entrate di diritto nella Storia del Cinema comico. Da non perdere.


    Immagine ridotta


    Qualcosa cambiato
    (1997) di James L. Brooks
    Commedia brillante, che alterna toni sarcastici ad altri fin troppo sentimentali, interamente costruita sul suo protagonista, mirabilmente interpretato da un Jack Nicholson all'apice del suo istrionismo. Il finale "politicamente corretto" fa perdere forza ad una prima parte molto divertente, grazie agli eccessi "perfidi" dell'odioso Melvin. La Hunt bravissima, forse anche pi di Nicholson. Un po' sopravvalutato ma, comunque, da vedere.

    Immagine ridotta


    Edward mani di forbice
    (1990) di Tim Burton
    Suggestiva favola nera che stinge nel sentimentale ma non perde mai il suo "tocco magico", che si esplica attraverso inserti visionari di fantasia superiore e momenti di delicata poesia. E', probabilmente, il miglior film di Tim Burton ed il manifesto della sua estetica. Il personaggio protagonista divenuta un'icona, triste e tenera, della diversit. Depp e la Ryder sono bravissimi e le musiche del fidato Elfman sono di struggente bellezza. Efficace cameo del mito horror Vincent Price nell'ultima interpretazione della sua lunga carriera.

    Immagine ridotta


    Lezioni di piano
    (1993) di Jane Campion
    Melodramma intenso, di preziosa eleganza e di finissima suggestione, a cui l'ambientazione "agli antipodi" dona ulteriore spessore espressivo. Straordinaria la protagonista, Holly Hunter, nel ruolo della vita. Regia di gran classe della Campion e bellissime musiche di Michael Nyman. La sequenza del pianoforte sulla spiaggia, col mare in tempesta, una di quelle immagini che restano indelebili, tra le pi belle del cinema moderno.

    Immagine ridotta


    Senso
    (1954) di Luchino Visconti
    E' uno dei capolavori assoluti di Visconti e del cinema italiano. Tratto da un racconto di Boito e ambientato durante la terza guerra d'indipendenza tra Italia ed Austria, una folgorante storia d'amore tra una nobildonna veneta ed un pavido ufficiale austriaco. Vinta dalla passione la donna finisce per tradire la causa patriottica nazionale. Col suo immenso gusto estetico e la sua innata capacit di analizzare la storia, il grande Maestro milanese ci regala una delle sue gemme pi preziose, intessendo abilmente melodramma, politica e tragedia. Il suo innato senso drammatico, sempre incline verso morte e decadenza, si compie in un finale nero di austera bellezza tragica. E' uno dei modelli obbligatori del cinema "storico".

    Immagine ridotta


    Il favoloso mondo di Amlie
    (2001) di Jean-Pierre Jeunet
    Commedia surreale e stralunata, cucita addosso alla protagonista, Audrey Tautou che "buca lo schermo" con lo sguardo. Film furbetto, che strizza l'occhio ad un certo cinema d'autore d'oltralpe, ma la delicatezza del tocco e la capacit visionaria di certe sequenze sono indubbie. Grande successo internazionale per questa storia d'amore "diversa".

    Immagine ridotta


    Se mi lasci ti cancello
    (2004) di Michel Gondry
    Love story fantastica, sceneggiata dal genialoide Charlie Kaufman e ricca di momenti surreali. In continua oscillazione tra tragedia e farsa divenuto per molti un cult, mentre per altri un bluff. La vertit sta, probabilmente, nel mezzo. Il ciclonico personaggio della Winslet, bravissima, di quelli che restano. Titolo italiano banale che non rende giustizia all'originale.

    Immagine ridotta


    L'et dell'innocenza
    (1993) di Martin Scorsese
    Capolavoro di Scorsese che ritrae un mondo (la New York "bene" di fine '800) raffinato ed elegante ma regolato da rigide regole di casta e da un pedante conformismo di facciata. La violenza, stavolta mai esplicitata, tutta interiorizzata nella remissiva accettazione delle occasioni perdute. Grande cast, con una Pfeiffer superlativa, grande regia classica, imponente ricostruzione storico ambientale, sontuose scenografie, fotografia "preziosa". Un immenso omaggio al nostro Visconti per un film che "celebra" la rinuncia come strenuo meccanismo di difesa di un ideale di mondo "antico". Impietosa critica del regista verso quella societ del perbenismo fasullo. Premiato con l'Oscar ai costumi.

    Immagine ridotta


    Il cielo sopra Berlino
    (1987) di Wim Wenders
    Fiaba malinconica di struggente bellezza e di grande fascino ipnotico. Potente elegia sul tema degli "angeli caduti" , in realt, un inno umanista ed un omaggio contemplativo alla memoria storica della citt celebrata nel titolo. La vicenda amorosa tra l'angelo e la trapezista una pagina di tenera poesia. Pietra miliare nella filmografia di Wenders.

    Immagine ridotta


    Un sapore di ruggine e ossa
    (2012) di Jacques Audiard
    Intensa love story tra due personaggi messi "ai margini" dalla vita: lui (Schoenaerts) dalla precariet economica e familiare e lei (Cotillard) da un'inattesa tragedia che le segna il corpo e le stravolge l'esistenza. Tra brutalit e tenerezza Audiard disegna due personaggi notevoli che si esprimono fisicamente ed inter-comunicano attraverso l'atto sessuale. E' un'opera tesa e matura, con qualche eccesso, ma che non pu lasciare indifferenti.


    Immagine ridotta


    Amour
    (2012) di Michael Haneke
    Struggente storia d'amore che osa mostrare quello che, di solito, viene tenuto nascosto: la vecchiaia, la malattia, la sofferenza, la morte. Il glaciale regista austriaco ci regala il suo film pi "romantico", per quanto doloroso e straziante, come suggerito fin dal titolo. Straordinari i due interpreti, Jean-Louis Trintignant ed Emmanuelle Riva, che si sono donati completamente al progetto senza alcuna remora. L'eterno dualismo Amore-Morte assume qui una connotazione diversa, perch visto da una prospettiva "nuova": quella di un disperato e dignitoso accompagnamento verso l'ultima tappa di una vita vissuta insieme. Asciutto ed asettico lo sguardo di Haneke si concede qualche "cedimento" solo nel finale, con la memorabile sequenza del piccione, che pura maestria registica. A mio avviso il miglior film della passata stagione insieme a "The master" di P.T.Anderson.

    Immagine ridotta


    Il laureato
    (1967) di Mike Nichols
    Fenomeno generazionale degli anni '60, un'opera carica di quei turbamenti che poi esploderanno nelle rivolte giovanili del '68. Fece scandalo per la relazione sessuale clandestina tra il giovane Braddock (Hoffman) e la matura Mrs. Robinson (Bancroft), resa eterna dalle celebri note di Simon & Garfunkel. Pi che una critica al conformismo il sincero ritratto di un disagio giovanile rispetto ad un mondo che stava rapidamente cambiando. L'happy ending del famoso e rocambolesco epilogo soltanto apparente e denota l'abilit registica di Nichols, premiato agli Oscar 1968.

    Immagine ridotta


    Le onde del destino
    (1996) di Lars Von Trier
    Straordinario ed intenso atto d'amore verso l'Amore del controverso regista (e "tiranno") Lars von Trier. Premiato a Cannes nel '95 inaugura la cos detta "trilogia femminile" del regista danese. Memorabile Emily Watson in un ruolo difficile e sofferto di donna che si dona interamente per amore ed esplora abissi imperscrutabili sull'esile confine tra follia e misticismo. Film provocatorio, come sempre con Von Trier, ma anche dotato di grande densit tematica per il suo scavare nel profondo sul rapporto tra uomo e fede. Maldestro il titolo italiano che sovverte del tutto il senso dell'originale.

    Immagine ridotta


    Le pagine della nostra vita
    (2004) di Nick Cassavetes
    Per molti il melodramma del nuovo millennio, in realt trattasi di un'opera furbescamente sdolcinata che utilizza tutti i clich tipici del mainstream e che non sorprende neanche nel cos detto finale "a sorpresa". Pi che un mel un moderno e patinato "feuilleton", non privo di momenti di disarmante ingenuit. Da salvare i due interpreti principali, Ryan Gosling e Rachel McAdams, belli e calzanti nella rispettiva parte. Per amanti del sentimentalismo dozzinale.


    Immagine ridotta


    La sorgente del fiume
    (2004) di Theodoros Angelopoulos
    Non il miglior Anghelopoulos ma pur sempre un'opera importante di un grandissimo autore totalmente radicato nella sua terra. Storia d'amore "clandestina" calata in un contesto storico e sociale ben pi ampio, con l'ambizione di narrare un pezzo della storia moderna della Grecia. Come sempre in Anghelopoulos l'attenzione al dettaglio, il rigore formale e la dilatazione temporale allontanano lo spettatore poco avvezzo al cinema d'autore. Nel bellissimo finale, giunti in riva al fiume, la vicenda dei due giovani protagonisti si sublima in un sentimento collettivo di pi ampio respiro, che rappresenta la tensione di un popolo ad un riconoscimento esistenziale, forse irraggiungibile.





    buona notte
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  8. #3937
    Data registrazione
    Nov 2012
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,881
    Grazie dati 
    1,683
    Grazie ricevuti 
    2,834
    Ringraziato in
    1,555 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

    salve bellissimi

    Citazione Originariamente scritto da wrongway Vedi messaggio
    Questa stata la griglia pi difficile a cui ho partecipato (se escludo quelle delle rare incursioni nel CiakCinema del p2pforum dove in mezzo a tutti quei "mostri" cara grazia se riuscivo ad indovinarne almeno una di casella! ) ...come ho staccato sono corso a farmi una doccia!
    anche per me

    non ho la tua esperienza ed il fatto di essere in lizza fino all'ultimo secondo mi ha fatto agitare

    ansia, manine sudate, moto perpetuo sulla sediola, la collega di fronte mi guardava e rideva

    avrei fatto anche io una doccia alla fine ma qui in azienda, per ovvi motivi, non potevo

    per sono scappata prima e son corsa in piscina a rilassarmi


    e adesso la nuova manche, propongo un Indovina il Fotogramma perch lo so gestire meglio

    speriamo di avere fatto bene i controlli anti-Google del caso

    ecco a voi:

    Fotogramma
    Immagine ridotta





    Riepilogo Tentativi (0)
     




    Riepilogo Fotogrammi
     

    Immagine ridotta




    Riepilogo Indizi
     




  9. #3938
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

    ciao Niki
    complimenti per la grande vittoria contro un grande come wrong

    la volpe ti ha contagiata con le porte? :-)

    1)Billy Elliot

  10. #3939
    Data registrazione
    Nov 2012
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,881
    Grazie dati 
    1,683
    Grazie ricevuti 
    2,834
    Ringraziato in
    1,555 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

    Citazione Originariamente scritto da keyser_soze60 Vedi messaggio
    la volpe ti ha contagiata con le porte? :-)
    bisogna pur fregare questo Google search


  11. #3940
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2013 (1 semestre)

    se dovessi fare una manche adesso sarebbe un guaio per come sono tardo con queste cose tecnologiche :-)

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti alluso dei cookie