Le Olimpiadi di Londra, saranno ricordate anche per la repressione imposta dagli organizzatori sui social media. L'ultima vicenda che ha fatto, quanto mai discutere, riguarda la cancellazione dell'account di un giornalista che ha pubblicato su un tweet l'email di un dirigente della NBC, per altro già pubblica.

Guy Adams, giornalista dell'indipendent aveva criticato, piuttosto pesantemente, su Twitter il fatto che la NBC, aveva trasmesso la cerimonia di apertura dei giochi olimpici, in USA, in differita di sei ore, per avere un 'audience maggiore in prima serata.

Poi in un successivo tweet, il giornalista aveva resa nota l'email di Gary Zenkel, il dirigente della NBC, secondo lui, responsabile della trasmissione in differita.

Subito immediata la reazione di Twitter che ha bloccato l'account del giornalista per violazione dei termini del servizio, in quanto sarebbe vietato pubblicare informazioni private di terzi.
Subito, però la blogosfera si è schierata in difesa del giornalista, in quanto si tratta dell'email aziendale del dirigente, facilmente rintracciabile anche con una ricerca su Twitter.
E' molto più probabile che Twitter, dal momento che ha stretto un rapporto di collaborazione con la NBC, non voglia inimicarsi i suoi potenti partners.