Onestamente ho appreso la notizia solo oggi: i provider italiani hanno avuto ordine dalla GdF di inibire l'accesso al sito DDUniverse.net (che rimane comunque online, solo non visibile dall'Italia) nell'operazione contro le violazioni di Copyright denominata Macchia Nera.
Come spiegato su tutte le testate online che riportano la notizia, questo impedimento pare sia per il momento facilmente aggirabile con un cambio di DNS sia nel Router che nelle proprietÓ TCP/IP della scheda di rete, impostando manualmente, al posto dei DNS dinamici del proprio provider, i DNS di Google o gli OpenDNS.

Gli utenti della Community possono comunque avere news anche attraverso l'account Twitter di DDUniverse

L'operazione Macchia Nera segue quella precedente di fine maggio denominata Last paradise che ha portato alla chiusura di Kickasstorrents e a quella precedente di febbraio che cost˛ il sito a Btjunkie. Curioso notare che tutti questi siti si rifacevano a link Torrent, che DDUniverse non da molto aveva iniziato ad implementare insieme agli storici ed2k.
Ma una prima importante particolaritÓ di questa specifica operazione Ŕ che per la prima volta i responsabili del sito (al momento ignoti), potranno essere perseguibili direttamente per il reato nonostante sul sito non sia presente materiale coperto da Copyright, ma sia presente solo un'indicizzazione di files.
La seconda novitÓ riguarda una multa fino a 250,00 euro per quei provider che non provvederanno a rendere DDUniverse "invisibile" ai loro utenti, attivando di fatto quella famosa responsabilitÓ dei provider legiferata tempo fa.