”immagineCome ogni anno in questo periodo il rischio per gli internauti aumenta, di seguito riporto la classifica McAfee delle principali truffe di Natale

  1. phishing di beneficienza
  2. Fatture fasulle da servizi di consegna volti a sottrarre denaro
  3. Social Networking – Un criminale informatico “Vuole diventare tuo amico”
  4. I pericoli dei biglietti natalizi elettronici, in passato alcuni contenevano worm
  5. Bigiotteria di “lusso” a prezzi esorbitanti
  6. Fare shopping natalizio in modo sicuro
  7. I testi dei canti natalizi possono essere rischiosi– Le ricerche più pericolose Durante le feste, gli hacker creano siti web fraudolenti a tema natalizio per colpire coloro che cercano una suoneria o uno sfondo per il PC a tema natalizio, i testi dei canti natalizi o uno screen saver a tema. Scaricando file a tema festivo si può infettare il PC con spyware, adware o altro malware. McAfee ha individuato un sito per scaricare canti natalizi che indiriza gli utenti ad adware, spyware e altri programmi PUP.
  8. Disoccupazione – email truffaldine legate alla ricerca di lavoro, questa truffa è diffusa negli US
  9. La frode dei siti di aste
  10. Le truffe password stealing
  11. Le truffe delle email bancarie
  12. Le truffe “Ransomware” I tuoi file in cambio di un riscatto – (nuova tendenza di questi ultimi tempi)


Come potete vedere tra le truffe elencate da McAfee alcune rientrano tra le più comuni e quindi per un utente attento risultano prive di fondatezza.

Comunque i consigli forniti da McAffe per evitare spiacevoli inconvenienti e rovinarsi in questo modo le vacanze sono i seguenti (io aggiungo sono comportamenti che un internauta dovrebbe sempre avere)

  • Non fare mai clic sui link inclusi nelle email: consulta direttamente il sito web di un ente benefico o di un’azienda digitando l’indirizzo nel browser o utilizzando un motore di ricerca. Non cliccare mai su un link incluso in un messaggio di posta elettronica.
  • Utilizzare software di sicurezza aggiornato
  • Effettuare acquisti e transazioni bancarie utilizzando reti sicure e verificando sempre che l'url del sito inizi con https:// e non http://
  • Utilizzare password diverse e non di facile reperibilità
  • Usare il buon senso, quest'ultima a mio avviso è da utilizzare sempre sia per la vita da internauta che quella quotidiana