Mostra risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    Nella spinosa questione legata alla responsabilità diretta o indiretta del sito che non ha in suo possesso il materiale che viola il copyright, ma ne ospita il link e guadagna da questo fatto, si è pronunciata in modo chiaro la MPAA, in un documento presentato alla Settima Corte di Appello, chiamata a deliberare sulla vicenda.

    Tutto nasce da una sentenza di un giudice dell'Illinois che ha riconosciuto colpevole di violazione diretta del copyright, il sito MyVidster, legato a video pornografici e che consente ai propri utenti di condividere i link dei propri video preferiti che appaiono sulle pagine del sito, contornati da ads pubblicitari.

    Nella vicenda, il giudice John F. Grady ha dato ragione a Flava Works e ha condannato il sito MyVidster, anche se quest'ultimo non ospitava gli streaming video ma questi erano hostati da altre parti, come ad esempio su RedTube.

    Il giudice ha deliberato che, poiché i video che violavano erano apparsi su MyVidster, questo sito era responsabile per loro, a prescindere dai dettagli tecnici su come questi file siano stati consegnati ai computer degli utenti.

    Secondo invece Facebook e Google ed anche Electronic Frountier Foundation e Public Knowledge che sono ricorsi in appello, la sentenza non tiene conto delle altre varie decisioni in cui si è sempre distinto fra il server che contiene il materiale vietato ed il sito che ne ospita il link.

    Ora invece, secondo la MPAA chi gestisce un sito web che contiene link a contenuti che violano il copyright e li offre agli utenti, è direttamente coinvolto nel processo di violazione del copyright . Sopratutto se guadagna con la pubblicità, grazie a questi link.

    Ora questo potrebbe causare seri danni ai social network, dove gli utenti condividono link di video ed immagini, perchè li costringerebbe ad un controllo preventivo del materiale postato ed in tal modo si creerebbero seri danni al traffico di materiale su internet.

    La MPAA però, è attualmente molto appoggiata dall'amministrazione Obama ed il suo intervento nella causa di appello, potrebbe essere decisivo. Vedremo, ora cosa decideranno i giudici.

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Apr 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Dietro l'ultima stella che vedi guardando l'immensità.
    Messaggi
    988
    Grazie dati 
    706
    Grazie ricevuti 
    317
    Ringraziato in
    224 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    Il prossimo passo è essere considerato colpevole anche se pensi a un link che viola i copyright? :-(
    Meglio vivere un giorno da leoni che cento da pecora, ma dal secondo giorno il leone è morto e la pecora ha ancora novantanove giorni da vivere... quindi?

  4. #3
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,966
    Grazie dati 
    6,176
    Grazie ricevuti 
    5,868
    Ringraziato in
    3,004 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    uhm... la questione non è così come è stata presentata...

    MPAA: you can infringe copyright just by embedding a video

    MyVidster is a video bookmarking site that allows users to save links to their favorite videos and share them with others. The site supports embedding, so bookmarked videos can be viewed on a myVidster page surrounded by myVidster ads.
    The MPAA argues that "myVidster users who posted links to infringing videos and images participated in the process by which those videos were streamed and shown to the public"
    In the MPAA's view, then, anyone who serves a website with an embedded link to infringing content "displays" that content to users, directly infringing copyright in the process.
    ovvero i link postati in quel sito vengono "embeddati" e quindi "streamingzzati"


  5. #4
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    nell'articolo c'è anche scritto
    Judge Grady's decision was music to the ears of the MPAA, which has long downplayed the distinction between websites that host content and websites that merely link or embed content hosted elsewhere.
    C'è un or di mezzo altrimenti forse si sarebbe mosso Google non Facebook, anche perchè Viacom ha rivinto un appello ed è tutta una discussione legata al fatto
    precedente e con conclusione opposta
    The 2007 decision of Perfect 10 v. Amazon is a key precedent. The Ninth Circuit Court of Appeals held in that case that only the server that hosts infringing content, not other servers that may provide links to infringing content, are guilty of direct copyright infringement.

  6. #5
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    California
    Messaggi
    1,079
    Grazie dati 
    569
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    694 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    Bravo wrongway, la faccenda e' molto complessa, ed e' una delle tante situazioni in cui i nostri legislatori fanno fatica a tenere il passo con la tecnologia.

    Di fatto, perfino Google ha protestato la decisione della sentenza, ma senza fare la voce grossa.

    Per giustificarsi, il sito MyVidster avrebbe dovuto dimostrare di soddisfare le qualifiche del Digital Millennium Copyright Act (DMCA), ossia lo stesso che fa Google: un sito e' colpevole solo se non provvede a rimuovere "contenuti" illegali (ossia contro il copyright). Cosa che Google fa con molta attenzione con Youtube, MyVidster fu ammonita lo scorso luglio, ma si e' rifiutata di rimuovere i link perche' asserisce che il "link" sia diverso dal "contenuto". E qui si entra nella lana caprina, e si capisce la difficolta' dei legislatori. Di fatto, "contenuto" e "link" dal punto di vista dell'utente sono la stessa cosa, si clicca in un browser e si vede il video, e quindi si rompe il copyright.

  7. #6
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    Non vedo la differenza da quello che ho detto io fin dall'inizio, infatti una precedente sentenza parlava di diversi gradi di responsabilità fra chi ha materialmente il video in streaming o no e chi sul suo sito mette il link anche perchè i server tipo Pirate Bay ed altri tipo i file-hosting magari non possono essere perseguibili perchè agiscono in perfetta clandestinità, la cosa ora si sta spostando su una responsabilità diretta, per imporre un controllo preventivo di quanto postato dagli utenti, ora il link può portare ad un immagine, ad un video in streaming a qualsiasi cosa coperta dal copyright.
    praticamente poichè la violazione è più difficile da dimostrare di quella diretta del server e le sanzioni sono più basse, la MPAA vuole portare entrambe le violazioni allo stesso livello mentre Google e Facebook insistono sul fatto che
    i siti che ospitano contenuti dovrebbero avere una maggiore responsabilità per tali contenuti rispetto ai siti che semplicemente si collegano a contenuti ospitati da terze parti.
    Che poi è il nocciolo della questione ed anche il cappello che Torrent Freak fa all'articolo
    Mentre la battaglia sui requisiti del DMCA e sui suoi confini si riscalda, Google, Facebook, l'EFF, Public Knowledge e ora la MPAA sono stati coinvolti in un caso di diritti d'autore attualmente in discussione presso la Corte di Appello. È sufficiente per un sito effettuare i takedown, quando i detentori di copyright li richiedono, o deve anche adottare misure supplementari per rimuovere i trasgressori recidivi?
    Ultima modifica di janet; 13-04-12 alle 23: 24.

  8. #7
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    California
    Messaggi
    1,079
    Grazie dati 
    569
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    694 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    Citazione Originariamente scritto da janet Vedi messaggio
    ... la cosa ora si sta spostando su una responsabilità diretta, per imporre un controllo preventivo di quanto postato dagli utenti, ...
    Io non la vedo cosi', Janet. Infatti la sentenza non condanna gli utenti che hanno postato i link, ma il sito che non gli ha tolti nonostante fosse stato avvertito.

    Bisogna poi stare attenti a quello che dicono Google e Facebook, essendo "di parte" in quanto sono sia "contenitori" che "ospiti", quindi parlano a proprio interesse, non certo perche' sono "paladini" della liberta', come li si vuole fare credere. Del resto in questo caso loro stessi sono stati attenti alle loro parole, in quanto sanno che camminano in un terreno minato. Cionostante concordo che Google stia facendo un ottimo lavoro nel rispettare il DMCA e nel controllare che i verdetti giuridici lo rispettano. Ma Google se lo puo' permettere, in quanto e' ricca e fa vagonate di soldi senza dovere ricorrere a divulgare materiale protetto da copyright.

  9. #8
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,966
    Grazie dati 
    6,176
    Grazie ricevuti 
    5,868
    Ringraziato in
    3,004 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    Citazione Originariamente scritto da janet
    nell'articolo c'è anche scritto
    Judge Grady's decision was music to the ears of the MPAA, which has long downplayed the distinction between websites that host content and websites that merely link or embed content hosted elsewhere.
    guarda che quell'OR è soltanto un'ipotesi caldeggiata da sempre dalla MPAA
    la causa MyVidster giudicata non implica il link in sé, ma il fatto che questo poi sfoci automaticamente nell'embedding

    e poi...

    Citazione Originariamente scritto da janet
    ed è tutta una discussione legata al fatto
    precedente e con conclusione opposta
    The 2007 decision of Perfect 10 v. Amazon is a key precedent. The Ninth Circuit Court of Appeals held in that case that only the server that hosts infringing content, not other servers that may provide links to infringing content, are guilty of direct copyright infringement.
    che citandola tutta si conclude in:

    The Perfect 10 decision is a strong precedent because it dealt with the closely analogous case of Google's image search engine embedding copies of infringing images hosted on third-party servers.
    ovvero: Goggle con il suo servizio al di là del semplice linkare, mostrava a tutti gli effetti nelle sue pagine le immagini "embeddandole"

  10. #9
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    il problema chiaramente non riguarda gli utenti per ora ma poichè dopo la SOPA sta arrivando la CISPA e Facebook e IBM ed altre industrie tecnologiche sono d'accordo, tutta quanto la vicenda, come anche nei casi di Rapidshare in Germania riguarda il fatto che le industrie detentrici dei contenuti vorrebbero un controllo preventivo del materiale postato dagli utenti e non solo la rimozione dopo l'avviso da parte dei detentori del copyright. Discorso vecchio come il cucco e che già fu usato dalla Brein per costringere alla chiusura Mininova. Ossia bisogna guardare al di là della causa in sè, perchè altrimenti se non fossero in gioco altri fattori non si sarebbero schierati tante persone a difendere un sito che non è stato neanche capace a opporsi e difendersi in modo appropriato.
    Sulla storia di CISPA e su quello che si può nascondere dietro un concetto astratto di Cyber-sicurezza è interessante l'articolo di Punto Informatico PI: CISPA: sorveglianti, delatori e agenti del copyright

  11. #10
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,966
    Grazie dati 
    6,176
    Grazie ricevuti 
    5,868
    Ringraziato in
    3,004 post

    Riferimento: MPAA si viola anche ospitando il link di un video

    oh mamma...

    questa questione si può riassumere in:

    1) oggi come oggi non esiste alcuna sentenza né tanto meno legislazione statunitense che dica che postando un semplice link si violi il copyright

    2) anzi, esiste una sentenza (quella pro-Amazon) che dice proprio il contrario, ovvero che postando un semplice link non s'infrange il copyright

    3) esistono invece 2 sentenze (questa contro MyVidster e quella contro Google) che dicono che includendo, mostrando, o "embeddando" che dir si voglia un video o un'immagine si può infrangere il copyright

    e la questione si risolve semplicemente qui:

    Numerous websites embed content from third parties they have not personally inspected. Under the theory articulated by Grady, and supported by the MPAA, these websites would be responsible for this content, exactly as if they had stored it on their own servers. This could create a serious disincentive for sites to allow users to post embedded content, hampering the convenience and user-friendliness of the Web.
    l'embedding alla fin della fiera per l'utente finale è solo una comodità: cliccando su un link si può comunque usufruire del contenuto (sia questo lecito o illecito) ...ovvero tutto questo sicuramente disincentiva l'utilizzo dell'embedding. punto.

    qui da noi la siae vuole i soldi, tant'è che CT ha rimosso preventivamente quei topics che "embeddavano" i video

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie