Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Consumi famiglie, l'Italia torna alla situazione di 30 anni fa

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Consumi famiglie, l'Italia torna alla situazione di 30 anni fa

    I consumi di prodotti alimentari, bevande e tabacco hanno mostrato un calo dell'1,5% a prezzi costanti.
    Secondo un rapporto Intesa Sanpaolo,"si deve tornare ai primi anni '80 per scendere al di sotto dei 2.400 euro annui destinati al comparto agro-alimentare.
    Nel rapporto, si evidenzia inoltre che "l'incremento della disoccupazione unito agli effetti delle manovre di correzione dei conti pubblici sulle famiglie fanno prevedere una nuova riduzione dei consumi".
    Fonte

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Apr 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Dietro l'ultima stella che vedi guardando l'immensità.
    Messaggi
    988
    Grazie dati 
    706
    Grazie ricevuti 
    317
    Ringraziato in
    224 post

    Riferimento: Consumi famiglie, l'Italia torna alla situazione di 30 anni fa

    E continuiamo cosi... che tanto quello che ci rimette è sempre il popolo.
    Meglio vivere un giorno da leoni che cento da pecora, ma dal secondo giorno il leone è morto e la pecora ha ancora novantanove giorni da vivere... quindi?

  4. #3
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,400
    Grazie dati 
    11,495
    Grazie ricevuti 
    8,854
    Ringraziato in
    5,692 post

    Riferimento: Consumi famiglie, l'Italia torna alla situazione di 30 anni fa

    Beh non c'e' da meravigliarsi.

    Che i consumi sarebbero calati era scontato vista la necessita' di fare fronte all'aumento di spese e al blocco-calo degli stipendi o meglio del valore dell'euro.
    Gia' da tempo, ad un occhio attento, non sara' sfuggito l'incremento di attivita' "harddiscount" laddove prima non c'erano e dove gia' esistevano, mi risulta, la clientela s'e' riversta in massa.

    L'italiano, si sa, risparmia ma quando giunge a toccare il cibo e' indice di gravita' estrema !

    La situazione e' preoccupante poiche' se si e' accettata questa stretta tremenda comprendendo il momento di crisi non s'e' vista, fino ad ora, la controparte sul piatto della bilancia dove per controparte si intenda una serie di benefici a favore delle famiglie sia in termini di agevolazioni fiscali sia nei servizi sia, soprattutto, in prospettive a medio termine ed il clima, diciamo, guerreggiato che si respira nei palazzi riduce ancora la speranza di cambio di rotta che veda al primo posto le necessita' del cittadino da una parte e l'acquisizione di responsabilita' da parte della classe politica.

    Fare sacrifici per il bene comune va bene ma si debbono vedere dei risultati !

    Ciao

  5. #4
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,971
    Grazie dati 
    6,181
    Grazie ricevuti 
    5,880
    Ringraziato in
    3,009 post

    Riferimento: Consumi famiglie, l'Italia torna alla situazione di 30 anni fa

    ...e già si sa che ad ottobre l'IVA passerà dal 21% al 23 e che dall'anno prossimo tornerà pure l'irpef sulla prima casa (da aggiungere quindi come voce nella dichiarazione dei redditi che si compilerà nel 2014)

  6. #5
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Riferimento: Consumi famiglie, l'Italia torna alla situazione di 30 anni fa

    a marzo poi si parla di buste paga più leggere e di parecchi balzelli che andranno a cadere sulle imprese da qui e poi c'è giustamente, l'altro aumento annunciato da Wrongway.
    l carico medio aggiuntivo per ognuno dei 24 milioni di nuclei familiari del nostro Paese - calcola la Confesercenti - arriverà a 576 euro all'anno: 150 per l'aumento dal 20% al 21% dell'aliquota ordinaria, in vigore dal primo settembre 2011, e altri 426 euro dovuti agli ulteriori due punti percentuali che si aggiungeranno alle aliquote ordinarie e intermedie dal prossimo ottobre".

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie