immagineTwitter ha deciso di variare le regole, sul filtraggio dei tweets, assecondando le regole dei vari governi anche di quelli totalitari, mentre i tweets saranno disponibili nel resto del mondo.

Praticamente come ha gi fatto Google, quando nel 2006, decise di mettere on line in Cina, una versione censurata del suo motore di ricerca.
Subito grande stata la reazione degli utenti che a partire dal direttore di Reporter Senza Frontiere, Olivier Basille ha parlato di una violazione degli standard internazionali, legati alla libert di parola.

Invece altre associazioni tipo la Electronic Frontier Foundation non sono state particolarmente scandalizzate dalla politica di Twitter.

In ogni caso, sembrava fosse stato messo in atto una specie di boicottaggio di Twitter e l'invio dei tweets, almeno ieri appariva molto rallentato.
Twitter, su vari organi di stampa, ha tenuto a precisare che non ci sar nessun filtraggio preventivo ma una rimozione dei posts, solo dopo richiesta da parte di organi governativi o per violazioni del DMCA, ossia per violazione del copyright.

Twitter ha stretto una partner-ship con il sito ChillingEffects.org dove verranno esposte tutte le richieste di takedown e le eventuali azioni intraprese dal social network.

Nel frattempo, il gruppo Anonimus aveva annunciato per il 28 gennaio un attacco diretto contro Facebook, ma il social network non ha avuto interruzioni, non si sa se perch la gente si concentrata su Twitter o perch, come gi annunciato, dai responsabili di Facebook, erano state prese tutte le precauzioni per sventare eventuali attacchi.