Nuovo flop per le imprese spaziali russe e la sonda Phobos-Grunt s , lanciata nel novembre 2011 e che avrebbe dovuto raccogliere alcuni campioni su uno dei satelliti di Marte, Phobos, è precipitata nell'oceano a circa 1250 chilometri ad ovest dell'isola di Wellington in Cile.
La sonda era costata circa 165 milioni di dollari e voleva mostrare al mondo come la Russia stesse ricominciando le esplorazioni spaziali, dopo il fallimento del lancio di un'altra sonda circa 15 anni fa.

Certo con 165 milioni di dollari, chissà quante persone si sarebbero potute sfamare