Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: I bambini abbandonati della Grecia

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    I bambini abbandonati della Grecia

    "Quando la crisi porta all’abbandono disperato dei propri figli. Non posso immaginare cosa voglia dire accompagnare il proprio bimbo all’asilo consapevole di non poterlo più andare a prendere perché sai di non poterlo mantenere.“Non verrò a prendere Anna oggi, non posso permettermi di prendermi cura di lei” “Per favore, abbiatene cura. Mi dispiace. Sua madre.” Biglietto trovato in un cappottino di una bimba di 4 anni, dalla sua maestra d’asilo. E non sembra una novità in Grecia.

    La BBC racconta di come è cambiata la situazione nei centri giovanili per poveri o nelle associazioni che si occupano di bambini “abbandonati”. Strutture che lavoravano soprattutto per bambini provenienti da gravi disagi sociali, si trovano ad assistere prettamente chi è colpito dalla povertà. Solo negli ultimi due mesi, racconta un giovane prete ortodosso che gestisce uno dei centri, sono stati lasciati tre bimbi ed un neonato alla sua porta... altri arrivano direttamente tra le braccia delle loro mamme disperate, che sperano, lasciando lì i loro figli, di garantirgli almeno i pasti e un tetto sopra la testa.


    Cose inimmaginabili nella società greca, e che stanno mettendo sotto shock l’intero Paese. Maria, dopo aver mangiato per mesi con la figlia qualcosa rimediata in chiesa, dopo aver perso 25 kg, ha deciso di di affidarla all’associazione “SOS villaggio dei bambini”, dove almeno può andarla a trovare sperando che le cose migliorino e che possa tornare a vivere con la sua bimba." ippolita ., genova


    dal Blog di Peppe Grillo

    L'ho trovato su Google Plus e ho pensato di condividerlo con voi, certo deve essere tremendo non poter più mantenere i propri figli.

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,850
    Ringraziato in
    5,690 post

    Riferimento: I bambini abbandonati della Grecia

    Questa non la conoscevo e resto perplesso.
    Io fossi padre morirei di fame per un figlio ma mai lo abbandonerei.
    Credo siano situazioni disperate che a causa della crisi non ricevono piu' quelle risposte che prima avevano ma non posso credere che ne siano conseguenza diretta.
    Se fosse così se ne sarebbe parlato piu' apertamente a meno che non abbiano tentato di mettere tutto a tacere per non creare piu' panico di quello che gia' sara' presente.

    Comunque sia trovo la notizia drammaticamente e visceralmente sconvolgente e non oso dire dove vada a parare il mio pensiero dovendone ricercare le cause e riflettendo anche su casa nostra.

    Ciao

  4. #3
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,961
    Grazie dati 
    2,101
    Grazie ricevuti 
    1,565
    Ringraziato in
    939 post

    Riferimento: I bambini abbandonati della Grecia

    Si disperatamente sconvolgente! Si parla di tante situazioni gravissime in tante parti del mondo, facciamo collette di ogni genere, mi domando anche io perché una situazione che sembra essere generalizzata non ha trovato una risposta proprio sul nascere. Perché non è giunto l'eco di questa disperata povertà. Sono sconvolta.

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie