Sembra che le vendite della Playstation Vita in Giappone, come almeno riportano i media, siano state un successo e che molti appassionati si siano messi in fila davanti ai negozi, per essere i primi a comprare il dispositivo.

Un evento positivo sarebbe molto necessario alla Sony per poter risollevare altri suoi settori, in difficoltà. Infatti, la Sony ha comunicato che prevede di avere una perdita di circa un miliardo per quello che riguarda l'anno fiscale che si chiuderà a marzo 2012.
Lo stesso presidente della Sony, Hiroshi Kono ha detto alla stampa di essere molto felice di vedere così tante persone davanti ai negozi, altre, poi, avevano acquistato il dispositivo su internet, in quanto era molto ansioso su come sarebbe stato accolto il prodotto. Questo suo timore ha sicuramente portato la società ad aspettare il 22 febbraio, per il lancio nel Nord America ed in Europa.

Del resto il prezzo di 250 dollari, 300 per il modello 3G, può sembrare poco competitivo rispetto al kindle Fire al prezzo di 199 dollari e del Nintendo 3 DS ora sceso a 170 dollari.

La PlayStation Vita, si può considerare il successore della Playstation portatile ed ha avuto il più grande lancio di un prodotto, da cinque anni quando fu lanciata la PS3. Infatti il lancio è accompagnato da due dozzine di prodotti software.

La PS Vita che ha fotocamera anteriore e posteriore, touchscreen frontale e touchpad sul retro e due manopole che funzionano come joystick, dovrebbe andare a competere, come detto, sopratutto con il Nintendo 3DS, che non ha riscosso immediatamente molto interesse da parte degli utenti, costringendo la società a decidere entro i primi sei mesi dal lancio, un abbassamento dei prezzi.

A vantaggio della PS Vita c'è sicuramente il legame con la PS 3, per cui potrebbe essere quasi un portatile satellitare od un controller rispetto alla consolle maggiore, quello che per ora la Xbox e la Microsoft non hanno.

C'è però da dire che i vecchi utenti PSP dovranno rinunciare alla propria libreria di gioco o riscaricare di nuovo i giochi, mentre ad esempio Nintendo ha sempre saggiamente offerto un percorso compatibile, almeno per i primi anni, sul nuovo hardware presentato. C'è infatti anche da notare che questi giochi costano 50 dollari mentre come sappiamo, nell' Itunes Store di Apple molte applicazioni sono sotto i 5 dollari.

La forte competizione per questi dispositivi è infatti, rappresentata dal mercato degli smartphone e tablet e con applicazioni e giochi del tipo di “Angry Birds” che ora vanno per la maggiore.
Vedetevi anche il video
PS VITA UNBOXING JAPAN 2011 - YouTube