Mostra risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Materia o Spirito: eterno dualismo

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,400
    Grazie dati 
    11,495
    Grazie ricevuti 
    8,854
    Ringraziato in
    5,692 post

    Materia o Spirito: eterno dualismo

    Non so se sia l'avanzare dell'eta' o l'acquisizione di consapevolezza o il timore del futuro ma sempre piu' spesso mi capita di pensare e di dividermi tra materia e spirito affiancando ora l'una ora l'altro senza nemmeno trovare un compromesso idoneo che permetta di vivere questo dualismo in pace e serenita'.

    Pensando al momento che verra', quello del trapasso, mi pare logico che solo cio' che non e' materia possa renderci piu' o meno soddisfatti della nostra vita accompagnandoci col pensiero ed i ricordi avendoci arricchiti appunto nello spirito mentre, al contrario, un bene materiale risultera' alquanto effimero avendoci regalato al massimo qualche istante di piacere.

    E' pur vero pero' che la materia, per quanto la si puo' bistrattare, e' cio' che ci permette di vivere nel concreto e che se non ci fosse non saremmo nemmeno qui a raccontarlo !
    Il timore della sofferenza, insita nell'animo umano, poi, fa sì che spesso e piu' di quanto si vorrebbe ci si danni l'anima per conquistare quel benessere che assicuri un futuro senza problemi sia fisici che psicologici.

    Forse l'equilibrio tra materia e spirito, o meglio, la sapienza nell'utilizzare la prima a beneficio della seconda sembra essere l'unica via per crescere e vivere sentendosi parte integrante del mondo e con cio' intendendo l'interazione con tutto quello che ci circonda nel bene e nel male.

    Non sono un filosofo e solo così mi posso spiegare quel semplice malessere che sovviene quando la coscienza prende atto della titubanza di fronte ad una scelta tra il godere dell'attimo attuale e il pensiero della rinuncia che ci ripaghera' piu' in la'.

    Probabilmente nelle societa' attuali il legame col possesso e la falsa icona del vanto hanno fuorviato dai valori dell'anima facendo sì che la "roba" ci appaia piu' gratificante di quel che e' ,piu' d'un viaggio, della conoscenza di altre culture o della poesia o della compagnia di cari amici.

    Voi come la vedete....o sentite ?


  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    California
    Messaggi
    1,079
    Grazie dati 
    569
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    694 post

    Riferimento: Materia o Spirito: eterno dualismo

    Citazione Originariamente scritto da Armandillo Vedi messaggio
    ... nelle societa' attuali il legame col possesso e la falsa icona del vanto hanno fuorviato dai valori dell'anima facendo sì che la "roba" ci appaia piu' gratificante di quel che e' ,piu' d'un viaggio, della conoscenza di altre culture o della poesia o della compagnia di cari amici ...
    Stai parlando del consumismo. Il consumismo e' OK, fa bene possedere cose che piacciono, purche' piacciano a noi, non che le compriamo solo per farci belli di fronte agli altri. E in genere chi compra usando questo concetto non e' solo interessato al piacere "materiale", ma anche a quello "spirituale" (se vogliamo chiamarlo cosi, altrimenti possiamo usare il termine "conoscenza" o "esperienza}) Per questo motivo non mi sento in colpa se ho comprato un nuovo iPod (il terzo) o un nuovo quadro da appendere in casa, e allo stesso tempo mi piace passare tempo con gli amici, andare all'opera, a un museo, viaggiare, leggere e via dicendo. Questo e' il mio primo equilibrio.

    Per quanto riguarda la "spiritualita'", quella pura, ovvio che va da individuo a individuo. Io non credo nell'aldila', per cui non mi pongo nessun problema. Quando muoio rimarro' nei ricordi degli altri, e questo mi spinge a comportarmi bene, in modo da lasciare ricordi belli e sereni. Ecco il mio secondo equilibrio.

  4. #3
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,400
    Grazie dati 
    11,495
    Grazie ricevuti 
    8,854
    Ringraziato in
    5,692 post

    Riferimento: Materia o Spirito: eterno dualismo

    Citazione Originariamente scritto da MarcoStraf Vedi messaggio
    Stai parlando del consumismo.
    Non in senso stretto o almeno no come "alternativa" allo spiritismo.
    Sicuramente faccio fatica a spiegare cio' che voglio dire.

    Per fare un esempio......io penso che bisogna dare una scaletta di valori a tutto ed ai primi posti, questo il mio sentire, non puo' esserci qualcosa di materiale e cio' indipendentemente dallo status sociale od economico.
    Questo pero' non vuol dire per forza rinunciare ai beni, alla S.Franceso, ma credo il loro valore non possa essere confrontato con tutto quello che piu' appaga la mente.

    Una Ferrari senz'altro da' brividi e soddisfazione che tali restano anche nella loro durata.
    Un incontro tra amici o un viaggio interessante certamente resteranno oltre la loro fine e ce li porteremo per sempre.....ecco, forse era questo che volevo esprimere.


  5. #4
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,783
    Grazie dati 
    981
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    856 post

    Riferimento: Materia o Spirito: eterno dualismo

    i valori materiali possono essere importanti se a volte collegati ad affetti od ad attenzioni, ad esempio a me piacciono i braccialetti e magari dall'ambulante a dieci euro gli amici, se trovano qualcosa di carino lo prendono.
    Nel senso che ci possono essere piccole o grandi cose materiali legate a sentimenti ed affetti.
    Invece la corsa ai beni materiali, per se stessi non la capisco. Forse questo ha in parte rovinato l'Italia, con genitori sempre più impegnati a far soldi e figli con palestra, scuola privata e motorino ma profondamente soli.

  6. #5
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    4,961
    Grazie dati 
    2,101
    Grazie ricevuti 
    1,565
    Ringraziato in
    939 post

    Riferimento: Materia o Spirito: eterno dualismo

    Questo argomento mi ha intrigato e dato da riflettere. Penso, per maggiore esperienza in quanto ad età, di poter affermare che i beni materiali sono importanti solo per vivere o talvolta sopravvivere, ma quello che veramente conta è non avere rammarico di azioni malevole. Gli oggetti di valore hanno importanza per i momenti piacevoli vissuti, per il ricordo che trasudano di persone care che prima di me li hanno posseduti. In quanti hanno pensato e scritto di come vivere e di come pensare al termine della vita, ecco qualche esempio: “vivi come se tu dovessi morire subito. Pensa come tu non dovessi morire mai.” Julius Evola. O meglio disse Mahatma Gandhi “vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere sempre” . Molto semplicemente mio padre mi raccomandava di guardarmi bene allo specchio quando la sera mi lavavo i denti, se potevo sostenere il mio proprio sguardo indagatore, potevo dormire tranquilla.
    A coloro che fanno affidamento sulla ricchezza, sui beni materiali per vivere con tranquillità consiglio di rileggere la novella di Verga “la roba”. Inoltre dedico a chi possedendo qualche bene non ricorda che necessita di aiuto questa vignetta.
    f.png

  7. #6
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,400
    Grazie dati 
    11,495
    Grazie ricevuti 
    8,854
    Ringraziato in
    5,692 post

    Riferimento: Materia o Spirito: eterno dualismo

    Citazione Originariamente scritto da marcella36 Vedi messaggio
    A coloro che fanno affidamento sulla ricchezza, sui beni materiali per vivere con tranquillità consiglio di rileggere la novella di Verga “la roba”.
    Grazie Marcella...pur non avendo fatto il liceo, quella novella, m'e' rimasta impressa nella mente ed e' proprio lo spunto del mio discorso
    La frase finale piu' o meno diceva: "Roba mia vientene con me" e nella disperazione del protagonista alla sua ultima ora mostrava il vero senso della futilita' della materia di fronte alla ricchezza e pregio dei sentimenti e della conoscenza !

    Come il protagonista di Verga pensa di poter godere in eterno della ricchezza accumulata e si rende conto solo alla fine che quella "roba" non ha alcun valore, così io credo che all'ultimo atto della nostra vita restino solo i ricordi e le esperienze vissute ma non la nostalgia per qualsiasi oggetto posseduto.


Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie