”immagine
Disabilitare o limitare la condivisione del gruppo Home

Una delle novità di Windows 7 è il gruppo Home: automaticamente, se non impostato il contrario, alla fine dell'installazione viene avviata la creazione di un gruppo che potrà condividere gran parte delle cartelle più private dell'utente (… e la privacy?): ovvio che magari qualcuno troverà estremamente utile e semplice questa soluzione che in parte sostituisce il più ostico vecchio sistema della condivisione di files e cartelle, ma è anche vero che l'utente meno smaliziato ed esperto può non rendersi conto di cosa questo comporta, e dare in pasto inconsapevolmente ad altri utenti della rete files e dati personali.





In fase di prima installazione per adesso non è possibile evitare la creazione del cosiddetto gruppo Home, ma è possibile limitarne al massimo l'area nel quale può operare, anche in fasi successive:


  • Durante l'installazione: togliete il segno di spunta alle raccolte ( (immagini, documenti, musica, video)) che non volete condividere;
  • Se avete installato già tutto come di default: Pannello di controllo Scegli gruppo Home e opzioni di condivisione togliete adesso i segni di spunta alle raccolte che non volete condividere


Se invece volete precludere la condivisione solo a determinate cartelle o files che si trovano all'interno delle raccolte, selezionate la cartella o il file che volete rimanga privato - (tasto destro su Start apri Esplora Risorse seleziona la cartella da proteggere con il tasto destro (o portatevi all'interno per selezionare dei files) selezionate "Condividi con" dal menù contestuale e scegliete l'opzione che vi necessita di più





Per ultimo, se poi proprio non ne volete sapere di questa "condivisione assistita", potete definitivamente disabilitarne i servizi:

  • da Start digitate services.msc nella casella di input;
  • dalla lista dei servizi che vi apparirà cercate Listener gruppo Home e Provider gruppo Home
  • arrestate prima i servizi, poi impostateli su Disabilitato e riavviate il PC








Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.