Pagina 326 di 402 PrimoPrimo ... 226276316324325326327328336376 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 3,251 a 3,260 di 4015

Discussione: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

  1. #3251
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,610
    Grazie dati 
    11,536
    Grazie ricevuti 
    13,950
    Ringraziato in
    7,446 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    buona domenica amici

    oggi stata davvero una splendida giornata di sole qui al Sud , anche calda per la stagione, e ne ho approfittato per una bella passeggiata

    siccome ho un po' di tempo ne approfitto per recuperare un po' di giudizi arretrati sulle "nuove" uscite cinematografiche che sono riuscito a vedere, per chi fosse interessato:

     

    Carneage di Roman Polanski
    Dramma da camera con i tratti della commedia nera, che brilla per acume, sobriet e caustica perfidia. La mano di un maestro come Polanski si vede ed il piglio quello del grande autore maturo che sa fare ironia su tutto, persino sulla maschera decadente e conformista del capitalismo occidentale. E il vecchio leone polacco non perde l'occasione di mandare un'altra sferzata al(l'ex) sogno americano, sebbene la tematica del film riguardi anche il rigido schematismo reazionario tipicamente europeo. Il film un feroce atto d'accusa all'egoismo ed al perbenismo della societ moderna, ma anche al fragile compromesso su cui si fonda il rapporto matrimoniale, nonch alla spersonalizzante frenesia high tech che ci "costringe" a restare sempre connessi per soddisfare la vorace logica del profitto. Si riflette e si ride anche di gusto. Amaro ma si ride. Cast stellare particolarmente ispirato, in particolare Christoph Waltz che una spanna su tutti.
    Voto: 8

    A dangerous method di David Cronenberg
    Un (prevedibile ?) passo falso del bravo regista canadese che si avventura in un territorio impervio (la psicanalisi e la disputa leggendaria tra i suoi due padri pi autorevoli) e, probabilmente, a lui poco consono. Il risultato un film scialbo e senza nerbo che non funziona n come biografia storica, n come psico-melodramma, n come apologo liberatorio sulle ossessioni sessuali (alla maniera di Schnitzler) o sulle inibizioni della Vienna ottocentesca. Quello che pi sconcerta, al di l dell'indolente anonimato della pellicola, che Cronenberg sia riuscito a sprecare un cast (specialmente maschile) di cos alto livello con prestazioni opache e bene al di sotto del loro standard medio. La Knightley, per quanto si impegni molto, non convince, anzi spesso (penso ad alcune espressioni scimmiesche palesemente eccessive) suscita ilarit involontaria. Forse avrebbe fatto meglio a ripensare al suo frettoloso rifiuto per il seguito della saga dei pirati.
    Voto: 5

    Drive di Nicolas Winding Refn
    Truculento noir moderno, di ambientazione metropolitana, che strizza l'occhio al pulp ed ai movimenti avantpop ormai di moda dopo l'avvento del "ciclone" Tarantino. Diretto da un regista interessante e da molti inopinatamente acclamato come nuovo "miracolo" cinematografico, , in realt, un film affascinante ma poco originale che "copia" a piene mani dagli stereotipi del genere e da alcuni notevoli modelli ispiratori: in particolare il capolavoro Taxi Driver di Martin Scorsese (per tematiche, situazioni e personaggi) ed il recente Collateral di Michael Mann (per estetica). Il personaggio del "driver", ben interpretato da Ryan Gosling, funziona egregiamente nella sua rabbiosa e quieta disperazione e nell'alternanza (inaspettata) di assoluti silenzi a furiosi scatti di violenza sanguinaria. Refn ha fatto di meglio, ad esempio Bronson ben pi originale, visionario e "cattivo" nella resa complessiva, ma il film ha qualche spunto interessante. Da citare, in tal senso, i titoli di testa, che sono da non perdere.
    Voto: 6,5

    This must be the place di Paolo Sorrentino
    Discreto, ma ridondante e ripetitivo, viaggio oltre oceano del talentuoso regista napoletano. Il vero "problema" di Sorrentino, se cos si pu dire, che sa di essere bravo e si piace a tal punto da (ri)proporre sempre il medsimo personaggio (un simpatico ed elitario "cattivo" border-line che parla per aforismi e sentenzia sul resto del mondo che non ritiene alla sua altezza), probabilmente per raffigurare, dall'alto del suo narcisismo, se stesso. Un altro evidente "problema" che il regista napoletano bravo nella regia (i suoi film, anche questo, abbondano di delizie stilistiche, di movimenti di macchina ispirati e di momenti visionari di alta scuola) ma non altrettanto nella scrittura della sceneggiatura. Come gi ebbi modo di dire ai tempi de Il divo, se limasse un po' il suo ego e si rivolgesse ad uno sceneggiatore di mestiere i suoi film ne guadagnerebbero. Anche questa pellicola, come per altre di Sorrentino, nonostante l'evidente differenza di ambientazioni e tematiche ed il cast internazionale, non sfugge n alla rigida ripetitivit detta prima (innegabile per chi conosce le altre opere del regista italiano) n alla sensazione finale di un mero esercizio di stile. Anche alcune cadute oleografiche nel tratteggiare un'America da cartolina, se si potevano tollerare da un Muccino sono, onestamente, poco comprensibili da parte di un autore che di certo non difetta in personalit. Il personaggio di Cheyenne, egregiamente interpretato da Sean Penn, evita il pesante rischio della macchietta e riesce ad essere, tutto sommato, convincente, anche se non sfugge anch'esso alla ridondanza che grava sull'intero film. La scena migliore, e di maggiore espressivit, la canzone cantata da Cheyenne insieme al figlio della cameriera.
    Voto: 6

    Warrior di Gavin OConnor
    Dramma familiare costruito sulla retorica (testosteronica) del self-made man che prende a pugni la vita per elevarsi socialmente e liberarsi del passato, imponendo la sua volont di ferro. Il modello, attualizzato, ovviamente il Rocky di John G. Avildsen ed in questo il film non dice nulla di nuovo. Dove per si fa apprezzare nello scandaglio psicologico dei due personaggi principali (i due fratelli), nella minuziosa presentazione di traumi e motivazioni che ne determinano le scelte, per fornirgli una tridimensionalit al di l dell'esposizione di corpi muscolosi, sudati e sanguinanti. Ma anche i personaggi a contorno (la moglie ed il padre) sono degnamente tratteggiati e regalano qualche emozione. In questo senso appare evidente come il recente (e nettamente superiore) The wrestler di Darren Aronofsky abbia gi fatto "scuola". Un film non originale, prevedibile, a tratti furbo, ma ben scritto e ben recitato, con una menzione particolare per il bravissimo Tom Hardy (autentica rivelazione degli ultimi anni) e per il vecchio leone Nick Nolte. Retorico e spettacolare, come impone la logica del mainstream, ma a livelli tollerabili.
    Voto: 6,5


    e adesso passiamo alla nostra manche in corso: vi dico subito che non avete indovinato

    quindi ecco i nuovi indizi:

    Frame N.5
    Immagine ridotta


    GRUPPO 1 (TRAMA, SITUAZIONI)


    Vi ricordo che in questa edizione del CineQUIZ potete dare un massimo di 5 risposte (invece che 4) prima di un mio nuovo intervento

    Riepilogo Tentativi (43)
     

    American Gigol
    Amici miei
    Angeli e demoni
    Barry Lyndon
    Batman
    Batman Returns
    Buongiorno, notte
    C'eravamo tanto amati
    Caos calmo
    Detective Harper: acqua alla gola (The Drowning Pool)
    Disturbia
    Gomorra
    Hereafter
    I colori dell'anima
    Il colore del crimine
    Il Padrino
    Il padrino II
    Il padrino III
    Il socio
    Il velo dipinto
    Interiors
    Intervista col vampiro
    Io non ho paura
    La doppia ora
    La grande abbuffata
    La masseria delle allodole
    Le conseguenze dell'amore
    Le streghe di Eastwick
    Le vite degli altri
    Mare dentro
    Mean Streets
    Nirvana
    Notturno Bus
    Ocean's eleven
    Parla con lei
    Qualcosa cambiato
    Ritorno al futuro
    Se mi lasci ti cancello (Eternal Sunshine of the Spotless Mind)
    Shakespeare in love
    Sotto il vestito niente
    Ultimo tango a Parigi
    Un boss sotto stress (Analyze That)
    Una storia vera


    Riepilogo Frame
     




    Riepilogo Indizi
     

    GRUPPO 1 (TRAMA, SITUAZIONI)
     






    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #3252
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    ciao a tutti!
    grazie Stridy per i tuoi commenti sempre molto interessanti,anche se il film di Cronenberg per me non cos da buttare via
    ripartiamo con la nuova settimana da

    1)L'ora di religione

  4. #3253
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    a tutti

    1)Ufficiale e gentiluomo

    ciao Key

  5. #3254
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    ciao Jack

    2)Il ladro di orchidee

  6. #3255
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    2)Truman Capote - A sangue freddo

  7. #3256
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    3) Essere John Malkovich

  8. #3257
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    3)La guerra di Charlie Wilson

  9. #3258
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    4) Nel paese delle creature selvagge

  10. #3259
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    4)La 25 ora

  11. #3260
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (2 semestre)

    5)Blindness - Cecit

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti alluso dei cookie