Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Bob Dylan compie 70 anni

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    California
    Messaggi
    1,079
    Grazie dati 
    569
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    694 post

    Bob Dylan compie 70 anni

    E non li dimostra.

    Uno dei piu' grandi menestrelli americani, ha scritto dozzine di album, reinventando la canzone popolare americana (il folk) aggiungendo atmosfere sempre piu' rockeggianti. Criticato dai contemporanei quando per la prima volta si presento' sul palco con una chitarra elettrica invece che quella acustica, ha saputo stare al passo dei tempi e alla fine i suoi ammiratori non lo hanno mai abbandonato. Da mezzo secolo scrive bellissime canzoni riprese da tantissimi altri artisti, incluso Jimi Hendrix, che ancora continuano a reinterpretarlo, dimostrando cosi' di entrare nella storia della musica popolare e che la sua musica non ha tempo. Anche artisti italiani hanno ripreso le sue canzoni, primi tra tutti Fabrizio de Andre'.

    Ammetto che quando vivevo in Italia non lo seguivo molto. Mi piaceva la musica, ma i testi li trovavo troppo "americani", ossia troppo lontani dalla mia realta' e la mia cultura, preferivo ascoltare i menestrelli "nostrani". Bob Dylan ha sempre cantato la "sua" america nelle sue storie anche mantenendo un messaggio universale Dopo essermi trasferito negli States lo ho riscoperto, assieme a tanti altri facendo della "sua" america anche la "mia" nuova patria.

    Difficile dire quali siano le sue canzoni migliori, si potrebbe fare una lista che probabilmente includerebbe anche le migliori canzoni rock di tutti i tempi. Se proprio dovessi scegliere la "mia" canzone, sarebbe "Like a Rolling Stones", che canticchio sempre tra me e me.

    Grazie Mr.Dylan, lunga vita a te.

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,964
    Grazie dati 
    6,176
    Grazie ricevuti 
    5,865
    Ringraziato in
    3,002 post

    Riferimento: Bob Dylan compie 70 anni

    beh, che dire... io sono tra quelli che credono fermamente che la storia del Rock sia cambiata quella sera del 25 luglio del '65 quando Dylan salì sul palco con alcuni membri della Paul Butterfield Blues Band per suonare "Maggie's Farm", "Like a Rolling Stone", e una prima versione di "It Takes a Lot to Laugh, It Takes a Train to Cry" (cfr. Dylan goes electric)



    il primo disco di Dylan che acquistai fu "Infidels" (fu anche uno dei primi LP che convertii poi in CD) ma per trovare in seguito lo stimolo per comprarne uno nuovo, dovetti attendere fino ad "Oh Mercy" ...nel frattempo mi ero procurato in blocco tutti gli albums che incise tra l'esordio e "John Wesley Harding" compresi, oltre a "Blood on the Tracks" e "The Basement Tapes" (in una mia ipotetica top ten dei dischi più importanti della storia del Rock, tre di essi vi apparirebbero di sicuro: "Highway 61 Revisited", "Blonde on Blonde", e il già citato "Blood on the Tracks"; gli altri sette sarebbero "la banana" dei Velvet, i primi tre degli Stooges, i primi due dei Joy Division, ed infine... )

    Dylan per me fu un punto di partenza: poi presi i dischi della Band, quelli di Joan Baez e degli altri del "Village" (Ochs, Paxton, Van Ronk, e Andersen) quindi partii alla ricerca delle radici... Woody Guthrie, Cisco Houston, Lead Belly, Pete Seeger, i Weavers, gli Almanac Singers...

    vi lascio con il video della celeberrima "Subterranean Homesick Blues" tratta da "Don't Look Back" di D.A. Pennebaker... lunga vita a Mr. Zimmerman


  4. #3
    Data registrazione
    Sep 2009
    Sesso
    Uomo
    Località
    trieste
    Messaggi
    35
    Grazie dati 
    54
    Grazie ricevuti 
    66
    Ringraziato in
    25 post

    Riferimento: Bob Dylan compie 70 anni

    Citazione Originariamente scritto da wrongway Vedi messaggio
    beh, che dire... io sono tra quelli che credono fermamente che la storia del Rock sia cambiata quella sera del 25 luglio del '65 quando Dylan salì sul palco con alcuni membri della Paul Butterfield Blues Band per suonare "Maggie's Farm", "Like a Rolling Stone", e una prima versione di "It Takes a Lot to Laugh, It Takes a Train to Cry" (cfr. Dylan goes electric)
    La leggenda narra di un Dylan che esce sconsolato dal palco in lacrime e ci torna con la chitarra acustica per cantare It'a all over now , Baby Blue tra gli applausi del pubblico che evidentemente è troppo fumato per capire il riferimento
    Dylan è il mio punto di riferimento musicale da sempre, da quando presi Real Live, registrazione del concerto di Verona se non erro. Album in parte acustico e in parte furiosamente rock ( basta sentire Tombstone Blues con Santana alla chitarra ). Non un grande live di certo, ma il mio primo disco di Dylan. Nel tempo ho comprato tutta la sua discografia e parecchi bootleg, tutti ben conservati in scatoloni, e molti libri sulla sua vita.
    Nella prefazione di uno di questi, di Antony Scaduto, vi è scritto che se Dylan fosse nato 2000 anni fa probabilmente sarebbe stato un talmudista, un profeta e che se ora è nato musicista è perchè i nostri tempi lo richiedevano.
    Niente di più vero.
    Il fatto che dopo quasi 50 anni di attività crei ancora buoni, e in alcuni casi ottimi, albums e che sia in tournee quasi incessantemente dal 1978 ( raga stiamo parlando di 23 anni eh ) fa capire come per lui suonare è vitale.

Tags per questo thread

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie