Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Marea nera, inventori italiani risolvono il problema con la lana

  1. #1
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,396
    Grazie dati 
    11,493
    Grazie ricevuti 
    8,854
    Ringraziato in
    5,692 post

    Marea nera, inventori italiani risolvono il problema con la lana

    Come nascono le grandi idee? Spesso da momenti inaspettati, da insight della mente che fanno gridare – come Archimede nella vasca – un eureka destinato a cambiare il mondo....continua

    Fonte


    Beh, che dire, una volta tanto esce una notizia positiva e, mi sbilancio, orgogliosamente apprezzabile !!
    Le premesse per una buona riuscita sembra vi siano tutte soprattutto tenendo presente la delicatezza dell'argomento che riguarda la vita di tutti noi globalmente parlando.

    Se la sua efficienza sara' confermata, come spero e credo, sara' una grande soddisfazione tenuto presente le (altre !!) barbine figure che ultimamente hanno declassato la nostra considerazione in diversi ambiti !

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    /home
    Messaggi
    429
    Grazie dati 
    177
    Grazie ricevuti 
    153
    Ringraziato in
    109 post

    Riferimento: Marea nera, inventori italiani risolvono il problema con la lana

    Che furbata!

    Tipico di noi italiani: genio, furbizia usando cose di tutti i giorni e che tutti abbiamo sottomano, rivisitate per usi nuovi. Bravi!

  4. #3
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Boh
    Messaggi
    3,566
    Grazie dati 
    1,737
    Grazie ricevuti 
    1,524
    Ringraziato in
    1,106 post

    Riferimento: Marea nera, inventori italiani risolvono il problema con la lana

    Mah!!! poco tempo fa sentivo in tv che i batteri del mare hanno trovato una soluzione neanche tanto geniale ma molto naturale e cioè che a metabolizzare il petrolio ci stavano gia pensando loro perchè se aspettiamo che ci riesca l'uomo con soluzioni simili a quelle della lana stiamo freschi, i batteri marini hanno gia fatto un lavoro che nessuno scienziato avrebbe potuto immaginare...ben vengono soluzioni nuove, ma per fortuna fino a quando non saremo in grado di controllare noi stessi e i danni che facciamo la natura trova comunque un rimedio, o almeno un tampone, magari temporaneo, ma lavora sempre e molto meglio di noi

  5. #4
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    California
    Messaggi
    1,079
    Grazie dati 
    569
    Grazie ricevuti 
    1,351
    Ringraziato in
    694 post

    Riferimento: Marea nera, inventori italiani risolvono il problema con la lana

    Senza contare che l'idea di usare la lana la hanno avuta molti operatori americani del settore, che la hanno proposta alla BP (mi ricordo avrene lette le notizie a suo tempo) Sembrava funzionasse, almeno in teoria e per piccoli aree, ma a livello pratico quando la hanno provata ci si e' ritrovati con un sacco di lana pesantissima che non si sapeva come tirare fuori e poi come disfarsene.

    Questo e' il primo articolo che ho trovato
    Can Monterey Mills contain the spill? -- GazetteXtra

    Anche a me venne una idea: usare le melanzane :-) visto quanto olio sono capaci di assorbire quando le cuoci, ho pensato che lanciarne da un aereo una bella vagonata avrebbe risolto il problema (sto scherzando ovviamente)

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie