Pagina 107 di 342 PrimoPrimo ... 75797105106107108109117157207 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 1,061 a 1,070 di 3415

Discussione: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

  1. #1061
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    buond

    A4)Il club dei trentanove o I 39 scalini

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #1062
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    6,233
    Grazie dati 
    4,320
    Grazie ricevuti 
    5,792
    Ringraziato in
    3,036 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    c1 - Il caso Paradine

  4. #1063
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    A4)La signora scompare (The Lady Vanishes)

    ciao Mnemo

  5. #1064
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,632
    Grazie dati 
    11,549
    Grazie ricevuti 
    13,957
    Ringraziato in
    7,450 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    Citazione Originariamente scritto da jacklostorto Vedi messaggio
    A4)Il club dei trentanove o I 39 scalini
    Citazione Originariamente scritto da Mnemosyne Vedi messaggio
    c1 - Il caso Paradine
    esatti!

    signori ...

    LES JEUX SONT FAIT !!!!


    ecco la griglia finale con i vari vincitori:





    Prescy ...... 10 punti
    Shiny ...... 6 punti
    Keyser ...... 6 punti
    Atlas ...... 6 punti
    Jack ...... 4 punti
    Roxy ...... 2 punti
    Mnemo ...... 2 punti


    sono andati a TRIS sia Ale sia Keyser ma, come sapete, viene premiato solo il primo che ci riesce quindi il bonus di 4 punti va al Prescy

    ed infine le recensioni dei film mancanti, per gli eventuali interessati

     


    Il club dei trentanove (The 39 Steps, 1935)
    "Il club dei 39" considerato da molti uno dei capolavori del regista ed sicuramente l'opera pi riuscita del "periodo inglese". Il tema dell’innocente in fuga per discolparsi di un delitto non commesso da lui, qui messo a punto definitivamente. La continua falsit delle apparenze e la conclusione durante uno spettacolo di illusionismo moltiplicano le prospettive di un gioco di specchi illusorio ed ironico. La trovata, poi, di far fuggire il protagonista ammanettato a una bella donna con la quale non fa altro che litigare, d modo al regista di costruire, come allusivo sottotesto, una sorta di ammiccante metafora dei rapporti matrimoniali.
    Voto: 8,5


    Il ladro (The Wrong Man, 1956)
    Nel 1956 il Maestro inglese realizza la sua opera pi atipica, "Il ladro", un film ispirato a un fatto realmente accaduto, girato in bianco e nero con uno stile cos rigoroso ed austero da richiamare quello di Bresson. La storia di un innocente, scambiato per un rapinatore e come tale perseguito, non ha stavolta nulla delle romanzesche peripezie dei precedenti film con al centro una situazione simile. Qui il protagonista, attonito e sgomento, ha i comportamenti dell’uomo comune incapace di ribellarsi a un destino imperscrutabile, che distrugge la sua vita (e quella della moglie). E’ la situazione de "Il processo" di Kafka, ma Hitchcock la sviluppa senza i toni visionari dello scrittore (n quelli allucinatori della successiva versione cinematografica di Welles), che non gli sono congeniali. Il suo film dominato da una concezione "religiosa" della "colpa" di vivere, e condotto con implacabile razionalit, un incubo lucido e perci tanto pi inquietante, risolto alla fine dal ricorso a una sorta di intervento della "provvidenza" (splendida la sequenza del protagonista, cattolico come il regista, che prega, mentre, in sovrimpressione, il vero colpevole viene arrestato). Ricco di altri momenti memorabili (come quando la moglie, ormai sulle soglie della follia, colpisce il protagonista, rompendo lo specchio nel quale la scena era ripresa), un film che non fu capito n dalla critica n dal pubblico, disorientati dall’improvviso mutamento di registro, ma assolutamente da collocare tra le opere migliori, e comunque pi alte, di un autore molto pi complesso della sua immagine "ufficiale". E' un film da riscoprire e da rivalutare, con un ottimo Henry Fonda (in tono dimesso) e per questo ho deciso di proporlo.
    Voto: 8


    Paura in palcoscenico (Stage Fright, 1950)
    "Paura in palcoscenico" considerata un'opera minore di Hitchcock. Il sul limite maggiore deriva dal fatto di non avere a disposizione un soggetto adeguato e, per questo, Hitchcock si limita a realizzare un "whodunit" (nonostante la dichiarata avversione per tale sottogenere) di medio livello, anche se non privo di tocchi d’autore. Accusato di disonest dai puristi del giallo (per l’iniziale flash back menzognero), "Paura in palcoscenico" gioca con l’abituale schema dell’innocente accusato ed inseguito, per ribaltarlo stavolta nel finale (con le solite implicazioni sulla labilit delle apparenze), ma per il resto senza particolari meriti (facendosi anche sfuggire, in buona parte, l’occasione di utilizzare l’ambientazione nel mondo del teatro per ricavare qualche riflessione sull’antinomia finzione/realt). Concordo sulla collocazione tra le opere minori ma l'interpretazione di Marlene Dietrich, austera e magnetica come sempre, e la particolarit dello straniante flashback iniziale (innovativo per i tempi e per il regista) lo rendono comunque un film da vedere.
    Voto: 6,5


    La donna che visse due volte (Vertigo, 1958)
    L’insuccesso de "Il ladro" lascia il segno, ed Hitchcock torna subito al thriller, con quello che, ormai (ma ce n’ voluto di tempo!), viene considerato il suo capolavoro assoluto, "Vertigo - La donna che visse due volte". Tratto da un romanzo di Boileau e Narcejac (gli stessi de "I diabolici" che, secondo una leggenda, Hitchcock voleva portare sullo schermo, ma fu preceduto da Clouzot, per cui i due scrittori si affrettarono a confezionare un nuovo romanzo per lui), il film un thriller di magistrale fattura e rara efficacia, il cui fascino ipnotico viene potenziato dalla straordinaria storia d’amore, sospesa tra lirismo sentimentale ed onirismo noir. Il protagonista ama a tal punto la donna della cui morte si sente responsabile, che, quando ne incontra la sosia, cerca in pratica di resuscitare la defunta, trasformando la seconda nella prima e venendo cos perduto dalla sua incapacit di accettare la realt. Come si vede ci sono echi di "Rebecca", ma questa una favola molto pi crudele e carica di risonanze arcane, in cui il groviglio di pulsioni morbose che hanno sempre attratto l’autore (voyeurismo, feticismo, necrofilia) viene abilmente dissimulato nella complessit dell’ordito di un film pieno di sequenze magistrali (a partire, naturalmente, da quelle della torre campanaria, nella quale avvengono i due climax narrativi e dove il regista riesce a "visualizzare" le vertigini di cui soffre il protagonista, attraverso la meravigliosa artificiosit delle scenografie e gli ingegnosi espedienti con le lenti fotografiche e il teleobiettivo, alla scena del bacio tra i due protagonisti, col movimento circolare, poi imitatissimo, della macchina da presa e lo sfondo delle onde contro gli scogli). Il cos detto "vertigo shot" stato, in seguito, omaggiato da tanti registi e nei film pi disparati, persino ne "Lo squalo" di Steven Spielberg. Una piccola digressione: ricordando il celebre bacio di "Notorious" e quello, altrettanto straordinario, di "La donna che visse due volte", viene da riflettere come proprio Hitchcock, inadatto alla seduzione, fedelissimo alla moglie e affetto da complessi nei confronti delle sue bellissime attrici, sia stato il regista probabilmente pi capace di rendere, sullo schermo, la passionalit del bacio in numerosissime varianti (vedi, ad esempio, la folgorante sequenza iniziale de "Il delitto perfetto" in cui Grace Kelly bacia il marito e, poco dopo, bacia l’amante, o quella in cui la stessa Kelly bacia, per svegliarlo, James Stewart addormentato in "La finestra sul cortile", o ancora quella gi citata in cui la Kelly (sempre lei!, il regista ne era evidentemente cotto) bacia Cary Grant in "Caccia al ladro". Il transfert psicanalitico attraverso il quale l’autore realizzava le sue fantasie segrete ha prodotto le scene di baci pi sensuali della storia del cinema.
    Voto: 10 e lode


    Il caso Paradine (The Paradine Case, 1947)
    Sebbene questo film non incontr grande successo di pubblico e critica, non affatto un’opera minore o sbagliata, come fu a lungo giudicata. Il fatto che "Il caso Paradine" un film insolito per Hitchcock, pur ruotando intorno a un delitto coniugale. Anzitutto non un thriller ma un dramma giudiziario inclinante al mel, per cui manca la suspense, inoltre l’attenzione del regista puntata sui segreti nascosti dietro la rispettabilit dei personaggi. E’ un Hitchcock che vuole smascherare l’ipocrisia sociale, i rituali mondani, la falsit di un mondo governato da rigidi formalismi. E’ un terreno pi adatto a un Bunuel, e l’autore vi si trova a disagio, pur avendo a disposizione molti dei suoi temi preferiti: la colpa, il vizio, la tentazione, il contrasto tra apparenza e verit, la crudelt del destino (l’avvocato, innamorato della sua cliente accusata di uxoricidio e convinto della sua innocenza, finir per perderla proprio per il suo ostinato accanimento, cos come distrugger la propria carriera e il proprio matrimonio, nonostante il finale accomodante). Per tali motivi, dunque, il film ricco di interesse, ed inoltre sostenuto da un cast formidabile. Un prototipo di legal thriller d'Autore.
    Voto: 7,5



    Psyco (Psycho, 1960)
    Originale, shockante e carico di suspense, "Psyco" , forse, il pi celebre tra i film di Hitchcock, sicuramente il pi redditizio, anche perch girato in economia, secondo gli standard dei telefilm che l’autore produceva. Il film fece epoca e scuola, diventando un modello imitato ed abusato. Segna l'inizo del thriller psicologico "moderno", di cui ancora oggi rappresenta uno dei vertici assoluti. Aveva moltissime caratteristiche innovative (al di l della formula produttiva): in primis l'audacia sessuale insolita per i tempi (nella prima scena Janet Leigh si intrattiene con l’amante in una stanza d’albergo, in reggiseno, dopo avere evidentemente fatto l’amore, pi tardi la stessa attrice viene prima spiata da Anthony Perkins mentre si spoglia nel motel, poi viene brutalmente uccisa a coltellate, nuda, sotto la doccia), poi rompeva molti stereotipi consolidati (la protagonista muore prima della met del film, contravvenendo alle attese e alle abitudini acquisite dello spettatore), usava insoliti espedienti per fuorviare l’attenzione del pubblico e metterlo su una falsa strada (in particolare virtuosismi tecnici, come il frenetico montaggio della scena della doccia o come lo straordinario movimento della macchina da presa, che compie una vera acrobazia per ruotare fino ad inquadrare dall’alto l’omicidio del detective), soprattutto riusciva a scuotere le certezze e i nervi della platea, come dimostra il fatto che la scena della doccia non solo restata indelebilmente nella memoria degli spettatori, ma anche una delle pi imitate o citate della storia del cinema. Tra tutti i capolavori del regista il mio preferito, quello che vedo e rivedo infinite volte senza mai stancarmi (sebbene questa cosa valga per quasi tutte le pellicole del Maestro inglese). Memorabile interpretazione di Anthony Perkins, nel ruolo della sua vita, divenuto poi, giustamente, un'icona dell'horror. Questo film vanta tantissimi tentativi di imitazione, omaggi, sequel e remake. Ma la magia dell'originale, in una meravigliosa fotografia in bianco e nero, resta inimitabile. "Psyco" mise tutti d'accordo, pubblico e critica, facendo entrare definitivamente Hitchcock nell'Olimpo cinematografico.
    Voto: 10


    e siccome la prossima manche tocca ancora a me se ne parler in serata perch non sono riuscito a preparare niente ed oggi non la giornata ideale qui al lavoro

    grazie a tutti della partecipazione, spero che la grigliata sia stata di vostro gradimento

    Ultima modifica di Strider; 09-03-11 alle 15: 47.
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  6. #1065
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,632
    Grazie dati 
    11,549
    Grazie ricevuti 
    13,957
    Ringraziato in
    7,450 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    buonasera

    dopo la grigliata che, a quanto pare, avete gradito visto che ve la siete pappata in un batter d'occhio , il Vostro affezionatissimo di nuovo qui, pimpante come non mai , per proporvi la 12 Manche di questo CINEQUIZ

    sarebbe ora di fare un Mister X, visto che manca da tanto tempo, ma siccome in questo momento non mi va proprio di scervellarmi su trame e personaggi (ebbene si, anche la preparazione di un Mister X fatto come si deve non uno scherzo ) preferisco posticipare la questione ad altra data e proporvi un altro ...

    INDOVINA IL FILM

    pronti ????

    e allora via alla ...

    MANCHE #12

    Frame N.1
    Immagine ridotta



    Vi ricordo che in questa edizione del CineQUIZ potete dare un massimo di 4 risposte (invece che 3) prima di un mio nuovo intervento

    Riepilogo Tentativi (0)
     




    Riepilogo Frame
     

    Immagine ridotta



    Riepilogo Indizi
     





    buona caccia
    "Per quel che mi riguarda Morricone il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  7. #1066
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Padova
    Messaggi
    1,201
    Grazie dati 
    1,534
    Grazie ricevuti 
    1,882
    Ringraziato in
    826 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    buonasera buonasera a tutti ...

    ma non mi sono ancora Hitchcockizzato ...
    prima di venire alla nuova manche un sentito grazie a Strider per la bellissima Hitchcock-cinegriglia ...
    veramente bella ed intrigante ... ... peccato per di poter dare solamente tre risposte e tenere quindi il piede sul freno, ma questo un quiz social-democratico ...

    ho letto pure tutte le tue belle recensioni con molto piacere, specie per quei film di cui avevo ricordi un p sbiaditi e sostanzialmente concordo con tutti i voti che gli hai assegnato ...

    ecco magari io avrei alzato un attimino quello di Delitto per Delitto che trovo pari se non un meglio di Caccia al Ladro, anche grazie a queste sequenze da pura antologia del cinema come l'omicidio riflesso negli occhiali oppure la corsa contro il tempo per chi finiva prima tra la partita di tennis e il recupero dell'accendino nel tombino per arrivare in tempo al luna park ...

    ho notato pure che per questa griglia non hai utilizzato Intrigo Internazionle, che anche se non al livello di altri suoi capolavori, ma sta li appena appena sotto, rimane sempre una perla a tutti gli effetti, con indimenticabili sequenze che sono entrate nella storia del cinema
    uno di quei film di Hitchcock che rivedo sempre molto volentieri sebbene lo conosca a memoria ...


    Citazione Originariamente scritto da strider
    sono andati a TRIS sia Ale sia Keyser ma, come sapete, viene premiato solo il primo che ci riesce quindi il bonus di 4 punti va al Prescy
    braccino corto che non sei altro, la prossima volta allarga la manica pure per keyser ...


    bene per la nuova manche dello stakanovista Fox ...

    proviamo con

    Cos Lontano Cos Vicino!

    e buona notte a tutti


  8. #1067
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Pystoikos
    Messaggi
    3,709
    Grazie dati 
    1,960
    Grazie ricevuti 
    2,098
    Ringraziato in
    1,017 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    Citazione Originariamente scritto da Stridy
    sono andati a TRIS sia Ale sia Keyser ma, come sapete, viene premiato solo il primo che ci riesce quindi il bonus di 4 punti va al Prescy
    Anche secondo me doveva valere il tris di key
    Io proporrei di rimanere la regola del PRIMO Tris soltanto nelle griglie a 9 ... che ne dite?

    1) Un sogno lungo un giorno


  9. #1068
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    Stridy per la nuova manche e della grigliata dove anch'io sono riuscito a fare punti,trovo giusto frenare i professionisti per lasciare spazio anche ai meno introdotti,bene ci detto provo per la nuova

    1)L'australiano



  10. #1069
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    21,045
    Grazie dati 
    10,753
    Grazie ricevuti 
    6,878
    Ringraziato in
    4,470 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    ciao a tutti!
    complimenti ai vincitori ed a Stridy per la griglia,anche io ho molto gradito le recensioni che ho letto con grande interesse visto che Hitch un regista che ammiro particolarmente.Per il tris per me nessun problema, si gioca per divertimento e non per il punteggio :-) fate voi insomma!

    1)Quel che resta del giorno

  11. #1070
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: L'Angolo del Cinefilo - 2011 (1 semestre)

    2)Il fiore delle Mille e una notte

    ciao Key

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti alluso dei cookie