Pagina 2 di 5 PrimoPrimo 1234 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 11 a 20 di 50

Discussione: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !

  1. #11
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    17,012
    Grazie dati 
    4,802
    Grazie ricevuti 
    2,588
    Ringraziato in
    2,187 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !



    probabilmente ormai dimenticato e sconosciuto
    Il gioco di cui parli, per quanto mi riguarda, non è dimenticato ne sconosciuto, ma conosciuto con un altro nome: "Bandiera".


    progenitore degli attuali Uno e Solo,
    Ma guarda un po'... Lo terrò da conto per quanto si dimenticano le carte da solo.
    «Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione;
    un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato.
    » (A. Einstein)

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #12
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,847
    Ringraziato in
    5,687 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !

    Citazione Originariamente scritto da Andy86 Vedi messaggio
    .............Bandiera..........Ma guarda un po'... Lo terrò da conto per quanto si dimenticano le carte da solo.
    Ruba bandiera ......per meglio dire !!

    Eh, il nostro Marco mi/ci ha riportato indietro di tanti, tanti anni con una descrizione che non fa una grinza

    Sembra una sviolinata...ma non lo e' !
    Mentre rileggevo il post contemporaneamente rivivevo quelle gare al limite dell'estenuante e l'esaltazione di quell'attimo (l'attimo sfuggente ) in un abbraccio senza il tocco, occhi negli occhi nell'attesa che l'altro muovesse un capello prima dello scatto ....che ricordi !!

    Comunque Marco, questa estate l'ho visto praticare sulla sabbia e quindi c'e' la speranza che alcuni di questi vecchi giochi superino le barriere del tempo e chissa'....

    @Andy
    Hai detto giusto...io il Dernier (che vuol dire "ultimo") l'ho proprio conosciuto con le carte francesi quando non esistevano Uno e Solo, anzi, non esisteva nessuno dei giochi in formato carte confezionate.
    Ora se ne trovano molti e di un paio di loro parlero' prossimamente

    per il contributo Marco

  4. #13
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,847
    Ringraziato in
    5,687 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !

    Si avvicina dicembre e con esso la voglia di riunirsi e giocare.
    Di quale gioco di carte potevo perlare se non il


    Sono stati scritti migliaia di libri su quello che a modesto parere ritengo il gioco di carte piu' bello e affascinante in assoluto (IMHO).
    Non pretendo qui di fornire lezioni (mi ritengo solo un modesto giocatore) ma vorrei offrire una sintesi completa per coloro che non lo conoscono o per coloro, e sono tanti, che applicano "variazioni scorrette" circa le sue regole o le modalita' stesse di giocare.
    Sia ben chiaro, ognuno sceglie e decide come giocare, ma non si possono sovvertire delle basi indispensabili a stravolgimento della logica e della regolarita' !

    C'e' subito da dire che la caratteristica fondamentale e forse unica del Poker risiede nella possibilita' di dare a capire di avere in mano carte che di fatto non ci sono o, se ci sono, possono anche valere meno di quanto si da' ad intendere; in una sola parola: bluffare !!
    Ovviamente nel Poker non c'e' solo il "bluff", che tra l'altro richiede abilita' nel gestirlo, ma una serie di comportamenti finanche psicologici, spirito d'iniziativa e d'osservazione, di freddezza e d'istinto che ne fanno senza dubbio un gioco completo e appassionante dove l'azzardo non e' elemento primario, ma solo una bella cornice di stimolo per rendere interessante il confronto tra i giocatori.

    Si puo' dire che si tratta di un tipo di azzardo "controllabile" attraverso comportamenti che non dipendono piu' esclusivamente dalla natura del gioco, ma piuttosto dalle qualita' personali di chi lo pratica.

    Alcuni dicono che il Poker sia un gioco per chi possiede un buon livello intellettuale, inteso per intelligenza, e benche' non desideri discutere su questo debbo ammettere, per esperienza, che i giocatori "scartine" hanno sempre avuto vita breve.

    In questo post non intendo dare spiegazioni e descrizioni del gioco visto che esistono manuali e in rete si trovano guide ben fatte, piu' che altro volevo sottolinere delle modalita' di gioco non ortodosse (e per me errate) e, se possibile, dare modesti consigli per partecipare ad una partita con un minimo di stile.

    I riferimenti successivi si intendono validi per una partita classica con 4 giocatori in cui il mazzo di carte contenga come minima carta il "7" secondo la formula: 11 (numero fisso) - il numero di giocatori
    ovvero, 11 - 4 = 7 (carta minima da utilizzare).

    Combinazioni e punteggi

    Le combinazioni del Poker sono 9 architettate in modo tale che quella piu' alta, di massimo valore, ha la minore probabilita' di uscita.
    Una "scala reale", per esempio, ha una probabilita' su quasi 4 miliardi di trovarsi in mano a due giocatori contemporaneamente.

    La regola fondamentale di base da ricordare sempre e' che il valore della carta conta piu' di tutto e che solo a parita' di valore sara' necessario confrontare il seme secondo la sequenza cuori, quadri, fiori, picche (Come, quando, fuori, piove...modo semplice per ricordare la sequenza).

    Nonostante cio' vi sono giocatori che non seguono detta regola e che preferiscono, a parita' di valore, controllare il valore della seconda carta, della terza, e così via, e solo all'ultima confrontare i relativi semi.
    In un certo senso vengono confrontati i valori della "sequenza" nel suo insieme e non piu' della singola carta.

    Esempio:

    Giocatore A = K,j,9,8,7
    Giocatore B = K,Q,9,8,7

    Secondo regola dovrebbe vincere il "K" del seme piu' alto
    Secondo l'altra applicazione della regola vincerebbe il giocatore "B" possedendo una "Q" che batte il "J".

    Si puo' dire allora che benche' questo secondo modo procedurale non segua la regola potra' essere accettato purche' i giocatori lo determinino prima di iniziare la partita.

    Nota a lato: la doppia coppia formata da due "Assi" + due "Kappa" e' denominata Titanic in quanto pur essendo "vestita" e di valore massimo, viene pero' battuta da un semplice (e brutto) tris (di "2", magari !)

    Colore (o flush)

    Anche qui mi sono imbattuto spesso in una "variante" della regola che ritengo sbagliata ma che, per il discorso fatto in precedenza, se decisa ad inizio partita, potra' essere comunque valida.

    Tra due colori vince quello con la carta di valore maggiore.

    Esempio:

    Giocatore A = A,Q,9,8,7 a picche
    Giocatore B = K,J,9,8,7 a quadri

    Vince il giocatore "A" perche' il suo colore e' all'Asso

    Secondo l'applicazione "contro-regola" si attribuisce la vittoria, invece, al giocatore "B" perche' in possesso del seme "quadri" che secondo la successione cuori, quadri, fiori, picche viene prima.

    E' mia ipotesi, non confermata, che queste varianti siano conseguenza delle diverse modalita' di gioco del poker dovute al numero di combinazioni possibili usando un mazzo di carte intero (52 carte jolly esclusi).
    Usando tutte le carte, infatti, si verrebbe a creare la condizione per cui il "tris" avrebbe minori possibilita' d'uscita e quindi batterebbe una "scala" (che ne avrebbe maggiori) così come il "colore" rispetto al "full"

    Combinazioni favorevoli Probabilità %

    Una coppia.... 1.098.240 .....42,26%
    Due coppie....... 123.552 ......4,75%
    Tris.................. 54.912 ......2,11%
    Scala................ 10.200 ......0,39%
    Colore................. 5.108 ......0,20%
    Full..................... 3.744 ......0,14%
    Poker..................... 624 .....0,024%
    Scala colore.............. 36 ....0,0014%
    Scala reale................. 4 ...0,00015%

    TOTALE.......... 1.296.420 ......49,88%

    Snaturare il poker

    Se ci si siede ad un tavolo di poker si deve essere consapevoli dei rischi che questo comporta e benche' spesso questo avvenga tra amici o parenti non dovrebbe comunque intendersi nel medesimo modo in cui si affronterebbe una partitina a scopa !

    Al riguardo capita di ascoltare, per esempio, la divisione del piatto nel caso si affrontino due "scale reali".
    Non credo sia una applicazione corretta.
    Non lo e' innanzi tutto per l'onore che si dovrebbe a questo gioco.
    La scala reale e' un evento rarissimo che inorgoglisce anche per il solo fatto di averlo realizzato (e che talvolta viene pagato con un extra !) ed anche se magari non si ricava un piatto all'altezza.
    Non lo e' perche' la concezione stessa del poker prevede che vi sia un solo vincitore.
    Non lo e' infine perche' un punto così elevato "merita" senz'altro di essere ripagato proprio per la sua rarita'.

    Si dice che vi siano solo due modi di giocare, quello all'americana e quello alla europea.
    Il primo piu' spregiudicato e temerario, alla "tutto per tutto" e ad elevato rischio e il secondo, il nostro, piu' controllato, piu' logico pur mantenendo la giusta dose di emotivita'.
    Non so se sia vero, quello che so e' che per affrontare una partita di poker occorre essere versatili ed esperti e conoscere bene le regole.


    Poker: ovvero come giocarlo senza alterare le sue caratteristiche mantenendo al contempo il suo fascino e non dilapidare patrimoni !

    Il titolo non dice molto e soprattutto non puo' interessare chi frequenta spesso i tavoli da gioco nei club o in privato con la sola idea di portare a casa parecchi soldi.
    Questo punto e' dedicato a quanti sono soliti nel periodo festivo organizzare partite con amici o parenti e che vogliono divertirsi con questo gioco fantastico senza pero' vuotare le tasche al termine della serata.

    Avendolo giocato con le regole corrette posso quindi tetimoniare che, nel tempo, lo studio di eventuali accorgimenti tesi a mantenere l'alea (il rischio) senza pero' sborsare enormi cifre, ha sempre alterato il gioco impoverendolo e trasformandolo in altro.

    Inibire i rilanci, limitarli, vietare il controbuio, giocare con i resti, limitare le aperture, non giocare i piatti di parola, ecc..., sono stati tutti espedienti provati e riprovati con risultati deludenti evidenziando in qualche caso sproporzioni e comunque sempre depauperando il poker delle sue caratteristiche piu' esaltanti.

    "Cosa fare ?"... vi domanderete !

    Una cosa semplice semplice; un artificio gia' sperimentato negli anni che ha sempre soddisfatto sia i vincenti che i perdenti facendoci alzare dal tavolo sicuri di aver giocato, bluffato, combattuto con i giusti stimoli.

    L'artificio e' il seguente:
    prima di sedersi al tavolo i giocatori, di comune accordo, oltre a decidere la posta di partenza dovranno anche decidere 3 valori usando 3 carte (o anche dei bigliettini) con cui dividere le vincite a fine gioco.

    Per esempio si potrebbero accantonare 3 carte: un 2, un 5 e un 8.

    Al termine della serata il perdente estrarra' una di quelle carte e le relative vincite (e quindi anche le perdite) saranno divise per quel valore.
    Semplice.
    Se il perdente peschera' un 8 si potra' dire fortunato; pescando il 2 avra' comunque dimezzato la sua perdita.

    Qualcuno dira': "Beh, cosa cambia ?"
    Cambia eccome !

    Primo: anche se si conoscono in partenza quei valori durante il corso del gioco non peseranno piu' di tanto
    Secondo: proprio perche' si conoscono, ognuno potra' farsi dei conti per quanto concerne la cifra che e' disposto a perdere se andra' male
    Terzo: si evita così che un ipotetico "giro favorevole" (quasi sempre, prima o poi, la carta gira nel verso giusto) non venga "stoppato" da un rilancio irrisorio perche' magari bloccato e/o limitato

    Il mio consiglio e' di provarlo !

    Dopo anni e anni di gioco, questa, e' stata l'unica via decente per conciliare divertimento e la passione senza tornare a casa ammaccati o, peggio, con i "buffi" !


    Mantenere lo stile

    Si, perche' al Poker questo e' dovuto.
    L'atmosfera e' importante quanto il gioco; preparazione e svolgimento corretti depongono per una partita appassionante e avvincente, quindi:

    - stabilire subito le eventuali varianti di gioco (se vi sono)
    - stabilire subito il valore del Cip e della Puglia (posta)
    - stabilire subito la durata della partita
    - stabilire eventuali limiti di rilancio
    - stabilire eventuali giochi per "spezzare" il poker (teresina o telesina)
    - stabilire i posti al tavolo (esempio: prendere 4 assi e 4 jack disporre i 4 assi coperti sul tavolo come nord, sud, est , ovest; coprire e mischiare i Jack e porli sul tavolo; ogni giocatore ne pesca uno; scoprire gli assi; ogni giocatore siedera' dove sara' l'asso con lo stesso seme del suo jack; il Jack di cuori sara' il mazziere)

    Il punto "mi gioco anche la casa" !!

    La partita con 4 giocatori e' ritenuta la migliore in assoluto per scorrevolezza e frequenza di bei punti.
    Quella in 5 e' buona ma non altrettanto affascinante.

    Come detto, per la farmula dell'11, in 4 si gioca con il "7" come carta piu' bassa e come comandamento basilare, il poker non deve, o meglio dire, dovrebbe assicurare mai un "punto certo" al giocatore per mantenere quell'alea corretta e la giusta incertezza di vittoria....ma non e' così !

    Infatti e' bene che si sappia che un "punto sicuro" al poker in 4 giocatori con carta minima il "7" e senza il ripescaggio di scarti esiste e lo spiego con un esempio:

    Un qualsiasi giocatore riceve dal mazziere le carte seguenti: 10, 10, A, Q, J

    Allo scarto mantiene solo i due "10"

    Gli entrano altri due "10" ed un "K" e quindi avra': 10, 10, 10, 10, K .....poker di 10 + K

    Questo punto sara' imbattibile !!!!!!

    Infatti il "K" ricevuto e A, Q e J scartati assicurano che non vi siano altri poker possibili; i 10 in mano assicurano che non vi siano scale possibili (tutte le scale contemplano il 10)

    Sapendo cio' verrebbe da dire che allora e' meglio aggiungere i "6" per ovviare a quel punto, ma aggiungerli sacrificherebbe il gioco.

    Nella mia lunga carriera di giocatore non e' mai avvenuta una cosa del genere e se dovessi scegliere preferirei correre il rischio pur di mantenere quella soddisfaciente tensione emotiva che esiste giocando con i "7" calcolando anche che si e' solitamente tra amici e che eventuali perdite sarebbero gestite con quell'artificio di cui sopra.

    Beh, sperando di avervi almeno interessati vi saluto e leggero' volentieri vostre opinioni e commenti
    Ultima modifica di Armandillo; 30-10-10 alle 14: 47.

  5. #14
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Salerno
    Messaggi
    18,610
    Grazie dati 
    11,536
    Grazie ricevuti 
    13,950
    Ringraziato in
    7,446 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !

    hellò

    grande Arma, che bello questo post sul POKER, il più bel gioco di carte che c'è

    l'ho letto con estremo piacere ed interesse perchè anche io, come te, ne sono un appassionato e l'ho giocato spesso negli anni passati, ricordo con piacere le lunghe nottate con gli amici, al tavolo verde, nel periodo universitario

    adesso riesco a fare qualche partita giusto sotto Natale, e neanche tutti gli anni

    Io l'ho sempre giocato facendo prevalere il seme a parità di punteggio, anche nel colore, ma sono a conoscenza delle varianti di cui hai parlato, così come coscevo pure la "storiella" del poker di 10 (simpatico aneddoto dei pokeristi incalliti)

    E' il re dei giochi ma, essendo un gioco d'azzardo (inutile girarci intorno), è spesso accompagnato da una brutta nomea e viene visto con diffidenza (o addirittura con timore) dai non "addetti ai lavori".

    Il problema maggiore di questo gioco, come tu hai ottimamente evidenziato, è che se non lo giochi seconda regola (quindi a soldi) non è divertente e perde tutto il suo fascino

    che senso ha, ad esempio, un bluff se non c'è posta in palio ? si falsa tutto il senso del gioco perchè chiunque va a vedere senza rischio

    a proposito tu come lo giocavi ? con la resta ? o a rilancio "libero" ?

    noi per resta (o dote, non so come la chiamavi tu) intendevamo questo:

    si stabiliva la dote iniziale, ad esempio 10mila lire e ciascun giocatore cambiava quella somma in fiches (ma anche i soldi del Monopoli andavano bene all'occorrenza )

    quando la tua dote finiva (o quando lo si riteneva opportuno, ma sempre prima di dare le carte) si poteva chiedere di cambiare altre reste (una, due o quante necessarie per mettersi all'altezza di quello che vinceva di più)

    ogni giocatore poteva puntare al massimo quello che aveva davanti, per questo era fondamentale mettersi all'altezza dei più forti prima di dare le carte

    noi lo abbiamo giocato sempre così, anche perchè il "rilancio libero" era un concetto fuori dalla nostra portata (ovviamente) e poi non mi è mai sembrato molto sportivo

    ovviamente, per evidenti motivi di budget, visto che si giocava sempre tra amici (e mai per azzardo puro ma per divertimento) abbiamo sempre adottato tecniche simili a quella da te specificata

    e concordo con te nel dire che il migliore compromesso è quello di estrarre, alla fine, un numero per cui dividere le vincite e le perdite, perchè saperlo dall'inizio comunque ti influenza un po' nel prendere le decisioni critiche

    la mano più bella che mi è capitato di vincere è stata con un poker di donne contro un colore di quadri ed un full di Jack.....memorabile! anche se per quasi un anno qualcuno mi "tolse il saluto"

    Ultima modifica di Strider; 31-10-10 alle 13: 15.
    "Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert." (Quentin Tarantino)

  6. #15
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,847
    Ringraziato in
    5,687 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !

    Citazione Originariamente scritto da Strider Vedi messaggio
    a proposito tu come lo giocavi ? con la resta ? o a rilancio "libero" ?


    Intanto grazie per il contributo ...circa la "posta", questo il nome, ci regolavamo secondo le proprie possibilita'.
    Giocando tra amici ognuno si recava nella casa-bisca con un tot stabilito in precedenza oltre cui non sarebbe mai andato

    Poi si stabiliva appunto il valore della posta che quando terminava poteva essere richiesta nuovamente.
    Il rilancio era praticamente libero perche', per fortuna, ognuno sapeva gestirsi senza oltrepassare certi limiti

    Considera che al tavolo eravamo sempre gli stessi, ormai sperimentati dopo anni di nottate e lo eravamo al tal punto che un rilancio poco poco fuori misura induceva immediatamente alla fuga !!!

    Bastava uno sguardo o un fremito per capire al volo che il punto c'era e le risate conseguenti spesso costringevano a scoprirlo anche senza andarlo a vedere

    Tieni presente che nel post, per brevita', ho accennato a quelle variazioni piu' eclatanti, ma ci sarebbe da dire molto altro soprattutto riguardo il corretto svolgimento dei piatti di parola, per esempio, o delle aperture o del buio.

    Quando decidemmo con gli amici di giocare un poker che fosse il piu' corretto possibile, comprammo un libro, il piu' serio, con le regole applicate nei club inglesi dove perfino era regolamentata l'assenza momentanea di un giocatore che dovesse recarsi alla toilette !!

    Una curiosita' (che avevo omesso nell'altro post) riguarda l'apertura.
    Anche qui ci sono delle varianti, ma io riporto quella delle regole ufficiali dei club: l'apertura inizia con i Jack, poi alle Donne, poi ai Kappa.
    Se persiste la mancanza si ripete ai Kappa per altre due volte (tre totali) quindi si ridiscende tornando alle Donne e poi ai Jack !!

    Altro aspetto forse poco conosciuto e' che si puo' continuare a giocare a poker anche se una o piu' carte sono state scoperte involontariamente purche' non siano dello stesso giocatore !
    Quando si effettua lo scarto e un giocatore chiede 4 carte il mazziere non deve consegnarne solo 3 poi toglierne una dal mazzo e infine consegnare la 4ta....deve darne 4 tutte assieme !!

    Come vedi l'argomento e' vasto, pero' gia' conoscere quelle regole base e' sufficiente ...a nessuno di noi, soprattutto in famiglia, e' richiesto l'abc del poker, sarebbe oltremodo pesante e in un certo senso inutile !


  7. #16
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,847
    Ringraziato in
    5,687 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !



    Oggi voglio parlare di uno dei miei preferiti giochi di carte (tipo Uno o Solo), il:




    "Sei" e' un gioco della Dal Negro uscito diverso tempo fa (ma forse si trova ancora) e lo ritengo molto accattivante perche' oltre al divertimento inserisce una componente strategica non comune agli altri giochi del genere.

    L'aspetto della fortuna/sfortuna incide esclusivamente alla distribuzione delle carte ma puo' essere sovvertita da una sapiente scelta di gioco.

    Le carte sono "anomale" nel senso che la numerazione riportata non riflette quella delle comuni carte da gioco.
    Le carte sono 104 e riportano appunto questa numerazione e in piu' presentano stampati una serie di pallini neri che ne determinano il valore di penalita'.

    Lo scopo del gioco e' quello di rimanere con meno carte possibili al termine della mano cercando di favorire le altrui prese.
    La particolarita' risiede proprio in quest'ultima fase; giocare la carta giusta per fare in modo di "incastrare" gli avversari costringendoli a mosse obbligate.

    Spiegare l'architettura del gioco e' piu' complicato che non giocarlo (e' quasi sempre così !) ma ci provo

    Dunque, vengono distribuite 10 carte per giocatore (se si gioca in 4) ed altre 4 vengono posizionate a terra nel senso verticale.

    Ogni giocatore quindi pensa alla carta da giocare, la pone davanti a se e poi tutti assieme la voltano.
    Gioca per primo quello che ha la carta piu' bassa e deve porla obbligatoriamente accanto alla carta precedente piu' vicina come valore, esempio:

    a terra vi sono 5 - 24 - 78 - 101 e un giocatore ha voltato un 98 ; questa sua carta andra' accanto al 78 .

    Il gioco prosegue in questa successione tenendo presente pero' che ogni fila sara' composta da 5 carte e quindi la sesta (l'ultima) che si pone a terra fara' raccogliere tutta la fila divenendo a sua volta "carta di partenza" per il turno successivo !!

    L'astuzia consiste quindi nel giocare carte in modo tale da non essere costretti a raccogliere le file, cioe' pallini neri, cioe' punti penalita' o quantomeno raccogliere quella fila che ne presenta un minor numero !

    I vari giocatori dovranno altresì tener presente che non tutte le carte verranno distribuite e che quindi non c'e' certezza che vi siano determinati valori in mano agli avversari !
    Questo fa in modo di mantenere sempre una incognita nel gioco perche' il possessore, per esempio, della carta 101 non puo' sapere se altri hanno in mano la 102, 103 o 104 !

    Insomma, un gioco veramente diverso dai soliti che fa ridere e pensare al contempo.

    Io lo consiglio vivamente per trascorrere serate divertenti con gli amici

    Ultima modifica di Armandillo; 07-11-10 alle 15: 06.

  8. #17
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    17,012
    Grazie dati 
    4,802
    Grazie ricevuti 
    2,588
    Ringraziato in
    2,187 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !



    Non ho capito esattamente come si vince, sicuro di averlo spiegato?

    Comunque:

    e deve porla obbligatoriamente accanto alla carta piu' vicina come valore, esempio:

    a terra vi sono 5 - 24 - 78 - 101 e un giocatore ha voltato un 98 ; questa sua carta andra' accanto al 78 .
    Più vicina si intende anche tra quelle più basse? No, perché tra 78 e 98 ci passano '20' numeri... il 101 è dopo 3...

    (Prima o poi dovrò farmi venire in mente anch'io qualcosa da recensire... Mi sento tanto piccolo qui dentro... )
    «Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione;
    un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato.
    » (A. Einstein)

  9. #18
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,847
    Ringraziato in
    5,687 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !

    Citazione Originariamente scritto da Andy86 Vedi messaggio
    Non ho capito esattamente come si vince, sicuro di averlo spiegato?
    Come nel Dernier o nell'Uno vince chi ha fatto meno punti-penalita'.
    Al termine della partita si stila una classifica dal peggiore al migliore.


    Citazione Originariamente scritto da Andy86 Vedi messaggio
    Più vicina si intende anche tra quelle più basse? No, perché tra 78 e 98 ci passano '20' numeri... il 101 è dopo 3...
    Beh, forse avrei dovuto specificarlo
    Si gioca la carta ponendola accanto a quella subito precedente piu' bassa ...così e' meglio !

    Citazione Originariamente scritto da Andy86 Vedi messaggio
    (Prima o poi dovrò farmi venire in mente anch'io qualcosa da recensire... Mi sento tanto piccolo qui dentro... )
    Caro Andy vorrei essere al tuo posto
    Per me significherebbe tornare indietro di tanti tanti anni

    Gli anni non sempre portano saggezza, ma sicuramente portano esperienze, quindi conoscenze, quindi anche argomenti da presentare.

    Tu sei giovane e come tale ne avrai strada da percorrere e cose da dire e da scrivere...non angustiarti prima del necessario


  10. #19
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    17,012
    Grazie dati 
    4,802
    Grazie ricevuti 
    2,588
    Ringraziato in
    2,187 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !


    non angustiarti prima del necessario
    Ti prego, non farmi venire la sindrome di Peter Pan... In realtà non intendevo piccolo in senso di età, ma di contributi...
    Cioè non resisto a vedere questa discussione e a non contribuirvi con qualcosa di particolare.

    ----------------------------------------------------------------------------------------

    Beh, mi è venuta in mente una cosina non troppo famosa. Molto simile ai bellissimi (e miei preferiti) "Scala 40" e "Machiavelli" si annovera la:


    SCALA REALE

    Il gioco è molto semplice e meno accattivante dei suoi fratelli maggiori, in quanto conta molto la fortuna e poco l'abilità, ed alcune partite potrebbero essere tanto lunghe da essere "piantate".

    Le regole sono abbastanza semplici per chi già conosce una qualunque variante del Ramino, e per gli altri potrebbe anche essere una rampa di lancio per avvicinarsi a questo tipo di giochi.

    Si parte con la classica smazzata: tredici carte per ciascuno ed il resto si mette a centro tavolo con una carta girata; quindi a turno ogni giocatore pesca una carta

    A turno si pesca una carta, scegliendo indifferentemente la prima del tallone o del pozzo degli scarti, e, secondo propria strategia, se scarta un'altra.

    E qui casca il fulcro del gioco. Infatti non è possibile mettere giù (o aprire, scendere, calare... che dir si voglia, dialetto comanda) normali tris o scale di tre carte, ma solo, come dice il nome, una scala reale, ovvero una scala completa dall'asso al re.

    Premesso questo, il gioco continua sulla stessa linea finché uno dei giocatori non riesce a comporre la scala reale e chiudere il gioco. Ovviamente quando un giocatore chiude, non deve scartare (sarebbe impossibile).

    Per ovvi motivi non si gioca a punti, ma solo a chiusure. Non è attuabile una strategia al ribasso dei punti perché andrebbe contro l'obbiettivo finale, e se tutti cercassero il ribasso non chiuderebbe più nessuno...

    Personalmente credo che l'unica strategia attuabile in queste sfide sia quella di accumulare solo carte di uno solo seme sperando che chi gioca appena prima di noi non abbia scelto lo stesso seme...

    E con questo credo di aver detto tutto... Gioco corto, spiegazione corta.

    «Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione;
    un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato.
    » (A. Einstein)

  11. #20
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Una bolla di sapone in punta di spillo
    Messaggi
    33,389
    Grazie dati 
    11,488
    Grazie ricevuti 
    8,847
    Ringraziato in
    5,687 post

    Riferimento: Giochi: vecchi o nuovi, commenti, regole, immagini, trucchi...tutto !

    Citazione Originariamente scritto da Andy86 Vedi messaggio
    E con questo credo di aver detto tutto... Gioco corto, spiegazione corta.

    Piccolissimo interrogativo, anche se immagino la risposta.....e i Jolly ?



    PS: il senso di quel "piccolo" mi era chiaro ed infatti nella mia equazione piccolo era inversamente proporzionale all'esperienza !

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie