Pagina 3 di 4 PrimoPrimo 1234 UltimoUltimo
Mostra risultati da 21 a 30 di 31

Discussione: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

  1. #21
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,969
    Grazie dati 
    6,179
    Grazie ricevuti 
    5,875
    Ringraziato in
    3,007 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Citazione Originariamente scritto da ( Deep Silence )
    Immagino, comunque, che ad usb staccata e computer spento la formula casi favorevoli/casi possibili darà un numero molto minore rispetto a prima...
    beh... la sfiga è sempre in agguato

    comunque non esistono casistiche attendibili
    i test che vengono effettuati sono sempre con in mente l'ottica "aziendale" ove l'hardware rimane acceso 24/24-365/365, non quella "domestica"
    poi è ovvio che è più facile trovare qualcuno con il seagate, il maxtor, il western digital, che lo ha lasciato a piedi, piuttosto di qualcuno che si lamenti di un hitachi (è una questione di numeri... più apparecchi si vendono, più è probabile che qualcuno si guasti...)
    ci sarà poi sempre quello che dirà categoricamente che non bisogna spegnerli mai, quello che una volta accesi, non bisogna spegnerli subito, come chi non ha mai avuto alcun tipo di problema indipendentemente da come si sia comportato...

    il problema principale è la corrente, difatti il momento critico è sempre quello dell'accensione e dello spegnimento
    a orecchio io la differenza la sento, tra lo staccare la spina di un hard disk che sta girando, e lo spegnere un interruttore: il primo hard disk è come se si bloccasse di botto... il secondo sembra un velivolo che plana...
    ci sono hard disks esterni che dopo un tot d'inattività fanno quello che fa il tuo quando stacchi l'usb: scollegano la meccanica (ovvero sospendono la rotazione)

    al limite se la corrente in casa non salta e non si vuole ricorrere ad un ups, ci sono delle ciabatte che proteggono dalla sovratensione (es.)
    in caso di temporale (io tuoni e fulmini li conto sulle dita di una mano nel corso dell'anno) come detto c'è poco da fare... (lì non c'è ups che tenga) bisogna staccare tutto... anche il cavo del telefono dal modem/router

    ad ogni modo, come ti è stato ribadito, e come ti sei reso conto da te, devi per forza di cose mettere a punto una strategia di backup


    Rispondi citando Rispondi citando Il mio PC

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Località
    mondo google
    Messaggi
    molti
     
  3. #22
    Data registrazione
    Sep 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    11
    Grazie dati 
    16
    Grazie ricevuti 
    0
    Ringraziato in
    0 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Citazione Originariamente scritto da calaf Vedi messaggio
    Ciao Deep,

    Indipendentemente dalle valide considerazioni e consigli che t'hanno porto gli altri amici forummisti ritengo che sia utile non trascurare l'opportunità di una configurazione Raid utilizzata con rimarchevoli risultati da studi legali e di progettazione da me frequentati.
    Ti assicuro che una perdita di dati da parte loro sarebbe un disastro.
    Altra soluzione è quella di backup su BD. Tutto sommato 25 GB non sono pochi. Ne esistono anche riscrivibili.
    Grazie per la risposta calaf.
    Allora si, implementare un RAID è stato sempre il mio "sogno", però capirai bene che bisogna mettere in conto delle cose tra i quali i costi.
    In quando al backup du BD effettivamente potrebbe tornarmi utile :)



    Citazione Originariamente scritto da wrongway Vedi messaggio
    beh... la sfiga è sempre in agguato
    AAAAAASSSSSSSDDDDDD

    Citazione Originariamente scritto da wrongway Vedi messaggio
    comunque non esistono casistiche attendibili
    i test che vengono effettuati sono sempre con in mente l'ottica "aziendale" ove l'hardware rimane acceso 24/24-365/365, non quella "domestica"
    poi è ovvio che è più facile trovare qualcuno con il seagate, il maxtor, il western digital, che lo ha lasciato a piedi, piuttosto di qualcuno che si lamenti di un hitachi (è una questione di numeri... più apparecchi si vendono, più è probabile che qualcuno si guasti...)
    ci sarà poi sempre quello che dirà categoricamente che non bisogna spegnerli mai, quello che una volta accesi, non bisogna spegnerli subito, come chi non ha mai avuto alcun tipo di problema indipendentemente da come si sia comportato...
    Dillo a me... ho un hard disk maxtor da 3,5 che dopo aver cambiato pc ho deciso di tenere (100 GB non si buttano) e l'ho adattato a esterno con un box di quelli col bottone, lo attivo quasi ogni giorno (trattato sempre benissimo, rimozione sicura ecc.) e non mi ha mai dato problemi, anzi.
    Non chiedetevi "perchè se ha due hard disk si fissa con uno?", perchè i dati su quell'hd sono dati di lavoro "intoccabili", nel senso che non possono essere cancellati e devono restare non alla portata di tutti (e l'hard disk è strapieno, rimangono circa 20 MB ).

    Citazione Originariamente scritto da wrongway Vedi messaggio
    il problema principale è la corrente, difatti il momento critico è sempre quello dell'accensione e dello spegnimento
    a orecchio io la differenza la sento, tra lo staccare la spina di un hard disk che sta girando, e lo spegnere un interruttore: il primo hard disk è come se si bloccasse di botto... il secondo sembra un velivolo che plana...
    ci sono hard disks esterni che dopo un tot d'inattività fanno quello che fa il tuo quando stacchi l'usb: scollegano la meccanica (ovvero sospendono la rotazione)

    al limite se la corrente in casa non salta e non si vuole ricorrere ad un ups, ci sono delle ciabatte che proteggono dalla sovratensione (es.)
    in caso di temporale (io tuoni e fulmini li conto sulle dita di una mano nel corso dell'anno) come detto c'è poco da fare... (lì non c'è ups che tenga) bisogna staccare tutto... anche il cavo del telefono dal modem/router

    ad ogni modo, come ti è stato ribadito, e come ti sei reso conto da te, devi per forza di cose mettere a punto una strategia di backup

    backup messo in conto... per il momento ho l'hard disk perennemente in tensione giorno notte pioggia vento che l'orchestra suoni oppure no e ho spostato i dati più importanti sulla partizione D del mio hard disk principale. Ogni tanto farò una sincronizzazione e vedremo un pò.
    Ah, quella roba di disattivarsi dopo un certo periodo di inutiilizzo lo fa anche il mio modello tanto che qualche volta mi ha fatto "spaventare" perchè ci metteva tre ore per riattivare la meccanica quando volevo salvarci qualcosa ed essendo comunque abbastanza silenzioso non è che mi rendevo conto subito :P

    Perdona se te lo chiedo... ma come si fa a vedere se la ciabatta ha un filtro? C'è scritto qualcosa in particolare?
    Scusami ma io di elettronica capisco poco anzi niente...

    Giusto che non l'ho ancora fatto presente... il mio hd è questo
    Immagine ridotta

    e la cosa che mi da più sullo stomaco è la copertura di plastica con le prese d'aria sotto ^^'
    Ultima modifica di ( Deep Silence ); 30-09-10 alle 15: 32.

    Rispondi citando Rispondi citando Il mio PC

  4. #23
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,969
    Grazie dati 
    6,179
    Grazie ricevuti 
    5,875
    Ringraziato in
    3,007 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Citazione Originariamente scritto da ( Deep Silence )
    ma come si fa a vedere se la ciabatta ha un filtro? C'è scritto qualcosa in particolare?
    le specifiche sono dichiarate sulla confezione
    se si ha già una ciabatta e non si è sicuri che offra quel tipo di protezione, cercando marca e modello su internet, le specifiche dovrebbero saltare fuori
    Citazione Originariamente scritto da ( Deep Silence )
    e la cosa che mi da più sullo stomaco è la copertura di plastica con le prese d'aria sotto ^^'
    è essenziale che non si scaldi eccessivamente
    nella discussione linkatati, su quell'hard disk esterno ancora un po' e ci si potevano cuocere le uova!
    prova a monitorarla con HDDScan (se il "Temperature Monitor" riesce a rilevarla)

    Rispondi citando Rispondi citando Il mio PC

  5. #24
    Data registrazione
    Sep 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    11
    Grazie dati 
    16
    Grazie ricevuti 
    0
    Ringraziato in
    0 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Citazione Originariamente scritto da wrongway Vedi messaggio
    le specifiche sono dichiarate sulla confezione
    se si ha già una ciabatta e non si è sicuri che offra quel tipo di protezione, cercando marca e modello su internet, le specifiche dovrebbero saltare fuori

    è essenziale che non si scaldi eccessivamente
    nella discussione linkatati, su quell'hard disk esterno ancora un po' e ci si potevano cuocere le uova!
    prova a monitorarla con HDDScan (se il "Temperature Monitor" riesce a rilevarla)

    Lo monitoro quotidianamente con Everest (versione Ultimate) la temperatura resta costante sui 49°C dopo diverso tempo dal collegamento usb
    Ultima modifica di ( Deep Silence ); 30-09-10 alle 20: 18.

    Rispondi citando Rispondi citando Il mio PC

  6. #25
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    483
    Grazie dati 
    150
    Grazie ricevuti 
    272
    Ringraziato in
    218 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Citazione Originariamente scritto da ( Deep Silence ) Vedi messaggio
    Lo monitoro quotidianamente con Everest (versione Ultimate) la temperatura resta costante sui 49°C dopo diverso tempo dal collegamento usb
    mica è poco
    Visto che le prese d'aria stanno sotto, cerca di tenerlo sollevato con dei gommini o altro. La temp dovrebbe stare circa a +10°C della temp ambiente. Magari poco più visto che è esterno.
    Non credo che faccia più di 25° nella stanza, quindi 40° sarebbe già una temp da tenere a bada, non dico massima, ma insomma.... Intendo comunque in idle...


    Rispondi citando Rispondi citando Il mio PC

  7. #26
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    Padova
    Messaggi
    1,201
    Grazie dati 
    1,534
    Grazie ricevuti 
    1,882
    Ringraziato in
    826 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Citazione Originariamente scritto da deep silence
    conosco sia unlocker sia LockHunter, il problema è che unloker su xp va una bomba e anche su vista ho potuto vedere buoni risultati, ma su Seven mai funzionato,
    hai mai provato USB Safely Remove?
    è molto buono e secondo me più potente di Unlooker e inoltre puoi sconnettere e poi riconnettere le unità senza ricollegare fisicamente le porte USB che a volte è utile (non so se gli altri programmini lo fanno )
    io gli hard disk esterni che non uso molto li tengo spesso a riposo e poi quando mi serve gli attivo con quel programmino (senza passare per altre procedure più macchinose) e nonostante siano sempre sotto tensione la meccanica non è sollecitata

    Citazione Originariamente scritto da andry
    Visto che le prese d'aria stanno sotto, cerca di tenerlo sollevato con dei gommini o altro
    quoto! basta tenerlo alzato anche di poco in modo che circoli l'aria sotto e quindi si disperda il calore
    un piccolo accorgimento che però stressa molto meno l'hard disk

    come ultima cosa se valuti l'acquisto di un altro hard disk io quasi quasi opterei per un unità interna iinvece che esterna, che penso mi garantisca meno rischi e alla fine anche più durata

    però c'è da valutare un altro aspetto
    molte case produttrici di hard disk ormai garantiscono i loro prodotti dai 2 o tre anni, per quelli esterni di sicuro è cosi mentre per quelli interni ora come ora non saprei con certezza
    quindi se ti si rompe questo ti viene cambiato quasi sicuramente a meno che non si bruci per via di un fulmine e in quei casi loro non coprono
    ti dico questo perchè a me è successo sia con un Maxtor che con un Seagete che si sono rotti quasi al termine del loro rispettivo periodo di garanzia e che mi sono poi stati sostituiti con due di nuovi e di qualità migliore pure allo stesso prezzo ...
    quindi se sei fortunato puoi andare avanti molti più anni con un unico aquisto ...
    certo che devi cautelarti con dei costanti buckup per non perdere tutto

    però se per il momento non ti attrezzi di backup tipo raid su dei server NAS (uso domestico) la soluzione hard disk interno rimane quella che mi da maggiore sicurezza

    Ultima modifica di prescy; 01-10-10 alle 01: 12.

    Rispondi citando Rispondi citando

  8. #27
    Data registrazione
    Sep 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    11
    Grazie dati 
    16
    Grazie ricevuti 
    0
    Ringraziato in
    0 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Citazione Originariamente scritto da principe andry Vedi messaggio
    mica è poco
    Visto che le prese d'aria stanno sotto, cerca di tenerlo sollevato con dei gommini o altro. La temp dovrebbe stare circa a +10°C della temp ambiente. Magari poco più visto che è esterno.
    Non credo che faccia più di 25° nella stanza, quindi 40° sarebbe già una temp da tenere a bada, non dico massima, ma insomma.... Intendo comunque in idle...

    Vero anche questo, in effetti il mio HITACHI interno non supera mai i 39° e se dico mai voglio dire proprio mai.
    I gommini quel modello li ha ma non sono certo ideati per tenere l'hard disk sollevato, penso sia più un fatto di sicurerezza per non farlo scivolare.
    Comunque mi hai dato un'idea... ho preso due custodie di CD (soluzione provvisoria) e le ho piazzate all'estremità dell'involucro, poi l'ho appoggiato su in modo da tenerlo sollevato.
    Ora è collegato via usb da pochi minuti, everst mi segna una temperatora di 33° per il momento. Vediamo.


    Citazione Originariamente scritto da prescy Vedi messaggio
    hai mai provato USB Safely Remove?
    è molto buono e secondo me più potente di Unlooker e inoltre puoi sconnettere e poi riconnettere le unità senza ricollegare fisicamente le porte USB che a volte è utile (non so se gli altri programmini lo fanno )
    io gli hard disk esterni che non uso molto li tengo spesso a riposo e poi quando mi serve gli attivo con quel programmino (senza passare per altre procedure più macchinose) e nonostante siano sempre sotto tensione la meccanica non è sollecitata
    No, sinceramente mai provato, ma grazie del suggerimento :)
    Alora il discorso è che io lo uso molto spesso, lo tengo sempre sotto tensione ma fortunatamente come scritto in un precedente post la meccanica si ferma con lo scollegamento dell'USB per poi riattivarsi in automatico, quindi preferisco andare avanti così almeno per ora.

    Citazione Originariamente scritto da prescy Vedi messaggio
    quoto! basta tenerlo alzato anche di poco in modo che circoli l'aria sotto e quindi si disperda il calore
    un piccolo accorgimento che però stressa molto meno l'hard disk

    come ultima cosa se valuti l'acquisto di un altro hard disk io quasi quasi opterei per un unità interna iinvece che esterna, che penso mi garantisca meno rischi e alla fine anche più durata

    però c'è da valutare un altro aspetto
    molte case produttrici di hard disk ormai garantiscono i loro prodotti dai 2 o tre anni, per quelli esterni di sicuro è cosi mentre per quelli interni ora come ora non saprei con certezza
    quindi se ti si rompe questo ti viene cambiato quasi sicuramente a meno che non si bruci per via di un fulmine e in quei casi loro non coprono
    ti dico questo perchè a me è successo sia con un Maxtor che con un Seagete che si sono rotti quasi al termine del loro rispettivo periodo di garanzia e che mi sono poi stati sostituiti con due di nuovi e di qualità migliore pure allo stesso prezzo ...
    quindi se sei fortunato puoi andare avanti molti più anni con un unico aquisto ...
    certo che devi cautelarti con dei costanti buckup per non perdere tutto

    però se per il momento non ti attrezzi di backup tipo raid su dei server NAS (uso domestico) la soluzione hard disk interno rimane quella che mi da maggiore sicurezza

    Ti dò ragione, infatti in uno dei primi posto ho specificato che se un altro hard disk prenderò sarà interno, anche perchè è perfettamente adattabile ad esterno con un box di quelli da una quindicina di euronin alluminio e raffreddati sicuramente meglio.
    Questo hard disk era a prezzo davvero da occasione, io cercavo spazio e...

    Per quanto riguarda il backup, mi sto attrezzando.
    Già è meglio tenere due copie dei dati più importanti (una su disco principale e una di riserva su HD esterno)


    [EDIT 14:01]
    Anche con hard disk leggermente rialzato si va su temperature altine, siamo a 47 (adesso aumenta molto lentamente, ma aumenta).
    Probabilmente dopo un annetto la ventola inizia a "cedere" un pochino.
    Sento l'aria calda fuoriuscire da sotto le prese d'aria adesso provo ad alzarlo ancora un pochino, sennò pace, ho letto sulla discussione linkata sulla prima pagina che la temperatura critica si aggira sui 65°C. Da non dimenticare poi che l'involucro è di plastica e non di alluminio...
    Ultima modifica di ( Deep Silence ); 01-10-10 alle 14: 06. Motivo: Inserita temperatura HD

    Rispondi citando Rispondi citando Il mio PC

  9. #28
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    483
    Grazie dati 
    150
    Grazie ricevuti 
    272
    Ringraziato in
    218 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Se 49° non erano pochi, gli attuali 47° non cambiano sostanzialmente la storia...
    Le prese d'aria e la ventolina, sono pulite? Purtroppo più di tanto non si può fare.
    Il fatto che abbia la scocca di plastica, di certo non aiuta.

    Ma la ventolina, butta aria dentro e questa esce dalle feritoie in basso?
    Non mi sembra una configurazione ottimale... Sarebbe il caso che la ventolina estraesse l'aria calda interna, e che quella fresca entrasse da quelle feritoie...


    Rispondi citando Rispondi citando Il mio PC

  10. #29
    Data registrazione
    Sep 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    11
    Grazie dati 
    16
    Grazie ricevuti 
    0
    Ringraziato in
    0 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    Citazione Originariamente scritto da principe andry Vedi messaggio
    Se 49° non erano pochi, gli attuali 47° non cambiano sostanzialmente la storia...
    Eh si, anche perchè dopo un pò si arriva ancora a 49° :)

    Citazione Originariamente scritto da principe andry Vedi messaggio
    Le prese d'aria e la ventolina, sono pulite? Purtroppo più di tanto non si può fare.
    Il fatto che abbia la scocca di plastica, di certo non aiuta.
    Le prese d'aria sono pulite, le ho anche rilupite ma non c'era niente da togliere

    Citazione Originariamente scritto da principe andry Vedi messaggio
    Ma la ventolina, butta aria dentro e questa esce dalle feritoie in basso?
    Non mi sembra una configurazione ottimale... Sarebbe il caso che la ventolina estraesse l'aria calda interna, e che quella fresca entrasse da quelle feritoie...
    Sinceramente questo non te lo so dire con certezza, ma non è che sento esattamente fuoriuscire aria calda... sento un passaggio d'aria tutto qui, effettivamente non è che sento buttar fuori aria calda, ma è altrettanto vero che aria calda non ne sento uscire da nessuna parte proprio.

    Se una cosa "buona" volgiamo trovare è che oltre i 49°C non si va.
    Azzarderei a dire che la "colpa" è della scocca di plastica che sicuramente tratterrà un bel pò di calore all'interno.
    Il Maxtor da 100 GB che ho adattato ad esterno USB ha cinque anni di cue quattro come esterno e non va mai oltre i 40/42 proprio perchè secondo me il box è in alluminio.

    Rispondi citando Rispondi citando Il mio PC

  11. #30
    Data registrazione
    Jul 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    milano
    Messaggi
    84
    Grazie dati 
    18
    Grazie ricevuti 
    61
    Ringraziato in
    43 post

    Riferimento: Hard Disk esterno: come non rovinarli?

    ciao

    mio modesto parere su quel box, e' di pessima costruzione, i seagate scaldano pareccho e metterli in un risicato box di plastica, vuol dire non avere le idee chiare.
    per dei dati di importanza vitale, credo che nel limite del possibile non si debba stare troppo su prodotti economici.
    ti consiglio un box per 2 dischi con connessione almeno eSata, la normale usb e' lenta e spesso da problemi, detto box deve poter essere configurato in raid in modo da avere gli stessi dati su due dischi, ne schiatta uno non perdi nulla.
    secondo me i dischi migliori per riporre i dati sono i wd della serie green power, non sono dei fulmini di guerra ma scaldano pochissimo (del resto nel tuo caso non devono fare il boot del pc o avere il sistema operativo
    installato).
    questo esempio di box, mi pare un buon compromesso tra economicita' e qualita' delle sue caratteristiche.
    c'e' anche il modello con interfaccia usb 3.0, ma ovviamente devi avere una porta di questo tipo nel pc.
    http://www.drako.it/drako_catalog/pr...oducts_id=7422
    http://www.drako.it/drako_catalog/pr...oducts_id=7778
    ora sta a te valutare quanto valgono i tuoi dati e la tua tranquillita', con questo box e 2 dischi da 1 tera, spendi circa 200€

    ciao
    Ultima modifica di sheva777; 02-10-10 alle 17: 31.

    Rispondi citando Rispondi citando

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie