Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Cessati gli aggiornamenti a Windows XP SP2

  1. #1
    Data registrazione
    Aug 2009
    Sesso
    Donna
    Messaggi
    1,323
    Grazie dati 
    341
    Grazie ricevuti 
    1,798
    Ringraziato in
    719 post

    Cessati gli aggiornamenti a Windows XP SP2

    E così la fatidica data è arrivata e segna l'effettivo inizio per la "pensione" di Windows XP: dal 13 Luglio infatti Microsoft ha cessato la distribuzione di aggiornamenti di sicurezza e patch per il sistema operativo nella versione SP2, mentre continuerà a rilasciare regolarmente gli aggiornamenti per le Windows XP SP3 fino ad aprile del 2014.

    Con il SP2 Windows XP entrò nel suo effettivo periodo di grazia, rivelandosi un sistema che pur non essendo esente da bug, era di gran lunga il più stabile (a livello Home) che Microsoft avesse mai creato.
    Per questo motivo, e per il lancio mal riuscito di Vista, Windows XP è anche stato in assoluto il S.O. più longevo (oltre 10 anni), e a tutt'oggi vanta ancora più del 60% di utilizzatori, dei quali molti aziendali che non necessitano di particolari features previste nei nuovi S.O.

    Ed è probabilmente proprio per esigenze aziendali che fino al 22 Ottobre i produtori di PC avranno la possibilità di installare ancora XP SP3 in versione OEM, anche se il costo esorbitante porrà sicuramente un freno.

    <img src="http://www.collectiontricks.it/imagesbox/collection/icone/ct.png">
    Dum differtur, vita transcurrit

  2. # ADS
    Google Adsense Circuito Adsense
    Data registrazione
    da sempre
    Messaggi
    molti
     
  3. #2
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Messaggi
    32,599
    Grazie dati 
    7,586
    Grazie ricevuti 
    5,372
    Ringraziato in
    3,547 post

    Riferimento: Cessati gli aggiornamenti a Windows XP SP2

    beh per ancora 4 anni nessun problema allora,bene così

  4. #3
    Data registrazione
    Jul 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    ۩ S.P.Q.R. ۩
    Messaggi
    49
    Grazie dati 
    25
    Grazie ricevuti 
    42
    Ringraziato in
    22 post

    Riferimento: Cessati gli aggiornamenti a Windows XP SP2

    Piano piano sta andando in pensione uno dei s.o. con più successo di Microsoft

    Ci vorranno altri 4 anni per vederlo pensionare del tutto. A pensare che già si parla di W8

  5. #4
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    /dev/null
    Messaggi
    830
    Grazie dati 
    132
    Grazie ricevuti 
    426
    Ringraziato in
    341 post

    Riferimento: Cessati gli aggiornamenti a Windows XP SP2

    A testimoniarlo è l'annuncio con il quale BigM ha esteso fino al 2020, ossia il previsto ciclo di vita di Seven, il periodo in cui gli utenti che acquistano un nuovo PC con Windows 7 preinstallato hanno il diritto di effettuare il downgrade a Windows XP Professional. Dieci anni sono un'enormità in campo informatico, soprattutto considerando che XP ha già alle spalle 9 anni di vita e che, negli ultimi anni, Microsoft aveva già più volte posticipato la data di scadenza del programma di downgrade.
    Fonte: Punto Informatico

    Fate voi... altro che pensionare Xp

  6. #5
    Data registrazione
    Jan 2010
    Sesso
    Uomo
    Località
    710 Avalon Ave. Wonderland M31
    Messaggi
    5,972
    Grazie dati 
    6,181
    Grazie ricevuti 
    5,882
    Ringraziato in
    3,010 post

    Riferimento: Cessati gli aggiornamenti a Windows XP SP2

    no, c'è stato un equivoco nell'interpretazione di quando dichiarato da m$:
    Il "downgrade" a Windows XP è possibile... ma non fino al 2020

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Cookies:direttiva 2009/136/CE (E-Privacy)

Il sito utilizza cookies propri e di terze parti per maggiori informazioni faq - Termini di servizio - Cookies
Il forum non puo' funzionare senza l'uso dei cookies pertanto l'uso della community è vincolato dall'accettazione degli stessi, nel caso contrario siete pregati di lasciare la community, proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie