PDA

Visualizza versione completa : Dirglielo o non dirglielo



LadyHawke
05-03-10, 01: 35
Come da titolo del sondaggio ho pensato diverse volte alla reazione se si verificasse una situazione simile: se per qualche motivo si dovesse accidentalmente (e non volutamente) incontrare nella realtà quotidiana qualcuno, e si avesse la certezza che è una persona che fino poche ore prima si è conosciuta solo attraverso un nick e un'avatar, come ci comporteremmo?

La reazione immediata potrebbe essere scontata: presi magari dalla sorpresa e dall'euforia della scoperta, credo che il primo impulso sarebbe il classico e ammicchevole "-Ma tu sei ____! E lo sai chi sono io? :tong2 -"

Mi soffermo a pensare che però così probabilmente si contravverrebbe ad una delle più antiche leggi del web, ovvero la privacy di chi, se volesse farsi riconoscere, si metterebbe nome e cognome al posto di un nik di fantasia :ohoh
Magari poi a quello/quella non importa nulla e sarebbe pure contento di fare conoscenza, ma come si può sapere? :ehmm Tentanto un'approccio per saggiare il terreno ci si metterebbe comunque allo scoperto, soprattutto se i contatti "online" fossero abbastanza superficiali

Certo che magari è anche vero che oggi come oggi chi frequenta assiduamente Internet, Forum, Social Network e via dicendo, tracce ne lascia eccome, quindi poi alla fine una sicurezza di anonimità non si può pretendere di averla al 100%, :boh

C'è però un'altro fattore: se dovessi incontrare qualcuno e scoprissi chi è nel Web, personalmente mi sentirei anche molto a disagio non dicendo nulla, mi sentirei imbarazzata ogni volta che lo/la dovessi incontrare: anche omettere mi sembrerebbe una menzogna perchè sarei in una posizione di vantaggio rispetto all'altro, ignaro :m: ... Mi sembrerebbe come una presa in giro :triste e un domani che si dovese scoprire non potrei certo sperare di cavarmela con un "- E perchè non me lo hai detto?-"

Mamma mia che situazione però!

L'opzione è unica dato che comunque l'argomento è eticamente abbastanza delicato, ma sarebbe auspicabile un minimo di intervento a motivazione della scelta :eye

:bai

MarcoStraf
05-03-10, 01: 46
Domanda molto interessante.

Io personalmente sono una persona molto poco curiosa, specie a riguardo delle altre persone (mia moglie dice e' sia un mio difetto che una mia virtu') quindi non chiederei nulla.

Ma se dovessi chiedere, io andrei nel vago, senza fare riferimento a nessun nickname, dando all'altra persona la possibilita' di rispondere come vuole, qualcosa come
"tu mi ricordi qualcuno che ho conosciuto in internet, nel forum such'n'such"
A questo punto l'altra persona puo' dire benissimo "non conosco quel forum" (e la cosa finisce li') oppure si puo' rivelare, se e' interessata.

Ale
05-03-10, 02: 06
Se c'è una cosa che ho sempre amato del web è la libera scelta di non rivelare i miei connotati agli altri e la bellezza virtuale che ti da una frequentazione anonima visto che nella vita reale quasi sicuramente non sussisterebbe, anche perché magari non interessa più di tanto :sisi

Per questo detesto facebook e tutte quelle piattaforme in cui ci si vuole far riconoscere per socializzare, non capisco perché uno non possa socializzare senza violare la propria privacy senza considerare che fuori da questa stanza c'è un mondo pieno di gente pronta a farlo :boh

Comunque non preoccuparti Lady, non ho detto nulla quella volta che ti ho visto ballare con abiti succinti sulla tastiera figuriamoci se lo vado a raccontare proprio adesso :ghgh :fleurs

:bai

LadyHawke
05-03-10, 02: 31
La casistica è improntata su una reazione verso terzi ma anche verso se stessi in riflesso ad una situazione fortuita e accidentale: il farsi avanti vuole dire anche automaticamente esporsi, e il tacere tenersi dentro una sorta di "segreto" e non sentirsi magari propriamente corretti verso l'altra persona...

@ Marco

Neppure io sono curiosa e non lo considero un difetto visto il fastidio che spesso può darmi la curiosità altrui :tong2. Tengo anche abbastanza alla mia privacy, ma alla fine anche relativamente, visto che non ho da vergognarmi di niente che possa aver fatto con questo nick :hap , è solo una questione pratica alla quale dare una regola.

In effetti se poi ti risponde "non conosco quel forum, ma tu che nick hai lì?", si può sempre rispondere che se non lo conosce non ha alcuna importanza :bgg2


@Ale

:ohoh... ehmm... si si, lo so che non ne parleresti mai, però se mi potessi far riavere quella "T" e quella "N" che son saltate via lavoreri meglio, perchè te lo avevo detto che con i tacchi a spillo non me la vedo più tanto :lol:


:bai

Strider
05-03-10, 12: 05
anche io non sono per niente curioso riguardo agli altri ed anche a me mia moglie dice le stesse cose scritte da Marco :ghgh

tutto il mondo è paese! :bgg2

una cosa che amo molto della rete è la possibilità di restare anonimi e stringere vere amicizie in questo modo :sisi

frequento la rete dai primi anni 90 ed ho stretto molte amicizie "virtuali" in questo modo senza sentire mai il reale bisogno di conoscersi. Alcune di queste amicizie durano da anni.
A volte mi è capitato qualche incontro ma è stato determinato dal "caso" e non da un preciso bisogno da una delle due parti.
Personalmente gradisco molto un rapporto di questo tipo, così come gradisco molto anche i rapporti "normali" con gli amici o le amiche che conosco di persona.
Sono due modi diversi di dare e ricevere, ma appartengono sempre alla sfera degli affetti, degli interessi, delle passioni e dei sentimenti.
Se così non fosse non vedo perchè tanti di noi dovrebbero far parte per anni ed anni della medesima comunità in rete ed affezionarsi ad essa in modo sincero e sentito :sisi

Fatto questo preambolo ho votato per "Cercate di entrare in tema buttando là qualche frase, e se non si chiude a riccio vuoterete il sacco" perchè sono una persona socievole ma discreta al tempo stesso e quindi di certo non farei finta di niente, nè però invederei l'altrui spazio in modo grossolano e poco garbato.

:bai

Sabotender
05-03-10, 13: 22
:bai

Beh... già il fatto di identificarlo presuppone una certa curiosità, è difficile che qualcuno vada in giro con qualche segno caratteristico che possa ricondurlo a quel dato sito, quindi la decisione se dirglielo o non dirglielo è condizionata dal tipo di input che ha portato al "sospetto".
In ogni caso non deve esserci imbarazzo nel sapere e non voler condividere, se è una cosa fortuita la lascerei tra quelle trascurabili e anzi, riuscire a rispettare la riservatezza altrui è una dote che non sempre si trova in giro quini comunque apprezzabile.

Se invece l'eccitazione prende il sopravvento, il fatto di esporsi per primi passa in secondo piano e se dall'altra parte la reazione è fredda, con rispetto si torna sui propri passi... in fondo non si è offeso nessuno.

Grande importanza in un rapporto virtuale hanno sia il nik che l'avatar, condizionano l'immaginario ed è molto probabile che la "cruda realtà" possa deludere, cosa da non sottovalutare, ecco perchè ho scelto la figura di un cactus, peggio di così non posso essere di sicuro... :lol:

Come Strider ho scelto la soluzione meno invasiva, ma è solo quella che si avvicina di più al mio modo di essere: certamente socievole ma poco curioso.

CIANOVITO
05-03-10, 15: 01
La privacy, come hai ben detto Lady, non è mai sicura al 100%: qualsiasi amico, conoscente o estraneo può pubblicare un video, una foto su quest social network senza neanche volerlo (il loro scopo primario era quello di postare un video in cui egli svolge il protagonista e senza volerlo ti puoi ritrovare tu come 'comparsa') e magari tagga anche la foto dicendo "questo è tizio, caio e sempronio al mio compleanno".

Opto per la risposta "Non intendete dirgli proprio nulla: se voleva far sapere chi era non si nascondeva dietro un nick" perchè sono uno che rispetta la riservatezza e la privacy, sia perchè non mi importa (che senso ha dire tu sei Mario Rossi accanto al fine di una questione, ad esempio, sul problema della scheda madre?:bgg2) sia perchè non sono nessuno per violare la privacy altrui. Anzi, credo che una volta conosciuto di persona, ci sia più voglia di parlare insieme, di scambiarci le idee e di relazionarci sempre più saldamente senza rivelare generalità, tanto avrebbe soltanto un effetto irrilevante ai temi di cui si discutono in un forum o in un social network. Magari assumerei un discorso più colloquiale e meno formale, ma nulla che mi inviti a dire chi sei o cosa fai.

Chi si fa i fatti suoi, campa cent'anni!!!:bgg2

Però attenzione...ho buona memoria fotografica e visiva e mi ricordo di tutti i concorrenti che parteciparono ai concorsi miss e mister forum 2008-2009...:ghgh

Mnemosyne
05-03-10, 15: 24
Io so di essere curiosa, non tanto perché mi interessano i fatti dagli altri, quanto per conoscere le persone come tali. Però non mi sognerei mai di piombare nella vita di qualcuno, tipo "carramba che sorpresa! Sono io, non mi riconosci?" Pertanto dovessi incontrare per caso uno di voi, state tranquilli, non vi punterò addosso il dito urlando in mezzo alla strada "Ehi tu, so chi sei!" :lol:
Come ho votato, cercherei di buttar lì l'argomento, forse farei io outing (Sai, in CT sono Mnemo), ma non forzerei mai.

Sui social network il discorso è ampio. Come tutto, se usati bene non sono il MALE: a me facebook ha permesso di mantenere più vivi i contatti con persone che riuscivo a sentire solo saltuariamente e che per motivi vari non vedo fisicamente da anni. Ma IO non ho mai messo video/foto con terze persone e mai con un bel tag senza chiedere il benestare. E non tendo nemmeno a "chiedere amicizie" a destra e a manca.

Armandillo
05-03-10, 19: 34
:bai
interessante sondaggio :sisi

Rispondo diversamente dal solito senza aver letto post precedenti per non influenzare la mia risposta e questo non perche' non sarei sincero, ma solo per dire cio' che molte volte mi sono detto pensando a tale eventualita'.

Per mia attitudine sarei molto diretto, infatti ho votato la prima opzione, senza troppi fronzoli e accettando qualsiasi esito.
Probabilmente la penso così perche' così sono nella vita reale e, a tutt'oggi, non riesco a scindere completamente i due aspetti pur nella consapevolezza di espormi ad una platea invisibile potenzialmente enorme.

Come in altri campi credo sia sempre meglio una sincerita' "spudorata" ad una ipocrisia mascherata....senza mezze misure !!

Diciamo che si perderebbe quell'alone di mistero che in qualche modo "affascina" e che ci fa supporre fattezze, abitudini e comportamenti...ma i mezzi per ovviare vi sono se prorpio si volesse restare nell'anonimato piu' completo...

:bai

Caffettiera
06-03-10, 19: 48
ciao
io cercherei, se la situazione lo permette, di buttare qualche esca ed aspettare le reazioni senza insistere più di tanto.
ciao

calaf
06-03-10, 20: 21
Non esprimo in merito all'argomento alcuna considerazione perchè è da ritenere che un riconoscimento dal Nik e dall'Avatar sia oltremodo problematico.
Nel mio caso Calaf , ad esempio, non sta per "principe ignoto" ma al melenso Con ALtrettanto AFfetto.
L'ho buttata là!

Kirk
07-03-10, 15: 04
Non essendo neanch' io troppo curioso, ho votato la terza, se l' incontro è accidentale la volontà di un eventuale incontro non c'è o non c'è mai stata dunque non forzerei la mano e probabilmente non direi proprio niente, nemmeno buttato li..
Poi non credo che mi sentirei cosi imbarazzato rivedendo il nick in rete, il comportamento sarebbe lo stesso.
Parlo di caso ovviamente, volutamente con gente magari conosciuta da anni sul web non avrei troppi problemi, se da un lato tengo anch'io alla privacy non sono cosi chiuso, da, per esempio, non mettere una foto in un social network, o anche solo nel messenger dipende.. ma li i contatti sono voluti, non invito un utente con cui ho mai scambiato qualche messaggio in un forum anonimo nel mio messenger.

Armandillo
07-03-10, 15: 47
Vi dico la verita'....sono spiazzato !!

Mi perdonera' Lady se allarghero' il discorso oltre il sondaggio (ma in fondo il tuo post andava oltre, appunto).

In altro thread vi sono pagine e pagine di espressioni di appartenenza, talvolta con veementi interventi, pagine di passione e affetto per un simbolo di aggregazione e per amici virtuali di lungo corso.
Tutto cio' e' lodevole ma si scontra, poi, con l'assoluta negazione di curiosita' o addirittura indifferenza se vi fosse una improvvisa capacita' o occasione di riconoscimento nella vita normale....non vi sembra contraddittorio ?

Una passione o una amicizia valgono solo nell'ambito virtuale ? Senza sviluppi ?
Non so, forse la mia poca esperienza nella rete e nel forum delimitano una comprensione che ha bisogno di tempo per svilupparsi, ma sinceramente non avrei problemi nel propormi, ne' nell'ammetere una frequentazione qualora venissi "scoperto" !

Certo, come gia' ho detto nel primo post, il nick e l'avatar servono per conservare quel velo di mistero che ci fa porre delle domande quando si e' approfondito un rapporto amicale perche', e non si puo' negare, l'idea che un nome e una immagine siano maschere con cui proteggerci, mi sembra irreale !!

Le persone le conosci da cio' che esprimono e dal come lo fanno.
Il tempo da' l'idea dell'interlocutore e concede anche piu' del pensabile, ma questo io non l'interpreto come cosa negativa o invasiva....anzi, se la persona in questione si dimostra interessante e magari dichiara medesimi interessi la pena di conoscerla puo' superare ogni genere di freno !

Poi si parla di atto involontario, quindi fondamentalmente di far finta di nulla o dichiarare quel "t'ho fatto tana !" che se il soggetto ci piace potra' essere anche coinvolgente...se non ci piace di sicuro rimarra' nell'anonimato senza pentimenti.
:bai

marcella36
08-03-10, 16: 14
:bohEro fermamente convinta di aver partecipato a questa interessante discussione, ma ricercandomi non mi sono trovata. Devo aver sognato. Per esperienza personale mi è capitato di essere individuata nel forum, fui simpaticamente contattata, ma evidentemente fu una grossa delusione la scoperta che ero veramente anziana e non una giovane donna sotto mentite spoglie.:bgg2
Poiché aborro le bugie e le millanterie scrivo sempre quello che è, non cerco nemmeno d'infiocchettare il discorso,o il ricordo, così non temo smentite e se qualcuno nella vita giornaliera ricollega marcella36 a marcella è tutto ok.
Diversamente in un altro sito, dove bisogna mettere la faccia, per accontentare un amico m'iscrissi, con imbarazzo :eye mi trovai però a leggere riflessioni, gusti, spiritosaggini di persone note e ame vicine, mi è sembrato d'invadere la loro privacy, ho avuto timore di limitarne la libertà, e dopo aver avvertito l'interessato/a, che ero ormai a conoscenza di alcune sciocchezze che aveva scritto, non ho mai più frequentato quella piazza ingombrata e ingombrante.
Ci sarebbero altre cose da dire ma ho pietà di voi e mi eclisso. grazie della pazienza

LadyHawke
08-03-10, 18: 22
Intanto mi fa molto piacere il dibattito e non avevo davvero sperato tanto :hap: un sondaggio può servire a un semplice "conteggio" delle cose, ma può appunto sfociare anche in una analisi più intrigante e interessante :sisi e non sarà certo un problema se alla fine il sondaggio stesso non risultasse più così fedele :bgg2

Dunque, avevo ben specificato (credo :ohoh) la non volontarietà dell'identificazione, per cui il fattore "curiosità" va un pò a decadere.
Non è così impossibile: se vedo descrivere di qualcosa che è solo nella mia città, già so che quell'utente abita nella mia città; se si riferisce in un certo modo ad un monumento che è nel mio quartiere, capisco che abita nel mio quartiere... credo sia umano (e qui può esserci quella puntina di curiosità), a quel punto magari cominciare a pensare "-Oddio, magari questo qui lo conosco, magari lo incontro per strada e non lo so-" ... finchè non avviene qualche altro avvenimento (ma sempre fortuito) che determina la totale presa di coscienza dell'identità di quella persona: questa era la casistica :hap

L'analisi della situazione era convogliata poi su 4 fronti e ci sarebbe da parlare parecchio:
1) Fregarsene (ma si dovrebbe allora dimenticare completamente quello che si è scoperto) cosa umanamente abbastanza difficile :ohoh
2) Rimanere in una scomoda (secondo me) posizione di vantaggio perchè da quel momento tutto quello che quella persona farà nel web si può attribuire nella realtà, e la cosa ben più brutta è quella persona non lo sa :boh
3) Esporsi, e questo implica dichiarare anche la nostra identità (certo che se non abbiamo ammazzato nessuno non vedo poi tutto il problema, come dice Arma), accettando ovviamente che rimanga deluso come nel caso degli "spasimanti" di marcella :bgg2
4) Riflettere però eventualmente prima quanto la persona in questione possa aver piacere di essere riconosciuta :sisi

Ergo, argomentate gente, argomentate pure :tong2

marcella, in quel sito eri stata, se ho ben capito, invitata, e mi pare anche di capire che era una cerchia di conoscenti: quindi si presuppone che poi non interessasse granchè far sapere al resto dei partecipanti delle "sciocchezze": di certo ci vuole carattere per frequentare certi ambienti, ma pensa che più o meno quello che racconti succede ogni giorno su Facebook, col giochetto degli amici degli amici... a me non piace, ed evidentemente neppure a te :eye

Arma, c'è sempre un filo sottile che divide l'amicizia virtuale da quella reale: nonostante ti abbia già espresso l'opinione che la prima può essere talvolta più vera della seconda, possono esserci situazioni personali, familiari o quello che vuoi che in qualche modo frenano le iniziative, non ultima quella di non volere cercare un coinvolgimento totale magari in relazione alle prime due: è un discorso intricato ma spero tu capisca cosa voglio dire :ehmm


:bai

marcella36
08-03-10, 19: 37
OT dedicato a LadyHawke
Non mai sottinteso si trattasse di spasimanti, ma certamente di curiosi,
L'invito a frequentare Facebook è partito da molto lontano, ma ho trovato comunque subito e per combinazione persone note e familiari giovani. Oltretutto dove la maggior parte come è giusto sato il nome espone il proprio viso io ero (e sono perché non ho trovato come eliminarmi) senza volto né avatar, anonima. Io apprezzo l'avatar perché mi piacciono i pensieri che immagino così più veri. Spero.

LadyHawke
08-03-10, 23: 30
Lo so marcella, era solo una battuta per sottolineare il concetto :hap: non avevo neppure capito che parlavi di Facebook altrimenti non avrei risposto così: pensavo si trattasse di qualche sito con chat annessa.


:bai

Lo Zio T
09-03-10, 00: 20
Penso che tutti, chi più chi meno, sarebbero curiosi di conoscere anche solo il volto che si cela dietro ad un'avatar. Questo perchè la curiosità è uno degli elementi che rappresentano l'essere umano, è nel nostro DNA e come tale esiste e si palesa più o meno chiaramente.

Trovare una persona con la quale si è intrattenuto un rapporto magari anche amichevole (virtualmente parlando) fino a poche ore prima di fronte ad uno schermo, beh farebbe un certo effetto è innegabile. MA poi entra in gioco il carattere di ciascuno di noi e si tende a reagire in maniera differente.

Credo che in primis bisogna sottolineare che parliamo di persone con le quali si è instaurato un rapporto solido dal punto di vista virtuale e non sconosciute o quasi. :hap arrivare a salutare o a conoscere virtualmente l'altra persona non deve significare implicitamente una volontà di andar oltre, cioè il voler e dover per forza instaurare in futuro anche un'amicizia virtuale. Perchè significherebbe invadere la privacy dell'altro anche e magari si perderebbe quel qualcosa non meglio identificabile che lega gli utenti di un forum. Può un'incontro reale cambiare i rapporti virtuali? In un certo senso si, ma non lo vedo come un'elemento negativo.

Certo, ripeto dipende dal carattere della persona. Magari in molti preferiscono mantenere quel velo di mistero intorno a loro stessi o verso gli altri proprio per rimanere ad un'amicizia o a un rapporto virtuale. Che rimarrà sempre inferiore ad un rapporto reale. Però se due persone si son trovate bene a parlare fra di loro e vogliono conoscersi, instaurare un'amicizia anche reale perchè non farlo?:eye

Torno in tema: andare a conoscere una persona del forum che hai di fronte. Ma quanto tieni a conoscere questa persona, a quanto tieni al forum? Io credo che se c'è un desiderio anche solo di trovarla e scambiare solo due chiacchere senza andar oltre, senza andare ad invadere la privacy altrui, il solo conoscere l'altro, lo vedo come elemento possibile.:sisi Ma ripeto non ci deve essere alcuna forzatura o di volontà ad andar oltre. Perchè significa che non si è pronti o che forse è meglio evitare di essere invadenti.:eye

Io cmq non fermerei nessuno, perchè la mia personalità, estremamente timida, mi impedirebbe di far questo

:bai

marcella36
09-03-10, 00: 40
ehmm: Dichiarazione
:eye: Zio T dopo quanto hai detto ti conoscerei volentieri! lol:

Grazie anche a questo Forum, io mi diverto!! :sisi

Armandillo
09-03-10, 10: 27
Arma, c'è sempre un filo sottile che divide l'amicizia virtuale da quella reale: nonostante ti abbia già espresso l'opinione che la prima può essere talvolta più vera della seconda, possono esserci situazioni personali, familiari o quello che vuoi che in qualche modo frenano le iniziative, non ultima quella di non volere cercare un coinvolgimento totale magari in relazione alle prime due: è un discorso intricato ma spero tu capisca cosa voglio dire :ehmm

Intendo....intendo....
Il discorso a questo punto attiene molto alla propria personalita', al carattere e questi entrano in gioco istintivamente e spesso frenarli vorrebbe dire trincerarsi dietro un muro e celare quella identita' mentale che nella vita di tutti i giorni ci permette il confronto con gli altri.

Nel mio caso per eta', per convinzione e personalita' tendo a mettermi in gioco "in toto" affinche' l'interlocutore mi accetti, se lo fa, per quello che sono comprendendo tutto il pacchetto !
Sono conscio del rischio...ma, come dicevi in un passaggio, cosa puoi temere se la tua coscienza e' limdida ?

Quando mi iscrissi a P2P rivelai in una lunga presentazione sia la mia eta', sia la mia citta' ma, dopo poco visti gli esempi dell'utenza le celai entrambe.

Se ora mantengo il "segreto" (ma non lo e' !) e' solo per dare all'altro utente motivo di sana curiosita' :tong2 visto che gia' scrivendo si palesa il proprio carattere...un modo di lasciare un cantoncino di mistero, di dubbio, ma ridendoci sopra, con leggerezza.
In concreto, infatti, capita che nei posts si riveli molto di piu' quasi senza accorgersene.

Molti utenti poi pubblicano il loro aspetto che unito al nome e alla citta' costituiscono quasi una carta identificativa senza timore d'intaccare la loro privacy.
Andare "oltre" nel manifestarsi concerne maturita' e fiducia nel prossimo, certi e consapevoli dei valori nei quali si crede dove eventuali sgarbi scivolerebbero addosso senza conseguenze !!

:bai

Kirk
09-03-10, 14: 29
Nel mio caso per eta', per convinzione e personalita' tendo a mettermi in gioco "in toto" affinche' l'interlocutore mi accetti, se lo fa, per quello che sono comprendendo tutto il pacchetto !Si ma non è detto che tutti siano come te, anche non avessero niente di strano da nascondere, cito il quarto punto di Lady come esempio:
4) Riflettere però eventualmente prima quanto la persona in questione possa aver piacere di essere riconosciuta E chi ti dice che quella persona, che sembra tanto amica virtualmente, sia cosi contenta o non si senta poi in futuro imbarazzata nel sapere questo? C'è chi ha una sua riservatezza o timidezza maggiore di altri, o hanno altri motivi per cui non voglino mischiare il virtuale dal reale, mica si può biasimarli, le situazioni possono essere in mille modi differenti da uno all' altro, se l' altro si sentisse imbarazzato poi finisce che cambia atteggiamento anche nel virtuale sapendo questo, mi sentirei più in colpa per questo che per tenermi dentro che io so..
Piuttosto meglio buttarla li nel web dopo che lo si è visto, se fosse disposto a incontrarsi, dalle sue risposte (diplomatiche o no) si intuirebbe comunque se c'è volontà, e ci si incontra in una giornata buona per entrambi, no perchè dirgli qualcosa per strada e lui è in giornata nera rischi poi di incrinare anche l' amicizia virtuale..

Piccolo O.T. per Marcella scusate..

(e sono perché non ho trovato come eliminarmi)Cioè eliminarti totalmente da Facebook dici, e non solo disattivare l' account?
C'è una apposita pagina di facebook, trovi il link qui:
http://www.soluzioneonline.net/come-eliminare-account-facebook/

Armandillo
11-03-10, 20: 04
C'è chi ha una sua riservatezza o timidezza maggiore di altri, o hanno altri motivi per cui non voglino mischiare il virtuale dal reale, mica si può biasimarli, le situazioni possono essere in mille modi differenti da uno all' altro, se l' altro si sentisse imbarazzato poi finisce che cambia atteggiamento anche nel virtuale sapendo questo, mi sentirei più in colpa per questo che per tenermi dentro che io so..


Capisco e ne ho tenuto conto dando la risposta a Lady

L'esperienza con le persone mi fa pensare che l'approccio diretto e' quello che garantisce la veridicita' di una amicizia...se l'altro interessa, ovviamente !
I giri di parole, le cose dette a meta', il far finta di sapere e vedere non mi piacciono.
Preferisco un impatto piu' duro, magari, che nascondermi dietro l'ipocrisia.

Se la persona in questione fosse timida o non volesse rapporti "extra" son sicuro che farebbe del tutto per non farsi riconoscere o sarebbe difficilmente individuabile.

Poi, tutto sommato, avrebbe comunque metodi per rientrare nell'ombra se volesse.

Hai detto, giustamente, che vi sono innumerevoli modalita' d'approccio, ma una di queste proprio non capirei...quella di qualcuno che dietro la "maschera" del virtuale possa immaginare di proporsi completamente diverso da quello che e'....quasi recitasse una parte !

Se si cercano rapporti, condivisioni e confronti d'idee su un forum penso che nel conto ci debba finire anche la possibilita' di fare amicizia, quindi pensare di averla con la falsita' sarebbe una presa in giro di se stesso, prima di tutto, poi anche dell'interlocutore e nel tempo verrebbe fuori !

Meglio un amico infuriato che un finto amico !!

Se poi la persona non interessa, di conseguenza, anche il riconoscimento viene meno e non gli si da' peso.

:bai

Ricky
14-03-10, 18: 52
Beh io cercherei, con molto tatto, di capire se l'altra persona ha piacere o no di 'sentirsi scoperto'. Per esempio a me piacerebbe conoscere nella realtà alcuni user.

Quindi, dipende tutto dalla sensibilità della persona, a me non dispiacerebbe affatto che un tizio mi incontrasse per strada e mi dicesse di avermi incontrato sul CollectionTriks, mentre posso capire che ad altre persone questo possa dare fastidio.

Old_Glory
02-10-10, 17: 19
Mhh difficile ed interessante ;)
La mia situazione è un po' particolare poichè tanti degli "amici" che ho su internet mi conoscono e sanno chi sono. O meglio, sono miei amici nella vita reale. Quindi da una parte l'anonimato (da me fortmente cercato, soprattutto in passato) viene meno, e solo nei confronti degli "sconosciuti". Con il passare del tempo, l'arrivo prepotente dei social network come FB, twitter e flickr, il cambiamento di determinati interessi fa sì che mi sia posto in maniera differente nei confronti delle "persone dentro il monitor".
Per conto mio se mi capitasse, rimarrei un po' spiazzato soprattutto inizialmente e cerco di mettere a fuoco i vari avvenimenti (del tipo "mhhh ho mai risposto male a questa persona su un forum?"). La casualità dell'avvenimento poi fa sì che non ci sia malizia nell'eventualmente smascherare la persona che si ha davanti.
Comunque mi presenterei e chiederei se "per caso" anche lui "bazzica" sui forum...