PDA

Visualizza versione completa : Perche' i medici hanno una grafia indecifrabile ?



Armandillo
22-01-10, 18: 35
Oggi ho ritirato delle risposte di analisi e per l'ennesima volta sono riuscito a stento a decifrare... perche' e' giusto dire cosi' :sisi ...si e no un paio di parole !!

Per anni mi sono chiesto quale possa essere la causa di questa...abitudine ?, non so se sia corretto dire cosi'...e ancor di piu' mi sono chiesto come facessero altri medici, farmacisti ad interpretarli !! :boh

Ragionandoci un poco sono giunto alla conclusione che il punto deve riguardare gli anni di studio per esercitare tale professione perche' questa grafia particolare e' comune per uomo e donna ed e' comune nelle varie discipline quasi fosse denominatore di chi tratta di medicina con annessi e connessi.

Per conoscenza ho notato che altro tipo di laureati hanno conservato una scrittura leggibile quindi penso che quella scrittura "stenografata" abbia a che fare con lunghi anni di universita'...ma ci sono forse altre cause ?
C'e' qualcuno di voi che puo' spiegare tale "fenomeno" ?
:bai

MarcoStraf
22-01-10, 19: 49
La grafia, come tutte le attivita', si mantiene se la si esercita.

Da studenti passiamo ore e ore della nsotra giornata con la penna in mano, e dobbiamo scrivere "bene" altrimenti i professori ci puniscono (non potendo leggere cosa scriviamo)
Poi succede il disastro. Si smette di scrivere. Pensi che siano solo i dottori (intesi come medici) che abbiano una scrittura incomprensibile? Io da quasi trenta anni uso piu' il computer che la penna, quando leggo le note che scrivo a mano... non le capisco neppure io!

Paradossalmente si capisce meglio la scrittura delle persone meno educate, che hanno sempre scritto lentamente. Continueranno a scrivere lentamente, e quindi a porre piu' attenzione a quello che fanno. Non so voi, ma io a scuola dovevo scrivere un componimento per un compito in classe in due ore, ovvio che se volevo scrivere molto (in genere riempivo otto pagine in formato protocollo) dovevo anche essere veloce a scrivere. Ormai non scrivo piu', e mi accorgo che quando devo scrivere qualcosa parto "lentamente" e le prime righe sono comprensibili, ma poi ricado nella mia velocita' abituale... e il resto e' illeggibile.

Nota interessante: non cambia nulla sia che scrivo in inglese che in italiano: scarabocchi rimangono!

jacklostorto
22-01-10, 21: 22
:bairicordo tempo fa che con una ricetta scritta dal mio medico di base recatomi alla farmacia vidi che pure l'addetto stentava a decifrare lo scritto,conclusione
è proprio un loro difetto di base :ghgh

Armandillo
22-01-10, 21: 23
Paradossalmente si capisce meglio la scrittura delle persone meno educate, che hanno sempre scritto lentamente.

Quindi potrebbe essere solo una questione di velocita' e quell'aggettivo (stenografata) che ho usato non si discosta molto dalla realta' !?
Estremizzando potrei paragonare quel modo di scrivere a quello delle stenografe, tutto legato al concetto nel piu' breve tempo possibile che poi protratto negli anni da' luogo appunto a illegibili scarabocchi !
:bai

Dark Angy
23-01-10, 09: 42
guarda, avendo un medico in casa, ti posso confermare che la loro grafia e' spesso indecifrabile per il semplice fatto che scrivono centinaia di ricette al giorno, per un paziente a volte possono raggiungere le 30 unita' a volta...il che significa che, stenografando, si risparmia il doppio del tempo che cercare di scrivere in bella grafia...avete presente a fine giornata un medico quante ricette scrive ? e' veramente una cifra mostruosa, anche perche' molti farmaci, soprattutto quelli mutuabili, non possono essere scritti assieme ad altri farmaci sulla stessa ricetta, il che port ad un quantitativo di carta usato che e' indescrivibile...

ecco perche', da un paio d'anni a questa parte, le cosidette ricette regionali vengono scritte a computer, utilizzando uno specifico software, mentre le ricette bianche (per medicinali non mutuabili, certificati sportivi...) e i certificati di malattia sono ancora scritte a mano...ma vi assicuro che anche quelli vanno come il pane, per cui un medico deve abituarsi a scrivere molto velocemente

ma non e' la sola categoria a scrivere con una brutta calligrafia...avete mai visto una perizia di un architetto ? o di un notaio ? o un atto firmato da un avvocato ? diciamo che ogni lavoro ha una sua grafia speciale

Armandillo
23-01-10, 15: 10
Oggi, cercando qualcosa al riguardo ho trovato questo articolo (http://archiviostorico.corriere.it/2000/aprile/23/Dottori_scrivete_meglio_cs_0_000423169.shtml) dove si conferma quanto gia' era stato detto e vengono ipotizzati dei rischi relativi alla scrittura....chissa' :boh
:bai

Lo Zio T
24-01-10, 20: 27
Se mi posso inserire..

Oltre a quello scritto da Marco, che l'ho provato io stesso, pur non essendo un medico:tong2, cioè che l'inattività dallo scrivere porta come conseguenza ad avere una scrittura meno chiara, avevo letto tempo fa anche di un fattore molto interessante riguardo l'argomento.

Lo scrivere bene o male dipende dal carattere di una persona, dal modo in cui comunica con gli altri. Un'individuo che fatica a socializzare, palesa insicurezza e quindi, anche il tratto, lo stile ne risentono, in questo senso. al contrario una persona che non è timida, molto aperta, ha una sicurezza interiore che lo trasmette anche attraverso la propria scrittura.

Ovviamente quello che ho scritto è opinabile, non so se è la verità oppure no, attendo conferme in merito.

Ovviamente anche il mestiere influisce molto sullo scrivere. Un dottore, un'ingegnere di solito presentano un tratto diverso, tecnico, che magari molte volte è dovuto allo scrivere numeri, rispetto alle parole.

L'unica cosa certa è l'abitudine e la frequenza nello scrivere. Fino a Luglio, quando avevo l'università, scrivevo giornalmente pagine e pagine di appunti. Poi ho passato praticamente due mesi senza toccare penna ed infatti le prime volte avevo notato proprio una mia insicurezza, quasi incapacità nello scrivere. A settembre, riprendendo la vita da studente, ho ricominciato a scrivere come prima.:sisi

Oltre agli aspetti di abitudine e di mestiere, ci potrebbe magari essere anche un'elemento caratteriale

:bai