PDA

Visualizza versione completa : OSCAR 2016: pronostici e commenti



Strider
14-01-16, 15: 42
sono appena uscite le nominations agli OSCAR 2016 ... Ennio c'è! :ghgh :gogo:gogo:gogo:gogo




Miglior film
La grande scommessa
Il ponte delle spie
Brooklyn
Mad Max: Fury Road
The Martian
The Revenant
Room
Spotlight


Miglior regia
Adam McKay - La grande scommessa
George Miller - Mad Max Fury Road
Alejandro González Iñárritu - The Revenant
Lenny Abrahamson - Room
Tom McCarthy - Spotlight


Miglior attore protagonista
Bryan Cranston - Trumbo
Matt Damon - The Martian
Leonardo DiCaprio - The Revenant
Michael Fassbender - Steve Jobs
Eddie Redmayne - The Danish Girl


Miglior attrice protagonista
Cate Blanchett - Carol
Brie Larson - Room
Jennifer Lawrence - Joy
Charlotte Rampling - 45 Anni
Saoirse Ronan - Brooklyn


Miglior attore non protagonista
Christian Bale - La grande scommessa
Tom Hardy - The Revenant
Mark Ruffalo - Spotlight
Mark Rylance - Il ponte delle spie
Sylvester Stallone - Creed


Miglior attrice non protagonista
Jennifer Jason Leigh - The Hateful Eight
Rooney Mara - Carol
Rachel McAdams - Spotlight
Alicia Vikander - The Danish Girl
Kate Winslet - Steve Jobs


Migliore sceneggiatura originale
Il caso Spotlight (Tom McCarthy, Josh Singer)
Inside Out (Josh Cooley, Pete Docter, Meg LeFavue)
Straight Outta Compton (Jonathan Herman, Andrea Berloff, S. Leigh Savidge, Alan Wenkus)
Ex Machina (Alex Garland)
Il ponte delle spie (Matt Charman, Ethan Coen, Joel Coen)


Migliore sceneggiatura non originale
La grande scommessa (Adam McKay, Charles Randolph)
Room (Emma Donaghue)
Carol (Phyllis Nagy)
The Martian (Drew Goddard)
Brooklyn (Nick Hornby)


Miglior film straniero
Colombia: Embrace of the Serpent - Ciro Guerra
Francia: Mustang - Deniz Gamze Ergüven
Ungheria: Il Figlio di Saul - László Nemes
Danimarca: A War - Tobias Lindholm
Giordania: Theeb - Naji Abu Nowar


Miglior film d'animazione
Anomalisa
Boy and the World
Inside Out
Quando c'era Marnie
Shaun The Sheep - Il Film


Miglior fotografia
The Revenant – Emmanuel Lubezki
Sicario – Roger Deakins
Carol – Edward Lachman
Mad Max: Fury Road – John Seale
The Hateful Eight – Robert Richardson


Miglior scenografia
Il ponte delle spie
The Danish Girl
Mad Max: Fury Road
The Martian
The Revenant


Miglior montaggio
La grande scommessa
Mad Max
The Revenant
Spotlight
Star Wars VII


Miglior colonna sonora
The Hateful Eight – Ennio Morricone
Star Wars VII – John Williams
Il ponte delle spie – Thomas Newman
Carol – Carter Burwell
Sicario — Johann Johannsson

Miglior canzone
“Earned It” da “50 sfumature di grigio”
“Manta Ray” da “Racing Extinction”
“Simple Song #3” da “Youth”
“Til It Happens To You” da “The Hunting Ground”
“Writing’s On The Wall” da “Spectre”


Migliori effetti speciali
Ex Machina
Mad Max: Fury Road
The Martian
The Revenant
Star Wars VII


Miglior sonoro
Il ponte delle spie
Mad Max: Fury Road
The Martian
The Revenant
Star Wars: The Force Awakens


Miglior montaggio sonoro
Mad Max: Fury Road
The Martian
The Revenant
Sicario
Star Wars VII


Migliori costumi
Carol
Cenerentola
The Danish Girl
Mad Max: Fury Road
The Revenant


Miglior trucco e acconciatura
Mad Max: Fury Road
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
The Revenant


Miglior documentario
Amy
Cartel Land
The Look of Silence
What Happened, Miss Simone?
Winter on Fire: Ukraine’s Fight for Freedom


Miglior cortometraggio documentario
Body Team 12
Chau, beyond the Lines
Claude Lanzmann: Spectres of the Shoah
A Girl in the River: The Price of Forgiveness
Last Day of Freedom


Miglior cortometraggio
Ave Maria
Day One
Everything Will Be Okay
Shok
Stutterer


Miglior cortometraggio d'animazione
Bear Story
Prologue
Sanjay’s Super Team
We Can’t Live Without Cosmos
World of Tomorrow




se vi va, parliamone ... :hap

Mnemosyne
15-01-16, 14: 32
Sono poco preparata per sostenere questa discussione :m:
Dei film principali ne ho visti solo 3 (Il ponte delle spie, Mad Max: Fury Road e The Martian) che mi sono piaciuti, ma non penso darei loro la statuetta, nemmeno a Mad Max :bleh

Vi lascio però una perla: su facebook è nata la pagina "Orso che vince il Premio Oscar al posto di Di Caprio" :lol:

Rimando i commenti a più avanti :eye

Strider
15-01-16, 15: 05
anche io non ho visto molto ma rimedierò sicuramente in questo mese :ghgh

faccio un po' di considerazioni sparse :hap

per il miglior film, così a sensazione, credo che The Revenant non abbia rivali quest'anno :nono

da quello che ho visto nel trailer e dalle cose che ho letto in giro dovrebbe acchiapparsi tutti i premi maggiori :sisi

insomma prevedo un bis di Inarritu :sisi (dall'uomo-uccello all'uomo-orso :lol:)

comunque conto di vederlo nei prossimi giorni in sala e poi vediamo :eye


al momento faccio il tifo per Fury Road ma dubito possa avere chance :m:

però questa pioggia di candidature è già una bella soddisfazione :sisi :gogo


il fatto che non abbiano candidato nè Spielberg nè Scott alla regia farebbe intendere che i rispettivi film non abbiano speranze per il premio maggiore ed io condivido :ghgh anche se, finora, ho visto solo The martian (discreto ma nulla di che) tra i due

anche l'assenza di Tarantino dal premio per la sceneggiatura non mi fa ben sperare sul suo film, ma spero di no ovviamente :m:

e idem per l'assenza di Steve Jobs, evidentemente non sarà gran cosa :m:

ho visto Carol (molto bello ma Lontano dal paradiso mi è piaciuto di più) e trovo strano che non ci sia come miglior film, mah! :shock :boh

sono curioso di vedere i titoli in lizza :hap


per i premi agli attori azzardo un pronostico :ghgh

DiCaprio - Rampling - Stallone - Mara :ohoh :ehmm

vediamo quanti ne prendo :lol:


faccio il tifo per Sly perchè mi sta simpatico, anche se fa sempre le stesse cose da 40 anni :lol:


sul premio alla colonna sonora spero che possa essere l'anno di Morricone, le musiche di Carol sono di effetto ma non mi sono sembrate eccezionali, ovviamente c'è sempre da temere sia John Williams che Thomas Newman :tap

le musiche di Sicario non me le ricordo, non mi hanno colpito. Ho visto il film e mi è piaciuto (credo che Villeneuve avrà un futuro nel cinema action di qualità) ma le musiche mi sembravano tetre, quasi dei "rumori" :m:

non penso possano vincere o forse magari si proprio per questo ? :m: :lol:

aspetto il parere dell'esperto Shiny ma io, intanto, ho già messo su la maglietta "ENNIO FOR PRESIDENT" :ghgh :lol:


speriamo sia la volta buona per il Maestro :hap :fleurs

Mnemosyne
15-01-16, 15: 21
Ah sui commenti musicali, passo, se no mi piglio bacchettate :lol:
Dico solo che Williams è alla 50° candidatura! Anche se, per quanto lo ami, il lavoro di SW7 è bello, ma non è certo fra i suoi migliori :sisi. Poi, per citare il mio sensei, Newman gioca a fare John Williams e Morricone, non so, non ho ancora sentito niente, ma penso possa avere delle buone chances :sisi

Strider
15-01-16, 15: 34
Newman gioca a fare John Williams e Morricone, non so, non ho ancora sentito niente, ma penso possa avere delle buone chances :sisi
in effetti è quello che temo di più perchè penso che al grande Williams 5 Oscar possano bastare :lol:

ma io, alla faccia della scaramanzia (alla quale non bado, sono un campano atipico :ghgh), la notte tra il 28 e il 29 febbraio voglio sentire solo questo ...

and the Oscar goes to .... Inio Marr'cone (provo a "dirlo" all'ammerecana :lol:) :lol:

e via con la standing ovation :gogo:gogo:gogo:gogo

dubito che il Maestro sarà presente, ha 87 anni ed ha avuto problemi di salute nell'ultimo anno :triste

vuol dire che il "Taranta" farà un altro dei suoi show :ghgh :lol:

speriamo ... :bgg2 :oo2 :bgg2

Mnemosyne
15-01-16, 15: 42
Sì ma Newmann gioca, ma NON è John Williams. Anche se capisco i tuoi timori :sisi
In ogni caso, pensando a Morricone e Williams: 170 anni in due, almeno una 50-ina d'anni (ma mi sa di più) di carriera a testa e sono ancora due "mostri" :bgg2

shiny
15-01-16, 16: 53
Buondì :bai

Visto che ne state parlando e sarà la categoria su cui si focalizzerà l'attenzione dello Stivale (e di Stridy :eye) parliamo un po' di Oscar musicali... anche perchè oggettivamente è l'unica categoria di cui ho un panorama completo :tong2

Partiamo da un'analisi dei 5 candidati che qualitativamente ci stanno tutti, anche se "Sicario" è decisamente di difficile apprezzamento.
A mio avviso il titolo più debole è "Il Ponte delle Spie" di Thomas Newman, non perchè sia brutta anzi, ma è molto, forse troppo, convenzionale. Suona alla Williams senza raggiungerne mai il livello e nel film non fa poi così tanta differenza, anzi la musica si nota proprio poco. Dal canto suo Newman conta già una pletora di nominations senza mai avere vinto e la riparazione varrebbe anche per lui.
L'outsider è proprio "Sicario", uno score che ha la sua ragion d'essere esclusivamente legato alle immagini, proprio per la sua natura di colonna sonora tout court: il rumore che ha percepito Strider è esattamente questo. Non è melodica, non è piacevole, ma è funzionale. All'Academy questo stile piace molto.
Personalmente per le analoghe ragioni ci poteva stare molto meglio "Mad Max: Fury Road" ma Tom Holkenborg è un po' più fracassone dell'islandese Johannsson e sebbene si stia facendo largo a spallate collezionando blockbusters non ha ancora molti amici tra i votanti.
Diciamolo chiaramente "Star Wars VII" spacca. Nel senso che divide. E' senza ombra di dubbio uno degli score più belli dell'anno ma... inventa poco. I nuovi temi sono molto validi, c'è una netta cesura con la trilogia prequel data dall'azzeramento dei cori, una diversa orchestrazione (ma qui forse ha pesato il cambio di orchestra, prima volta in 40 anni per SW) e da un sostanziale abbandono della nuova (?) epica lucasiana: se Giorgino giocava per accumulo e Williams dietro (ma con risultati molto superiori) ora Johnny è andato per sottrazione ed è tornato allo stile del passato ma con metodo. Come ho già detto nel Cinequiz, il tutto ricorda molto Harry Potter condito con l'ultimo Williams degli anni 2000, da Tin Tin a War Horse, passando per Minority Report e The Terminal.
Comunque c'è notevole freschezza per un ultraottantenne e molta dinamicità tanto che credo sia complessivamente la colonna sonora più pop mai composta per un capitolo di Star Wars.
"Carol" è il titolo che vedevo come favorito ma ora che il film non è incluso nella categoria miglior film le sue quotazioni sono in ribasso. Lo score di Carter Burwell (anche lui un veterano mai premiato) è minimalistico e per chi se lo ricorda richiama "Diario di uno scandalo" di Philip Glass. Sicuramente affascinante ma forse meno riuscito se paragonato all'altra ottima composizione di Burwell nel 2015, ovvero "Mr. Holmes". Se alla fine vincesse non ne sarei sorpreso.
Infine Ennio... dai, senza scaramanzia, io mi sbilancio, se non vince quest'anno non vince più :bgg2, e non solo per l'età avanzata e la salute precaria. Il film di Tornatore in uscita è il quarto lavoro conlcuso nella seconda metà del 2015, impressionante a 87 anni. Secondo me se non sussistono controindicazioni mediche a Los Angeles ci va, anche sulle gengive se fosse il caso... :bgg2
Eppure "The Hateful Height" non è riuscitissimo, almeno per l'effetto che fa in CD dato che il film non l'ho visto, e suona molto come già sentito, ma nel complesso è un ottimo commento musicale di genere, quasi una sorta di compilation di ciò che Morricone ha dato al western e alla sua iconografia. In questo senso è l'operazione più affascinante di tutte e dopo il Golden Globes è il naturale favorito.

Però non sono tutte rose e fiori, anche quest'anno l'Academy ha dimostrato quanto poco orecchio abbiano i suoi membri e soprattutto quanta poca sia la loro memoria a lungo termine.
Detto di Mad Max, ci sono almeno altri 5 lavori che avrebbero meritato di stare nel lotto dei migliori e di giocarsi la statuetta: 3 di questi sono associati a film terribili o fiaschi colossali e difficilmente nominabili, ovvero "Pan" di John Powell, "Jupiter Ascending" e "Tomorrowland" di Michael Giacchino; uno è uscito troppo presto nelle sale, "Cinderella" di Patrick Doyle (per chi scrive il più divertente dell'anno), e altri due che non sono riusciti a goder del traino dei film associati, ovvero "Inside Out" sempre di Giacchino e "Steve Jobs" di Daniel Pemberton. Ecco forse proprio Pemberton è l'esclusione più pesante in termini qualitativi.

Per quanto riguarda le canzoni originali, categoria sempre più decaduta, spicca come nel bel paese abbiamo nel giro di una notte italianizzato l'americanissimo e coltissimo David Lang solo perchè ha composto dei brani per il film di Sorrentino. La canzone sul finale del film seppur evocativa è onestamente noiosa.
A completare la scialba cinquina c'è una delle più brutte canzoni mai inserita in un film di James Bond, un insipido brano dalle insipide Cinquanta Sfumature di Grigio e l'inossidabile Diane Warren all'ottava candidatura. La quinta song non l'ho nemmeno mai sentita... :shock
Voto la Warren anche se lontanissima dal mio gusto, solo per vederla almeno una volta premiata, ma io sta categoria la abolirei...

Ci risentiamo più avanti per parlare anche dei film e degli attori, ma devo vederne almeno 3 o 4 ancora :tong2

:fleurs

MarcoStraf
15-01-16, 21: 26
Alcune considerazioni sparse.

Buone notizie per il genere fantascienza, un sacco di film presenti e non solo per i premi effetti speciali.

Nessuna sorpresa, i soliti grandi nomi e i soliti film da cassetta che fanno un sacco di soldi o che hanno grossi attori. A volte fin troppo noiosi, sinceramente sono stanco di vedere nominati John Williams a Ennio Morricone, bravi senz'altro ma come molti altri continuano a fare sempre la stessa musica. Un po' come John Barry, a volte faccio fatica a distinguire un suo film dall'altro.

Considerazione personale: ho profondamente odiato Fury Road, film fracassone e stupido. Grandi scene e effetti speciali, ma per il resto non vale una cippa. Fortuna che non lo ho visto al cine, sarei uscito subito per proteggermi l'udito. Della serie "amo l'odore del diesel al mattino" (cit.) In un mondo dove vengono centellinate le ultime goccie di carburante, non ho mai visto cosi' tanta gente sprecarne tanto per non andare da nessuna parte e poi tornarsene indietro.

https://leortola.wordpress.com/2015/05/28/mad-max-la-rivincita-del-vecchio/

Strider
15-01-16, 22: 54
sono stanco di vedere nominati John Williams a Ennio Morricone, bravi senz'altro ma come molti altri continuano a fare sempre la stessa musica.
no dai Marco, capisco per John Williams che ha avuto ben 50 nominations :shock:shock:shock:shock (ma in fondo se uno è bravo è bravo, c'è poco da fare)

ma per Morricone il tuo discorso non vale visto che il nostro ha avuto "solo" 6 nomination in 54 anni di carriera (ma ne avrebbe meritate molte di più)

su Fury Road non sono d'accordo, per me è ben oltre che un film "fracassone e stupido", aggettivi che si possono tranquillamente applicare ai Transformers, ai film "spacca-tutto" di Emmerich, a diversi film della Marvel o alla maggior parte degli action hollywoodiani pieni zeppi di effetti speciali computerizzati.

Ma imho questo film sta su un altro livello, già solo dal punto di vista estetico, per la forza visionaria e "furiosa" delle immagini, è qualcosa di "nuovo" e di superiore ai suoi simili. E' evidente che dietro c'è l'amore di un regista per il suo universo, la cura estrema del dettaglio, la ricerca di un look folle, delirante, accattivante, "rock", che, sempre a mio avviso, spostano l'opera su un piano concettuale serio, ben lontano dalla banalità di tanti altri prodotti "industriali" e commerciali fatti con il copia & incolla per mero scopo di profitto. Per me dal punto di vista visuale è IL blockbuster del nuovo millennio :sisi


de gustibus, come abbiamo sempre detto ...

:bai

MarcoStraf
16-01-16, 01: 34
Ho menzionato due "mostri sacri", ne avrei potuto citarni altri. Come dici tu, se sono bravi sono bravi, ma a volte uno vuole vedere (o ascoltare) qualcosa di diverso. Un po' come le classifiche "il meglio di" dove i primi sono sempre gli stessi. OK, ho capito, Jimi Hendrix e' uno dei migliori chitarristi, ma per favore perche' non mi fate qualche nome nuovo che vale la pena ascoltare?

Come dici, i gusti sono gusti. So benissimo che sono uno dei pochissimi a cui Fury Road non solo non e' piaciuto, ma ha fatto pure schifo. Non esito ad ammetterlo. Potrei rivedere uno qualsiasi dei precedenti Mad Max, sempre con piacere. E se pensate che solo George Miller sia capace di fare cose del genere, beh, cuccatevi questo video (e consiglio anche il "the made of"). E' perfino in 4K, quindi alta definizione. Ecco un video coi controfiocchi, senza tutte le corbellerie allegate di una storia che fa acqua da tutte le parti. E Miller pensa di fare due sequel. Povero me.

https://www.youtube.com/watch?v=7qCj2Z_mph0

Strider
24-01-16, 12: 32
giusto per aggiornare un po' il thread ho visto altri 3 dei film candidati all'Oscar più prestigioso e ne dò un breve giudizio:


Revenant - Redivivo (The Revenant) di Alejandro González Iñárritu
Grande avventura epica, improntata sul crudo realismo delle immagini, peccato che le situazioni non lo siano altrettanto. Grande fotografia di Lubezki, scenari mozzafiato, bravissimi i due attori principali e due sequenze straordinarie che valgono da sole il prezzo del biglietto: la battaglia iniziale contro gli indiani e l'attacco dell'orso. Per il resto la storia è esile e prevedibile e la seconda parte del film cala notevolmente anche a causa degli inserti onirici in salsa "mistica". Di Malick ce n'è uno solo e si vede. Voto: 7,5

Il ponte delle spie (Bridge of Spies) di Steven Spielberg
Spielberg ritorna al dramma storico e ritorna a fare ... lo Spielberg. Bello il prologo "hitchcockiano", ottima la ricostruzione storico ambientale che riporta al clima della Guerra fredda e molto bravo Mark Rylance che mette in ombra Tom Hanks. Per il resto tutto molto "Spielberghiano": tanta retorica edificante per elogiare la saldezza morale ed il rigore professionale dell'americano "tutto d'un pezzo". La sceneggiatura dei Coen regala qualche lampo di ironia surreale che non basta a risollevare un film "ingessato". Voto: 6,5

La grande scommessa (The Big Short) di Adam McKay
Brillante commedia nera di Adam McKay, abilissima a giocare sul filo sottile tra ironia e tragedia, capace di usare, con intelligenza, un tono semiserio in una materia notoriamente ostica, servendosi di un linguaggio tecnico sicuramente incomprensibile ai più, ma supportandolo con una miriade di trovate ed inserti sarcastici al limite del surreale. Assolutamente geniali, in tal senso, le due scene in cui i concetti finanziari più ermetici saranno spiegati, con tanto di burlesca introduzione, dalle avvenenti Margot Robbie e Selena Gomez, nel ruolo di loro stesse, inquadrate in atteggiamenti chiaramente frivoli: la prima ci spiega i “mutui subrpime” in una vasca da bagno mentre sorseggia champagne e la seconda ci parla delle “obbligazioni di debito collateralizzate” (CDO) mentre è intenta a puntare ad un tavolo di blackjack. La grande scommessa, vinta, del film è proprio quella di rendere fruibile ed amaramente “divertente” un mondo ermetico come quello dell’alta finanza di Wall Street, mostrando, con caustica perfidia, come i destini economici del mondo siano nelle mani di pochi “squali” avidi e dissennati e di come le azioni “giocose” di alcuni “nerd”, viziati ed asociali, possano poi rovinare le vite della gente comune, spesso all’oscuro anche della sola esistenza di questo subdolo universo di potere. Egregiamente sceneggiato e diretto con frizzante energia, quest’opera sprezzante graffia, spiega e intrattiene, mostrando, nel finale inevitabilmente acre, il lato oscuro del capitalismo, senza mai rinunciare al tono beffardo, che costituisce la forza della pellicola. Voto: 8,5


Io continuo a fare il tifo per Mad Max: Fury Road ma adesso, subito dietro, ci metto il film di Adam McKay :ghgh

a The Martian darei un 7 e adesso vorrei vedere Spotlight (che sulla carta sembra interessante) e Room (di cui ho letto belle cose), ma non so se sarà possibile :boh

per il pronostico Oscar agli attori azzardo DiCaprio protagonista e Hardy non protagonista, ma anche Bale e Rylance sono in pole position :m:

alla prossima :bai


EDIT
ho appena letto che La grande scommessa ha vinto, a sorpresa, il PGA (Producers Guild of America Awards) da sempre considerato la cartina tornasole degli Oscar di febbraio (negli ultimi 9 anni chi ha vinto il PGA ha poi vinto anche l'Oscar al miglior film). Quindi il film di McKay diventa il favorito numero 1 nella corsa all'Oscar più ambito :sisi

Mnemosyne
24-01-16, 19: 37
Direi che siamo in linea :sisi ma io scommetto su McKay :ghgh Ora sono in po' di corsa e non riesco ad argomentare bene, vedo di recuperare più tardi o al massimo domani. Spotlight dovrebbe uscire il 18 febbraio

Strider
23-02-16, 11: 54
ora che ho visto più o meno tutto (Spotlight, The Hateful Eight, Room, Steve Jobs, The danish girl, ...) vado con il mio pronostico :ghgh

vediamo se ne becco qualcuno :lol:


Miglior film
La grande scommessa

Miglior regia
Alejandro González Iñárritu - Revenant - Redivivo (The Revenant)

Miglior attore protagonista
Leonardo DiCaprio - Revenant - Redivivo (The Revenant)

Miglior attrice protagonista
Brie Larson - Room

Miglior attore non protagonista
Mark Ruffalo - Il caso Spotlight (Spotlight)

Miglior attrice non protagonista
Jennifer Jason Leigh - The Hateful Eight

Migliore sceneggiatura originale
Tom McCarthy e Josh Singer - Il caso Spotlight (Spotlight)

Migliore sceneggiatura non originale
Charles Randolph e Adam McKay - La grande scommessa (The Big Short)

Miglior film straniero
Il figlio di Saul (Saul fia), regia di László Nemes (Ungheria)

Miglior film d'animazione
Inside Out, regia di Pete Docter e Ronnie del Carmen

Miglior fotografia
Emmanuel Lubezki - Revenant - Redivivo (The Revenant)

Miglior scenografia
Colin Gibson e Lisa Thompson - Mad Max: Fury Road

Miglior montaggio
Margaret Sixel - Mad Max: Fury Road

Miglior colonna sonora
Ennio Morricone - The Hateful Eight (con tutti gli scongiuri del caso :lol:)

Migliori effetti speciali
Chris Corbould, Roger Guyett, Paul Kavanagh e Neal Scanlan - Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)

Miglior sonoro
Chris Jenkins, Gregg Rudloff e Ben Osmo - Mad Max: Fury Road

Miglior montaggio sonoro
Mark Mangini e David White - Mad Max: Fury Road

Migliori costumi
Jenny Beavan - Mad Max: Fury Road

Miglior trucco e acconciatura
Lesley Vanderwalt, Elka Wardega e Damian Martin - Mad Max: Fury Road

shiny
28-02-16, 23: 24
Mancan poche ore all'evento, ho finalmente qualche minuto e la Juve ha vinto :bgg2, perciò tiro il fiato e sparo il mio pronostico (e sottolineo "pronostico", perchè la mia preferenza va tutta la vita a Mad Max :sisi)
Purtroppo non ho visto tutti i film ma credo di aver messo in archivio almeno i pezzi da 90 della serata.

A mio avviso ci sono 2 categorie più incerte di altre, quelle per le attrici non protagoniste e quella per il miglior film, il resto mi sembra scontato o quasi perciò copierò un pochino Stridy :tong2


Miglior film
Credo che dipenderà dalla voglia di premiare Iñárritu per il secondo anno di fila, se vince alla regia dà spazio agli outsider.
Scelgo The Revenant, con Spotlight e La Grande Scommessa in agguato

Miglior regia
Nessun dubbio a meno di enormi sorprese, ma Miller...:ehmm
Alejandro González Iñárritu - Revenant - Redivivo (The Revenant)

Miglior attore protagonista
Leonardo DiCaprio - Revenant - Redivivo (The Revenant)

Miglior attrice protagonista
Brie Larson - Room

Miglior attore non protagonista
A naso (rotto) vince Sylvester Stallone , il cuore mi direbbe il bravissimo Mark Ruffalo

Miglior attrice non protagonista
anche se la Leigh nel film prende più botte di Stallone io credo che premieranno Alicia Vikander

Migliore sceneggiatura originale
Tom McCarthy e Josh Singer - Il caso Spotlight (Spotlight)
solidissimo script per un film di stampo classico, io gradirei venisse premiato Ex Machina...

Migliore sceneggiatura non originale
Charles Randolph e Adam McKay - La grande scommessa (The Big Short)

Miglior film straniero
non saprei, non li ho visti :triste metto sullo stesso piano Il figlio di Saul e Mustang

Miglior film d'animazione
Vincerà Inside Out, ma che bello se vincesse Shaun Vita da Pecora, Anomalisa è un po' "troppo" per la categoria..

Miglior fotografia
è strepitoso, vincerebbe per la terza volta di fila e se lo merita
Emmanuel Lubezki - Revenant - Redivivo (The Revenant)

Miglior scenografia
Colin Gibson e Lisa Thompson - Mad Max: Fury Road

Miglior montaggio
SUBLIME
Margaret Sixel - Mad Max: Fury Road

Miglior colonna sonora
Ennio Morricone, senza scongiuri, è il suo anno. Finalmente ripareranno l'errore di 30 anni fa e sarà il top della serata.

Miglior Canzone
fan tutte schifo, scelgo Lady Gaga solo perchè farà spettacolo...

Migliori effetti speciali
perchè è un titolo che comunque ci deve essere nella rosa dei premiati
Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)

Miglior sonoro
The Revenant

Miglior montaggio sonoro
Mad Max: Fury Road

Migliori costumi
Mad Max: Fury Road

Miglior trucco e acconciatura
The Revenant



Quindi Ridley Scott e Steven Spielberg li vedo a far da assoluti spettatori, con buoni film ma non da premio.

Vediamo come va :eye

Strider
29-02-16, 09: 45
http://i.imgur.com/8E3ZTqj.jpg

:gogo:gogo:gogo:gogo:gogo:gogo:gogo:gogo :forgive:forgive:forgive:forgive:forgive:forgive


GRANDE MAESTRO !!!!!


a più tardi per i commenti :hap

Mnemosyne
29-02-16, 10: 24
Va bè che siete due espertoni, ma vedo piacevolmente che ne avete azzeccati parecchi :bgg2

Personalmente sono abbastanza contenta per il miglior film, al netto che mi manca da vedere Brooklyn e Room: ero indecisa tra Il caso Spotlight e La grande scommessa. Mi spiace per Ruffalo, che mi è proprio piaciuto nel ruolo del giornalista, anche se meritava anche Tom Hardy (e più lui di Di Caprio sinceramente).
Nella mia ignoranza tecnica concordo con l'oscar alla fotografia per Lubezki e checché ne dica il mio moroso, a me la canzone di Spectre non dispiace :bgg2

:bai Ci sentiamo più tardi magari

Kowalski
29-02-16, 11: 14
Nel tributo agli Artisti deceduti (con Dave Grohl alla chitarra...) vergognose le dimenticanze riguardanti Manoel De Oliveira (2 Aprile 2015) e Jacques Rivette (29 Gennaio 2016)...
Per Rivette ho pensato considerassero solo i defunti 2015, ma Scola e Bowie son del mese scorso, quindi...

Pure Geoffrey, il babbo di Juliette Lewis non ci sta
Almeno han messo Chantal Akerman...

Che roba, poi, personalmente, dei premi m'interessa davvero poco o nulla, l'unica sulla quale un po' speravo era Jennifer Jason Leigh, anche come "risarcimento" a vent'anni dall'incredibile esclusione per "Georgia" di Grosbard (nella cinquina, all'ultimo, finì l'inutile Elisabeth Shue del dimenticabile "Via da Las Vegas") ma non l'ha presa nonostante la straordinaria prova in "The Hateful Eight"; lei e Samuel L.Jackson sono indubbiamente le cose migliori del film di QT...

Un saluto a tutti, non son morto (:tong2), magari a breve ritorno! :fleurs

P.S.

...And The Oscar for Best Avatar on CollectionTricks goes to...

:claphttp://images.collectiontricks.it/images/33738091173745429853.jpg (http://images.collectiontricks.it/) :clap

wrongway
29-02-16, 11: 20
lei e Samuel L.Jackson sono indubbiamente le cose migliori del film di QT...

stasera il Taranta lo andiamo a vedere in 70mm :sisi


...And The Oscar for Best Avatar on CollectionTricks goes to...

oggi corre il 120° anniversario dalla nascita :ghgh

:bai

Kowalski
29-02-16, 11: 56
Eh, un bel po' t'invidio, sai...:sisi
Nel formato originale, in pellicola 70mm, 20 minuti in più, con l'overture, magari potresti beccarti anche il bellissimo booklet (http://imgur.com/gallery/1TP7j/new)

Quando sono andato al primo spettacolo, il primo giorno di proiezione, manco una cartolina mi han dato!
Taccagni! (la sala e lo schermo eran comunque all'altezza, per fortuna!)

Almeno per KB2 qualcosa ottenni

[-]http://images.collectiontricks.it/images/05783131963994788551.jpg (http://images.collectiontricks.it/)[/-]

Se ti va, ci fai magari un piccolo resoconto (anche un po' tecnico) sulle differenze rispetto alla versione standard (167') dei multisala?
Ho letto opinioni discordanti, ma sinceramente mi fido più del tuo giudizio...

:fleurs

shiny
29-02-16, 13: 18
Eccomi qua, per chi non l'avesse seguito vi regalo un po' di cronaca dello show :tong2

Il lunghissimo Red Carpet e la consueta parata di stelle verrà ricordato soprattutto per il bambino di Room, vero mattatore, intervistatissimo eppure scafatissimo a soli 9 anni: sfoggia gemelli a forma di Millennium Falcon (mitici!), sostiene la sua collega Brie Larson dandole buone chance di vittoria e autopromuove i progetti che ha in uscita.

Gli abiti sfoggiati dalle star sono un po' sottotono. Si ricorderanno il giallo di Alicia Vikander (scelta che non convince), le piume di una ormai divina Cate Blanchett, le scollature inguinali di Olivia Wilde e Saoirse Ronan. Poi appare Charlize Theron di rosso vestita e viene una sincope... Dio esiste :ehmm
In generale c'è una certa eleganza e sobrietà, persino Lady Gaga sceglie il basso profilo di bianco vestita anche se l'abito è impegnativo.
Tra gli uomini spiccano Ruffalo in completo blu, Di Caprio un po' gonfio in viso accompagnato dalla mamma e l'assenza di Fassbender, non lo inquadrano mai! Anche Jennifer Lawrence viene ignorata dalle riprese.

La cerimonia inizia, Chris Rock in bianco è un presentatore che non mi piace e si conferma. Monologo d'apertura lunghissimo ma che imposta il tema della serata e non poteva essere altrimenti: l'ironia/denuncia sarà tutta per a favore del lato "black" di Hollywood. Tra una battuta e l'altra ci infila qualche frecciata politica, una su tutte il riferimento ai "black" uccisi dalla polizia.

Finalmente parte lo show e c'è una novità, anzi due: si cambia scaletta, in genere l'Oscar era aperto dal premio alla attrice non protagonista, oggi si apre con gli sceneggiatori ("perchè i film cominciano da lì"). Vincono i favoriti dal pronostico e mentre si appropinquano sul palco ecco la seconda novità: sullo schermo in basso, in una banda che scorre veloce, sono sovraimpressi i "ringraziamenti" preconfezionati dai vincitori. Se è un modo per snellire i discorsi direi che è un po' triste... anche perchè presumo che vengano richiesti anche ai "perdenti" prima di andare in onda :bgg2

Si continua a blocchi di 7-9 minuti senza digressioni, solo premi e son tutti per Mad Max. Viene eseguita la canzone di "Spectre", poi vincitrice, col cantante che tira due mezze stecche e ciondola insopportabilmente sul palco. Ignobile.
Il primo premio "pesante" va alla Vikander.

La serata è noiosa, più del solito se possibile, Chris Rock non morde mai, nemmeno i siparietti filmati con Whoopy Goldberg e Vanessa Williams tirna su uno spettacolo sgonfio. La regia non spazia sulla platea, si intravedono le prime file e il più annoiato sembra Stallone, forse ha già capito. La Lawrence e Fassbender restano fantasmi, finalmente si vede Tom Hardy.
La più coinvolta sembra Kate Winslet (molto bella) che, in prima fila, forse ha già capito pure lei :bgg2

Mad Max fa incetta di premi, arriva velocemente a sei, e delizia il pubblico sciorinando tutta gente che sembra uscita da un concerto heavy metal di 35 anni fa... I vecchietti hard rock sono irresistibili, George Miller segue dalla poltrona e capisci che tutta sta combriccola australiana c'entra poco col posto dove sono. La costumista è un lampo nella notte: abituata a cucire vestiti per drammoni shakespeariani in costume, ritira il premio invece con giubbotto di pelle borchiato e teschio di lustrini!! :forgive

Seconda canzone, da 50 sfumature, performance migliore ma il pezzo è dimenticabile. Visto quanto sono diluite si intuisce però che non verranno eseguite tutte e cinque. Vista l'ora e lo scarso ritmo si tira un sospiro di sollievo.
Arriva il momento for Kids, entrano i droidi di Star Wars, i Minions e i protagonisti di Toy Story. Vince Inside Out come da pronostico e il suo autore fa una cosa inaspettata quanto in linea col film: l'elogio dell'importanza della tristezza nella formazione. Applausi.

Dopo una fase poco interessante tocca all'"In Memoriam".
C'è Ettore Scola, c'è il Duca Bianco, c'è Alan Rickman, Maureen O'Hara, molti tecnici, ma tra registi, direttori di fotografia e produttori per chi scrive è il nome di James Horner a dare un sussulto. E' una notte speciale per chi ama le colonne sonore e siamo pronti a ciò che verrà

Toh, succede qualcosa... viene annunciato il vicepresidente Joe Biden. Lou Gossett Jr. è rimasto ufficiale e sta lì in piedi a rendergli onore; a poco a poco si alzan tutti. Biden ricorda che non è lì in veste ufficiale, fa un pistolotto sugli abusi su uomini e donne e lancia... Lady Gaga!!
Al piano canta (bene) una (mediocre) canzone scritta con Diane Warren. Standing ovation. Basterà?

Nel frattempo si è consumato ciò che era nell'aria: tutti amano Sly tranne i colleghi. Vince Rylance (comunque monumentale ne "Il ponte delle spie") e Rocky è al tappeto. C'è un po' di disappunto più tra chi commenta che tra chi è in sala.

Sono le 5 passate e siamo al climax. Sale sul palco Quincy Jones (con Pharrell Williams, perchè? :shock) e la tensione sale...
Vince Ennio Morricone!! Evvai!
Complimenti dai colleghi, un abbraccio e un sostegno glielo dà il più giovane John Williams (stampate il fotogramma, è pura leggenda in un solo frame!), Ennio, accompagnato dal figlio, sale sul palco e la platea gli tributa la standing ovation. Si commuove Ennio, gli si rompe la voce mentre ringrazia il collega e parimente mito Williams, Tarantino e la moglie. Il figlio traduce. Ora siamo contenti, comunque vada il resto della cerimonia, questo momento ci ripaga.
Il ricordo di James Horner, Quincy Jones, John Williams, Ennio Morricone... mancava Hans Zimmer (che di Ennio è grande fan) e l'empireo attuale delle soundtracks era completo. Gli altri grandi se ne sono già andati da un pezzo purtroppo.

Torniamo sulla terra e "Spectre" si aggiudica la miglior canzone. Kate Winslet quasi si ribalta sulla poltrona :shock

Siamo alla fine. Inarritu ha fatto il bis e tenuto il solito discorso un po' politico, ma il fatto che The Revenant non stia andando benissimo apre la porta all'outsider per il premio finale.
Brie Larson è la prima debuttante a vincere dopo 27 anni, un'oretta prima Emmanuel Lubezki ha stabilito un nuovo record per gli annali: è il primo a vincere per tre volte consecutive nella stessa categoria (la fotografia).

Tocca a Leo... e finalmente vince! il più grosso applauso con standing ovation è per lui. Si toglie un peso e regala un discorso ambientalista.

E finalmente arriva lui, Dio... alias Morgan Freeman, per proclamare il film dell'anno. La scelta appare inevitabile visto il "fil black" della serata. Vince "Il caso Spotlight", l'outsider, il film classico per antonomasia.
Non accadeva dal 1957 che il miglior film si aggiudicasse meno di tre statuette, a dimostrazione dell'estrema incertezza dell'annata.

Mad Max alla fine trionfa nei numeri, The Revenant e Spotlight nel peso dei premi.

Titoli di coda e si va a dormire, contenti per l'esito della premiazione ma un po' sfiniti da un (diciamolo) brutto show.

Strider
29-02-16, 15: 12
:thx Shiny della cronaca della serata, praticamente mi trovo con tutto quello che hai scritto :ghgh :eye

io ho retto fino al premio al nostro grande Ennio, poi sono crollato, mi sono svegliato alle 7.30 (come al solito) per accompagnare mia figlia a scuola e poi sono venuto a lavurà :shock:sisi :hap

adesso sono uno zombie-felice-che-dorme-sulla-tastiera :lol:

ma davvero stra-felice per Morricone con il quale ho da sempre un legame affettivo-mistico-passionale-liturgico denso di stima, nostalgia e gratitudine, era davvero ora che l'Accademia (come dice lui) gli desse la statuetta dorata :sisi :gogo


con le sue musiche ci sono cresciuto, gli devo tantissime emozioni, posso dire che un bel pezzo della mia vita da cinefilo è accompagnata dalla soundtrack di Morricone :hap


provo a scrivere qualcosa a braccio ma non so se saranno pensieri sufficientemente articolati :lol:



stasera il Taranta lo andiamo a vedere in 70mm
invidia suprema! :sisi :lol: :fleurs

mi accodo alla richiesta di Kowa, facci sapere la differenza con la versione per noi-comuni-mortali e non dire che non l'hai vista altrimenti ti "odierò" ancora di più :ghgh :lol:

al limite rimedia e vediti pure quella, già solo per essere solidale con i tuoi più sventurati amici di forummo :lol: :fleurs

io volevo andare a Roma per vederlo in 70mm ma putroppo non ci sono riuscito e mi sono dovuto accontentare della versione multisala :ehmm

comunque mi è piaciuto un sacco, trovo che il "Taranta" abbia fatto un nuovo passo avanti nella sua colta esplorazione dei generi "bassi", facendo un film intimo, "piccolo" (alla Jackie Brown, per capirci), non facile, ma cinematograficamente enorme :forgive

una tragedia "da camera" che riflette, amaramente, sulla storia americana e sulla natura umana, sospesa tra Storia, politica, western, giallo, ironia nera e pulp. Grandi dialoghi, almeno due grandi personaggi e tanto geniale iperrealismo tarantiniano con un finale beffardo, ambiguo e "splatteroso". Anche le musiche di Ennio mi sono piaciute molto, sono esattamente come il film: non facili, non immediate, ma assai ricercate, un lavoro intimo e raffinato che scava nel profondo. :forgive

ci voleva Tarantino :forgive per convincere l'Accademia a dare il massimo premio al nostro grande Maestro! :ghgh :lol:


sulla serata ha detto tutto Shiny: noiosa, mediocre, per fortuna i discorsi di ringraziamento sono stati contenuti :sisi

la canzone di Specte per me è brutta come il film, l'ultimo Bond-James-Bond è stato per me una totale delusione :wall

l'apparizione di Charlize, la costumista australiana hard-rock, i premi tecnici a Mad Max (per cui facevo il tifo) ed il premio a Rylance (anche se gli avrei preferito il buon Ruffalo) mi hanno tenuto "sveglio" fino al momento topico :ghgh

certo che Sly (icona del machismo reganiano anni '80 stile "brutto comunista sovietico sono io che ti spiezzo in due!" :lol:) messo al tappeto da una spia russa non è male ed ha un suo perchè :lol:



Sono le 5 passate e siamo al climax. Sale sul palco Quincy Jones (con Pharrell Williams, perchè? :shock) e la tensione sale...
Vince Ennio Morricone!! Evvai!
Complimenti dai colleghi, un abbraccio e un sostegno glielo dà il più giovane John Williams (stampate il fotogramma, è pura leggenda in un solo frame!), Ennio, accompagnato dal figlio, sale sul palco e la platea gli tributa la standing ovation. Si commuove Ennio, gli si rompe la voce mentre ringrazia il collega e parimente mito Williams, Tarantino e la moglie. Il figlio traduce. Ora siamo contenti, comunque vada il resto della cerimonia, questo momento ci ripaga.
Il ricordo di James Horner, Quincy Jones, John Williams, Ennio Morricone... mancava Hans Zimmer (che di Ennio è grande fan) e l'empireo attuale delle soundtracks era completo. Gli altri grandi se ne sono già andati da un pezzo purtroppo.

da incorniciare tutto quello che hai scritto qui :sisi :forgive

ho goduto, ho esultato e mi sono commosso con il Maestro. Già lo feci nel 2007 quando lo premiò Clint (ma senza sigaro! :lol:), ma adesso è stato tutto ancora più intenso :sisi

l'Accademia lo ha risarcito dello "scippo" di 30 anni fa, "scusate il ritardo" ma "non è mai troppo tardi" :ghgh :lol:

sono andato a nanna felicissimo, come quando la giuve vinse la coppa maledetta contro l'Ajax :ghgh :lol:


a parte Rylance e gli effetti speciali mi pare che sia andato tutto secondo i pronostici. Quando "miglior film" e "miglior regia" si dividono vuol dire che è un anno mediocre o un anno di grande equilibrio, senza un film che metta tutti d'accordo.

Spotlight è un buon film, solido, impegnato, scritto bene e recitato benissimo, un lucido film di denuncia alla Pakula, la vittoria ci può stare ... :sisi

a parte Mad Max (che non aveva speranze ai massimi livelli e che ha fatto il massimo), gli avrei preferito di un soffio La grande scommessa (più innovativo nello stile, meno convenzionale, più spudorato, a tratti amaramente irresistibile)

le vittorie di Inarritu, Lubezki, della Larson (bravissima in Room insieme al piccolo Tremblay) e di DiCaprio erano ampiamente preventivate, se non altro adesso finirà il tormentone date-l'Oscar-a-DiCaprio :lol:

comunque il suo discorso di ringraziamento (che ho sentito dopo in rete) è stato un altro momento da salvare della serata. Avrà pur detto cose "banali" (nel senso di ovvie, non nel senso di poco importanti) ma, a quanto pare, l'umanità ha da sempre problemi ad attuare le cose "ovvie" :ghgh :bgg2 :wall




http://i.imgur.com/S0ZXyzI.png

http://i.imgur.com/vpfOUBs.png



:bai

shiny
29-02-16, 16: 39
Ora non ho il cervello abbastanza sveglio per fare anche un'analisi, ecco la ragione per cui mi sono limitato alla cronaca dello show.
Mad Max a parte preferivo anch'io La Grande Scommessa, molto più innovativo e graffiante, però che abbia vinto Spotlight non mi ha deluso.
Trovo The Revenant sublime tecnicamente e visivamente ma il resto è il classico revenge movie con in più un orso...

Mi aggiungo alla lista di invidiosi di wrong che può vedere il Taranta in Super Panavision 70mm (potrei anch'io, ma Melzo è trooooppo scomodo per me).
Su The Hateful Eight non sono riuscito a esprimermi prima ma sebbene mi sia piaciuto ho trovato una parte centrale al solito esagerata e verbosa (che per Quentin è normale ma qui è un difetto). E' un cupo thriller più che un western, nelle costruzione teatrale e nei toni noir. A tal proposito devo fare un tardivo errata corrige sulla partitura del Maestro romano: vi dissi che era un po' una summa del suo cinema western e mi sbagliavo, non c'entra nulla, ma son stato fuorviato da una preview fasulla che circolava in rete un mesetto fa.
E' perfettamente in linea col film, difficile al primo ascolto (molto difficile) ma interessante e fresca se analizzata a fondo.
Tutto l'insieme e le molte coincidenze (la neve, Kurt Russell...) mi portano quasi a dire che Tarantino abbia fatto il suo film "alla John Carpenter". Una ennesima magistrale citazione.



http://i.imgur.com/S0ZXyzI.png

Che quadro... Ennio Morricone, anni 87, John Williams, anni 84, a destra ci sono i "giovani" Carter Burwell e Thomas Newman (entrambi classe '55), il secondo figlio del grande Alfred, che di statuette ne ha vinte 9. Mitologia signori :forgive:forgive:forgive
Credo che il buon Thomas si stesse chiedendo se farà anche lui la fine del Maestro, per ora ha 12 nominations e non ha mai vinto :shock Nota a margine: ho trovato un coup de theatre della regia l'andare a pescare in sala Danny Elfman, altro genio della musica per film che non ha mai vinto.

wrongway
01-03-16, 09: 24
:mi accodo alla richiesta di Kowa, facci sapere la differenza con la versione per noi-comuni-mortali e non dire che non l'hai vista altrimenti ti "odierò" ancora di più :ghgh :lol:

al limite rimedia e vediti pure quella, già solo per essere solidale con i tuoi più sventurati amici di forummo :lol: :fleurs

purtroppo oggi è peggio di ieri... :triste

al volo: essendovi l'opportunità di trovarci in quanti più possibile a vederlo, si era optato per ammirarlo direttamente nella versione in 70mm (a noi ci son voluti 3 quarti d'ora in auto per arrivarci e altrettanto per ritornare a casa) quindi ciccia: :ghgh la versione per "comuni mortali" non l'ho (ancora) vista :fleurs

vi lascio col ticket:


http://s12.postimg.org/wst7a9upp/ticket.jpg


e un dubbio che mi è rimasto... :tap o ho capito male io, o mi son perso qualcosa... :ohoh :m:

se Daisy doveva essere tradotta a Red Rock per essere processata, la sosta all'emporio di Minnie era già prevista, oppure era dovuta alla tempesta che stava per sopraggiungere, e quindi era una sorta di "deviazione" dal percorso? (l'ipotesi della "deviazione" mi era parsa dal discorso tra Russell e Jackson prima che quest'ultimo salisse sulla diligenza :m: ) Perché se era imprevista, come facevano nell'emporio a sapere che la diligenza con Daisy si sarebbe fermata proprio lì? :confused:

p.s.: i commenti sul film li posterò appena potrò... :boh: :bai

Strider
01-03-16, 10: 32
e un dubbio che mi è rimasto... :tap o ho capito male io, o mi son perso qualcosa... :ohoh :m:


se Daisy doveva essere tradotta a Red Rock per essere processata, la sosta all'emporio di Minnie era già prevista, oppure era dovuta alla tempesta che stava per sopraggiungere, e quindi era una sorta di "deviazione" dal percorso? (l'ipotesi della "deviazione" mi era parsa dal discorso tra Russell e Jackson prima che quest'ultimo salisse sulla diligenza :m: ) Perché se era imprevista, come facevano nell'emporio a sapere che la diligenza con Daisy si sarebbe fermata proprio lì? :confused:




rispondo sotto spoiler


non mi ricordo se la sosta era prevista o dovuta alla tempesta ma mi sembra la seconda ipotesi :m:

però mi pare anche che viene detto che l'emporio di Minnie fosse una tappa abituale per chi passasse in quelle zone, infatti la conoscevano molto bene (comprese le abitudini dei locandieri)

quindi Oswaldo Mobray e i suoi compari si saranno basati sulle alte probabilità dell'evento per mettere a punto il loro piano. E le probabilità sono sicuramente aumentate visto il maltempo che c'era in quei giorni

magari avevano già uno smartphone per vedere le previsioni in tempo reale :lol:


:bai

Kowalski
01-03-16, 11: 50
Bellissima la risposta di Strider! Anch'io ho pensato all'eventualità "tecnologica"!:lol:
Comunque, più o meno ad un mese dalla visione, sono ancora pieno di domande (e non è che mi capiti spesso...)
Perchè al di là delle metafore/allegorie/simbolismi (pure estremamente evidenti), ci sono diverse componenti casuali che ancora faccio fatica a decodificare e la sosta rientra tra queste...

Concordo col nostro Mod :sisi
A ridosso del Natale, con gente pratica del territorio e che potrebbe avere esperienza sulle abituali condizioni climatiche del luogo, potrebbe starci sia il discorso della deviazione forzata, così come l'opportunità per i cattivoni di intercettare Daisy puntando su questa situazione metereologica...
E' un ragionamento davvero contorto il mio, Strider l'ha sintetizzato decisamente meglio, ma l'ipotesi della sosta all'emporio di Minnie potrebbe essere considerata come "eventualità altamente probabile"; in mezzo al nulla prima di arrivare a Red Rock "di là devono passare per forza" avran pensato Osvaldo Vattelapesca, Bob e compagnia...

Piuttosto, non vi ha dato da pensare il fatto che due affermati cacciatori di taglie (Marquis Warren e John Ruth "Il Boia" lo sono), nonostante il loro mestiere, non "riconoscano" proprio nessun membro della gang?
Dopo veniamo pure a sapere che hanno taglie anche importanti, ma davvero? Niente? Neanche il più classico dei cartelli "Wanted" (https://it.wikipedia.org/wiki/Wanted_poster#/media/File:John_Wilkes_Booth_wanted_poster_new.jpg) attaccato un po' dappertutto?
L'ho trovato un po' strano, sinceramente, oltre al fatto che un po' tutti si bevono quantità industriali di liquidi vari ma nessuno mi pare si fiondi alla latrina, io col freddo son sempre in bagno! :lol:

:fleurs

Strider
01-03-16, 12: 08
ciao Kowa :bai :fleurs





Piuttosto, non vi ha dato da pensare il fatto che due affermati cacciatori di taglie (Marquis Warren e John Ruth "Il Boia" lo sono), nonostante il loro mestiere, non "riconoscano" proprio nessun membro della gang?
Dopo veniamo pure a sapere che hanno taglie anche importanti, ma davvero? Niente? Neanche il più classico dei cartelli "Wanted" (https://it.wikipedia.org/wiki/Wanted_poster#/media/File:John_Wilkes_Booth_wanted_poster_new.jpg) attaccato un po' dappertutto?
si, è vero, questa cosa l'ho pensata anch'io ed è alquanto strana :sisi

magari era gente "di fuori" ? :m:


oltre al fatto che un po' tutti si bevono quantità industriali di liquidi vari ma nessuno mi pare si fiondi alla latrina, io col freddo son sempre in bagno!
un po' come Tex Willer che non andava mai al bagno, mi ricordo che me lo chiedevo sempre quando leggevo i fumetti :lol:

invero c'erano tante altre cose che il nostro non faceva :ghgh :oo2 :eye :lol:

MarcoStraf
08-03-16, 00: 41
Felicissimo anche io per il Maestro Morricone, uno dei compositori da me preferito per le colonne sonore, assieme a un altre grande italiano, Nino Rota.

E qui mi tocca ritoccare un altro tasto dolente. Non ho visto l'ultimo di Tarantinello e manco lo voglio vedere, quindi mi ascoltero' la colonna sonora con calma. Ai suoi esordi ero interessato a Tarantinuccio, ma mi ha sempre piu' deluso. Mi pare che continui a fare solo riferimenti su riferimenti su autoriferimenti. Cercai di vedere Kill Billy ma non sono maui riuscito a finire neppure il primo dei due, disgustato ancora di piu' di Matrix (sono un fanatico del filone arti marziali). Stessa sorte per Death Proof (grazie a Netflix posso cominciare tutto quello che voglio senza dovere finire, se non mi piace passo ad altro, la mia coda e' lunga con piu' di cento titoli) Django almeno lo ho finito, ma ammetto che dopo un po' mi sono messo a fare dell'altro. Insomma, sara' quel grande registra se piace cosi' tanto, ma proprio con me non ci piglia nulla.

Strider
08-03-16, 01: 36
ciao Marco :bai

lungi da me volerti far cambiare idea (e gusti) su Tarantino, che però io amo così tanto che non posso non scrivere qualcosa, anche perchè ormai è da tanto che qui non si riesce quasi più a discutere di cinema, visto che siamo in pochi e si interviene di rado in modo da stimolare proficue discussioni :triste

capisco che il cinema di Tarantino è particolare e può non piacere, infatti ha diversi detrattori (in tanti lo definiscono "copione") oltre che tantissimi ammiratori :ghgh

Io sono cresciuto con il cinema italiano di genere degli anni '70, la mia prima formazione cinefila è stata quella :sisi

spaghetti western, poliziotteschi, thriller, horror e derive varie, commedia sexy, Bud & Terence, Tomas Milian e via discorrendo ...

poi crescendo ho scoperto il cinema d'autore (2001 fu il primo incontro "fatale"), i gusti sono diventati più raffinati ma non ho mai dimenticato il "primo amore" sebbene abbia capito chiaramente che, obiettivamente, si trattava di "robaccia" nella maggior parte dei casi

si è allora creato uno "scisma" tra il mio gusto intellettuale e quello sentimentale legato ai ricordi adolescenziali, ma non ho mai rinnegato nel cuore quel cinema con cui sono cresciuto

quando è spuntato Tarantino :shock per me è stata una manna dal cielo, una sorta di "profeta" dei generi, un "messia" per il cinema di serie B :ghgh :lol:

già con Le iene rimasi folgorato, poi con Pulp Fiction è stato amore folle. Credo di averlo visto 4-5 volte solamente in sala :ehmm :ghgh :lol:

d'altra parte come potevo non amare un americano dal cognome italiano che dice che "il suo film preferito è Il buono, il brutto, il cattivo", che il suo regista preferito è Sergio Leone, uno che adora quei b-movies italiani stracult e che li cita a ripetizione, uno che si è dato la missione di rendere altisticamente "alto" il cinema "basso", di portare in auge quel tipo di cinema di "cattivo gusto" che tutti abbiamo visto ma di cui un po' ci vergogniamo, rendendolo degno, rendendolo cool e "per tutti" :sisi

Tarantino è riuscito, col suo stile follemente geniale, a sdoganare la violenza esplicita facendola diventare digeribile e mainstream, Tarantino ha reso cool i cattivi coi suoi dialoghi adorabilmente non-sense. Lo aveva già fatto Kubrick con Alex De Large ma quanto gli era costato ? critiche, accuse assurde, emulazioni di squilibrati, dovette addiritture ritirare la sua "arancia" dalle sale inglesi ... :wall

e quella violenza sporca e brutale che ha sempre reso di nicchia e underground autori come Sam Peckinpah o Abel Ferrara o David Cronenberg, con Tarantino è diventata accettabile, addirittura amabile, perchè ironica, fuori di testa, fumettistica, visionaria

e ancora mi chiedo ... ma come faccio a non amare uno che dice pubblicamente una frase come quella che ho messo in firma ? :oo2 :lol:


a volte sono critico anch'io con il "Taranta", ad esempio Death Proof o Django e lo stesso Kill Bill 2 li ho trovati così così, meno geniali ed ispirati del solito, in fondo si sa che non tutte le ciambelle ... :ghgh :eye

però come si fa a negare la bellezza, il genio di una sequenza come questa ?

è puro cinema! romanticismo crudele e beffardo, omaggio alla settima arte, film nel film, puro talento visivo, eros e thanatos, etc etc ....

ma come si fa a dire il contrario ?

https://www.youtube.com/watch?v=Q-hygkcbhDA

e vogliamo parlare del commento musicale di Morricone che QT ha scelto per questa scena ? in quanti lo conoscevano ? anche questo è talento purissimo, altro che .... :oo2

personalmente non posso che ringraziare Tarantino per tutto quello che fa, per l'amore che dimostra per quel cinema italiano "da tenere nascosto sotto lo zerbino del moralismo" e per la passione quasi infantile con cui affronta il suo lavoro. Senza questa passione non sarebbe mai riuscito a convincere Morricone a scrivere la colonna sonora per The hateful 8 ed il nostro grande Maestro non avrebbe vinto il suo Oscar :sisi

anzi,come ha detto Piovani l'altra sera, l'Academy non avrebbe vinto il nostro Morricone perchè l'onore è stato tutto loro :ghgh :lol:

Marco, anche se non ti piace, ti consiglio di vedere i primi film di QT e magari anche Bastardi senza gloria :sisi

se poi è del tutto fuori dai tuoi gusti pazienza ... :hap

:bai

Kowalski
08-03-16, 12: 43
Tarantino, piaccia o no, è il solo contemporaneo capace di generare così vasta attenzione da parte di fans e media cinefili anche tramite semplici annunci; ricordo un'ossessiva curiosità simile solo per Kubrick e, in maniera decisamente ridotta e a livello nazionale, per Moretti (a parer mio scivolato negli ultimi anni in un noioso autocompiacimento assai poco redditizio in chiave realizzativa)...

"Sparare" su QT è un po' una disciplina Olimpica, ci sta per il personaggio che non sembra esser da mezze misure; io personalmente, nel corso degli anni, ho sviluppato un'idea scema ai più ma redditizia per il sottoscritto:

Evito di leggere/sentire/vedere, quanto più possibile, su di lui -ed il relativo film- fino ad avvenuta visione della pellicola ultima; è assai difficile, visto il bombardamento mediatico, ma diciamo che me la cavo abbastanza bene...

Tutto ha origine dal fatto che gli ultimi film del regista - in base alle inevitabili dichiarazioni che comunque "subisco"- rientrano in "generi" da me sinceramente non troppo amati:
Il cine-bellico, lo spaghetti-western, decisamente meglio il grindhouse, invece...
Solo che poi, ad avvenuta visione, nonostante le remore, mi riscopro sempre decisamente entusiasta e ampiamente soddisfatto!
Magari ho qualche dubbio su quest'ultimo, ma ne parlerò in altro momento...

Giuro! Non sapevo fino alle nominations degli Oscars che, ad esempio, ci fosse (con mia enorme gioia) Jennifer Jason Leigh in "Hateful Eight" (non pensavo ci fossero proprio donne nel film!) e mi è letteralmente caduta la mascella a leggere l'ultimo nome del cast Purtroppo a parer mio un imperdonabile errore di casting; sto parlando di Channing Tatum che, insieme all'insopportabile Tim Roth e allo spaesatissimo Michael Madsen rappresentano per il sottoscritto una scelta davvero infelice!

Il punto è che, questa attenzione esagerata e spasmodica per ogni film dell'autore, trova una sua giustificazione, ad esempio, nella messa in scena; ricchezza di particolari, una cura maniacale per le scenografie, i primi piani su situazioni oppure oggetti apparentemente insignificanti (salvo poi trovare un suo perchè a posteriori...); parafrasando persone molto più abili di me nell'analisi, non c'è un metro di pellicola sprecato nei suoi film e stiam parlando di pellicole fluviali, spesso superiori alle 2h 1/2, con tematiche sulle quali si può discutere all'infinito:
Mancanza di originalità? Plagio conclamato? Autoreferenzialità? Narcisismo? Per citare i "detrattori"...

Per me è un grande, grandissimo autore, innamoratissimo del cinema, TUTTO, non solo di quello che fuoriesce dalle veline/recensioni degli uffici stampa e che un po' tutti tendono a ripetere per facilità...
E' l'unico autore che mi porta sempre al cinema (tutti i suoi lavori li ho visti, anche più volte, sul grande schermo)

Strider ha elencato alcuni maestri che possono ricorrere in discussioni tipiche sul cinema di QT, ma potremmo parlare di Godard (dal marchio A Band Apart /Bande à part a Mia Wallace/Anna Karina), dalle affinità con Rohmer per il sapiente lavoro sui dialoghi (Tarantino lo ha spesso citato) a uno dei miei preferiti, Seijun Suzuki (tutta l'opera del 92enne giapponese può esser considerata fonte dì ispirazione per QT) o il Jack Hill di "Switchblade Sister" (vero manifesto "Grindhouse")...
Poi Russ Meyer, Jess Franco, Herschell Gordon Lewis, cinema di serie A o serie Z il gioco può andare avanti all'infinito...

Senza "Kill Bill" forse non avremmo recuperato "Lady Snowblood", senza "Le Iene" o "Pulp Fiction" forse John Woo o tutto il cinema di Hong Kong sarebbe ancora rimasto un fenomeno di nicchia; magari "Django Unchained" "Inglorious Basterds" han permesso a molti (fuori dall'Italia) di conoscere gli artigiani del cinema nostrano...

Un po' per tutti i gusti, parlarne bene o male, secondo me rende un gran servizio al cinema, stimola la passione, accende l'entusiasmo e permette di scoprire o riscoprire sottogeneri, autori e films dimenticati

Per me sta nell'Olimpo, assolutamente, nei suoi film ritrovo, in toto, tutto quello che mi fa amare il cinema in generale, di questo gli sarò sempre grato...

P.S.
Mi riservo ancora un'opinione su "The Hateful Eight" perchè sono assai combattuto, poi sto aspettando una "cosa" che posterò appena giungerà a destinazione! :bgg2

:fleurs

MarcoStraf
08-03-16, 20: 10
... Marco, anche se non ti piace, ti consiglio di vedere i primi film di QT e magari anche Bastardi senza gloria ...
Come ho gia' detto, li ho visti. Seguii Tarantinuccio proprio fino a Kill Willy Chapter One, che provai a vedere piu' di una volta proprio per vedere se non ero nella giusta predisposizione, ma non ci sono mai riuscito. Forse la sua cosa che mi piace di piu' e' il suo episodio di Four Rooms (un film che mi piace assai)
Non sono un detrattore di Tarantalo', ammetto che sia una mia deficenza. Non sapevo nemmeno che avesse detrattori, mi pare invece che sia molto amato dal pubblico e dalla critica, il motivo che ho scritto quel messaggio e' stato proprio per fare "coming out".

Comunque devo ammettere una cosa: le parodie di Kill Jilly mi piacciono tutte...

Kill Bill In One Minute (http://theawesomer.com/kill-bill-in-one-minute/11144/)