PDA

Visualizza versione completa : ntfs-config o disk-manager e come gestire al meglio dischi ntfs esterni?



Kirk78
22-07-15, 11: 44
Ciao a tutti! Leggo dal gestore pacchetti su ntfs-config 1.0.1-11:

Questo programma permette di configurare facilmente, attraverso un'interfaccia grafica amichevole, tutti i device NTFS per permettere il supporto alla scrittura. Per questo, li configurerà tutti per l'uso del driver open source ntfs-3g. È anche possibile disabilitare questa funzionalità.
Questo programma, guarda caso, è una versione nuova e migliorata, ma pochi lo sanno. È meglio installare disk-manager.
L'ultima frase mi rende un po' perplesso... ma forse è stato tradotto male in inglese. Prima sembra consigliare ntfs-config ma poi dice che è meglio disk-manager 1.1.1-2 :boh
Che dite? Ho sempre avuto problemi con i dischi esterni ntfs su GNU Linux, e quindi chiedo a voi cosa conviene. Per esempio vorrei disattivare in scrittura un disco ntfs di cui vorrei fare una copia di alcuni file, o visualizzarne il contenuto senza rischiare di cancellare o rovinare qualcosa.
Per ntfs è già installato ntfs-3g 1:2014.2.15AR.2-1+deb8u2, ma GParted 0.19.0 quando metto un disco ntfs mi piazza un bel punto esclamativo con:

Attenzione! Impossibile leggere il contenuto di questo file system.
Per questo motivo alcune operazioni potrebbero non essere disponibili.
Il problema potrebbe essere la mancanza di un pacchetto software.
I seguenti pacchetti software sono necessari al supporto del file system ntfs: ntfsprogs / [u]ntfs-3g[7u].
:boh

Le versioni riportate sono quelle di Debian 8.1 ma a me interessa anche su *buntu: insomma per gestire al meglio su GNU/Linux i dischi esterni USB.

Grazie comunque dell'attenzione! :bai

pierino_89
22-07-15, 15: 05
ma GParted 0.19.0 quando metto un disco ntfs mi piazza un bel punto esclamativo con:

:boh

Gparted non usa ntfs-3g (che serve solo per guardare dentro i dischi), ma si limita a leggere l'intestazione della partizione. Se non te lo vede, significa che il file system è ben malmesso.

Kirk78
22-07-15, 15: 31
Gparted non usa ntfs-3g
Secondo il messaggio di Gparted sembra di si altrimenti che me lo diceva a fare? :boh


Il problema potrebbe essere la mancanza di un pacchetto software.
I seguenti pacchetti software sono necessari al supporto del file system ntfs: ntfsprogs / ntfs-3g.
Comunque Slax, che è l'unico con cui non ho molti problemi con gli HDD esterni USB ntfs, lo legge tranquillamente. E' Debian che mi da quel messaggio e che non legge bene lo stesso disco. :boh

Per quanto riguarda i 2 pacchetti sopra citati? Vedi per esempio la possibilità di decidere quale partizione ntfs deve essere in sola lettura, senza utilizzare il terminale quindi con GUI?

:bai

pierino_89
22-07-15, 16: 47
Secondo il messaggio di Gparted sembra di si altrimenti che me lo diceva a fare? :boh
Determinare il tipo di partizione non dipende dal tool. Formattarla e fare il check sì :tong2



Per quanto riguarda i 2 pacchetti sopra citati? Vedi per esempio la possibilità di decidere quale partizione ntfs deve essere in sola lettura, senza utilizzare il terminale quindi con GUI?

:bai
Che io sappia no, inoltre montare in "rw" non significa per forza scriverci sopra. Se non vai a copiarci sopra files non dovresti avere problemi particolari.

Io personalmente non ho mai avuto problemi con partizioni NTFS, quello con cui invece incontro sempre problemi sono i dischi USB, che non vengono mai smontati correttamente, non dicono quando stanno ancora scrivendo e un sacco di altre cose che finiscono per corrompere irrimediabilmente il filesystem.

Kirk78
22-07-15, 17: 01
Quindi neanche ntfs-config o disk-manager possono aiutare? E comunque sai spiegare la frase criptica messa sul synaptic?

quello con cui invece incontro sempre problemi sono i dischi USB, che non vengono mai smontati correttamente, non dicono quando stanno ancora scrivendo e un sacco di altre cose che finiscono per corrompere irrimediabilmente il filesystem.
... ah! Ecco! E allora con GNU/Linux praticamente non si può fare nulla per i dischi USB ntfs? Oppure addirittura parli anche di dischi esterni ext3/ext4? :cry3
Terribile questa cosa! Visto che un HDD esterno serve di solito per il backup (se si compra un grosso disco si usa sia per win che per GNU/Linux)... come si fa a risolvere questa cosa in GNU/Linux? E' molto preoccupante questa cosa che hai detto carissimo pierino_89!

Forse sarebbe meglio farli diventare dei NAS, oppure anche lì ci sono problemi con GNU/Linux?

E' una cosa fondamentale da sapere e quindi mi affido a chi ne sa mooooolto più di me sul nostro caro sistema operativo non win! :fleurs

:bai

pierino_89
22-07-15, 17: 11
Quindi neanche ntfs-config o disk-manager possono aiutare? E comunque sai spiegare la frase criptica messa sul synaptic?
Dovresti trovare la descrizione originale in inglese per capirci meglio, ma tanto non ti servono a nulla, perché sempre ntfs-3g chiamano in causa.



... ah! Ecco! E allora con GNU/Linux praticamente non si può fare nulla per i dischi USB ntfs? Oppure addirittura parli anche di dischi esterni ext3/ext4? :cry3
Terribile questa cosa! Visto che un HDD esterno serve di solito per il backup (se si compra un grosso disco si usa sia per win che per GNU/Linux)... come si fa a risolvere questa cosa in GNU/Linux? E' molto preoccupante questa cosa che hai detto carissimo pierino_89!

Il problema vale su tutte le piattaforme. I dischi USB prima o poi li troverai sempre corrotti. Perché vengono alimentati malamente, scollegati a caldo e rimossi senza una reale procedura di rimozione. E spesso il chipset non dà le informazioni corrette (pensa ad esempio a quelle chiavette usb la cui rimozione viene effettuata in un nanosecondo ma poi continuano a lampeggiare in scrittura per altri 5 minuti).
È normale che vada a finire così, indifferentemente dal sistema operativo o dal file system :ghgh




Forse sarebbe meglio farli diventare dei NAS, oppure anche lì ci sono problemi con GNU/Linux?
Il nas è effettivamente la soluzione giusta, se non hai problemi di budget. Io ho un QNAP TS-412 e mi ci trovo molto bene, a parte alcune limitazioni in velocità.

Kirk78
22-07-15, 17: 29
Perché vengono alimentati malamente, scollegati a caldo e rimossi senza una reale procedura di rimozione. E spesso il chipset non dà le informazioni corrette (pensa ad esempio a quelle chiavette usb la cui rimozione viene effettuata in un nanosecondo ma poi continuano a lampeggiare in scrittura per altri 5 minuti).
I miei dischi USB sono quelli con trasformatore proprio autonomo e faccio, anche su GNU/Linux, la "rimozione in sicurezza" e mi fa aspettare qualcosina per dirmi che deve finire di scrivere e poi mi da l'ok e smonta (o espelle) il disco. Se non ci si può fidare di ciò che dice un sistema operativo... bhè allora, permettimi, non sono fatti bene. Capisco che potrebbe essere un problema di chipset ma allora, io farei così se fossi uno sviluppatore di sistemi operativi, non lo farei neanche montare (almeno in scrittura) fino a che non avessi la certezza di non fare danni all'utente.

Devo dire, con mio rammarico, che su win non ho mai avuto problemi con i dischi USB... ma visto che oramai sto cercando di avere sopratutto GNU/Linux per via della sicurezza e anche backup la cosa mi preoccupa alquanto... Considera che molti tool di backup su liveCD, anche a pagamento, sono basate su GNU/Linux. Quindi mi chiedo se non ci sia un metodo sicuro anche per noi poveri mortali che abbiamo solamente un sistema installato.

Per quanto riguarda i NAS ho comprato un po' di tempo fa (non ancora utilizzato) un Atlantis DiskMaster NAS che rende NAS un qualsiasi disco USB. Il firmware è ovviamente basato su GNU/Linux. Addirittura con possibilità wireless! Si chiamano NAS Dongle e per l'accesso dati utilizza SMB ed FTP. Appena faccio una prova vera la posterò su CT... tempo permettendo. :bai

Andy86
22-07-15, 17: 39
Secondo il messaggio di Gparted sembra di si altrimenti che me lo diceva a fare? :boh

Beh, a volte gparted sputa quella roba solo perché c'è semplicemente il dirty-flag attivo.


Il problema vale su tutte le piattaforme. I dischi USB prima o poi li troverai sempre corrotti. Perché vengono alimentati malamente, scollegati a caldo e rimossi senza una reale procedura di rimozione. E spesso il chipset non dà le informazioni corrette (pensa ad esempio a quelle chiavette usb la cui rimozione viene effettuata in un nanosecondo ma poi continuano a lampeggiare in scrittura per altri 5 minuti).
È normale che vada a finire così, indifferentemente dal sistema operativo o dal file system :ghgh

Com'è vero. :cry3:wall

Ultimamente però con linux mi si rifiuta categoricamente di smontare il device finché non ha finito di scrivere e se ci provo a forzarlo s'arrabbia di brutto.

Invece con un decoder ho appena buttato una chiavetta (pure verbatim) relativamente giovane che usavo per registrare, perché si cancellava l'mbr ogni due per tre, anche perché tra l'altro, su quello, l'opzione per la rimozione rapida, penso non la usasse nessuno (i miei cari utonti neanche sanno cos'è).

pierino_89
22-07-15, 17: 42
I miei dischi USB sono quelli con trasformatore proprio autonomo e faccio, anche su GNU/Linux, la "rimozione in sicurezza" e mi fa aspettare qualcosina per dirmi che deve finire di scrivere e poi mi da l'ok e smonta (o espelle) il disco.
Ecco, questo è già buono. Nonostante questo perdi la roba comunque?



Se non ci si può fidare di ciò che dice un sistema operativo... bhè allora, permettimi, non sono fatti bene. Capisco che potrebbe essere un problema di chipset ma allora, io farei così se fossi uno sviluppatore di sistemi operativi, non lo farei neanche montare (almeno in scrittura) fino a che non avessi la certezza di non fare danni all'utente.
No, il problema è che il SO deve fidarsi di ciò che dice il chipset... Non ha altro modo di sapere :ghgh



Devo dire, con mio rammarico, che su win non ho mai avuto problemi con i dischi USB... ma visto che oramai sto cercando di avere sopratutto GNU/Linux per via della sicurezza e anche backup la cosa mi preoccupa alquanto...
Considera che solo Windows può fare il check di NTFS. Quindi usarlo da qualsiasi altra parte significa che gli errori non verranno mai corretti e verranno accumulati fino al punto critico.



Considera che molti tool di backup su liveCD, anche a pagamento, sono basate su GNU/Linux. Quindi mi chiedo se non ci sia un metodo sicuro anche per noi poveri mortali che abbiamo solamente un sistema installato.
Lo so bene... Ma il backup non viene fatto a livello di file, ma di partizione. È un ragionamento molto diverso, che non vale per questo caso.



Per quanto riguarda i NAS ho comprato un po' di tempo fa (non ancora utilizzato) un Atlantis DiskMaster NAS che rende NAS un qualsiasi disco USB. Il firmware è ovviamente basato su GNU/Linux. Addirittura con possibilità wireless! Si chiamano NAS Dongle e per l'accesso dati utilizza SMB ed FTP. Appena faccio una prova vera la posterò su CT... tempo permettendo. :bai
Guarda, queste cose mi lasciano sempre un po' perplesso... Sono sempre dell'idea che chi più spende meglio spende :tong2

Kirk78
22-07-15, 18: 38
Sono sempre dell'idea che chi più spende meglio spende
Sono daccordissimo... ma attualmente gli affari vanno più che male e quindi non mi posso permettere un NAS SATA professionale... :cry3 spero che sia un prodotto buono se devo poi andare su NAS per fare un backup da GNU/Linux su un disco ntfs...

Nonostante questo perdi la roba comunque?
No... è che il disco su GNU/Linux ogni tanto perde il mount... cosa che non succede su win sulla stessa macchina (e devo dire anche su Slax ma quella è una liveCD quindi non su un'installato). Quindi non c'entra tanto il check di NTFS quanto che, almeno a me, sembra schifargli il mio disco.

Lo so bene... Ma il backup non viene fatto a livello di file, ma di partizione. È un ragionamento molto diverso, che non vale per questo caso.
Al tempo... parlo di backup, quindi di file, non di immagine disco / partizione. Per quello ho una licenza di Acronis e alle volte, come ben sapete, provo con Clonezilla anche se con qualche problemino. L'esempio di Gparted era solo per segnalare il punto esclamativo.


perché c'è semplicemente il dirty-flag attivo
Ovvero? :boh


Invece con un decoder ho appena buttato una chiavetta (pure verbatim) relativamente giovane che usavo per registrare, perché si cancellava l'mbr ogni due per tre,
Il mio decoder è su base linux, ma per sicurezza io prima di toglierlo lo spengo con il telecomando. La pendrive (haimè FAT32 per forza) ogni tanto la devo formattare, ma buttarla mai. Se mi dici dove l'hai buttata la prendo io e la uso per le prove :ghgh

Ma per la vostra esperienza è meglio comunque ntfs-config o disk-manager?

:bai

pierino_89
22-07-15, 23: 17
spero che sia un prodotto buono se devo poi andare su NAS per fare un backup da GNU/Linux su un disco ntfs...
Se lo attacchi a un nas, sicuramente dovrai riformattarlo in ext4. Lo share non ha file system, è uno share e basta.



No... è che il disco su GNU/Linux ogni tanto perde il mount... cosa che non succede su win sulla stessa macchina (e devo dire anche su Slax ma quella è una liveCD quindi non su un'installato). Quindi non c'entra tanto il check di NTFS quanto che, almeno a me, sembra schifargli il mio disco.
Scusa, cosa vuol dire "perde il mount"? Se sparisce da solo, deve essere difettoso il cavo o il controller.



Ovvero? :boh

Quando un disco viene smontato male, viene imposto il "dirty flag" per segnare che il file system non è a posto. Una partizione in questo stato non può essere montata fino a che non viene fatto il controllo.



Ma per la vostra esperienza è meglio comunque ntfs-config o disk-manager?

:bai
Non uso nessuno dei due, e nessuno dei due ha a che fare col tuo problema. Tanto per montare il disco verrà comunque utilizzato l'helper di default del tuo DE, che a sua volta chiamerà il comando "mount" con le opzioni appropriate.

Andy86
23-07-15, 12: 12
ogni tanto la devo formattare, ma buttarla mai.

L'ho formatta tre volte, anche dopo passata con /dev/zero, registra una volta, al secondo montaggio non c'è più la mpt e neanche testdisk riesce a recuperarla.



Se mi dici dove l'hai buttata
In pattumiera, e dove altro? :lol:

Kirk78
26-07-15, 17: 53
Scusa, cosa vuol dire "perde il mount"? Se sparisce da solo, deve essere difettoso il cavo o il controller.
Se fosse così non avrebbe problemi anche win con stesso cavo e stesso controller? :boh

Se lo attacchi a un nas, sicuramente dovrai riformattarlo in ext4. Lo share non ha file system, è uno share e basta.
In realtà accetta FAT32, ext3 e NTFS. Non vedo l'ora di provarlo e vi dico! Come protocollo sharing usa SAMBA o FTP. Ha come feature anche itunes, FTP server, HTTP download schedule e altre cosette interessanti da provare.

nessuno dei due ha a che fare col tuo problema
In verità volevo fare, per esempio, ciò che ho messo nel mio primo post "Per esempio vorrei disattivare in scrittura un disco ntfs di cui vorrei fare una copia di alcuni file, o visualizzarne il contenuto senza rischiare di cancellare o rovinare qualcosa."

In pattumiera, e dove altro?
Aiaiai signora longari lei mi casca sul...la differenziata :ghgh I prodotti tecnologici andrebbero buttati in un'isola ecologica che accetti questo tipo di prodotti, pendrive comprese. A parte gli scherzi ho fatto "resuscitare" parecchie pendrive e una, che aveva la garanzia "a vita", il produttore me l'ha cambiata dopo 3 anni. Una invece che da problemi tipo quelli da te descritti, e senza garanzia a vita, la uso per le prove. Formattata ext4 e ntfs si "perde" dopo molte scritture / letture... tranne quando GNU/Linux si arrabbia :boh

:bai

Andy86
26-07-15, 19: 28
Se fosse così non avrebbe problemi anche win con stesso cavo e stesso controller? :boh

Dovresti verificare se sparisce anche il file di device in /dev, o se fa solo un auto-smontaggio (anche se sarebbe la prima volta che lo sento, mentre è il contrario ad essere spesso un problema).


In verità volevo fare, per esempio, ciò che ho messo nel mio primo post "Per esempio vorrei disattivare in scrittura un disco ntfs di cui vorrei fare una copia di alcuni file, o visualizzarne il contenuto senza rischiare di cancellare o rovinare qualcosa."

Si chiama "montare in sola lettura" e si può fare o lanciando il comando mount a mano con "-o ro", oppure istruendo a dovere fstab, in modo che tutte le volte che lo monti segue quelle impostazioni per quel dispositivo.

Kirk78
26-07-15, 19: 36
Dovresti verificare se sparisce anche il file di device in /dev, o se fa solo un auto-smontaggio (anche se sarebbe la prima volta che lo sento, mentre è il contrario ad essere spesso un problema).
Mi sembra che sparisca il device. Quando invece faccio il boot su quel coso di win funziona per ore.


Si chiama "montare in sola lettura" e si può fare o lanciando il comando mount a mano con "-o ro", oppure istruendo a dovere fstab, in modo che tutte le volte che lo monti segue quelle impostazioni per quel dispositivo.
Lo so, ma preferirei una GUI e quindi ho fatto questo thread per sapere quale è il migliore dei 2 pacchetti, visto anche la stana frase in italiano.

:bai