PDA

Visualizza versione completa : Varie [MUSICA] Che cosa stai ascoltando?



Genzo83
02-02-15, 21: 10
Mi sono dilungato parecchio alla ricerca di qualcosa di simile nel forum, ma non l'ho trovata. Vista la vastità di topic, se la mia ricerca (magari con le parole chiave sbagliate) non è stata fatta con garbo, abbiate pietà ed eliminate tutto.

Ciò che vorrei è un topic dove ognuno postasse, quando ne ha voglia, la musica che sta ascoltando nel momento stesso in cui scrive. Sarebbe bello allegare una descrizione dell'artista, oppure del periodo in cui è stata composta la canzone, o anche solo una sensazione da ricondurre quella canzone in particolare. Non è necessario scrivere molte righe: quanto basta per non buttare giù un titolo ed abbandonarlo tutto solo nello sfondo bianco del post.
Provo a fare un esempio secondo quello che ho in mente, ma ognuno può seguire lo schema che preferisce.


Janis Joplin - Kozmic Blues, 1969.
Non amo fossilizzarmi in un solo genere musicale, ma certamente ho delle preferenze. Adoro le voci graffianti e piene di passione, le voci rock con un pizzico di blues. Quelle che danno tanta energia che ma trasmettono anche molta passionalità. E poi sono fortemente attratto da quel decennio di lotta ed evoluzione che non ho mai vissuto, quel decennio amaro ma dolce allo stesso tempo, raccontato talvolta nelle parole di autori formidaili come la Joplin -morta ahimè troppo presto, ma non senza aver lasciato un contributo indelebile nel mondo della musica blues.

Il tutto dovrebbe servire per trasmettere non solo sensazioni legate alla musica, ma anche curiosità su canzoni, generi ed artisti più o meno conosciuti: tutto ciò che avete da offrire.

Sperando che tutto sia in regola e nel rispetto del regolamento, vi passo la palla. :bai

Genzo83
07-02-15, 01: 23
:bai
Visto che siete timidi o magari non ascoltate musica o magari non vi piace il thread :boh , bisso io. :bgg2

Scorpions, Wind Of Change, 1989.

Adoro questa canzone, sia perché sentimentalmente mi ricorda la cosa più bella della mia vita, sia perché la melodia è stupenda, sia perché ha un testo bellissimo (racconta la vita sotto l'imponenza del Muro di Berlino e i cambiamenti politici nella Germania dell'Est, per questo il titolo Wind of Change).

Vi ricordo che non è necessario essere intenditori musicali (io non lo sono) o contestualizzare storicamente né scrivere su canzoni d'alto spessore. Quel che viene, di getto. :sisi

Armandillo
07-02-15, 14: 21
Cosa ascolto ?

Beh, a parte le canzoni di mia sorella che spaziano da Toto Cutugno ad Arisa :ghgh, normalmente ascolto la musica del passato a cui sono legato in modo imprescindibile, quindi ovviamente i Pink Floyd, di cui posseggo quasi tutti gli album, e poi Led Zeppelin, Santana, E.L.&P, Billy Cobham, Deep Purple, Genesis ed altri autori di vario genere.
So che sbaglio nell'affermarlo ma non ci posso fare nulla...la musica e' quella e non altra ! :boh
Il fattore psicologico comunque gioca un ruolo rilevante nella scelta di cosa ascoltare.
Spesso mi piace mettere musica classica - vado matto per le Quattro stagioni di Vivaldi - oppure per il Bolero diretto da Muti.
Poi ci sono momenti in cui ho piacere di riascoltare brani che mi ricordano l'adolescenza (Baglioni) quando le feste si facevano in casa e le discoteche manco esistevano.

In generale posso dire che la buona musica, chiunque la faccia, non mi dispiace anche se trattasi di semplici canzoni ma difficilmente dopo un primo ascolto ne farei seguire altri.

:bai

iaia
09-02-15, 16: 48
Ella Fitzgerard - Summertime - Live in Berlin 1960

Lo Zio T
10-02-15, 00: 01
In generale ascolto un po' di tutto, tranne qualche eccezione (come il 90% delle canzoni rap ed in generale non impazzisco per il metal heavy... heavy, non so come definirlo in altra maniera :lol: ). Comunque tendo molto ad andare "a periodi", fissarmi molto su una singola canzone ed ascoltarla continuamente. :sisi:

In questo periodo ascolto la nona sinfonia di Beethoven per via del fatto che recentemente ho rivisto "Arancia Meccanica". Trovo Beethoven e Vivaldi (generalmente ascolto loro a livello di musica classica e poco altro) molto rilassanti ed allo stesso tempo coinvolgementi nel ritmo variabile delle loro opere, che in genere è un po' la prima cosa che ricerco in una canzone, a livello musicale (anche l'unica, perchè andare oltre al "mi piace"/"non mi piace", non so andare, quindi... :asd ). :sisi

Kowalski
13-04-15, 12: 01
La settimana scorsa mi è arrivato dagli USA l'ultimo dei Blues Explosion; desideravo l'edizione limitata e non avevo voglia di aspettare le comodità di certi negozianti di qui...
Ammazza quant'è verde!
http://images.collectiontricks.it/images/14941345092808340241.jpg (http://images.collectiontricks.it/)
Hot green veramente!
Tributo alla loro città d'adozione (NYC), ai loro gruppi preferiti, mix esplosivo (ovvio!) di funky/rock/blues/soul/rap-hip-hop etc etc scorre via senza pause, come nei loro concerti dove i brani si accavallano e fondono senza stacchi...
Ho letto di recente un'interessantissima intervista a Jon Spencer, un sunto sui suoi 50 anni (portati assai bene, grazie anche al "metodo" di Henry Rollins) e ai 30 anni buoni di carriera...(se vi interessa potete trovarla qui (http://thequietus.com/articles/17346-jon-spencer-blues-explosion-heavy-trash-interview))

Molto interessante la parte sui trascorsi universitari alla prestigiosa Brown University, la sua passione per il cinema di Douglas Sirk...
Sinceramente ,rispetto ad altri suoi colleghi di scena (penso a gente come Mark Lanegan, Nick Cave, Thurston Moore e le loro varie crisi di mezza età, non solo musicali) mi sembra più stabile (penso anche al matrimonio con Cristina Martinez) e, musicalmente parlando, sempre pronto a rimettersi in gioco...

Speriamo a breve anche in un ritorno dei Boss Hog, intanto mi godo questo "Freedom Tower" che mi gusta assai...

Saluti e grazie a Genzo per l'ottima iniziativa! :fleurs

iaia
13-04-15, 15: 41
Hip hop :eye

MarcoStraf
15-04-15, 00: 16
Ultimamente un sacco di KD Lang quando voglio rilassarmi.
In auto sto ascoltando The Night Watch, un concerto del 1973 dei King Crimson. Stupendo.
The Night Watch (album) - Wikipedia, the free encyclopedia (http://en.wikipedia.org/wiki/The_Night_Watch_%28album%29)

Kowalski
17-04-15, 12: 04
"Clear Lake Forest" dei Texani Black Angels, mini LP (27 minuti) uscito proprio un anno fa per il Record Store Day (http://it.wikipedia.org/wiki/Record_Store_Day) (che ritorna domani 18 Aprile 2015);

A molti fans della band non piace tanto, ne ho discusso con amici che ritengono non aggiunga molto al sound dei BA...
E' indubbiamente piuttosto scolastico, ma, anche per la durata non eccessiva, scorre piacevolmente; dentro ci sono i 13th Floor Elevators, i Pink Floyd di Barrett, un po' di roba kraut, citazioni davvero "clamorose" dei Velvet Underground e cose così...

Mi piace ascoltarlo anche in cuffia quando cammino per i fatti miei; crea un bell'effetto in mezzo al caos metropolitano...
Comunque attendo la band alla prossima uscita "vera", sperando in un recupero delle sonorità passate (indubbiamente più Doorsiane...) visto anche che "Indigo Meadow" non è che fosse proprio un capolavoro

Vinile bellissimo
http://images.collectiontricks.it/images/91756618540716262622.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

:fleurs

MarcoStraf
05-05-15, 01: 29
Assolutamente deluso dell'ultimo album dei defunti Pink Floyd (The Endless River) ascolto in ripetizione il concerto dal vivo di David Gilmour registrato dal vivo a Gdańsk in Polonia, contiene tutto il suo (bel) album On an Island, piu' alcuni vecchi pezzi dei Pink, inclusa una bella versione di Echoes. Lo trovate tutto su YouTube, ma se vi piace ricordate di comprarlo :)
E' l'ultimo album in cui compare Richard Wright, mancato poco prima che l'album uscisse.

Armandillo
05-05-15, 16: 06
:bai

Non sono un conoscitore appassionato per cui mi capita di rivolgermi ad un amico che invece lo e' e che mi fece conoscere a suo tempo Billy Cobham.
Questa volta mi ha fatto conoscere Larry Carlton e Robben Ford e il cd "Live in Tokio" che sto ascoltando in questi giorni con vero piacere :sisi
Se siete curiosi vi consiglio un ascolto di alcuni brani su Youtube.

iaia
05-05-15, 16: 30
La regina della notte, dal Flauto magico di Mozart.

Kowalski
08-05-15, 11: 33
"Clouds Taste Metallic" dei Flaming Lips; incredibile, son passati già 20 anni dall'uscita...

Ogni volta che acchiappo un album dalla discoteca, ricontrollo sempre la data di pubblicazione e non posso fare a meno di pensare al tempo che è trascorso; un po' come esercizio mnemonico, vado a ricordare gli avvenimenti dell'epoca, ripenso all'acquisto del medesimo (ordinato?! comprato in qualche negozio?!, Italia o estero?!, regalo?!, se sì, da parte di chi?!) e inevitabilmente la nostalgia ti assale....

Continuo ad amare i Lips, nonostante le assurdità degli ultimi anni, legate perlopiù agli umori di Wayne Coyne; i teschi gommosi, i tributi ai Pink Floyd e Beatles, Miley Cyrus e compagnia (bella?!)...
Però seguo la discografia ufficiale (a grandi linee) quindi son fermo a "The Terror" (sottovalutatissimo dalla critica cieca che a suo tempo incensò invece il per me quasi inascoltabile "Embryonic")...

Clouds Taste Metallic rappresenta forse l'ultimo vero esempio di album completamente rock da parte della band di Oklahoma City, oltre ad essere uno dei miei preferiti in assoluto; la struttura dei brani è classicamente garage-rock sixties nella costruzione, con dei giri armonici immediatamente assimilabili, ma il tutto viene opportunamente mixato in un caleidoscopio sonoro dove l'armamentario psychedelico da terrorista musicale del chitarrista Ronald Jones guida le danze; distorsioni, riverberi, feedback, echoplex, pedali di tutti i tipi, stramberie varie e chissà quant'altro...

Peccato non abbia continuato con la band e sia pressochè sparito dalla circolazione senza lasciare tracce, alimentando una sorta di culto alla Syd Barrett...

Anyway...20 anni fa...
Bella botta di nostalgia!

Those were the days!:ehmm
http://images.collectiontricks.it/images/46049345036514527801.jpg (http://images.collectiontricks.it/)
Not Bad Days!

:fleurs

MarcoStraf
14-05-15, 22: 34
Il concerto On an Island di David Gilmour mi e' piaciuto cosi' tanto che ho deciso di comprare anche il DVD Remenber That Nght.
Due dischi, il concerto registrato dal vivo al Royal Albert Hall nel primo, nel secondo un sacco di extra succulenti.

Grande video e audio, grande regia. Finalmente un concerto senza troppo fronzoli e maiali volanti come ci avevano abituati i Pink Floyd.
Vedere Richard Wright fa venire una lacrimuccia (e' probabile sapessa gia' di essere malato e avere poco da vivere)
Come pure vedere ospite speciale Robert Wyatt, suonare la tromba sulla sedie a rotelle.
Seconda chitarra sul palco un grande Phil Manzanera. Al sassofono un altro grande ricordo dei Floyd, Dick Parry.
David Crosby e Graham Nash come voci di sottofondo, e hanno intonato insieme a Gilmour una verione solo cantata del loro vecchio cavallo di battaglia "Find the Cost of Freedom"
Per le ultime canzoni e' stato invitato il sempre verde David Bowie, ma ormai la sua voce e' andata, Gilmour e' dovuro intervenire a salvare la serata quando era chiaro che il Duca Bianco non sarebbe arrivato alla fine "Comfortably Numb".
Dei vecchi Floyd non potevano mancare due delle canzoni che sono rimaste piu' care agli appassionati del gruppo come il sottoscritto, Fat Old Sun e Echoes.
Finalmente un concerto rock come si deve, dopo tanto tempo. Potete vederene spezzoni su YouTube.
Gilmour non sara' il migliore chitarrista in giro, nemmeno uno dei cantanti migliori, ma e' riuscito a rimanere fedele allo spirito dei migliori Pink Floyd, prima della rottura con Roger Waters. Endless River a parte.

Un grande, grande concerto. Esiste anche la versione BlueRay.

Remember That Night - Wikipedia, the free encyclopedia (http://en.wikipedia.org/wiki/Remember_That_Night)

MarcoStraf
15-05-15, 23: 03
Quello che ho nel mio iPod del grande B.B.King, mancato oggi alla veneranda eta' di 89 anni, e ha suonato divinamente fino all'ultimo.
Se ne e' andato il grande del blues.

wrongway
15-05-15, 23: 51
http://s22.postimg.org/wf0rn2emp/bbk.jpg

iaia
13-06-15, 21: 21
Changes di Tupac Shakur.

Kowalski
14-06-15, 12: 36
The War On Drugs - "Lost In The Dream"

Tra i miei dischi preferiti del 2014; la band è sempre in giro per il mondo a suonare (sono appena passati al Bonnaroo festival 2015 con una grande esibizione...), non propriamente espansivo col pubblico, Adam Granduciel comunque sul palco non si risparmia, col suo cantato un po' alla Bob Dylan ed una collezione davvero impressionante di chitarre!

In questo (al momento) ultimo album ci sono state le limature essenziali per rendere il disco decisamente eccellente ed in un ora circa tutto fila spedito come un treno (la sezione ritmica della band mi ha sempre fatto venire in mente i fantastici Feelies)

Se vi appassionano le cavalcate alla Neil Young (stile Zuma, per intenderci), o alla Tom Verlaine (da solo o con i Television) e più in generale vi piace perdervi in oceani psychedelici pieni di nostalgia (per tempi migliori, persone e ricordi lontani) allora è il disco che fa per voi...
Per me sicuramente lo è, lo metto spessissimo, ogni tanto monto il capotasto sulla chitarra e ci suono sopra, considerato che alcuni brani ("An Ocean In Between The Waves" e "Eyes To The Wind", in particolare) hanno delle sequenze di accordi bellissime nelle loro code strumentali...

http://images.collectiontricks.it/images/18784743417638071354.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

:fleurs

Kowalski
17-06-15, 12: 37
Hope Sandoval & The Warm Inventions - "Through The Devil Softly"

Splendido disco che segna il ritorno della bravissima (e bellissima!) cantante dei Mazzy Star ad 8 anni dall'esordio "Bavarian Fruit Bread":
E' decisamente un album fuori dal tempo e dai generi, proprio nello spirito della Sandoval, lontana anni luce dai cliché tipici del rock 'n' roll...

Nella pausa tra i suoi lavori solisti l'artista ha prestato la voce in alcuni lavori di svariati amici (Death In Vegas, Chemical Brothers, Vetiver, Massive Attack, il compianto e sottovalutatissimo Bert Jansch che io consiglio sempre a tutti di (ri)scoprire!) ma è chiaro che, per fans come il sottoscritto, l'assenza prolungata di uscite, da parte di artisti amatissimi (come per me è la Sandoval) è fonte di gran sofferenza musicale...

E' un disco notturno, autunnale pure, pulitissimo dal punto di vista della produzione, arrangiato benissimo (gli archi non sono leziosi o invasivi), con molta chitarra (dal vivo anche tre chitarristi delle volte sul palco) e percussioni...
Da tener presente che la Sandoval, insieme a Colm O Ciosòig (batterista degli epici My Bloody Valentine e compagno di Hope) si dividono la maggioranza delle parti strumentali (oltre alla stesura dei brani)

In questi giorni si presta bene visto il tempo incerto non esattamente estivo; malinconico sicuramente, perchè in questo periodo al sottoscritto gira così e vabbè, pazienza!

Ci sono almeno due canzoni che, da subito, mi hanno colpito per la loro immediata bellezza; "Trouble" (uscito anche come singolo) e "Blue Bird"...
Sono i brani più immediatamente riconducibili al suono dei Mazzy Star, oltre a "For The Rest Of Your Life", che è completamente un pezzo della band californiana (ascoltabile in alcuni bootleg dei MS ultimo periodo prima della pausa, mi pare di ricordare...) e sono anche i momenti che mi han fatto in qualche modo immaginare (positivamente!) nel ritorno della band di David Roback dalla lunghissima pausa...

Ma sui Mazzy Star ci ritorno in altra occasione!




http://images.collectiontricks.it/images/75841498306191977913.jpg (http://images.collectiontricks.it/)
:fleurs

P.S.
...Piove...

MarcoStraf
23-06-15, 02: 42
Robert Fripp e Brian Eno erano due visionari che incisero due album (superbi) assieme all'inizio degli anni 70, sperimentando con suoni elettrici e loop di nastri magnetici. Fecero anche diversi tour assieme, dei quali esistono alcune bootleg. Finalmente sono stati trovati (solo un anno fa) i nastri originali di uno dei concerti (Parigi, 28 Maggio 1975), restaurati e remixati e finalmente disponibili al pubblico e ora in vendita sul sito ufficiale di Robert Fripp (vedi link). Tre CD, una autentica leccornia per gli appassionati, non lasciatevelo scappare.

Robert Fripp, Brian Eno (http://shop.schizoidshop.com/fripp--eno---live-in-paris-28051975-p1407.aspx)

wrongway
30-06-15, 22: 41
30 giugno 2015 - Playlist dalle 19:00 a poco dopo le 22:00

- Grin: All Out (1973)
- Nils Lofgren & Grin: 1+1 (1972)
- John Phillips: John, the Wolf King of L.A. (1970)
- Ian Matthews: If You Saw Thro' My Eyes (1971)
- Jesse Colin Young: The Soul of a City Boy (1964)

wrongway
02-07-15, 00: 37
1° luglio 2015 - Playlist "siamo tutti figli di Lou Reed" dalle 19:00 a poco prima di mezzanotte

- Peter Laughner & Friends: Take the Guitar Player for a Ride (1994) (Compilation: 1974-77)
- England's Glory: Legendary Lost Recordings (1987) (Registrato nel '73)
- The Modern Lovers: The Modern Lovers (1976) (Registrato tra il '71 e il '72)
- Television with Brian Eno (Bootleg) (Registrato nel '74)
- The Dream Syndicate: Medicine Show (1984)

Kowalski
05-07-15, 11: 02
John Cale - "Paris 1919"

Continuando il viaggio nella nostalgia...
Giustamente considerato uno dei vertici della carriera del genio Gallese, uscito nel 1973 (come "Berlin" di Lou Reed, tanto per parlare di gioielli...), prodotto con grandissima cura, nello stile classico dell'ex VU; tra i collaboratori appaiono alcuni musicisti dei Little Feat...

C'è quel gusto cinematografico e nostalgico che gli conferisce la statura di classico (l'album E' un classico dei seventies), ma c'è soprattutto un insieme di melodie perfette con Hanky Panky Nohow, Half Past France e The Endless Plain Od Fortune -oltre alla title-track- che restano indelebili nella mente (ritornano spessissimo anche a distanza di tempo dall'ultimo ascolto), oltre a puntate rock 'n' roll che non smentiscono la visione musicale totale di Cale...

Presi l'album ai primissimi anni '90 (forse proprio nel 1990), ricordo che all'epoca si trovavano i dischi con l'adesivo giallo metà-prezzo (il punto esclamativo!); dovevi fare sempre un lavoro di precisione per rimuoverlo senza rovinare la copertina :tap...
Un'ottima ristampa per un disco che non mi stanca mai...

Mi è tornato in mente mentre facevo una ricerca tra le videocassette (son peggio di Ted Mosby uso ancora i videoregistratori, ne ho ben 2 perfettamente funzionanti! :bgg2) visto che ho un documentario su di lui che desideravo riguardarmi

http://images.collectiontricks.it/images/05059174975086835504.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

http://images.collectiontricks.it/images/54229497937590747750.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

:fleurs

Kowalski
04-10-15, 11: 12
"Galaxie 500 - Copenhagen (Live 1990)"


Gli ultimi fuochi del magnifico trio Bostoniano, un'esibizione del primo Dicembre 1990; da lì a pochi mesi Dean Wareham (già trasferitosi a NYC) avrebbe mollato la band alla vigilia del tour in Giappone, causando una frattura, tuttora insanata, con Damon Krukowski e Naomi Yang...

Con i Galaxie 500 ci son proprio cresciuto, la cassetta di "On Fire" l'ho letteralmente consumata, fu il primo album loro che mi procurai; all'epoca suonavo con una bella band con la quale facevamo soprattutto pezzi dei Velvet Underground, "arrangiati" in maniera atroce, a causa della mia pochezza tecnica, ma band come i Galaxie (e i primi Luna di Wareham, che di fatto ne rappresentavano un'estensione), Perfect Disaster, Mazzy Star etc un po' davano la direzione per suonare e divertirsi...

Mi ha sempre colpito questa brutta separazione della band...
Vien da pensare alle amicizie, i rapporti umani, la possibilità, di punto in bianco, di troncare rapporti con persone con le quali si è condiviso tanto, lavorato, scherzato, giocato, suonato etc...
In 25 anni questi tre personaggi (Damon e Naomi da una parte, Wareham dall'altra) pare si siano contattati solo per questioni di royalties, ristampe discografiche e pubblicazioni librarie (Yang e Krukowski portano avanti anche un'attività letteraria...), conducendo comunque -in perfetto parallelo- delle bellissime carriere artistiche...

Tornando a questo live, la band suona alla grande, pescando un po' dal tutto il loro repertorio e proponendo tre grandissime cover come "Listen, The Snow is Falling" di John e Yoko (la Yang ha una voce magnifica, una delle mie preferite del panorama rock USA; "Final Day", la cover degli Young Marble Giants cantata da lei che trovate nelle Peel Session è davvero eccezionale!), "Here She Comes Now" dei Velvet in una versione che, davvero (!), non sfigura raffrontata all'originale ed il classico dei Modern Lovers di Jonathan Richman, "Don't Let Our Youth Go To Waste"...
Schitarrate grandiose, code Velvettiane e ritmiche perfette...

E' sicuramente un bellissimo esempio della grandezza di una band che è stata ma sarebbe anche potuto essere di più,chissà


http://images.collectiontricks.it/images/20917711281549865382.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

:fleurs

wrongway
04-10-15, 11: 38
Miiiii... :triste mi piange il cuore... :cry3 :ghgh


http://s3.postimg.org/z2q2bi1pf/G500.jpg


:bai

Kowalski
11-10-15, 12: 10
THE VELVET UNDERGROUND THIRD "45TH ANNIVERSARY SUPER DELUXE EDITION"
(...il disco 5...)

A breve dovrebbero uscire due ulteriori cofanetti dei VU che, personalmente, non m'ispirano particolarmente; uno riguarda "Loaded" (è il 45ennale, uscì nel 1970) e l'altro è una sorta di totem per ogni velvettofilo che si rispetti: "The Matrix Tapes"
Loaded lo adoro tutto e lo possiedo in tutte le salse (vinile, Peel Slowly and See, Fully Loaded edition); mi diverto a suonarlo dall'inizio alla fine con la chitarra ma, devo dire la verità, i live del 1970 sono proprio brutti, il più delle volte senza Moe Tucker (incinta del suo primo figlio all'epoca), con l'ignobile Billy Yule alla batteria (un'indecenza totale...), addirittura mi pare ci sia qualche registrazione senza batteria ma potrei sbagliarmi, devo ricontrollare...

Questo dei Matrix Tapes, registrati dal compianto (e lungimirante!) Robert Quine nel tour Californiano del 1969 sarebbe sicuramente il piatto forte del Natale 2015; il problema è che pescando un po' qui ed un po' là mi pare di avere già tutto o quasi, non ho idea di quanto materiale inedito ci sia nel cofanetto quadruplo di prossima uscita...

Ero già felice l'anno scorso quando comprai questa edizione deluxe del terzo disco, nonostante contenga parecchia roba che già possiedo da tempo...

L'ho pagata poco ed i cd 5 e 6 sono davvero una gran cosa perchè oltre a parecchi brani inediti c'è stato un bel lavoro di pulizia del mixaggio in generale; la band è davvero ispirata, in stato di grazia, la voce di Lou è al suo meglio (spesso in altri live precedenti non risalta benissimo) ma è tutto il gruppo che gira alla grandissima; Sterling Morrison ha tanta libertà d'improvvisazione e Doug Yule si dimostra gran polistrumentista (con una bellissima voce, oltretutto!), la Tucker è il solito treno inarrestabile...

Noevoli, notevolissime, dal primo lp le inedite "Venus In Furs" e soprattutto "There She Goes Again" in grandiosa versione garage
il 69 fu veramente un'annata fruttuosissima per i Velvet!

http://images.collectiontricks.it/images/79690372906544368818.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

:fleurs

P.S.
10 anni circa di forum (tra p2p e CT), ma ogni volta che vedo Wrong renderci partecipi dei suoi tesori discografici etc. mi stupisco sempre!!! :clap

IlManiscalco
13-10-15, 15: 51
Creedence Clearwater Revival - Willy and the poor boy e Cosmo's factory ... due album meravigliosi

Kowalski
14-10-15, 11: 41
Mi ricordo un'intervista al "mio amico" Steve Wynn nella quale l'ex Dream Syndicate affermava che "Willy and the Poor Boys" fosse uno degli album cardine del suo background musicale; per me poi, "Cosmo's Factory" si avvicina alla perfezione assoluta per i CCR!

Camera Obscura - Desire Lines
Settimana tristissima per tutta una serie di lutti musical cinematografici (1 (https://it.wikipedia.org/wiki/Chantal_Akerman)/2 (https://it.wikipedia.org/wiki/Steve_Mackay)/3 (http://www.theguardian.com/music/2015/oct/11/camera-obscura-keyboardist-singer-carey-lander-dies)); avevo seguito un po' la sorte di Carey Lander dei Camera Obscura e tutta la band nei mesi precedenti pareva tenere un profilo positivo e speranzoso; il gruppo, inoltre aveva continuato a suonare...
E' una band che amo tanto, anche se preferisco i lavori più recenti, dal bellissimo "Let's Get Out of This Country" in poi, diciamo...
Desire Lines continua il percorso nostalgico retrò che spesso gli ha accomunati -facilmente, per tutta una serie di ragioni-a Belle and Sebastian e certo, ora, suona anche un po' più triste del solito; c'è un po' più d'America in questo disco -Tracyanne Campbell è una fan di Springsteen, tanto per dire-, la title-track lo ribadisce ("I went to California /I Nedeed Sun /I Warned You" o "Desire Lines sent me to Badlands") e la magnifica Neko Case è tra gli ospiti dell'album...
Spero decidano di continuare, nonostante tutto...

http://images.collectiontricks.it/images/38734486457013183977.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

:fleurs

IlManiscalco
15-10-15, 16: 37
Oggi mi è venuta la pessima idea di ascoltare l'ultimo dei Belle and Sebastian, Girls in Peacetime Want to Dance di quest'anno: decisamente m'ha fatto cagare, con tutto il rispetto. Niente, ma niente a che vedere coi bellissimi Tigermilk e If You're Feeling Sinister. Anche se, per quanto mi concerne sono ascoltabili fino a Dear Catastrophe Waitress


:bai

Kowalski
19-10-15, 12: 31
Belle & Sebastian quest'estate erano praticamente in tutti i festival trasmessi in streaming (secondi solo a Father John Misty, direi...); ho provato a vederli un paio di volte ma mi han fatto davvero una brutta impressione, brani nuovi piuttosto inutili e pure arrangiati in maniera decisamente brutta (sintetizzatori ed altri orrori...) tanti saluti!:nono

Neko Case - "The Worse Things Get, the Harder I Fight, the Harder I Fight, the More I Love You"

Questo, un po' a sorpresa, è stato uno dei miei dischi preferiti del 2013; dico un po' a sorpresa perchè, il precedente e fortunatissimo Middle Cyclone mi aveva deluso parecchio e temevo in una sorta di decadimento artistico della Case...

Lo ascolto tantissimo e ci trovo tutti gli elementi che mi han fatto amare la rossa della Virginia dai tempi di Furnace Room Lullaby; pezzi come "Man" e "Calling Cards" sono tra le cose più belle composte dalla Case, c'è una sorprendente e struggente cover di Nico -Afraid, da "Desertshore"- ma son tutti i 38 minuti del disco che scorrono benissimo senza momenti di stanca; c'è il consueto apporto di amici/collaboratori; tra gli altri :
Burns/Convertino,l'immancabile Howe Gelb, Steve Berlin, M.Ward, Steve Turner dei Mudhoney, Jim James, Marc Ribot e la TracyAnn Campbell dei Camera Obscura citata nei post precedenti...)

E' un disco che nasce anche come reazione catartica di fronte ad una serie di tragedie familiari che han colpito l'artista, i testi purtroppo non son presenti nel libretto (almeno nella mia edizione) ma si coglie benissimo la componente autobiografica a volte estremamente amara e disillusa...
Album bellissimo

http://images.collectiontricks.it/images/33489578150768906677.jpg (http://images.collectiontricks.it/)
:fleurs

Kowalski
25-10-15, 11: 46
Stavo scrivendo una riflessione su una band italiana incredibilmente sovrastimata dalla critica nostrana (mi han chiesto un'opinione alcuni giorni fa...) ma mi sono accorto che avrei finito per fare un'invettiva sul made in italy (cinema/musica/cultura...) di nessun interesse ai fini del thread, lasciamo perdere :ohoh

Stereolab - Peng!

Una band che avrei sempre voluto vedere dal vivo ma purtroppo non è mai capitato; la formazione a sei (3 maschietti e 3 femminucce) sarebbe stata il massimo!
Questo è il fulminante album d'esordio, non è forse il più bello della band ("Transient Random-Noise..." è il mio preferito in assoluto) ma contiene già alcuni dei tratti distintivi del gruppo anglo-francese;
Krautrock alla grandissima, schitarrate con ritmica ossessiva alla Velvet Underground, suggestioni lounge (in buon anticipo sul revival anni 90), la voce unica della chanteuse Laetitia Sadier, per un album sempre ottimo a dispetto del tempo che passa (è del 1992); tra i classici quasi sempre presenti live c'è "Stomach Worm" davvero una trascinante roba Velvettiana, come "The Seeming and the Meaning".

La band ha attraversato un ventennio musicale con molti vertici e pure qualche momento di stanca, numerosi cambi di line-up, la tragica scomparsa di Mary Hansen, la fine della relazione tra la Sadier e Tim Gane ed è entrata nella classica fase di "ibernazione" a tempo indeterminato (pausa, scioglimento?) che caratterizza molte band a me care (i Fugazi su tutti, ma quando si decidono a tornare!?)

http://images.collectiontricks.it/images/50480111580086732757.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

:fleurs

wrongway
25-10-15, 15: 39
al volo son andato a (ri)metter sul piatto il 12" di quella che è una delle songs da me più amate: :angel:

la mitica "Frans Hals" che fu dei McCarthy: :forgive

http://s16.postimg.org/nid2z51u9/Frans_Hals.jpg (http://s16.postimg.org/uycckxpjp/Frans_Hals.jpg)

(click sull'immagine per ingrandire)

:bai

Genzo83
28-12-15, 12: 31
Dopo mesi di latitanza, torno qui per ritrovarvi e visitare la mia creazione, che tutto sommato è piacevolmente cresciuta con tanti bei post da musicofili quali siete.

In questo momento ascolto Don't you (Forget About Me). Non ho mai ascoltato i Simple Minds, ma questa canzone è caruccia. :bai

Kowalski
04-04-16, 20: 02
Curiosando, mi casca l'occhio su un pezzo di un magazine musicale che ritorna sullo "storico" concerto degli Stones a Cuba
http://images.collectiontricks.it/images/53584458523795908765.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

Tutto giusto su Jagger e compagni, infatti il sottoscritto l'aveva fatto notare subito nell'articolo de "Il Fatto Quotidiano"
http://images.collectiontricks.it/images/80206053667029226568.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

Simpatica coincidenza dell'autore del pezzo?!

Interessante in quello stesso articolo anche l'analisi sui Byrds, magari ci sarebbe da mettere anche "5th Dimension" (quest'anno fa pure 50 anni...) oltre a NBB per quel che riguarda la psychedelia

Comunque ne approfitto e lo metto io :ghgh

The BYRDS - 5TH Dimension + The Notorious Byrd Brothers

http://images.collectiontricks.it/images/51916647028888499483.jpg (http://images.collectiontricks.it/)P.S.
Come direbbe Dave Roback: "Alla psichedelia intesa come moda e vestiti preferisco la psicanalisi..."

A presto! :fleurs

Matisse
04-04-16, 22: 12
Stò ascoltando uno dei miei pezzi preferiti: "Shine on you crazy diamond" dei Pink Floyd.

MarcoStraf
05-04-16, 00: 22
Stavo scrivendo una riflessione su una band italiana incredibilmente sovrastimata dalla critica nostrana (mi han chiesto un'opinione alcuni giorni fa...) ma mi sono accorto che avrei finito per fare un'invettiva sul made in italy (cinema/musica/cultura...) di nessun interesse ai fini del thread, lasciamo perdere :ohoh

Stereolab - Peng!

Quanto posso capirti.
Non che la musica italiana sia tutta schifosa, il problema e' che quella di cassetta, specie quella spinta dai media o da vari "festival" della canzonetta, e' di un orrore unico. Non solo muscia che fa schifo, ma anche musicisti che non sono assolutamente capaci di fare il loro mestiere.

Consoliamoci pure con i Stereolab, uno dei miei gruppi preferiti degli ultimi decenni (Loops and Dots il mio album preferito, ma ce ne sono a bizzeffe di molto belli)

Sono giorni che sto riascoltando il primo Santana, versione Legacy prodotta nel 2008, 133 minuti di puro sballo.

C'e' la versione rimasterizzata dell'album originale (finalmente un audio di buona qualita'), bonus tracks, altre versione delle canzoni, e finalmente la registrazione del loro concerto di Woodstock (1969). Quattro versioni della mia canzone preferita, Soul Sacrifice. Questa penso sia la terza volta che ricompro questo album, ma non mi lamento, questa versione vale ogni centesimo del prezzo, che secondo me e' perfino troppo ridotto. Non c'e' nessuna, dico nessuna, delle canzoni di questo album che non mi piaccia. E' uno degli album che continua a piacermi dopo quaranti anni che lo ascolto, e non mi stanca mai.

3334

Kowalski
05-04-16, 12: 53
Ciao Marco
Guarda, è una vita che mi danno dell'integralista per i miei gusti e le "invettive" contro questo o quello ma la verità, come hai sintetizzato te, è assolutamente sconfortante...
Ogni tanto nei San Remo passati c'era un casuale raggio di luce in mezzo al buio più profondo ma, in queste recenti edizioni è una roba (anche per quanto riguarda gli "ospiti" internazionali e non) da film horror...

Oltretutto qui in Italia si è creato un corto circuito artistico-mediatico che parte dal discorso degli sciagurati "talent shows" ai reality/festivals/varietà/e oscenità simili, condotti sempre dai soliti noti con sempre i soliti ospiti, "un cerchio magico di amici degli amici" che poi, il più delle volte tracima anche al cinema con connessioni immediate,
ESEMPIO:
Tizio-produttore + amante-attrice + regista mestierante di comodo + cantante amico/a con brano da promuovere + relative ospitate TV (leggasi giro delle 7 chiese con anche celebri quotidiani connessi) dai soliti noti citati prima e di nuovo punto e a capo...
Il serpente che si morde la coda...

Questa condizione quotidiana ha creato una genìa di artisti che, grazie appunto al sostegno (leggi "Protezionismo") dei nostri mass-media ha sdoganato una caterva di nullità che, ovviamente, al di fuori degli Italici confini, nessuno si fila minimamente (magari in qualche paese del Sud America svolteranno qualche concerto per gli immigrati Italiani)

Basta che adesso sto tracimando io;
Intanto, praticamente nel silenzio generale (a parte le ovvie riviste specializzate) son ripassati nei giorni scorsi gli ineguagliabili Television di Tom Verlaine (con Jimmy Rip stabile da anni al posto del dimissionario Richard Lloyd) a Trezzo sull'Adda; troppo fuori portata e in tempi non conciliabili per me, il mitico Tom l'ho potuto apprezzare anni fa insieme a Patty Smith ma porcaccia la miseria! se prima o poi non li becco live...

Ne approfitto e rispolvero un bellissimo live dei tempi d'oro (1978) con "Satisfaction" degli Stones, "Fire Engine" dei 13th Floor Elevators, "Knockin' on Heaven's Door" di Dylan ed i loro capolavori, a partire dalle fluviali "Little Johnny Jewel" e l'anthem "Marquee Moon", una roba straordinaria!

TELEVISION - The Blow-Up

http://images.collectiontricks.it/images/55318525306347352338.jpg (http://images.collectiontricks.it/)

:fleurs

P.S.

Forse non tutti sanno che "Little Johnny Jewel" è la fonte d'ispirazione mica tanto nascosta di (... (https://www.youtube.com/watch?v=RWYA9BvxMso)) :tong2