PDA

Visualizza versione completa : Game Boy della Nintendo, festeggia i 25 anni



janet
23-04-14, 09: 04
Il lancio del Game Boy, il famoso dispositivo portatile della società Nintendo in Giappone risale al lontano 21 aprile 1989 e solo nel 1990 fu messo in vendita sui mercati europei e statunitensi.
Il dispositivo fu progettato dall team R&D1 capeggiato da Gunpei Yokoi, ossia fu creato dagli stessi sviluppatori che avevano già progettato la serie Game & Watch, una serie di giochi elettronici, sempre portatili prodotti dalla Nintendo fra il 1980 ed il 1991, in grado, però, di offrire un solo gioco ciascuno.
http://images.collectiontricks.it/images/46916798522009393965_thumb.jpg (http://images.collectiontricks.it/viewer.php?file=46916798522009393965.jpg)

Negli anni del lancio del Game Boy ci furono altri agguerriti concorrenti come ad esempio Atari, che lanciò l’Atari Lynx, che pur tecnologicamente superiore e con un display a colori, non poteva competere con la durata delle batterie del Game Boy (circa 4 ore contro più di 20).
Nel 1991 poi anche la SEGA, fece uscire il Game Gear che ebbe un certo successo soprattutto per la compatibilità, tramite un adattatore, con le cartucce del Sega Master System.
Ma il successo del Game Boy fu inarrestabile e della versione originale e quella color sono stati venduti oltre 118 milioni di dispositivi in tutto il mondo.
Della successiva versione, il Game Boy Advance sono stati vendute altre 81 milioni di unità.
Oltre alla durata della batteria già ricordata, anche il gran numero di giochi disponibili sulle famose cartucce ha reso famoso il Game Boy, per sempre e non solo nella storia tecnologica.
Soprattutto Tetris ha inizialmente spinto le vendite del Game Boy rendendolo popolare in tutto il mondo.

http://www.youtube.com/watch?v=EAkLojTS-Bo
Ma anche degli altri giochi, che tutti conosciamo, sono state vendute milioni di cartucce, oltre 50 milioni delle varie avventure dei Pokemon, 18 milioni di Super Mario Land e 12 milioni di Super Mario Land 2.

Nel 1997 la Nintendo decise di rinunciare al nome Game Boy e ci sono stati altri dispositivi di successo lanciati come ad esempio il Nintendo DS.
Anche nel campo delle consolle da salotto non possiamo dimenticare il grande successo della Wii.
Ma niente è per sempre ed ormai la Nintendo è in profonda crisi, a causa dei videogame destinati a smartphone e tablet che costano pochi soldi.
Ora il Ceo della Nintendo, Satoru Iwata,pensa di rendere disponibili i suoi titoli di maggior successo come Mario e Zelda per il mercato delle app.

Una casa che ha prodotto qualcosa di così duraturo come il Game Boy, non può infatti, arrendersi e Satoru Iwata ha detto in tal senso: “Ogni momento di crisi può essere un’opportunità”.
Molto probabilmente, quindi, sentiremo parlare ancora a lungo della famosa casa videoludica giapponese.