PDA

Visualizza versione completa : Berlusconi, faccia a faccia con Napolitano



janet
03-04-14, 16: 12
Sappiamo bene che ormai il premier Renzi comincia a trovare varie opposizioni anche all'interno del suo partito, sopratutto per quello che riguarda l'abolizione del senato.
E' notizia di ieri, un incontro fra Berlusconi e Napolitano, il quale come, si sa, spinge anch'esso per le riforme.
E' strana la vicenda di quest'uomo che fra qualche giorno dovrebbe sapere come dovrà scontare la sua pena, essendo stato sempre condannato in tutti e tre i gradi di giudizio e nel contempo, viene considerato alleato così importante da parte sia di Napolitano che del premier.
Dice giustamente Grillo: "Ciampi e Pertini non l'avrebbero fatto".
Oltretutto nel simbolo delle Europee c'è il nome di Berlusconi, ossia di una persona che non può più neanche votare.
A me danno ancora più fastidio le varie ipotesi dei media che quel cognome potrebbe essere riferito a una delle figlie, quasi a voler significare che l'Italia è ferma ad un medioevo dinastico, dove l'unica legge superata è quella della primogenitura.
Ossia qualunque Berlusconi va bene anche se non si è mai impegnato in politica o ha finora mostrato interesse od attitudine per la "res pubblica".
Oggi, poi, c'è stato un lungo incontro fra Verdini e Letta di Forza Italia ed il premier Renzi, sarebbero ben cinque le condizioni imposte da Forza Italia per continuare a dare l'appoggio sia per quello che riguarda l'iter della legge elettorale, sia nello scardinamento dell'articolo V.
Questo quando da più parti si chiede invece una costituente a cui possano partecipare i migliori costituzionalisti del paese, prima che si compino errori irreparabili.
Oltretutto, anche le varie riforme che riguardano il mondo del lavoro e la Pubblica Amministrazione, sono state criticate oltre che dai sindacati, anche dalla Ragioneria della Stato, perchè sostituire gli anziani con i giovani, porterebbe ad accrescere e non a diminuire le spese, dovendo pagare buonuscite e pensioni.
Insomma anche se Monti e Letta non sono stati i premier più amati ed il rigore presente nelle loro leggi, forse era eccessivo, ora come dicono spesso i giornalisti del "Fatto Quotidiano" fra una supercazzola e l'altra siamo realmente sicuri che le cose andranno meglio ?

Armandillo
04-04-14, 00: 45
Sarei un vigliacco se dicessi che, se potessi, me ne andrei volentieri da questo paese ?
Come abbiamo fatto a permettere tutto cio ?
Siamo anomali in un paese anomalo dove la morale e l'etica sono state sostituite da corruzione ed ingiustizia per cui assistiamo al ricatto di un condannato in via definitiva che tiene in pugno il futuro di una nazione....e' assurdo !!
Grillo, per le idee ritenute strampalate e per il suo modo di interpretare la democrazia, soprattutto interna la suo partito, al confronto di tali individui e' un messia benedetto !

Mi chiedo ora chi di noi si sentirebbe di dire che e' rappresentato degnamente da qualcuno dentro quei palazzi !??
Il pericolo purtroppo e' che così facendo ci si disinteressa ancor piu' della politica ed invece occorrerebbe una voce e una presenza piu' incisiva perche' di questo passo ci mangeranno vivi !

Per tanti anni avevo smesso di votare e poi ho riscoperto un certo interesse....ora proprio non vorrei rintanarmi di nuovo.

silverado
04-04-14, 15: 12
c'è un'immagine che, vista in tv, mi ha dato il voltastomaco: berlusconi và da napolitano (e già qui, ritengo, siamo testimoni di un'anomalia) ed un carabiniere gli fà il saluto. e come direbbe Peppino De Filippo in "Totò, Peppino e la malafemmina": "ho detto tutto".

Pegaso
05-04-14, 21: 17
Guardate io dico solo che il titolo della discussione lo cambierei da "Berlusconi, faccia a faccia con Napolitano" a "Berluscono a complotto con Napolitano". Alla fine Napolitano è stato ed è tuttora uno dei tirapiedi di Berlusconi.