PDA

Visualizza versione completa : Lo hobbit: la desolazione di Smaug, il film campione d'incassi a Natale



janet
25-12-13, 19: 30
Il film, "l'Hobbit, la desolazione di Smaug, il secondo della serie, pre-requel del signore degli Anelli e ambientato sessant'anni prima di quegli eventi, primeggia nei box office americani con oltre 31,5 milioni di dollari totalizzati solo nell'ultimo weekend.
Anche in Italia sta riscuotendo un ottimo successo, con 6.736.048 euro incassati dal 12 al 22 dicembre.
Mentre nella trilogia del "Signore degli anelli" venivano compressi tre libri in tre film, in questa serie all'inverso, un unico libricino viene dilatato in tre film.
Quindi ci sono molte aggiunte nei film rispetto al libro, ad esempio l'elfo Tauriel impersonato dall'attrice Evangeline Lilly, che per sei anni ha impersonato Kate Austen nella fortunata serie televisiva Lost. Quindi si tratta di un film in cui le creazioni del regista Peter Jackson sono molto più evidenti che nel primo.
Grazie ai 48 frame e all’aiuto dell’HFR 3D ci si dimentica di essere in sala ritrovandosi catapultati nella grande finzione creata dal regista.
C'è anche il ritorno di Orlando Bloom nei panni del molto amato Legolas.
Ma i riflettori sono tutti puntati sul cattivo di turno, ossia il drago Smaug e nel nostro caso, il successo del personaggio è dovuto anche a Luca Ward che è il doppiatore di questo anti-eroe.
Per quanto riguarda la trama Bilbo, Gandalf ed i dodici nani guidati da Thorin Scudodiquercia proseguono il loro viaggio fra mille avventure per la riconquista della Montagna Solitaria e il perduto Regno dei Nani di Erebor,incontrando ragni giganti, uomini orso e i famosi elfi. Gandalf ad un certo punto è costretto, però ad abbandonare la compagnia e gli altri procedono da soli, incontrando lungo la strada Beorn il cambia pelle e arrivando, infine, a Pontelagolungo, alle pendici del monte in cui riposa il drago Smaug. Qui verrà intrapresa una lotta titanica contro il drago che metterà a dura prova la loro amicizia ed il senso dello stesso viaggio.

http://www.youtube.com/watch?v=BgZ0S3vPDcs

Lo avete già visto ? Cosa ne pensate ?

Kowalski
26-12-13, 11: 06
Lo avete già visto ? Cosa ne pensate ?

Personalmente non m'interessa e sicuramente non lo vedrò...
Tolkien non rientra assolutamente nel mio background culturale; ricordo anche ai tempi di p2pforum discussioni sul libro e sulla saga cinematografica...
La trilogia de "Il Signore degli Anelli" la vidi al cinema (con tutte le conseguenze del caso legate alla totale ignoranza sull'argomento), grazie anche all'insistenza di appassionati che mi convinsero chissà come (visto il primo, alla fine uno vuol anche vedere come va a finire*), poi la misi proprio da parte, o meglio, la dimenticai; il libro provai a leggerlo, ma dopo un po' -mi pare 2 o 300 pagine circa- mi arresi...
Non è proprio roba per me...

Devo dire che Kevin Smith in "Clerks 2" mi ha definitivamente messo in pace con quest'argomento, grazie alla fulminante "recensione" di Randall che liquida la trilogia in pochi istanti! :bgg2

Più in generale è già da un po' che mi sono stancato di tutti questi registi esagerati alla Cameron, Nolan, Jackson e chissà chi altri mi sfugge or ora, della computer grafica, del 3d e di tutto il caravanserraglio tecnologico degli ultimi lustri; grazie, io passo e mi tengo stretto Kaurismaki...

*In realtà non ho visto il terzo Batman di Nolan, un po' perchè mi è venuto a male lui per i motivi sopracitati, ma anche per la presenza di un'attrice (https://www.google.it/search?hl=it&source=hp&biw=&bih=&q=anne+hathaway&oq=annie+hat&gs_l=firefox-hp.1.0.0i10j0i22i10i30j0i22i30l6j0i22i10i30l2.589. 7845.0.8863.9.9.0.0.0.0.178.1260.0j9.9.0....0...1a c.1.24.firefox-hp..0.9.1256.aROwyKyOMCY) che odio profondamente!

:fleurs

Strider
26-12-13, 18: 53
pur essendo un fan di Tolkien e della prima trilogia di Peter Jackson (in particolare del secondo film, Le due torri) devo convenire (ahimè) con molte delle cose scritte da Kowalski :sisi

ormai la deriva di questi registi hollywoodiani (Jackson è kiwi ma non si è salvato neppure lui :lol:) è quella dell'eccesso in tutti i sensi a partire da un'orgia invasiva di effetti speciali CGI che uccidono il bello cinematografico. Ormai contano solo gli incassi e la qualità è un lontano ricordo :triste

di Smaug ho scritto ampiamente qui (http://www.collectiontricks.it/forum/club-degli-enigmisti/Ct5203-l-angolo-cinefilo-2013-2-semestre/index401.html#post186397) :eye

Eres
26-12-13, 19: 49
Ormai contano solo gli incassi e la qualità è un lontano ricordo :triste
Purtroppo non solo nel cinema, è un problema generale.

wrongway
29-12-13, 12: 02
Io avrei 2 Grossi Problemi: il "fantasy" e la CGI:


(nel genere strettamente fantasy sopporto solo la serie tv "C'era una volta - Once Upon a Time", ma più che altro perché lì ci sono contemporaneamente sullo schermo la Goodwin, la Morrison, la Parrilla, la de Ravin, e la Ory :ghgh )

....

è risaputa e certificata la mia idiosincrasia nei confronti della CGI... ci deve essere una giusta contropartita per riuscire a farmela digerire :sisi (i.e. la Fox nei primi 2 Transformers o la Huntington-Whiteley nel 3°: :ghgh questa sequenza (http://www.hdwallpapers.in/walls/rosie_huntington_whiteley_in_transformers_3-wide.jpg) vale da sola il prezzo del biglietto! :lol: )

...ed è curioso come entrambi risultino sormontabili alla stessa maniera... http://s12.postimg.org/gb94dstu1/whistle.gif :ghgh

difatti se vado a vedere le eccezioni nel solo genere "fantasy" in senso stretto, per intenderci quello con i draghi, gli orchi, le principesse, i castelli, i giganti, i cavalieri, i maghi, le streghe... tralasciando le fiabe "classiche" e l'animazione, così a memoria trovo:

- Il labirinto del fauno (2006)


(salvo per il finale nel mondo sotterraneo :tap )

con una Verdú (Y tu mamá también, La zona, Tetro, Blancanieves) :angel: al fianco della quale avrei combattuto pure io :lol: (e se uno avesse dodici anni, come farebbe a non innamorarsi della protagonista? :ghgh ...e soprattutto cosa escogiterebbe per riuscire a vedere il film dato che è VM14? :ohoh :ghgh )

- La storia fantastica (1987) - con i fondali dipinti e le rocce che paion di cartapesta (http://www.youtube.com/watch?v=lC6dgtBU6Gs) :ghgh nonché un Reiner jr. che all'epoca attraversava un momento particolarmente ispirato :oo2 (Stand by Me, Harry, ti presento Sally... e Misery non deve morire) ma sopprattutto con Bottondoro! :angel: :ghgh Quella l'avrei salvata anch'io! :lol:

- Ladyhawke (1985) - sto nome mi suona familiare... :m: :ghgh - con un'abbacinante Pfeiffer :angel: (e con Donner che nel giro di pochi mesi avrebbe dato alla luce I Goonies :forgive )

- Il drago del lago di fuoco (1981) con l'eroina Valerian che prova a camuffarsi da ragazzo! :shock :ghgh

pollice verso per i vari Excalibur, La storia infinita, Legend, Labyrinth, Willow, Terabithia, Narnia, etc. per non parlare del maghetto per eccellenza... :tap

no, effettivamente non è il mio genere... :nono

venendo poi nello specifico a Jackson e a Tolkien:

il "Kiwi" :ghgh lo scoprii su Tele+ con l'Eros e Thanatos di "Creature del cielo" che rimane a parer mio la sua opera più riuscita, poi fu la volta del divertente "Sospesi nel tempo" che vidi al cinema (ricordo ancora la risata contagiosa ed irrefrenabile di uno degli spettatori presenti in sala :bgg2 ) quindi recuperai l'esordio e "Splatters", che nella loro ingenuità comunque ancor oggi funzionano nell'intrattenere :sisi poi arrivarono gli anelli...


ad un certo punto mi si è abbassata la palpebra e m'è partito l'abbiocco :notte: :ghgh (in sala mi è capitato due volte: con "Il paziente inglese" e con "La Compagnia dell'Anello" :shock )

il secondo e il terzo li recuperai nei passaggi televisivi poiché...


visto il primo, alla fine uno vuol anche vedere come va a finire

...e King Kong:


http://s29.postimg.org/mhcobb12f/kk05.jpg


ora... l'originale...


http://s12.postimg.org/iy70dpekt/kk33.jpg

:oo2


faceva (e se lo vedo al buio :ohoh tutt'ora mi fa) paura... http://s21.postimg.org/xtdfggopf/t3609.gif :ghgh

il remake del '76 non lo vidi al cinema: a quel tempo al massimo ero stato solo in quello dell'oratorio :ghgh pertanto riuscii a vederlo quando passò per la prima volta in tv, e di sicuro ricordo che poi mi documentai su che cosa fosse mai "gola profonda" :lol: (in compenso il bestione di Rambaldi lo avevo già visto dal vivo quando lo esposero qui a Milano :bgg2 )

quindi "why? pecché un altro?" :m: :ohoh :tap ...la risposta sta nella seguente equazione:


King Kong '76 : Jessica Lange = King Kong '05 : Naomi Watts

:lol:


da dimenticare poi "Amabili resti"... :tap

e infine gli "Hobbit" che ahiloro non fanno per me per tutti i motivi sopra esposti... :boh :ghgh :bai

Strider
29-12-13, 16: 03
mamma mia quanti ricordi :ghgh

il King Kong del '76 lo vidi al cinema al mitico Metropol di Salerno, in pieno centro :sisi

era il cinema più grande della città, ai tempi, uno dei pochi che avesse la platea e la galleria. Mi ricordo ancora il velluto verde delle poltrone, la "maschera" che ti accompagnava ad un posto libero facendo luce con la torcia elettrica se arrivavi a film iniziato (all'epoca capitava spesso), il cornetto algida durante l'intervallo e quell'odore delle sale degli anni '70 che non va più via della memoria :ghgh

oggi il Metropol non esiste più, al suo posto c'è una galleria con un piccolo centro commerciale :cry3


avevo 10 anni e il film mi piacque tantissimo, ovviamente: lo scimmione di Rambaldi, la bellissima Jessica Lange (la scena in cui Kong le fa la "doccia" mi causò non pochi turbamenti :angel: :oo2), il "drugo" Jeff Bridges giovane e baldanzoso, le torri gemelle, ... :ghgh


quando poi sono cresciuto e la mia cultura cinefila è stata adeguata a comprendere certi meccanismi ho capito il valore dell'originale del 1933 e la sostanziale inutilità dei remake al di là dell'aspetto meramente commerciale.

Il King Kong di Peter Jackson doveva essere, parole sue, l'atto di amore di un regista cinefilo verso il film che aveva segnato il suo amore per la settima arte, colpendo la sua fantasia di bambino. Questo approccio è evidente specie nella prima parte che è molto precisa, puntigliosa, addirittura ammirevole nella ricostruzione di un'epoca, di una città, del suo contesto storico-sociale e nella presentazione dei personaggi che vengono dettagliati in maniera sorprendente per un film di questo tipo. Chiaramente anche questo è megalomane perchè tutto ciò nell'originale non esiste.

Ma i veri guai iniziano quando si arriva a Skull Island e prende il via il videogame che potrebbe intitolarsi "la fiera dei mostri" :lol:


tutto talmente eccessivo da scadere nel pacchiano, i problemi di "incontinenza" del barbuto kiwi hanno trovato libero sfogo nella seconda parte del film che diventa una baracconata :bgg2

nella terza parte a New York si recupera un pò di dignitosa compostezza, ci sono delle scene notevoli e tutta la salita sull'Empire State Building è una meraviglia per gli occhi. Però il lungo addio sdolcinato (e cadi! e su dai cadi! ma quando cadi ??????? :lol:) tra la bella e la bestia non si può proprio sopportare :lol:

e vogliamo parlare del "balletto" sul lago ghiacciato di Central Park ? :wall :lol:


Insomma un film smodato, eccessivo, con parecchie cadute di stile e lungaggini ingiustificabili. Troppo amore del regista verso il suo film preferito ? ma quando mai !!! :wall

Peterone ha sempre amato strafare (i suoi esordi lo dimostrano) ed il suo gusto dell'eccesso ha sempre avuto cadute trash, ma da quando "ha fatto i soldi" :ghgh questa tendenza è divenuta incontrollabile e, quindi, iperbolica. E' riuscito a rovinare in questo modo persino una storia "piccola" ed "intima" come "Amabili resti" :lol:



e non oso immaginare cosa mai combinerà con la battaglia dei cinque eserciti nel prossimo Hobbit: prepariamoci a due miliardi di orchi, un milione di mannari, centomila olifanti, con Legolas che fa il surf sullo scudo (di quercia ? :bgg2) sparando frecce come una Browning M2 :lol:


e, non so perchè, ma qualcosa mi dice che dopo toccherà pure al Silmarillion (il più difficile dei libri di Tolkien) :shock:ohoh :wall


fermatelo !!!! :lol:



:bai