PDA

Visualizza versione completa : NAS: sequestrate oltre 250 tonnellate di cibi "natalizi" scaduti



janet
21-12-13, 20: 01
I NAS hanno eseguito controlli a tappeto in tutta l'Italia, con oltre 2000 ispezioni, sequestrando oltre 250 tonnellate di cibo scaduto anche da oltre sei anni e 15 mila giochi ed illuminazioni irregolari ed illegali.

Sono state segnalate alle autorità giudiziarie, amministrative e sanitarie 691 persone. Contestate violazioni amministrative per oltre 700.000 euro, chiuse o sequestrate 43 strutture.

Ad esempio i Nas di Pescara e Caserta hanno sequestrato oltre 25 tonnellate di anelli di totano che rappresentano uno dei prodotti tipici natalizi del luogo; alcuni erano scongelati in assenza delle procedure di autocontrollo e privi di documentazione sulla tracciabilità ed altri di provenienza argentina ed immessi sul territorio nazionale tramite la Spagna.

I NAS hanno sequestrato su tutto il territorio nazionale oltre 2000 litri di sostanze tutti riconducibili alla famiglia del Cafodos, contenenti perossido di idrogeno ed utilizzati al fine di ottenere nel pesce fresco un effetto conservante e sbiancante.
Fonte (http://www.repubblica.it/cronaca/2013/12/21/news/blitz_nas_sequestrate_250_tonnellate_di_cibi_scadu ti_e_15mila_illuminazioni_illegali-74176622/?ref=HREC1-17)
Io mi ero accorta che molti supermercati, tendono a vendere anche prodotti scaduti, ad esempio la cioccolata ma non avrei mai pensato che ci fosse gente che approfittasse dei pochi soldi degli italiani impegnati per avere un natale, anche a tavola, decente.

Pegaso
22-12-13, 02: 13
Con la crisi di questi periodi e la gente che cerca di risparmiare a cose del genere c'è da stare molto attenti perchè c'è sempre il furbo che ne vuole approfittare e della nostra salute proprio non gliene può fregare meno che meno.

Armandillo
22-12-13, 10: 37
Con la crisi si acuisce quello che quotidianamente accade da sempre come fu per esempio col vino al metanolo.
C'e' e ci sara' sempre gente ingorda o criminale che vuole arricchirsi sulla pelle della gente e poi costoro non sono così diversi da coloro che profittano del loro posto autorevole per rubare o ingannare il popolo con l'unica differenza che questi ultimi hanno immunita' garantite da decenni di inciuci.

Sabotender
22-12-13, 11: 56
La crisi ed il Natale c'entrano poco o nulla, queste cose si verificano da anni e tutti i giorni dell'anno e mi fa leggermente sorridere che i NAS agiscano solo in prossimità delle feste quando per stoccare 250 tonnellate di cibi avariati e mal conservati non ci vuole un giorno. Bisogna dire che ora fa più clamore di un mese fa o del mese prossimo.
E parlo di questo con cognizione di causa perchè sia direttamente che indirettamente, grazie al mio lavoro ho avuto modo di vedere come operano i cinesi (ma anche imprenditori italiani che hanno come cliente abituale la tipologia cinese).
Oltre al dolo e quindi ad azioni consapevoli, va aggiunto il sistema consueto ed insito nella loro cultura. Ho avuto modo di constatare personalmente come vengono trattati i cibi, fatevi un giro nelle dispense dei ristoranti cinesi e poi ne riparliamo...

Quindi queste azioni ad effetto sotto le festività potrebbero invece essere spalmate durante tutto l'anno, o la salute delle persone va salvaguardata solo dal 25 dicembre al 1° gennaio?

Un pò come l'incendio che è avvenuto a Prato dove sono morti quei poveracci, di aziende così ne è piena la città e lo sanno tutti, solo che come al solito si tenta di chiudere la stalla quando i buoi ormai sono scappati...

janet
22-12-13, 15: 18
ha perfettamente ragione Sabotender come al solito, la gente in gamba del forum permette di ampliare ed approfondire le notizie dei media che vogliono portarci a ragionare tutti nello stesso modo, grazie ancora Sabo

Armandillo
22-12-13, 16: 00
Si Sabo ha centrato il problema e c'e' anche da aggiungere che dietro tutto quello che vediamo (e molto invece ci e' sconosciuto) ci sono accordi che volano alto, molto alto.
Il nostro paese non puo' contrastare efficacemente l'import di talune merci perche' altrimenti anche per i nostri prodotti di alto livello ne verrebbe a nuocere.
In tutto cio' poi c'e' lo zampino delle politiche europee, come s'e' visto, per esempio, per l'agricoltura o le quote latte ed altro ancora.
Quelle tonnellate di schifezze fanno il paio con quelle probabili derrate coltivate in Campania dove, si lì, c'e' stato il vero scandalo di gravissima colpevolezza nella tutela del territorio per cui non si sa nemmeno cosa sia stato prodotto e dove siano andati a finire i prodotti alimentari coltivati e cresciuti con la diossina e acqua di falde inquinate...magari ce le ritroviamo sul tavolo a Natale !

Ancora una volta connivenze, omerta' ed interessi particolari sono la causa sia dell'uno che degli altri fattacci di cui parliamo.

Janet, per chi, come le tre scimmie, non vuol parlare, sentire o vedere c'e' poco da fare :boh e molti di loro campano proprio attorno a questo sistema senza leggi e poi, diciamocelo con franchezza, a moltissima gente fa comodo il cinese sotto casa che non chiude mai o il parrucchiere supereconomico sapendo che probabilmente quelle luci di Natale non sono a norma o che certi prodotti son costruiti con sostanze vietate !
C'e' anche ipocrisia talvolta nelle nostre parole e non puo' essere una scusante quella dei cibi perche', se quella tocca direttamente la nostra salute tutte le altre toccano l'economia, il lavoro nero, l'evasione e a conti fatti il danno non e' davvero minore.
Ci vorrebbe da parte nostra piu' attenzione e serieta' poiche' se mancasse la richiesta anche l'offerta ne verrebbe danneggiata !