PDA

Visualizza versione completa : Probabile spostamento aumento IVA a gennaio ma aumento carburanti



janet
27-09-13, 19: 00
Abbiamo già detto che il governo, meglio conosciuto, come il governo dei rimandi non ha intenzione di fare tagli sostanziali alla spesa pubblica, quindi poichè l'Europa ci tiene sotto controllo, il governo molto probabilmente sposterà l'aumento IVA di un punto ma per trovare le coperture è previsto, fra l'altro anche un aumento di 2 centesimi del prezzo dei carburanti fino alla fine del 2013 ed un aumento di 2,5 centesimi fino al 15 febbraio 2015.
Ovviamente i parlamentari Pdl, dopo il ricatto delle dimissioni in massa dovrebbero proprio tacere ma quello che dice,Daniele Capezzone (Pdl), presidente della commissione Finanze della Camera non sembra proprio assurdo "Non voglio e non posso credere che
le coperture trovate dal Governo per rinviare l'aumento Iva siano davvero quelle anticipate. Saremmo al teatro dell'assurdo. Se dopo cinque mesi il Governo non è ancora in grado di trovare risparmi per 1 miliardo su una spesa pubblica di 800 allora forse sono davvero venute meno le ragioni che avevano portato alla sua nascita".
Fonte (http://www.repubblica.it/economia/2013/09/27/news/iva_aumento_gennaio_cig-67399027/?ref=HRER1-1)

Ma cerchiamo (http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/09/25/verita-di-saccomanni-litalia-sempre-piu-a-rischio-e-governo-continua-a-far-promesse/722245/) di capire perchè è così difficile trovare un miliardo od anche molto meno, senza mettere altre tasse oppure senza svendere i beni patrimoniali dello Stato.

1)Prima di tutto il governo parla sempre di ripresa ma questa è, al momento una pia illusione, in quanto il PIL nel 2013 è già quello che è e nel governo si aspettano un più uno mentre al massimo gli analisti prevedono un più o,5. Quindi un PIL più basso porta a nuove manovre mentre il governo che già a fatica troverà un miliardo per l’IVA, ha preso impegni per 12 miliardi che sono ancora tutti da trovare.
2) Fare previsioni a lungo termine è impossibile, in quanto dobbiamo sempre tenere conto anche dello spread, per ora basso, in futuro, però, non si sa.
Già gli interessi passivi sul nostro debito arrivato al 132 per cento del PIL, saranno di 83,9 miliardi nel 2013, 86 nel 2014, 88,8 nel 2015, 91,8 nel 2016. Ma come detto queste cifre potrebbero cambiare in base allo spread.
3) Anche l’Europa non ci ha aiutato molto, dal momento che l’Italia il 2011 e il 2012, l’Italia ha versato 50 miliardi di euro e nel 2013 altri 5,8 ai due fondi di emergenza, Efsf ed Esm, salvastati, senza averne alcun beneficio.
4) Non è possibile tagliare la spesa pubblica senza profonde e rivoluzionanti riforme e questa ci costerà, al netto degli interessi, 714,3 miliardi nel 2013, 723,7 nel 2014, 726 nel 2015 e 739 nel 2016.
5)Abbiamo le mani legate in Europa in quanto l’ Italia ha accettato le nuove regole di bilancio europee che prevedono, tra l’altro, il bilancio pubblico in pareggio (deficit strutturale, che non considera gli effetti della crisi, pari a zero, deficit nominale sotto il 3 per cento), e una riduzione ogni anno del 5 per cento della parte di debito che supera il 60 per cento del Pil. Secondo il Tesoro, noi siamo in regola fino al 2015, ma soltanto perché le tasse continueranno a essere altissime, con una pressione fiscale attorno al 44 per cento.
Altrimenti, se non rispettiamo i patti, l’Europa aprirà una procedura d’infrazione.
6) Anche le grosse banche hanno sofferenze di circa 138 miliardi e bisogna sorreggerle a tal proposito Saccomanni, nella legge di stabilità ha introdotto il trucco della rivalutazione delle quote della Banca d’Italia, un escamotage per rendere più solidi i bilanci delle banche azioniste dell’istituto di vigilanza.
Insomma la situazione è tale, che i partiti possono promettere anche la luna, ma noi dobbiamo essere consapevoli che avremo degli anni non duri, ma durissimi.

silverado
27-09-13, 19: 29
che ipocrisia. tanto valeva aumentarla già sin d'ora l'IVA. come se non si sappia che l'aumento dei carburanti fà comunque lievitare i prezzi di generi alimentari e servizi.
sono sempre più schifato.

Armandillo
27-09-13, 19: 39
Sono deluso e amareggiato....preoccupato lo ero gia' da tempo !!
Questi (e ci metto tutti) giocano sulla nostra pelle e mi chiedo ora perche' sia nato il governo attuale poiche' si sapeva prima come sarebbe andata a finire.
Di chi e' la colpa ?
Nostra ?
Debbo dar ragione a Rodolfo quando parlava degli italiani "che si meritano quello che hanno" ?
In parte di sicuro ma hai voglia ad arrivare alle colpe di questa irresponsabile classe politica !!!!
Hanno massacrato questo paese con le loro beghe piu' o meno personali e con i loro interessi particolari illudendo la gente che "tutto si sarebbe risolto" e in seguito ci hanno preso in giro facendoci pensare che avrebbero, per primi, fatto uno sforzo notevole come esempio al popolo.
Niente di tutto cio', e' stato quasi tutto rimandato sperando in cosa ?
Nelle elezioni tedesche ?
Chiunque, anche lontano dalla politica, avrebbe immaginato che i tedeschi non sono stupidi e che avrebbero dato maggior consenso ad un paese-guida come il loro !
E noi intanto a perdere tempo con temi "personali" cedendo ai ricatti e sostanzialmente non facendo nulla.

Ora tutti i nodi sono venuti al pettine in una situazione tutta "italiana" che credo gli altri paesi faranno fatica a capire....figuriamoci i mercati duri e puri !

I soldi sono finiti perche' le sanguisughe hanno ripulito tutto in questi anni ed ora c'e' da raschiare il barile.
Faremo la fine della Grecia ?
Peggio forse e se la corda ormai s'e' spezzata mi aspetto tempi cupi e una guerra tra poveri di cui non voglio immaginare gli esiti.

Rodolfo Tatana
28-09-13, 11: 43
Insomma la situazione è tale, che i partiti possono promettere anche la luna, ma noi dobbiamo essere consapevoli che avremo degli anni non duri, ma durissimi.

finalmente siamo daccordo che nessuno ha la bacchetta magica, neanche l'ultimo arrivato. Per quanto riguarda l'articolo, beh..il solito calderone pessimista del fatto di mero elenco di dati economici valutati ovviamente in ottica disfattista, niente di nuovo, sono gli stessi dati di un anno fa (anzi che mancano disoccupazione e numero di suicidi e numero di imprese chiuse, sarebbero state la ciliegina sulla torta), spararli a ritmo periodico per animare un po il malcontento del lettore è sempre un'ottima strategia, vedi la reazione di armadillo, per una notizia poi quasi banale, che era la piu probabile, lo slittamento dell'iva, e copertura tramite carburanti (io ci avrei messo anche sigarette e alcolici), in mezzo ci mettiamo pure la germania che è tutta colpa loro e della merkel che è tanto cattiva che è stata rieletta per il terzo mandato, con accordo con l'opposizione per il governo (da noi funziona diversamente, c'è chi dice no a prescindere, come lega sel e m5s, e chi fa finta di appoggiare una idea di governo ma 6 mesi dopo forse si dimettono tutti), ma ditemi se non siamo ridicoli, ditemi se l'italia è in questa situazione per colpa di una classe politica nel complesso che non è in grado dimettersi daccordo su niente per avre una idea comune di paese, come invece succedde all'estero che non sono cosi' litigiosi, o di una germania forte che giustamente fa l'interesse dei suoi cittadini; penso che il fatto confermi di non essere un buon giornale

tornando all'iva il discorso chiave è che l'aumento dell'iva, previsto nella legge di bilancio con una determinata previsione di entrata per l'anno che viene, per essere bloccato deve essere sostituito tramite risorse gia presenti nello stesso bilancio ma destinate ad altre cose...qui scatta il dibattito su come cambiare la struttura della spesa pubblica, ogetivamente molto complicato, ma non si puo' accusare questo governo di non esserci riuscito in 6 mesi vista anche la grossa mole di lavoro svolto in breve tempo, dopo tutto quello che è stato rifinanziato, dopo che si sta cercando di aprire un discorso di riforma costituzionale che davvero va nella direzione dello snellimento della struttura dello stato e quindi dei costi (dall'abolizione delle province, al numero diparlamentari e quant'altro) insomma mi sembra che qualcosa stanno provando a farla saccomanni e letta, se poi ci sono quegli altri cialtroni che minacciano di tutto dalla rivoluzione alle dimissioni di massa invece che ragionare sulla soluzione dei problemi...beh...quando andremo a votare cerchiamo di distinguare le persone serie dai cialtroni

un'latra cosa da dire che è aumentare l'iva al 22% non ha senso per un semplice motivo, le previsioni di entrate sono molto piu alte di quelle che arriveranno, l'italia ha quasi 50 miliardi di evasione iva, e gia l'aumento al 21% fece diminuire le entrate nel comlesso di quelhe miliardo in meno, quindi paradossalmente aumentando l'iva in un periodo di calo dei consumi le entrate diminuiscono invece che salire, quindi ha decisamente piu senso aumentare i carburanti che sono entrate piu certe, semplice

janet
28-09-13, 14: 59
In ogni caso avevo parlato di probabile spostamento e se il Consiglio dei Ministri non si mette (http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/09/27/governo-decreto-iva-sospeso-fino-al-chiarimento/725628/)d'accordo entro lunedì. l’aumento dell’Iva ci sarà”, perché “in questa condizione non è possibile evitarlo”. Parola di Graziano Delrio, ministro per gli Affari regionali e le autonomie, uscito dal Consiglio dei ministri che non ha approvato la norma che blocca l’aumento della tassa, in attesa di un “chiarimento” in Parlamento. La crisi politica ostacola quindi lo slittamento del rincaro dell’imposta da ottobre a gennaio.

Intanto Napolitano che è andato in visita al carcere di Poggioreale ha detto“ (http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/09/28/napolitano-al-parlamento-prendere-in-considerazione-indulto-e-amnistia/726518/)Pongo al Parlamento un interrogativo: se esso ritenga di prendere in considerazione la necessità di un provvedimento di clemenza, di indulto e di amnistia” il capo dello Stato sembra indicare ancora una volta la via per la tanto agognata stabilità politica che ci chiedono Ue, Fmi e i mercati. Che poi il Cavaliere possa beneficiare e in che modo di provvedimenti di clemenza del Parlamento è tutto ancora da capire. Napolitano ha annunciato un suo intervento alle Camere: “Ho pronto un messaggio al Parlamento sulla situazione delle carceri” e deputati e senatori dovranno tenere conto della richiesta del Quirinale. “Mi auguro che il clima politico sia sufficientemente svelenito perché il mio messaggio alle Camere possa avere un’accoglienza serena e garantire che il Parlamento lavorerà nei prossimi mesi”.

Armandillo
28-09-13, 15: 43
spararli a ritmo periodico per animare un po il malcontento del lettore è sempre un'ottima strategia, vedi la reazione di armadillo, per una notizia poi quasi banale

No Rodolfo, il mio sfogo non era per la notizia in se quanto per l'insieme della situazione, dal Capo dello Stato in giu' !!
Dell'Iva, dell'Imu, degli aumenti su tabacchi, benzina, ecc... lo si sapeva da tempo così come mi erano noti i dati su disoccupazione, imprese chiuse e tutto il resto e l'esortazione di Saccomanni a dire la verita' alla gente aveva fatto comprendere quale poteva essere la conclusione.
D'altronde fino ad un mese fa mi sono trovato spesso a parlarne con colleghi operai e non solo e da tempo avevo notizie di chiusure, esuberi e quant'altro.

Dentro di me speravo in un alzata di capo del governo gia' prima degli ultimi eventi ma le minacce del PdL da una parte, gli attacchi di Grillo dall'altra, la coda tra le gambe di Letta e non per ultimo "l'altola'" di Napolitano, hanno tutti assieme dato una rappresentazione critica della politica in toto da far cadere braccia e gambe sottolinenando quanto a loro importi del paese, cioe' noi, cioe' me !

janet
29-09-13, 02: 59
penso che il fatto confermi di non essere un buon giornale
siamo daccordo che nessuno ha la bacchetta magica, neanche l'ultimo arrivato.
Non te la prendere con il Fatto ma solo con la sottoscritta, lo sforzo è stato mio ed anche la rielaborazione, perchè si legge e poi ci sono articoli che si considerano più interessanti di altri, infatti la prima parte che era di Repubblica era un articolo molto più recente rispetto a quello del Fatto che era la risposta ad un intervento di Saccomanni, il quale a sua volta aveva rilasciato un articolo al Corriere dicendo che gli italiani avevano il diritto di sapere le cose come stanno.


Per quello che riguarda poi, la crisi di governo, se veramente ci sarà, la cosa che mi fa ridere è che la prima volta Berlusconi ha staccato la spina al governo Monti, anche stavolta il PD ha accettato il governo con quello che allora era un presunto pregiudicato, una volta condannato, come ha detto l'Annunziata stasera, avrebbero dovuto porre i ministri del PD un ultimatum a quelli del Pdl o mettete da parte il vostro leader o cade il governo. Invece è stato un 'altra volta Berlusconi a troncare.
Ora Letta e napolitano cercheranno alleanze in Parlamento e le troveranno perchè ci sono sempre tanti attaccati alle poltrone di tutti i colori, avremo finalmente il governo rosso? Direi proprio di no, magari color prugna vecchia che piace tanto a Rodolfo e ai tanti come lui, con i quali, non rispettando gli sforzi degli altri e le loro idee, la litigiosità è proprio difficile contenerla.

Eres
29-09-13, 08: 53
Scusale non voglio fare il disfattista, ma l'Italia mi sembra un paese allo sfascio. Tutta la classe politica italiana è responsabile di questo. Il cambiamento invocato dagli italiani mesi fa con i risultati delle elezioni è stato gravemente disatteso per colpa dei soliti noti.

Pegaso
29-09-13, 09: 50
Ma quand'è che gli italiani si sveglieranno dal bel sogno in cui sono sprofondati da anni???
Ma non si rendono conto che continuano a prenderci per i...???
Ti promettono mari e monti per essere eletti e questo oramai dovrebbero saperlo tutti che sono solo parole, promettono meno tasse, di togliere l'IMU, di aiutare chi in difficoltà, di alleggerire la pressione fiscale e tante belle parolone che riempiono la bocca... ma alla fine l'Italia è indebitata non sino sopra la testa, i debiti so alti come un grattacielo sopra la testa e secondo voi dove vanno a prenderli i soldi??? Forse ridurranno i politici e tutti i loro tirapiedi che vivono alle nostre spalle? Forse si dimezzeranno il LORO stipendio (come minimo dimezzarlo)? Forse ridurranno (leggi eliminare) le spese per gli armamenti militari che servono solo per "onorare" accordi che servono ancora per riempire le loro tasche? Forse elimineranno tutte quelle persone che appaltano lavori pubblici a costi stellari solo perchè hanno preso bustarelle? Forse chiederanno i danni a chi ha causato questa crisi (loro sono i primi responsabili a braccetto delle banche)?
Sveglia italiani la bella favoletta è finita da anni ma si continua a sognare!!! Siamo noi cittadini, la classe operaia, i disoccupati che sono da spremere, spremere e spremere... Ti tolgono l'IMU (cosa nemmeno sicura che succederà)? Ecco pronta la nuova tassa (cambia il nome ma alla fine TU paghi), Rimandano l'aumento dell'iva? Va bene tanto aumentiamo la benzina!!! Ma siamo proprio scemi??? Continuiamo a lasciarli fare??? E loro intanto hanno sempre il portafoglio pieno!!!

Vabbe fammi andare a prendere un po d'aria che è meglio (da me ha piovigginato e adesso c'è quella piacevole frescura che ti aiuta a svegliarti).

P:S.
Ma sapete che la regione in quello di Verona (cosi diceva un giornale) ha fatto la proposta di tassare i cittadini per l'acqua piovana perchè cadendo dai tetti va sulle strade e loro tocca pulire (non sono fino in fondo la vicenda)? Pulire cosa??? Ma solo pensare una cosa del genere sarebbe giusta causa di licenziamento, ma siamo pazzi???