PDA

Visualizza versione completa : Tsunami di Grillo comincia il contagio



janet
29-03-13, 16: 14
Al di là delle idee e simpatie politiche, alcuni cambiamenti fortemente propugnati da Grillo e dal M5S, stanno creando effetti positivi.
Ad esempio la neo presidente della camera Boldrini ha già effettuato delle dure riduzioni alle spese del Palazzo dei Parlamentari, chiudendo gli otto appartamenti destinati al presidente, al vice-presidente e ad i questori.
Anche le dieci auto blu usciranno solo per spostamenti nel Comune di Roma.
Insomma qualcosa di positivo, sicuramente sta cominciando ad essere attuato da questo Parlamento
Fonte (http://www.repubblica.it/politica/2013/03/29/news/tagli_camera-55560792/?ref=HREC2-1)

Rodolfo Tatana
29-03-13, 16: 26
preferisco non commentare :bgg2:bgg2 dico solo che mi piace molto la canzone onda su onda di paolo conte :hap

jacklostorto
29-03-13, 18: 48
finalmente qualcuno che stanga la casta:ghgh

Pegaso
29-03-13, 20: 49
Speriamo che sia solo una piccola goccia di un grande e radicale cambiamento.
Bisogna arrivare al punto di ELIMINARE e non solo ridurre. Esempio banale? Le auto vanno eliminate e non ridurre, sino a quando ci sono saranno comunque un costo a nostro carico, uguale gli appartamenti ecc... Devono spostarsi e non vogliono guidare perchè loro sono più belli del popolo? Si pagano l'autista e si comprano l'auto con i loro soldi...

Armandillo
30-03-13, 11: 59
In sincerita' non so piu' cosa pensare.
L'attuale situazione di stallo mi farebbe pensare che "quelli" ancora non hanno capito cosa vuole la gente e che e' in atto un cambiamento comunque la si pensi.

Credo che l'esempio Sicilia dovrebbe far pensare che "si puo' fare" nonostante lì ci fossero diverse condizioni favorevoli non applicabili a livello nazionale.
E' un esempio forte soprattutto se si guarda alla legge elettorale, quella per l'elezione dei sindaci, che sarebbe opportuno ratificare per quella nazionale senza dover passare per anestetizzanti inciuci parlamentari !

Ho fiducia nei giovani parlamentari di ogni partito poiche' spero che una maggiore apertura mentale permetta accordi che superino le barriere ideologiche che fino ad ora hanno portato alla disfatta del buon senso.

Il contagio e' iniziato e se gli ultimi rimasugli del vecchio sistema non lo capiranno, probabilmente scompariranno con le prossime elezioni.

janet
30-03-13, 13: 38
io che sono una felice elettrice del M5S, ammiro la coerenza del Movimento e mal sopporto che i giochi vengano condotti ora da chi ci ha imposto Monti.
Altri elettori insoddisfatti e che vogliono inciuci ritornano nella mentalità italiana italiana di volere la botte piena e la moglie ubriaca.
In effetti se abbiamo avuto la Boldrini e Grasso al posto di Franceschini e della Finocchiaro si deve alla volontà di accordarsi su nuovi nomi, cercando di accontentare il M5S ma non per volontà propria di cambiamento.
Quindi l'effetto contagio è per me ancora in incubazione e molti accordi sembrano, invece da prima Repubblica.
Stanno ad esempio tanto accordandosi sul nuovo presidente della Repubblica ma nessuno pensa che il settennato dura troppo e che anche in USA il presidente dura quattro anni.
Nel PD poi, abbiamo osservato parlamentari a fianco di quelli del Movimento cinque Stelle alla manifestazione contro la TAV ed altri come Fassino che la sostengono, quindi ci sono già spaccature profonde su cose di fondamentale importanza, all'interno dei partiti.
Quello che riterrei onesto da parte di Napolitano ora, dare l'incarico al M5S, uscito come primo partito, senza coalizioni con nessuno e vedere chi propongono. Magari potrebbero essere nomi che vanno bene anche al PD e sopratutto alla sua parte più giovane e rinnovata.
Questo sarebbe realmente un segno che si vuole cambiare ma è una cosa che non avverrà mai.

Eres
30-03-13, 16: 21
Penso che queste parole di Grillo descrivano perfettamente la situazione italica

?Bersani, D?Alema,Berlusconi? Padri puttanieri che chiagnono e fottono? (http://www.hubmagazine.it/bersani-dalemaberlusconi-padri-puttanieri-che-chiagnono-e-fottono/)

Però devo aggiungere che la dittatura finanziara/bancaria dell'euro non consentirà cambiamenti di rotta, come per esempio una auspicabile uscita dell'Italia dall'euro. Purtroppo ormai il piano rovinoso dell'euro finanza, cioè la svendita in pezzi della ex nazioni europee e relativa sovranità, è ormai nella fase finale.

Armandillo
30-03-13, 16: 29
io che sono una felice elettrice del M5S, ammiro la coerenza del Movimento

Sottoscrivo.
In molti hanno gridato alla responsabilita' ed hanno, con faccia di bronzo, riscoperto la necessita' di riforme quando in 20 anni (forse da sempre !) ci hanno portato all'attuale situazione.
Io la vedo così:
la coerenza del M5S in ogni caso sara' vincente.
Lo sara' sia se costringera' i vecchi partiti a cambiare sia se si creera' un governo da loro presieduto...ma questo credo sara' difficile.
Rivoluzione ?
Beh, forse si, nel senso che a partire dai Sindaci, dalle Regioni fin anche nel Parlamento i moti di cambiamento e le spinte virtuose attraverseranno ogni gruppo trasversalmente ed obbligheranno man mano a ripensare decisioni errate del recente passato.
Le spaccature all'interno di tutti i partiti fanno pensare proprio questo anche se ci vorra' del tempo per vederne i frutti.
Una linea nuova e' tracciata ed anche l'attuale presa di posizione di Napolitano non e' da valutare negativamente.
Io la leggo come avesse voluto mettere alla prova le dichiarate volonta' di innovazione dei due maggiori partiti che ora, dopo aver a Lui passato la patata bollente e affermato di sorreggerlo, saranno obbligati davanti il paese a valutare quei provvedimenti che il "gruppo del Presidente" prendera' con carta bianca.
In Parlamento si vedra' la reale volonta' di cambiamento e in questo lasso di tempo prima di nuove elezioni, immagino, accadranno sommovimenti piu' o meno perentori che probabilmente nessuno puo' adesso prevedere.

Rodolfo Tatana
30-03-13, 20: 09
Quello che riterrei onesto da parte di Napolitano ora, dare l'incarico al M5S, uscito come primo partito, senza coalizioni con nessuno e vedere chi propongono

prima di tutto non è vero il m5s è il primo partito piu votato, sfatiamo questo mito, considerando i voti all'estero, il pd è il primo partito in vantaggio di circa 200000 voti, senza coalizione

devo poi ricordare che il m5s ha 108 deputati su 650, e 50 senatori su 350 piu quelli a vita?

se consideriamo questi dati oggettivi questa idea viene a cadere da se, qualunque personalita' avranno il coraggio di proporre :ghgh:ghgh:bai

Pegaso
30-03-13, 21: 03
Tranquilli che grazie a Napolitano (ma non doveva andarsene???) abbiamo risolto il problema... ha messo a capo ancora i soliti mafiosi di sempre.

janet
01-04-13, 04: 22
devo poi ricordare che il m5s ha 108 deputati su 650, e 50 senatori su 350 piu quelli a vita?
Bhè spero proprio che l'accozzaglia che è divenuta il PD che ama poi tanto Monti si spacchi e faccia un gran botto, perchè non sempre la vecchia guardia potrà truccare le primarie
Il fatto che poi, abbia dato grande respiro a Berlusconi, basta guardare il video su Youtube su Violante dovrebbe far creare una profonda crisi e spero un rinnovamento all'interno del PD.
Nonostante Napolitano, si segue l'idea della prorogatio dei Grillini e spero che la loro presenza in parlamento possa spingere tutti ad operare presto e bene sopratutto riguardo ai provvedimenti per la crescita, di sollievo per famiglie ed imprese

Rodolfo Tatana
01-04-13, 10: 43
quindi siamo daccordo che il m5s non è il primo partito?:bgg2
e temo che saranno la delusione piu grande degli ultimi anni, per chi come ci sperava in un apporto nuovo :bai

Armandillo
01-04-13, 14: 01
Dubito che la gente abbia votato il M5S per il suo programma.
Io l'ho fatto nella speranza di mandare a casa piu' vecchi parlamentari possibile e lo scopo s'e' realizzato.
Il PD ha aggiunto una sua quota di novita' e la somma di menti fresche (e femminili) sono certo portera' ad un rinnovamento, lento magari, ma inevitabile.
Il secondo apporto del movimento e' costringere i vecchi partiti a fare i conti col loro passato e l'attualita' ne e' esempio.

Un governo c'e', le Camere dovranno votare dei provvedimenti e se il M5S riuscira' a far pesare la sua presenza in segno positivo la gente, alle prossime elezioni, continuera' nel riporre loro la sua fiducia dando una seconda mazzata alla vecchia politica.
Certamente, poi, l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica sara' un esame importante e lì verra' fuori la verita' sulle intenzioni di porre sul piatto degli accordi per un nuovo governo una figura che invece dovrebbe essere sopra le parti e non "merce di scambio".

Rodolfo, il M5S non sara' il primo partito ma sicuramente e' l'unico vincitore vero delle passate elezioni :sisi e se non si e' ipocriti bisogna riconoscere che hanno alle spalle la spinta della gente, anche quella che non li ha votati, che comunemente hanno da tempo fatto sentire le loro lagnanze e la loro disperazione.
I vecchi partiti non lo vogliono ammettere ma e' così e il Capo dello Stato non ha dato loro la possibilita' di provare a comporre un governo perche' non voleva mettere in discussione l'operato del suo "pupillo" Monti.

Ora i partiti si lamentano dei suddetti "saggi" dimostrando ancora ipocrisia ma non possono lagnarsi visto che hanno fatto prevalere i loro miserabili interessi a quelli del Paese !
Napolitano non ha fatto altro che metterli di fronte alle loro responsabilita' e di certo non si poteva attendere da lui un atto così coraggioso e dirompente di affidare l'incarico ad un "grillino".

:bai

janet
01-04-13, 14: 51
Sono perfettamente d'accordo con Armandillo, del resto questa sufficienza di una parte del popolo della sinistra, solo loro che capiscono, solo loro intellettuali, solo loro salvatori della patria ha in effetti stufato e dovrebbero capire che finora hanno sbagliato tutto, in primis la sudditanza a Napolitano.
E' brutto per chi era più o meno di quelle idee aver dovuto scegliere per anni l'astensione al voto, proprio perchè c'erano sempre gli stessi nomi che uscivano dalla porta e rientravano dalla finestra.
Come dice Grillo non si ha bisogno di "badanti della politica" i rappresentanti che gli elettori hanno scelto di mandare al Parlamento ed al senato debbono cominciare ad operare e sarei anche d'accordo che non prendessero lo stipendio del mese in cui non hanno fatto praticamente nulla.

Armandillo
01-04-13, 16: 41
Di piu' Janet.
La sinistra e' stata collusa con la destra da anni e per anni.
Loro hanno salvato S.B., loro hanno lasciato che il conflitto per interessi non si risolvesse e loro non hanno spinto per cambiare la legge elettorale.
Poi....loro compravano aragoste con i nostri soldi, loro si dividevano le poltrone in ogni ambito e loro occupavano le banche.
Loro, come gli altri, si riunivano a mezzanotte per aumentarsi gli stipendi e via discorrendo.
Per anni tali e quali a tutti gli altri !

Pero' li capisco.....si, comprendo che un nuovo linguaggio, un nuovo modo di percepire le cose, riabituarsi all'onesta' e ai valori morali sia uno sforzo enorme ed ugualmente vedere oltre, pensando a lungo termine e non alle eventuali rendite a breve.

Del M5S si puo' dire di tutto ma, per favore, non ditemi che sono peggio degli altri !!

Rodolfo Tatana
01-04-13, 18: 04
Si sara' capito che grillo casaleggio etc..non mi stanno simpatici :bgg2, provo ad esporre una mia opinione che vi assicuro saraì piu lusinghiera di quella che potrei scrivere da altre parti ma qui non è concesso altrimenti asterix ciu sega la discussione. Mi sto trattenendo :bgg2

fino a due mesi fa avrei votato anche io come armadillo, un voto di protesta, piu sulla protesta che sul programma, anche perchè è oggettivo quanto sia fumoso e impraticabile gran parte del programma 5stelle con presenti gravi lacune sull'economia oltre che una certa ignoranza sul funzionamento dello stato, dell'europa, e scarsa conoscenza e rispetto della costituzione che viene interpretata soggettivamente, programma scritto e votato da chi va sul blog e se non sbaglio approvato con qualche centinaio di voti on line, cosi' come hanno scelto i candidati, piu una democrazia diretta di facciata che alle primarie del pd gli fanno un baffo, per quanto sia stata una buffanbata anche quest'ultima. Quindi avrei votato la protesta, ma ho capito che non era ma mia protesta.

certamente questi ragazzi portano aria nuova, cosi' come il rinnovamento c'è anche negli altri partiti, anche quelli fuori concorso :ghgh come il pdl, questo bisogna riconoscerlo, il parlamento è quasi del tutto rinnovato , proprio sulla base di questo mi sarei aspettato una maggiore apertura di tutti nei confronti di tutti, ma non sta andando cosi', ogniuno sventola ancora la propria bandiera come fosse in campagna elettorale barricato sulle sue posizioni, o meglio dire Trincee, sinceramente mi srei aspettato questa apertura sopratutto da parte dei grillini, ma il sommo guru continua con gli argomenti di sempre "mortizombi prendiamoli a calci in culo mandiamoli a casa tutti gargamella napolitano morfeo pd meno elle pd piu elle e baggianate varie.." oltre che sfoderare una faccia tosta e una arroganza degna dei peggiori politici nostrani, vedi crimi e lombardi e tanti deputati per come si relazionano ai diversi, e per questo sono profondamente deluso, che l'aria nuova si stia incanalando in una protesta sterile, mi spiace ma stanno grillizzando il dibattito c0n notizie a meta' e vignette ironico offensive e le anime intelligenti dei vari gruppi sono soffocate dall'integralismo ingiustificato dei leader di fronte alla pesante crisi economica e di valori che invece imporrebbe la massima collaborazione tra le parti, ecco perchè vi dico che questi ci deluderanno piu di quanto siano riusciti a fare quelli he abbiamo votato per 20 anni!! credo sia da irreponsabili non aver accettato l'idea di un governo condiviso con il pd sulle battaglie comuni, che si sono fatti eleggere a fare se poi ci dobbiamo tenere ancora mariomorti (come lo definiscono i grillini)?? verdo tantissime contraddizioni, tantissima voglia di non mettersi in prima fila, forse avete votato m5s per avere ancora il governo tecnico??


Rodolfo, il M5S non sara' il primo partito ma sicuramente e' l'unico vincitore vero delle passate elezioni e se non si e' ipocriti bisogna riconoscere che hanno alle spalle la spinta della gente, anche quella che non li ha votati, che comunemente hanno da tempo fatto sentire le loro lagnanze e la loro disperazione.
I vecchi partiti non lo vogliono ammettere ma e' così e il Capo dello Stato non ha dato loro la possibilita' di provare a comporre un governo perche' non voleva mettere in discussione l'operato del suo "pupillo" Monti.

vincitore di che, vi ricordo che pd piu pdl piu monti hanno il 75% dei voti e il 25% si è astenuto, chiede il governo è una mossa infantile ma come si puo dare l'incarico di governo a chi ha 108 deputati su 650 e non ha mai fatto neanche un nome per il governo!! se siamo persone intelligenti caro armadillo non mi puoi insistere sul questa cosa qui, napolitano ha dato mezzo mandato a chi ne ha 350 e piu degli altri al senato, la politica è anche matematica! La gente incavolata quanto i grillini ha votato anche pd pdl lega e tanti altri! non potete farvi paladini della spinta al rinnovamento, non è la realta' delle cose

concludo dicendo che da questa mancanza di collaborazione non nascera' niente di buono, oltre a questo...la propaganda unilaterale su blog, il rifiuto di dialogare con gli altri, del parlare alla stampa, questa concezione strana dell'europa direi sazia la pancia e non il cervello, è anche molto pericolosa. Chiudo dicendo l'italia è un popolo di moderati e il tempo punira' questa visioone estremistica della politica

Armandillo
01-04-13, 18: 55
Chiudo dicendo l'italia è un popolo di moderati e il tempo punira' questa visioone estremistica della politica

Indi per cui....speranza non farti illusioni !!!
Il popolo dei moderati ha visto qualcosa o se vuoi ha voluto vedere qualcosa o ancora ha sperato di vedere qualcosa nel M5S.
Probabilmente la disperazione ha portato a quel voto supponendo che peggio non si potesse fare.

PD + M5S ?
Si non nego di averlo sperato, ma a quale prezzo ?
Non ho visto ne' sentito nella campagna elettorale di Bersani un'apertura ai grillini. E' avvenuta solo dopo contraddicendo quel che aveva detto prima...mi pare poco e fumoso.

Vedi Rodolfo io posso affermare d'essere cresciuto con sani principi e con i miei 58 anni mi sono comportato onestamente pensando che questo modo di vivere alla fine mi avrebbe ripagato.
Di delusioni ne ho avute tante e mi sono reso conto di aver piu' dato che ricevuto sotto ogni punto di vista.
Nonostante abbia pero' ricevuto calci invece di pacche sulla spalla non ho mai cambiato idea e, tornando al tema, se fossi un politico con poteri applicherei i miei principi al comportamento.
Ecco...fossi un grillino non transigerei e continuerei a non accettare compromessi ben consapevole che in politica il compromesso talvolta e' l'unica via....ma e' anche il modo piu' semplice per annientare i principi in cui si crede !

Che dire...il M5S si sfascera' ?
Alcuni cambieranno casacca ?
Puo' essere, ma fino all'ultimo voglio sperare e voglio credere che possano farcela.
Mi illudo ? Forse si, ma la speranza e il sogno nessuno puo' portarmeli via !!!

:bai

Eres
01-04-13, 20: 17
5stelle con presenti gravi lacune sull'economia oltre che una certa ignoranza sul funzionamento dello stato, dell'europa
Il funzionamento dell'europa è sostanzialmente un funzionamento finanziario/bancario/speculativo. Presto avremo un unico governatore di tutta l'europa o di quel che ne resterà, naturalmente un banchiere.
L'italia viene svenduta in pezzi, tutti a privati, banchieri naturalmente.

Patrimonio pubblico in vendita, ecco i beni nel mirino - Il Messaggero (http://www.ilmessaggero.it/economia/patrimonio_pubblico_in_vendita_ecco_i_beni_nel_mir ino/notizie/202303.shtml)

Rodolfo Tatana
02-04-13, 09: 21
Si non nego di averlo sperato, ma a quale prezzo ?

il prezzo da pagare sara' questa chiusura, sia di grillo nei confronti del pd (da notare che faccio il nome di grillo e prima di lui casaleggio, non del movimento, perchè è chiaro chi ha l'ultima parola) sia di bersani verso il pdl, la cosa peggiore adesso era non fare un nuovo governo, anche a breve durata, un anno, che poteva fare cose importantissime come la nuova legge lettorale, una bicamerale per vedere se è possibile riscrivere la seconda parte della costituzione, qualche taglio agli sprechi per una questione di giustizia sociale, un aiutino a chi sta peggio, per es, bloccare l'aumento dell'iva tra due mesi!! STOP mica speravo si sposassero, e invece siamo impantanati come non mai in un immobilismo irresponsabile; ma purtroppo sia per grillo che per bersani il prezzo piu alto sarebbe stato fare un accordo, con il rischio di perdere qualche voto ciascuno, insomma si pensa sempre e solo al proprio interese di partito, a salvare la faccia secondo loro, per me la stesso perdendo definitivamente, e sapete chi vincera' le prossime elezioni?? :ghgh:ghgh non c'è folle piu folle di quello che vuolenadare a votare a giugno tirate a indovinare chi è :ghgh:ghgh si salvi chi puo' ragazzuoli


Il funzionamento dell'europa è sostanzialmente

eres quello è un altro discorso comunque fai bene a sottlinearlo cosi' come io sottolineo il fatto che nessuno dei partiti italiani sa trovare una soluzione, una riforma della bce è necessaria e velocemente, ma non mi pare che qualcuno sappia cosa proporre, una incognita ancora maggiore sarebbe l'uscita dell'euro, per come siamo messi è piu alto rischio di trovarci a fare la fila dal panettiere per il pane a 20000 lire il chilo, questo neanche gli economisti sanno prevederlo, sopratutto ci mancano i politici coraggiosi per fare un passo del genere bisogna sapere dove si va a finire, per ora forse è bene stare al calduccio nell'unione europea, magari se facessimo come i tedeschi non saremo messi cosi' male, perchè questo va capito, sempbra colpa dell'europa questa crisi, no, la colpa è degli italiani in primis, poi magari noi non eravamo pronti a firmare certi accordi 15 anni fa, ma la colpa è nostra se li abbiamo accettati, non degli altri

Eres
02-04-13, 09: 30
poi magari noi non eravamo pronti a firmare certi accordi 15 anni fa, ma la colpa è nostra se li abbiamo accettati, non degli altri
Non eravamo pronti o meglio andavano rivisti prima tutti gli accordi e i famosi parametri, così come siamo entrati è stato un suicidio. E quindi a questo punto prima se ne esce meglio è. Secondo me la paura dell'ignoto non può essere maggiore di quello che ci aspetta restando nell'euro. In quanto alla povertà ed ai prezzi mi pare che il problema si sia creato proprio dopo l'entrata nell'euro. Fino a 15 anni fa la sotuazione economica del nostro paese, come di altri entrati nell'euro, era decisamente molto migliore e sopratutto molto più sana.
Non ci sono vie di mezzo, o si esce di corsa o è la fine.

janet
02-04-13, 13: 17
io da elettrice M5S sono molto ma molto felice che il movimento non abbia fatto il governo con il "congelato" Bersani è ancora così, visto che Napolitano non l'ha congedato.
Il problema fondamentale è che Grillo è oltre la destra o la sinistra, Rodolfo lo puoi chiamare populista o peggio, per me è solo molto più moderno e a modo suo concreto.
Dal primo momento si è reso conto che il PD faceva un rinnovamento di facciata e nonostante ciò gli ha detto, porta le tue proposte in Parlamento, quelle che consideriamo utili per il paese te le votiamo.
Ma questo non è sufficiente a chi degli italiani non frega nulla e stanno solo studiando come spartirsi delle poltrone.
Rendiamoci conto, però, che se quella di Grillo poteva essere una rivoluzione pacifica, la gente è veramente ma veramente incavolata. Anche il Codacons ha detto che la scelta di Napolitano dei saggi è stata infelice e non si rispettato la voglia di rinnovamento espressa con il voto.
Bisogna stare molto attenti altrimenti la rivoluzione, invece che pacifica potrebbe veramente distruggere l'Italia.

Eres
02-04-13, 18: 49
Il prode Bersani parla di responsabilità e soprattutto di essere ligio alla costituzione, secondo me lui è ligio solo ai banchieri da cui prende ordini.
Nel periodo dell'osceno governo rigor montis, ha votato tutto e di più, manco fosse una macchinetta per scrivere :ghgh cercando di ridurci tutti in mutande :ghgh e favorendo la svendita dell'Italia agli speculatori dell'euro finanza, alla faccia della responsabilità. Il suo partito è andato a braccetto con la destra per 15 anni e mi pare abbia parecchie responsabilità nella situazione attuale, cosa che non si può dire dei grillini, simpatici o antipatici che siano.
I veri voti sprecati sono quelli dati a lui il Bersani e al vecchio rudere Berlusca con tutti i suoi tirapiedi. Povera Italia.

jacklostorto
02-04-13, 19: 03
ecco perchè è da una vita che non mi reco alle urne:ghgh

Rodolfo Tatana
04-04-13, 16: 33
Grillo è oltre la destra

lui è oltre a tutto, oltre ai partiti, oltre i sindacati, oltre le istituzioni, oltre i giornali stampati o tv che sia, oltre le opinioni dei singoli, anche quelli che lo appoggiano, insomma è molto oltre la destra ma decisamente verso quella parte li, va addirittura oltre la logica e la realta', e va decisamente molto verso destra


così come siamo entrati è stato un suicidio

non puoi banalizzarmi cosi' un argomento tanto serio e complicato, e forse abbiamo pure la memoria corta, con la lira pagavamo il 13% di interessi sul debito, con l'entrata nell'euro ce li abbiamo avuti per anni sotto il 5%, se poi non siamo piu in grado di produrre e abbiamo perso il 30% del potenziale industriale e il pil non cresce da 10 anni la colpa è esclusivamente nostra; ora come ora il suicidio sarebbe uscire dall'euro. negli ultimi due anni gli interessi sono cresciuti tantissimo, ma è evidente che la colpa non è della moneta, visto che per 8 anni buoni ci è piaciuto molto questo meccanismo di stabilita'. L'euro va rivisto in maniera decisa e se non sono daccordo la germania invitata a uscirne fuori, non siamo noi a doverlo fare, una semplice considerazione, con pil sempre in deciso calo, debito molto forte uscire dall'euro significa far scappare via ulteriori capitali sia nostrani che esteri, significa che la moneta nostra viene fortemente svalutata, significa che i nostri soldi non varranno piu niente per 20 anni, facciamoci due conti e vediamo chi è che vuole diventare povero da un giorno all'altro


alla faccia della responsabilità

il prode Grillo/Casaleggio che fa campagna elettorale anche contro rigormortis o mariomorte come prferite voi, finisce che sta in parlamento proprio con il goverrno monti, che come dico io da due mesi se non si fa un governo nuovo un governo ce lo abbiamo gia, e ha anche detto che è daccordo con la sua prosecuzione, se anche non lo fosse non cambia nulla da solo non puo' affossarlo ma direi che è geniale quello che è riuscito ad ottenere, parlamento nuovo e immobile con governo vecchio e resuscitazione di berlusconi, alla faccia di quello che voleva cambiare le cose!!
Crimi ha osato dire qualcosa ed è stato subito bastonato, basta leggere un po i giornali e i commenti in giro Beppe perde pezzi, ragazzi sveglia prima che sia troppo tardi questo puo' solo far danni :bai

Eres
04-04-13, 19: 10
Rudy secondo me stai andando troppo nei particolari e si vede che il M5S ti sta sugli zebbedei :ghgh
Io faccio un discorso più generale, non è per banalizzare, ma la povertà, in senso lato, non solo economica, ma culturale, sociale, strutturale e lo stato di abbandono dell'Italia odierna non puoi certo scaricarli su Grillo o sul debito di 20 anni fa. Come puoi difendere gente di pseudo sinistra che ha collaborato con banchieri, con la destra peggiore e ci ha ridotto nelle condizioni attuali. Altro che Grillo, questi sarebbero da spedire in Siberia seduta stante! Tutti senza esclusi :ghgh
A me questa gente che è stata al potere negli ultimi 15/20 anni fa sinceramente schifo, alla fine questi non sono neanche di destra o di sinistra, sono semplicemente degli squallidi pupazzi in mano alle lobby finanziarie che hanno creato la megatruffa dell'euro.

MarcoStraf
04-04-13, 21: 57
...
A me questa gente che è stata al potere negli ultimi 15/20 anni fa sinceramente schifo, alla fine questi non sono neanche di destra o di sinistra, sono semplicemente degli squallidi pupazzi in mano alle lobby finanziarie che hanno creato la megatruffa dell'euro.
Essendo più anziano parlerei di tutti i politici dagli inizi della Repubblica, visto che ho conosciuti i primi da "vecchi". Squallidi figuri.
Ma io non direi che sono nelle mani delle lobby finanziarie, piuttosto hanno sempre e tutti agito secondo il comodo loro e pensando solo al loro interesse.
L'euro come pensata "europea" era buona, una moneta comune è un buon inizio per una Europa federale nel modello americano. Purtroppo come tutte le cose che approdano in Italia c'è sempre qualcuno che riesce a farci su la cresta e quindi a truffarci su. Gli europei avrebbero dovuto capirlo prima di fare entrare l'Italia nell'euro. Ma ti assicuro che se fatto bene il sistema monetario comune funziona. Gli Stati Uniti tirano fuori annualmente bilioni di dollari per salvare stati che altrimenti andrebbero in rovina.

Ad ogni buon conto, tornando all'argomento cinque stelle, io non ho votato per loro perché semplicemente non gli ho mai creduto. Consideratemi pure un vecchio rimbambito, ma ne ho visti troppi come loro nella mia vita, ormai non ho più fiducia in nessun partito politico italiano. Lascio lo spazio ai giovani, spetta a loro decidere adesso, spero solo non si riducano come il sottoscritto, triste e disilluso.

Eres
05-04-13, 09: 07
L'euro come pensata "europea" era buona, una moneta comune è un buon inizio per una Europa federale nel modello americano
Tu parli di vecchia politica, ma non ci vuole molto a ricordare come si stava in Italia prima dell'euro e come stiamo messi adesso. Per quanto disonesta possa essere la classe dirigente italiana, non possono essere solo questi i motivi della crisi, che poi non è solo italiana. Qualche giorno fa leggevo che ora dovrebbe toccare anche alla Francia. Non credo si possano paragonere le due situazioni, la federazione americana è un vero stato, quella europea mi ricorda più un'accozzaglia di paesi e situazioni economico-sociali diversissime. Poi dietro l'euro c'è indubbiamente una forte e spietata speculazione finanziaria. E queste lobby finanaziarie esercitano ormai pesanti ingerenze nei governi dei paesi europei.

Eres
05-04-13, 15: 40
A proposito di certi discorsi, di euro, Europa, economia, ci dimentichiamo i valori della vita della gente comune come noi, in una società dove ormai contano solo soldi, interessi, consumi e speculazioni selvagge, dove la solidarietà umana e sociale è una parola vuota senza più alcun valore e dove soprattutto la dignità umana è l'ultima della lista

Marche, marito e moglie si suicidano Poco dopo si uccide il fratello della donna - Repubblica.it (http://www.repubblica.it/cronaca/2013/04/05/news/crisi_-55985605/?ref=HREA-1)

Viviamo ormai in un mondo di "caimani"

MarcoStraf
05-04-13, 18: 31
Tu parli di vecchia politica, ma non ci vuole molto a ricordare come si stava in Italia prima dell'euro e come stiamo messi adesso. Per quanto disonesta possa essere la classe dirigente italiana, non possono essere solo questi i motivi della crisi, che poi non è solo italiana ...
Non intendevo la classe politica, ma gli arraffoni italiani in genere.
Del resto questo momento e' difficile da valutare in quanto ci troviamo in una situazione in cui la crisi (o almeno una forma di crisi economica) e' quantomeno globale


... Non credo si possano paragonere le due situazioni, la federazione americana è un vero stato, quella europea mi ricorda più un'accozzaglia di paesi e situazioni economico-sociali diversissime.
Questo non e' assolutamente vero, Francia e Italia sono piu simili tra loro di quanto lo siano gli stati dela California e della Carolina, anche se parlano la stessa lingua. I cinquanta stati americani sono estremamente diversificati e il divario continua ad aumentare in quanto la popolazione tende a spostarsi verso gli stati che preferisce.


Poi dietro l'euro c'è indubbiamente una forte e spietata speculazione finanziaria. E queste lobby finanaziarie esercitano ormai pesanti ingerenze nei governi dei paesi europei.
La speculazione finanziaria c'e' indipendentemente dall'euro o meno, c'e' sempre stata.

---------- Post Unito alle 09: 38 ----------


A proposito di certi discorsi, di euro, Europa, economia, ci dimentichiamo i valori della vita della gente comune come noi, in una società dove ormai contano solo soldi, interessi, consumi e speculazioni selvagge, dove la solidarietà umana e sociale è una parola vuota senza più alcun valore e dove soprattutto la dignità umana è l'ultima della lista ...
Stati dicendo le stesse cose che si dicevano negli anni sessanta e settanta, poi ottanta e novanta. Cosa credi che sia cambiato?
Leggetevi il Gattopardo che Giuseppe Tomasi di Lampedusa scrisse negli anni 50 e ambientata nella Sicilia ai tempi di Garibaldi. Tutto cambia per rimanere lo stesso. O il Marcovaldo che Italo Calvino scrisse negli stessi anni. Guardatevi i film di Elio Petri tipo La Classe Operaia Va in Paradiso. Leggetevi Leonardo Sciascia.
Cosi' capirete la mia completa disillusione.

Eres
06-04-13, 07: 46
Non lo so quanto l'Italia sia simile alla Francia, alla Grecia o al Portogallo, ma so per certo che ora con l'euro la speculazione finanziaria internazionale, ha potuto fare un salto di qualità notevole, per affossare interi popoli privandoli anche della loro sovranità ed appartenenza, infatti presto saranno ex nazioni/stati. Prima non era così.

MarcoStraf
06-04-13, 17: 08
Non lo so quanto l'Italia sia simile alla Francia, alla Grecia o al Portogallo, ma so per certo che ora con l'euro la speculazione finanziaria internazionale, ha potuto fare un salto di qualità notevole, per affossare interi popoli privandoli anche della loro sovranità ed appartenenza, infatti presto saranno ex nazioni/stati. Prima non era così.
Eres, per lavoro ho viaggiato l'europa in lungo e il largo prima di finire negli USA dove vivo da più di venti anni. Ancora adesso penso di conoscere l'europa meglio di certi stati americani. Ti assicuro che le differenze tra certi stati europei sono nulla in confronto alle differenze tra certi stati Americani.

Non capisco la paura che il federalismo rovini lo stato.

Lo stato americano, come la California dove vivo, ha un suo Senato, un suo Governatore, una sua costituzione, la sua bandiera, la sua Guardia Nazionale, emette le patenti di guida e via dicendo. Ha la sua polizia, i suoi tribunali, le sue prigioni. L'unica restrizione è che la propria legislazione non vada contro la Costituzione degli Stati Uniti. Non deve mantenere un esercito che è compito del governo federale. In caso di disastri economici o ambientali il governo federale interviene con aiuti sia economici che logistici. Ecco perché il modello federale americano funziona, si ottiene molto in cambio di poco. Un californiano si sente americano ma si sente anche Californiano ed è orgoglioso di esserlo, come io lo sono.

Sinceramente, dal mio punto di vista e per la mia esperienza di vita, vedo questa paura "europea" dell'Italia un retaggio di secoli di guerre che hanno tenuto gli europei lontani tra loro, una paura di perdere una identità nazionale che non è mai esistita (certe regioni italiani vorrebbero perfino la loro indipendenza) e in generale un attaccamento al proprio orticello, metaforicamente parlando.

janet
07-04-13, 16: 17
Credo che l'Italia sia un paese con troppe diversità insite al suo interno e che, sopratutto non vuole crescere e maturare.
Non per dare ragione alla Lega ma la prima cosa da fare sarebbe un federalismo. Ho visto a "Servizio Pubblico" una donna, oltretutto credo Consigliere Comunale della provincia di Bolzano e ho capito quanto poco fosse italiana e quanto fosse diversa da me. Infatti essi pensano alla secessione.
Io sui social network ho molti amici francesi, tedeschi, spagnoli, greci che sento molto più attuali e mi sono culturalmente ed ideologicamente più vicini di quella donna.
Quindi dò pienamente ragione a Marco, dobbiamo abituarci ad uscire dal provincialismo, essere europei e sopratutto cittadini del mondo.

Armandillo
07-04-13, 17: 12
L'Italia e' stata ed e' sempre uguale a se stessa da tanto tempo.
E' una nazione culturalmente diversa ed e' stata influenzata storicamente da vari stati stranieri per cui, oggi, non deve meravigliare che sia così divisa.
Lo e' per mentalita' , lo e' per il suo stato socio-politico.
Meta' di essa odia l'altra meta' e se da una parte si dichiara orgogliosamente di credere nel merito dall'altra si fa di tutto per ottenere per vie traverse !
Non vedo una Italia federata benche' forse quella sarebbe una via virtuosa che porterebbe a quella unita' mai raggiunta.

Circa l'euro e l'Europa si possono capire le perplessita' del M5S dato che e' sotto gli occhi di tutti che all'avvento della moneta non e' seguita - o forse andava attuata prima - una vera politica unitaria per cui oggi abbiamo una unita' monetaria zoppa senza regole uguali per tutti.
Onestamente non so giudicare quale sarebbe una soluzione nella situazione in cui ci troviamo e credo che in pochi sappiano dare una risposta viste le teorie contrapposte che da piu' parti si possono leggere.
Personalmente, da ignorante in materia, penso che una moneta forte possa avere un futuro ma credo vada sorretta da eguali intenti ed eguali leggi.
Ora ho come l'impressione che l'Italia sia considerata la "furbetta" che vuole ottenere senza nulla o poco concedere ed io che qui ci vivo non posso veramente dar loro torto.
Si puo' quanto si vuole criticare le pretese teutoniche ma senza ipocrisia si deve anche ammettere quale esempio di serieta' ci giunge da quella parte !

Noi non siamo seri ne' credibili, non lo siamo in casa nostra figurarsi all'estero.
Non so se mai ce la faremo :boh ho paura che in questa fase storica chi perde il treno sia destinato a perire.

Ciao

janet
07-04-13, 19: 08
Considero il discorso di Armandillo molto saggio
Del resto il concetto di "decrescita felice" è uno dei punti del Movimento cinque Stelle che mi porta a pensare a un andare contro i tempi e sul quale non sono d'accordo.
Ritengo però che poichè c'è sempre, in rete, un'accesa discussione su questo punto ed anche sull'euro Grillo ha sempre parlato di referendum, ci sarà tempo per confrontarsi e chiarirsi le idee.

Armandillo
07-04-13, 19: 44
Non penso che Grillo porti avanti un discorso "anti" progresso.
Io interpreto quella "decrescita felice" come una diversa visione e concetto del vivere comune nel rapporto con gli altri e con il pianeta che ci ospita all'insegna di un uso corretto delle risorse ed un consumo, in ogni campo, che non stravolga le priorita' dell'essere umano.

Magari straparlo ma che senso puo' avere, per esempio, nel nostro paese, essere i maggiori possessori di cellulari (procapite) con tutti i problemi che abbiamo....oppure, che senso ha continuare a produrre latta (così chiamo le automobili) stoccandola perche' invenduta in un mondo gia' inquinato a livelli insostenibili e magari possederne due-tre a famiglia ?
Non sarebbe forse opportuno ripensare tale industria ?

Quel che voglio dire, ammesso che la decrescita sia questa, e' che globalmente bisognerebbe ricondurre il sistema piu' amisura d'uomo senza pero' rinunciare a migliorare la sua vita.
Ricondurla ad un livello accettabile guardando i veri bisogni della gente e se possibile riequilibrare il rapporto produzione-consumi che ora vede i paesi piu' industrializzati erodere 3/4 dei beni globali.

Utopia ?

MarcoStraf
07-04-13, 22: 14
.... globalmente bisognerebbe ricondurre il sistema piu' amisura d'uomo senza pero' rinunciare a migliorare la sua vita.
Ricondurla ad un livello accettabile guardando i veri bisogni della gente e se possibile riequilibrare il rapporto produzione-consumi che ora vede i paesi piu' industrializzati erodere 3/4 dei beni globali.

Utopia ?
Verissimo.
E la globalizzazione può essere un primo passo, ridistribuendo la produzione dei beni di consumo invece che concentrarli dove non hanno motivo di esserlo. Tanto per fare un esempio, diminuire a livello mondiale la produzione delle auto, non ha senso che ogni nazione abbia decina di fabbriche. Concentrare e incentivare l'agricoltura nelle nazioni con più terreni irrigabili, invece che costruire dighe e acquedotti per concimare il deserto. Il futuro della nostra civilizzazione sta nell'oculato uso delle risorse che abbiamo a disposizione. E per uso appropriato intendo anche e ovviamente una loro giusta distribuzione. Io faccio il pane e tu la pasta, e alla fine si dividono i prodotti tra noi.
Non la vedo quindi come una utopia.

Armandillo
07-04-13, 23: 17
Beh Marco, ho usato il termine utopia volutamente in modo critico per sottolineare, invece, un desiderio o una propensione di tutti gli uomini e donne con ancora barlumi di saggezza.
Non credo di essere un presuntuoso ma la realta' purtroppo costringe talvolta al pessimismo in questo mondo schizofrenico.

Sono circa 15 anni che lavoro come operaio e mi sono reso conto che, in questi anni, ho iniziato a vedere le cose sotto una luce diversa facendo considerazioni sempre piu' critiche.
Gli sprechi, argomento molto attuale e cogente per la decrescita di cui sopra, per esempio, ho osservato quanto e come abbiano influito ed influiscano nella societa' aldila' e aldisopra di cio' che la gente comune intenda.
Se prima il ragionamento mi portava a pensare che, per esempio, cambiare mobilia in una societa' gettando quella vecchia avrebbe concesso a me occasione di lavoro, alle fabbriche di lavorare e alle societa' di smaltimento di fare altrettanto, ora, invece, sotto altra luce mi sono reso conto che così in effetti non e'.
Non lo e' perche' la catena descritta sopra non funziona.
Lo smaltimento e' quantomeno inadeguato e lasciato solo alla buona volonta'; le fabbriche spesso hanno intermediari interessati che fanno ricadere i costi del prodotto sull'utente comune e la ditta pretende il medesimo lavoro da un minor numero di operai, quindi tutto sommato alla fine i benefici vengono azzerati.

Ma di piu'....e lo potrei sottoscrivere...ogni giorno carta, cavi elettrici, accessori di cancelleria, apparecchiature, materiale informatico e quant'altro viene gettato in quantita' che farebbe rizzare i capelli !!
Il tutto poi nella speranza, almeno, che venga poi riciclato e riutilizzato....ma chi ci crede ?

Un cavo DVI puo' costare anche 10 euro e se ne gettano decine e decine !!
Questo accade ogni giorno per ogni grosso ente, ministero o grande privato.

Mia madre quando ero piccolo mi diceva di baciare il pane prima di gettarlo nella pattumiera....beh, se dovessi adottare lo stesso consiglio per la roba che mi capita di buttare avrei le labbra rosso sangue !!
Chi ricicla ?
Barboni e zingari.

Ma c'e' dell'altro.
Spesso mi sono chiesto il perche' pc datati ma funzionanti, per esempio, non venissero donati a scuole o enti o chiese o altro....la risposta e' desolante: la burocrazia in pratica mette in condizioni di gettare perche' "regalare" verrebbe a costare troppo !!
E' assurdo.

Se poi aggiungiamo sprechi in ordine di produzione di calore per gli uffici (vere saune !), quelli di alimenti casalinghi e industriali, quelli energetici, quelli idrici e non so quali altri ci si rende conto che sarebbero milioni di euro utilizzabili per ben altri usi.

Qualcuno mi ha insidiato chiedendomi: "Ma tu saresti disposto, che so, a rinunciare di lavorare un giorno in meno o pagare una tassa in piu' per permettere un riordino di questo sistema inceppato ?"
Io risposi di si ma non per me stesso, quanto per quel barlume di speranza in un futuro migliore !!

MarcoStraf
07-04-13, 23: 45
Sono perfettamente in accordo sugli sprechi, un fenomeno su cui mi batto da sempre, ma ci porti leggermente fuori tema, gli sprechi sono un problema sociale che va risolto sia a livello locale che globale, ma ha poco a che fare con Grillo.

janet
08-04-13, 01: 20
il discorso di Grillo che colpiva anche perchè è poco chiaro è che l'uomo, alla fine deve essere sempre più richiuso nel suo territorio che poco c'entra con il giustissimo discorso di Armandillo sull'evitare il surplus o differenziare l'offerta.
Se questo può essere positivo nel senso della riscoperta delle possibilità offerte dalla propria zona, credo invece che non bisogna assolutamente restaurare frontiere e dogane.
Altro discorso su cui non sono affatto d'accordo è lavorare tutti ma meno ore.
Non è questa la soluzione quanto quella di potenziare la scuola, ma sopratutto quella che insegni un mestiere o un sistema artigianale che fa parte della nostra storia e non deve essere dimenticato.
Ora lo vedo bene io che con la crisi che c'è molti giovani sono già fortunati se entrano in un call center o come commessi nei negozi.
Ma sarebbero capaci di fare, che so, i falegnami, i vetrai, oppure quelli che aggiustano le scarpe ? Si butta via anche perchè non si trova nessuno per riparare, oppure la riparazione costa troppo.

Rodolfo Tatana
12-04-13, 11: 14
Tu parli di vecchia politica, ma non ci vuole molto a ricordare come si stava in Italia prima dell'euro e come stiamo messi adesso

sempre la colpa all'euro, poi alla classe politica, agli sprechi, mai uno che se la prenda con la classe imprenditoriale e bancaria, mai uno che se la prenda con l'italiano svolgiato cialtrone che da sempre la colpa del proprio fallimento a qualcun'altro, uno che capisca che con la globalizzazione ci saremo per forza di cosa impoveriti, eres on dovrei essere io a spiegarti che l'italia ha fatto gran parte della sua fortuna su un sistema industriale pesante che ormai non ha piu ragione di essere visto che quelle produzioni ormai le fanno con un terzo dei costi, nei paesi in via di sviluppo, e noi ancora a pensare di tenere aperte acciaierie filiere alluminio miniere; maidare la colpa a un popolo intero coe quello italiano vissuto per decenni al di sopra delle proprie possibilita' facendo debito, il problema non è l'euro, il problema siamo noi incapaci di evolverci verso un tipo di economia che cresca sulle unicita' del nostro paese, patrimonio artistico culturale enogastronomico

sul discorso della decrescita felice per cortesia non citatemi come esponente di questa idea quel cialtrone di grillo che di tutto parla ma niente conosce ne capisce, capisco che sia bravo a fare spettacolo e folklore con urla e insulti ma vedere questo pieno di soldi che predica le auto ad aria comprssa e poi va in giro in suv con i vetri oscurati e l'autista..che ha ville in tuta italia e conti corenti che neanche lui sa dove sono e ha sparato balle sulla sua casa autosufficente, non capisco come non vediate la contraddizione che è cosi' palese, idolatra di un mezzo importante come la rete che lo trasforma niente meno che negli idolatri della tv di 30 anni fa.

Comunque volevo dire che questo spettacolo indegno cui siamo assistendo, questo tifo da stadio, grillini contro tutti, piddini contro tutti, la resuscitazione di berlusconi, nessuno che abbia il buon senso di provare a trovare una qualche intesa, di limare le differenze e le diffidenze, mi ha provocato una assuefazione grave che sfiora il rigetto e il disgusto verso la totalita' della politica e la maggior parte dei miei concittadini tale che mi viene la voglia di rifugiarmi nella mia torre d'avorio e leggere di folosofia musica agricoltura e lavorare nei miei terreni costruendomi intorno un muro invalicabile di 5 metri, nonche il piacere di scoprire a distanza di quasi due mesi dalle elezioni che davvero ho votato bene stavolta, indipendenza per la mia isola, che io con questi schieramenti non ho nulla a che vedere e non mi rappresentano, che non viviamo ne in italia ne in europa, che ho scoperto quanto io sia libero e indipendente politicamente e senza padroni ideologici, sono davvero felice di aver capito questo

janet
13-04-13, 00: 21
Bhè che dire un discorso egoista molto probabilmente al pari di quelli che stanno litigando in parlamento
E mentre tu ti chiudi nella tua torre di avorio quando sarebbe invece il momento di scendere in piazza ed aiutare i più infelici e gli ultimi tre suicidi lo dimostrano che c'è gente che ha toccato il fondo, fortuna che altri la pensano diversamente ed in questa piazza ci scendono.
La coerenza e la solidarietà sociale è quello che in parte contraddistingue i grillini e mi sembra che Grillo abbia parlato chiaro, chi voleva che partecipassi all'inciucio, ha sbagliato a votarmi.
Se scenderà drasticamente il numero dei voti, se all'elezione del nuovo presidente si andasse a votare subito, nessuno di quelli che ci credono davvero al rinnovamento, se ne fa un problema.

Armandillo
13-04-13, 00: 52
Comprendo la tua amarezza Rodolfo e probabilmente sono tanti quelli che schifati e impotenti cercano rifugio in quelle poche certezze conquistate con sudore o nell'amore dei propri cari e amici.
Il clima non aiuta e penso che nessuno si sia trovato mai in una situazione così dura e al contempo delicata.
Cerchiamo appigli ora a destra ora a sinistra con il timore, se non la paura, che le cose decadano e si giunga veramente nel baratro.

Il disappunto nei confronti del M5S monta coscienti che un loro "si" avrebbe l'effetto di spazzare via il vecchio e con esso le schifezze di una politica mafiosa.
Ma sarebbe veramente così ?
Non credo sia giusto pretendere compromessi quando proprio questi ultimi hanno portato l'Italia dov'e' ora.
Non e' corretto accusare questi neo-eletti di inesperienza e superficialita' poiche' l'esempio di chi li ha preceduti dimostra quanto non abbiano fatto con alle spalle anni ed anni di legislature.

La corda ora si sta spezzando e questi hanno ormai raschiato il fondo del barile.
E' solo una questione di tempo dopodiche' non ci sara' piu' da raschiare e l'unica soluzione sara' cambiare rotta....o rivolta popolare.

Pensare che sia possibile limare divergenze e trovare accordi tra due parti che non possono convivere oltre ad essere rischioso sarebbe avviare una politica fondata sul ricatto e soprattutto sulla morte dei principi.
Non puo' esistere e non genererebbe qualcosa di virtuoso.

MarcoStraf
13-04-13, 07: 33
... il problema non è l'euro, il problema siamo noi incapaci di evolverci verso un tipo di economia che cresca sulle unicita' del nostro paese, patrimonio artistico culturale enogastronomico ...
come ti capisco, è quello che io continuo a predicare da anni.
E basta con queste filiere, acciaierie, automobili, altoforni, basta con questa industria pesante, basta con questi sindacati che vogliono tenere in piedi una economia senza senso che causa solo cassa integrazione.
L'italia è un paese unico, ha una ricchezza artistica e naturale che ce la invidiano tutti e noi la distruggiamo con l'acciaio e il cemento, come disse Francesco de Gregori. Chiudiamo le fabbriche una volta buona e apriamo i musei, abbassiamo il prezzo del turismo, creiamo più strutture per agevolarlo, facciamo più pubblicità a noi stessi. Incoraggiamo le qualità buone che abbiamo, come la nostra creatività, ingegno e senso artistico, diamo sostegno all'artigianato. È lì che bisogna investire, non negli stipendi dei nostri politici.

Eres
13-04-13, 08: 41
Sul turismo e i beni naturali, se mai ne resteranno all'Italia dopo tutte le svendite :ghgh siamo da sempre stati incapaci, direi negati. C'è come qualcosa che ci porta sempre verso la strada sbagliata. Tutta l'industrializzazione pesante che c'è stata e vorrebbe esserci ancora in Italia è fuori luogo, purtroppo ci sono interessi di famiglie potenti che indirizzano in quel senso, i politici sono solo dei signor si in mano a chi comanda veramente.
Faccio un esempio banale e personale, ma che secondo me è illuminante sulla situazione italiana, parecchi anni fa quando ero un bambino abitavo in una cittadina di mare sulla riviera dei fiori, mio padre a quei tempi era nel consiglio comunale, si decideva dove indirizzare l'economia del posto, c'erano due opzioni, porto industriale e porto turistico, ricordo che mio padre che è sempre stato uno libero e indipendente da tutto e tutti, si battè duramente e lungamente per il polo turistico, che sarebbe stata la cosa più logica per un paese come quello, viste anche le caratteristiche paesaggistiche e naturali del luogo. Ma alla fine vinsero le lobby industriali. Per fortuna in anni successivi e in altro ambito, ebbe invece ragione lui.
Secondo me l'Italia non ne uscirà mai da questa situazione. Guardate i poli siderurgici del sud, Bagnoli, Taranto ecc. a cosa hanno portato, solo devastazioni ambientali e crisi economica.
Invece continuo a sostenere che l'euro è un'immensa truffa finanziaria a danno dei popoli europei, bisognerebbe uscirne al più presto, ma tanto sappiamo che non accadrà mai., a meno di un fallimento generale. La Svezia anni fa fece un referendum per restarne fuori, non mi pare che ne abbiano tratto svantaggi, idem per il Regno Unito.

MarcoStraf
13-04-13, 11: 59
Eres, è molto difficile fare il paragone tra noi e il Regno Unito o la Svezia, come con la svizzera, sono paesi troppo diversi.
Il problema dell'euro è che è stato spinto troppo presto per noi Italia, è stata una manovra politica più che economica, spinta da un governo incapace che ci disse "vi faccio vedere come sono capace di risolvere le cose". Stessa cosa è successa in Spagna e Grecia. E io la colpa la do non solo agli italiani, ma anche agli europei che ci hanno accettato.

E tanto per restare in tema Grillo, uno dei punti del M5S che mi ha sempre fatto ridere è la partecipazione diretta dei cittadini mediante referendum via internet, facendo vedere come funziona usando modelli come quello svizzero. Che è una cag... Galattica, come tutti quelli che guardano la Svizzera come modello. Che è impossibile, la Svizzera è completamente diversa da ogni altra nazione, socialmente economicamente e politicamente. Senza contare che anche in svizzera non è che le cose siano rose e fiori, questi referendum popolari in praticano possono distruggere la democrazia in quanto si finisce con il fare leggi che favoriscono solo la maggioranza, mentre in una vera democrazia anche la minoranza deve essere rappresentata e avere i propri diritti riconosciuti. Altrimenti si ritorna allo stato monarchico o autarchico dove c'è solo una persona o una classe sociale che funziona. In Svizzera va bene perché primo sono in pochi, secondo sono molto omogenei come popolazione, terzo vanno avanti molto con leggi locali essendo una federazione. Figurati come andrebbero le cose in Italia, dove perfino gli abitanti di quartieri della stessa città si fanno guerra tra loro.
Altro punto negativo è la convinzione che l'utente internet sia "istruito" perché ha accesso a più informazione. Ma chi lo ha detto, dico io. Prima di tutto, essere istruiti non vuole dire essere avere anche buon senso. Conosco professori universitari che sono anche dei perfetti imbecilli e con meno sale in zucca di mia nonna che non andò mai a scuola. Secondo, si diventa istruiti se si ha accesso a informazione "buona". Contando che in internet la maggior parte (direi il 99%) sono solo scemenze, si finisce che la persona che trae vantaggio da internet è la persona che è già istruita per suo o che ha già sale in zucca per distinguire la informazione con la disinformazione. Come si dice dalle mie parti, "garbage in, garbage out", ossia non si può cucinare bene se non si usa cibo buono, dalla spazzatura si ottiene solo spazzatura.

Rodolfo Tatana
18-04-13, 17: 40
Bhè che dire un discorso egoista molto probabilmente al pari di quelli che stanno litigando in parlamento
E mentre tu ti chiudi nella tua torre di avorio quando sarebbe invece il momento di scendere in piazza ed aiutare i più infelici e gli ultimi tre suicidi lo dimostrano che c'è gente che ha toccato il fondo, fortuna che altri la pensano diversamente ed in questa piazza ci scendono.

ti rispondo con un sorriso :bgg2:bgg2 il mio non è certo il menefreghismo, l'immobilismo ne l'inconcludenza della classe politica italiana cui si è aggregato a pieno titolo il vostro caro grillo difensore dei deboli per quanto ne so a due mesi dalle elezioni non hanno ancora mosso un solo dito per risolvere i problemi di quelli che dicono volere aiutare, tutti compresi sia chiaro, gli ultimi arrivati mi sembrano assolutamente all'altezza di quelli che c'erano prima, certi discorsi vanno rivolti a loro che possono fare qualcosa, invece che scendere in piazza la gente vada a lavorare o fare volontariato e beneficenza e magari lavorando gratis per gli altri è finito il tempo dei manifestanti di professione, quella è un'altra categoria che mi provoca ribrezzo, tante chiacchere e basta. per il resto credo di avere il diritto di disinteressarmi di loro tanto loro si disinteressano di me ma state tranquilli che per quanto riguarda la solidarieta' sociale in sardegna non siamo certo inferiori a nessuno

Armandillo
19-04-13, 00: 20
Le ultime di oggi forse contribuiscono a dipanare una matassa intricata.
Oggi, per la prima volta, ho potuto pensare che il mio voto forse e' servito a qualcosa.
C'e' una possibilita' che si crei un governo e contemporaneamente che ci si liberi del cancro che ha invaso il corpo Italia per anni.

Lo spero con tutta l'anima.

:bai

janet
19-04-13, 16: 48
mah la scelta di Prodi non mi sembra proprio un rinnovamento come il continuare a parlare di essere sardi o friulani o campani.
Cerchiamo di essere italiani e una volta tanto sul serio, basterebbe già questo come cambiamento

Armandillo
19-04-13, 19: 31
Strategie, beghe interne, interessi privati...lo spettacolo che sta dando il PD e' incomprensibile con le sue contraddizioni :triste e intanto "brucia" i suoi prescelti.
Hanno chiuso la porta...anzi il portone aperto da Grillo in barba alla base che invoca cambiamenti in una altalena di comportamenti vecchia maniera (peggio della DC).

Penso sara' dura liberarsi di tali mentalita', povera Italia !!

Comprendo l'urgenza di fare un governo ma non accetto che per questa ragione sia governo "purche' sia" perche' di pastrocchi ne e' piena la storia e tentare di accontentare l'altra parte immaginando una coalizione litigiosa col pericolo del ricatto dietro la porta non sarebbe capita.
A questo punto meglio, molto meglio, il governo di una sola parte omogenea anche se si corre il rischio di scontentare milioni di elettori.

Spero che la notte porti consiglio e che magari si liberino le volonta' di ognuno lasciando liberta' di voto.

Eres
26-04-13, 20: 49
Alla fine come prevedibile avremo il pastrocchio dei pastrocchi, quello peggiore di sempre. Sembra che ci sia una legge non scritta, che determini ad ogni passo un peggioramento della situazione.

Armandillo
29-05-13, 00: 24
Domanda: il contagio e' finito ?

Non lo so e non vorrei crederlo.
Se le votazioni comunali farebbero pensare il contrario, il dato dell'astensione, per paradosso, potrebbe far credere che una ancor piu' vasta platea di disillusi possa costituire un bacino di potenziali voti per il M5S alle prossime elezioni.

Certamente questo ultimo voto dovrebbe spingere il movimento a cambiare strategia mostrando la capacita' di concretizzare quelle idee o proposte accolte con favore dalla gente e quando la Camera iniziera' a lavorare spero che riescano a scuotere e mettere in luce le coscienze oneste che pure ci sono.

Pegaso
29-05-13, 06: 53
Io sono sempre più deluso dagli italiani e poi un'altra cosa che mi è dispiaciuta che nel mio paese il M5S non era presente e quindi anche se qualcuno voleva votarlo non avrebbe potuto.
Ma c'è chi dice che alle ultime votazioni comunali aveva preso meno voti e quindi in percentuale questa volta la loro percentuale è aumentata.
Con questa disinformazione che fanno i media non si riesce mai a capire una beata m...

Eres
29-05-13, 08: 41
Direi che era atteso e inevitabile, sapendo che gli italiani sono un popolo di pecoroni. E ora si tengano quello che si meritano e la smettano di lamentarsi. PD e PD+L sono le due facce della stessa organizzazione piduista.

Rodolfo Tatana
29-05-13, 12: 26
Domanda: il contagio e' finito ?

si raccoglie cio' che si semina, questi tre mesi sono stati utili a chiarire la posizione del m5s, tante chiacchere e nessuna proposta ne intenzione di governo, e l'astensione non si spostera' da loro alla prossima tornata ma si distribuira' uniformemente, a roma in tre mesi sono stati persi piu del 50% dei voti, è veramente da vecchia politica tirare fuori i dati del 2008 o prendersela con i media (sopratutto quando passi le giornate a parlare di gioprnalisti di regime e rifiuti interviste e confronti in televisione non ti lamentare se poi non parlano di te, insomma sto de vito non è che fosse un gran candidato per la capitale), addirittura con gli italiani, che pena grillo, magari avra' il 100% dei voti in costarica nel suo ecofeudo, se siamo tanto deficenti se ne puo' pure andare via dall'italia e salvare altri popoli :ghgh:ghgh


poi un'altra cosa che mi è dispiaciuta che nel mio paese il M5S non era presente

perchè a livello locale il m5 s è debole, come organizzazione, è successo anche dalle mie parti a iglesias, 40000 abitanti e non sono stati in grado di fare una lista, ma perchè evidentemente mancano le persone, e non puoi vincere le elezioni basandoti sulla faccia di grillo e i post del blog, stessa cosa ha subito il pdl, quando non c'è la faccia di berlusconi in prima linea non superano il 20%

Armandillo
29-05-13, 14: 56
si raccoglie cio' che si semina

Pur se ho tifato per loro onestamente pero' bisogna riconoscere una certa approssimazione nel metodo usato sia per i colloqui che per l'elezione dei parlamentari.
Credo che Grillo abbia colpevolmente sottovalutato che "fare politica" non sia poi così semplice e immediato.
L'esperienza conta così come la selezione dei candidati.

C'e' chi e' convinto che lo "tsunami" da qui a poco si plachera' fino a scomparire e c'e' chi, come me, e' disposto a dare loro una seconda chance poiche' credo fermamente che vi siano delle basi e delle idee che possano scardinare l'andazzo-sistema che conosciamo.
Spero che le intelligenze che hanno portato dal nulla il M5S al boom delle politiche siano in grado di provvedere ad adeguarsi sfruttando le stesse "armi" del nemico politico.

Se così non fosse, e lo dico con rammarico, tornero' nel limbo dei disgustati :boh

MarcoStraf
29-05-13, 16: 53
Non sono un grillino, ma devo ammettere una cosa: non scendendo a patti il m5s ha mostrato a tutti quanto ipocriti siano quelli del PD, disposti a tutto pur di andare al potere. Sono un pentito, lo ammetto. Speravo che il PD fosse una decente proposta di un partito denocratico del centro. Se non cambiano non voterò mai più per loro.

Armandillo
29-05-13, 19: 01
non scendendo a patti il m5s ha mostrato a tutti quanto ipocriti siano quelli del PD

Benche' il M5S avesse in mano una possibilita' per far fuori il PdL il suo barricarsi ha messo in evidenza tutte le contraddizioni del PD e degli altri partiti...forse della politica nostrana tutta.
Il comportamento veramente poco lungimirante del PD ha permesso l'attuale matrimonio d'interesse dove quest'ultimo non certo e' riservato ai cittadini !
Tutti gli attuali sondaggi, per quanto ci si voglia credere, mettono in evidenza che Renzi avrebbe sbaragliato il campo e la conferma di cio' giunge proprio oggi dal Parlamento dove si discute il metodo per cambiare la legge elettorale.
Risultato ? Il PD spaccato su come procedere, o meglio, diviso tra chi non digerisce questo governo e chi teme di scontentare l'alleato S.B.

E' una crisi profonda con la base lontana un miglio dal vertice del partito.
Una base - vero quello asserito ieri da Grillo - che rappresenta appunto quell'Italia di serie B composta da operai, pensionati al minimo, studenti che alla staticita' e inconcludenza di questo governo preferirebbe il coraggio del nuovo per quanto inesperto.

Io, operaio, sono tra quelli che al compromesso vergognoso avrebbe preferito scelte drastiche anche lasciando il centrodestra tentare di risollevare il paese dalla palude nella quale lo ha condotto !

Rodolfo Tatana
29-05-13, 19: 28
Sul pd non sono daccordo con voi anzi credo che il voto amministrativo sia un premio sia per il comportamento di bersani, che ha rifiutato il governissimo e aperto le braccia al m5s standogli dietro per giorni, sia per letta, che per quanto se ne possa dire, ha avuto un grande coraggio a fare quel governo, un governo che deve fare 4 cose immediate, pagamento dei debiti alle imprese, cassa integrazione per 530000 persone, rivisitazione di imu e pensioni per quanto riguarda gli esodati, e possibilmente scongiurare l'aumento dell'iva, oltre che rivedere praticamente l'intera seconda parte della costituzione; non sono cose belle da fare, è un lavoraccio che in pochi avrebbero voluto prendersi la responsabilita' di fare. Credo che nessun politico vorrebbe stare al posto di letta in questo momento; insomma non credo sia una mera questione di "potere". ma sopratutto penso che il pd sia l'unico partito che riesce ancora a coinvolgere le persone a livello locale, quindi è molto piu difficile che subiscano delle batoste come successo a m5s e pdl che se gli togli il capo e relativa propaganda a livello locale sono rapresentati da persone che hanno veramente poco da dire

Capisco il discorso di delusione di marco, anche se poi vorrei capire perchè li ha votati, forse essendo un loro elettore rimane piu deluso di me per certi aspetti, gli stessi aspetti che a me hanno spinto a non votarli, ma non avendoli votati forse mi viene piu facile vedere adesso i lati positivi di bersani e di letta, che ho rivalutato di molto, e forse sono un po deluso per non averli votati, pero' il mio voto bisogna guadagnarselo e sono ancora ben lontani dal farlo

intanto la cassaintegrazione è rinnovata per 530000 persone e questo lo hanno fatto letta e alfano, pochino per il momento ma almeno è una boccata di ossigeno per qualche famiglia, poi per me la cassa è immorale, per come è fatta in italia, pagare la gente per stare a casa, con contributi figurativi e nessuna garanzia che la tua azienda riprenda a produrre...dall'altra parte il 30% di disoccupazione giovanile cui non va un solo euro di aiuto, non mi piace questa cassa integrazione, ma vallo a dire a operai e sindacati che non si possono spendere soldi per tenere la gente a casa a fare niente

MarcoStraf
29-05-13, 23: 06
... Capisco il discorso di delusione di marco, anche se poi vorrei capire perchè li ha votati, forse essendo un loro elettore rimane piu deluso di me per certi aspetti, ...
Beh, non avevo molta scelta, nella mia giurisdizione (nord America) c'erano solo cinque partiti per cui ho votato turandomi il naso (come ho fatto quasi sempre in passato) votando PD, scartando la destra e i partitelli i cui voti alla fine sarebbero andati alla destra. Il mio candidato preferito (Antonio Ingroia) non era presente.

Quello che mi consola e' che vedo che non e' che il m5s stia facendo molto, anzi, sembra tanto fumo e niente arrosto. Il novello partito si deve decidere a usare qualcuno che se ne intenda veramente di politica e economia, il loro modello politico (in pratica creato da Gianroberto Casaleggio basandosi sulle strategie di rete su cui si basano i suoi affari) non puo' funzionare in una societa' complessa come l'Italia.

Eres
30-05-13, 08: 20
Mi spiace che continuiate a discutere sull'aria fritta. Come ripeto PD e PD+L non sono realmente due entità politiche contrapposte, lo sono solo nelle fantasie dei gonzi :ghgh in realtà sono solo un'espressione mascherata della P2, con tutti i loro affiliati.

Rodolfo Tatana
30-05-13, 13: 05
Antonio Ingroia

anche a me piaceva ma non i suoi candidati, dalle mie parti avrei dovuto votare un minatore e un operaio in cassa integrazione, che conosco pure e che non reputo certo all'altezza di andare in parlamento :ghgh:ghgh ci vuole un minimo di preparazione e serieta, nella tua situzione avrei votato anche io pd per esclusione


un'espressione mascherata della P2

eres è gia uscita sia la versione 3 che la 4, casomai parli della p5 :ghgh devi aggiorarti, io la chiamo "partitocrazia"

MarcoStraf
30-05-13, 19: 17
Mi spiace che continuiate a discutere sull'aria fritta. Come ripeto PD e PD+L non sono realmente due entità politiche contrapposte, lo sono solo nelle fantasie dei gonzi :ghgh in realtà sono solo un'espressione mascherata della P2, con tutti i loro affiliati.
Ti amo :)
Anche se abbiamo ideologie opposte, siamo due facce della stessa medaglia.
Leggo i tuoi post e ritrovo me stesso, la stessa delusione e disillusione.
Che mondo di **** (autocensura) che abbiamo lasciato ai nostri figli.

Rodolfo Tatana
31-05-13, 19: 25
anche io lo amo e lo stimo molto, eres è un tipo particolare senza peli sulla lingua e dice sempre quello che pensa fregandosene di risultare simpatico o meno, non credo che abbiamo diverse ideologie, sempre che queste esistano ancora, secondo me siamo tutti quanti molto delusi e confusi, lo noto parlando anche con persone nella vita reale, non si sono fattori che determinano diversita profonde, ma piuttosto opinioni diverse su alcuni punti ma se fossimo capaci di limarle saremo tutti dalla stessa parte perchè siamo sulla stessa barca e abbiamo sensibilita' simili

janet
01-06-13, 16: 25
Sono d'accordissimo su Eres una delle persone più cool del forum ma come fa a non parlare di Marino, poveri noi, che a Ballarò ha mostrato tutta l'arroganza tipica del PD, che ha portato, in precedenza, Bersani a non vincere le elezioni ?
Giustamente in una trasmissione televisiva ho sentito la varia divisione degli elettori, in grande maggioranza, in base alle fasce di età. Gli ultrasessantenni legati in molti a Berlusconi e che si vedono Maria De Filippi e tutto ciò che propina Mediaset, i quaranta- cinquantenni legati al PD e che si vedono la 7, poi il popolo dei più giovani, dei centri sociali, dei disoccupati che seguono la rete ed hanno votato M5S.
Era ovvio il fallimento alle amministrative, perchè il M5S deve farsi ancora conoscere a livello locale e la maggior parte degli abitanti dei vari comuni hanno rapporti anche clientelari con le varie vecchie amministrazioni e non rinuncerebbero ai loro vantaggi personali.
La cosa che mi è piaciuta è che Grillo abbia detto che per il secondo ballottaggio non c'era la possibilità di accordo con nessuno, perchè appunto Pdl e PD meno L sono uguali.
Sono sempre più delusa, invece dai parlamentari cinque stelle alcuni dei quali scelti con 48 preferenze , pari a quelle che poteva dare loro una famiglia numerosa.
C'è da lavorare e molto sulla scelta dei candidati ma per me, le idee del movimento continuano ad essere per la maggior parte valide.

MarcoStraf
01-06-13, 17: 58
Bella analisi Janet, grazie!

Armandillo
02-06-13, 12: 43
non credo che abbiamo diverse ideologie, sempre che queste esistano ancora

Concordo col riferimento al forum, molto meno se lo riferiamo alla societa'.
La fine dell'ideologia credo sia l'aspetto piu' preoccupante sia perche' appiattisce tutti sulla superficialita' e il menefreghismo sia perche' sposta l'interesse comune su quello personalistico.

Credere onestamente alle proprie idee e battersi per esse contribuisce al fare politica, indispensabile per ogni societa', e pone basi per il confronto rispettoso con chi la pensa diversamente.

Col mordere della crisi la gente tendenzialmente e forse inevitabilmente spinge alla soluzione del proprio interesse talvolta rifiutando o disinteressandosi di quello altrui.
Trovo questo aspetto pericoloso perche' azzera il valore di comunita' e incrementa il qualunquismo.

La "pacificazione" che ci viene propinata come soluzione sociale e rappresentata da questo governo non puo' funzionare.
Avrebbe esito diverso se le premesse fossero diverse e se vi fosse una vera volonta' di fare passi indietro, di fare vera autocritica e soprattutto se in precedenza si fossero risolte le cause che ad essa hanno portato.

In questo clima la stessa democrazia e' annullata e la gente, come dice Rodolfo, veramente si sente confusa perche' vengono messe in discussione le proprie convinzioni tanto piu' quando gli annunci dei provvedimenti hanno una talmente chiara vaghezza da sconfortare anche i piu' ottimisti.

Sconforto, delusione, schifo non possono e non devono portare all'abbandono del libero arbitrio.

Eres
25-06-13, 08: 58
Ieri altri 7 anni e interdizione perpetua dai pubblici uffici per il Berlusca, prostituzione minorile tra le voci della sentenza. Rischiano per falsa testimonianza anche alcuni suoi tirapiedi come il vice ministro agli esteri e naturalmente tutte le olgettine e prostitute varie. Ora sarà da vedere in appello e cassazione se ci saranno stravolgimenti e se veramente finirà al gabbio. Essendo in Italia ne dubito.
Ma la battuta più bella che ho sentito ieri è stata quella del deputato M5S Di Battista: "Ma come farà adesso il Pd senza il suo leader Berlusconi?" :ghgh Uahahahahaa

Eres
26-06-13, 11: 41
Forse ci siamo :ghgh

http://img401.imageshack.us/img401/8702/nfhi.jpg