PDA

Visualizza versione completa : inclinazione tastiera..



p060477
26-12-12, 19: 25
ciao!

su un pc fisso che ha quindi una sua autonoma tastiera usb
di quanto deve essere inclinata rispetto al piano..
mi spiego i piedini che ci stanno sotto nella parte superiore e che la alzano
di quanto la devono alzare..??
va bene se misurando vedo che laltezza nella parte max rispetto al piano di appoggio e' di 1 cm..??

Andy86
26-12-12, 20: 52
:bai

Dipende solo da te. La regolazione serve per darti la possibilità di tenere la tastiera come sei più comodo, avere una tastiera leggermente inclinata di solito è più comodo. :sisi

MarcoStraf
27-12-12, 04: 54
Quando usi la tastiera, gli avambracci devono restare orizzontali e il dorso delle mani dovrebbero essere leggermente inclinati verso il basso, diciamo di una ventina di gradi. Quindi i piedini che mettono nella tastiera sono nel posto sbagliato, dovrebbero essere davanti e non indietro, in modo che la tastiera sia inclinata in discesa. Purtroppo troppi preferiscono l'opposto, ci vorrà del tempo per cambiare le cose, nel frattempo ci ritroviamo con un sacco di gente che dopo venti anni di lavoro soffrono allucinanti tendenti ai polsi, devono farsi operare o smettere di lavorare.

p060477
27-12-12, 09: 02
Quindi i piedini che mettono nella tastiera sono nel posto sbagliato, dovrebbero essere davanti e non indietro, in modo che la tastiera sia inclinata in discesa..

ciao e grazie!!

..quindi l'esatto opposto di quanto sentenziato anche da tante guide della legge 626
riguardo al lavoro dei videoterminalisti...

comunque dove lavoro ogni tastiera ha una sua inclinazione particolare...

io per casa ne ho una nuova della trust che e' quasi - al suolo -....
cioe' praticamente raso scrivania...
con due piccoli piedini,sempre pero' sul davanti, per inclinarla un poco..ma sempre molto meno
di quella che ho al lavoro...

quindi secondo cio' che dici dovrei toglierli ed usandola piatta andrei nella direzione
di quello che consigli tu...

comunque anche le tastiere che ho visto,quelle piu' care, permettono la regolazione ma sempre
nella direzione -opposta- a quella che tu scrivi..

l'unica cosa e' che se come dici:
"gli avambracci devono restare orizzontali" ho fatto una prova e se si mettono i piedini come dici tu e si inclina in discesa gli avambracci non si riesce piu' a tenerli orizzontali...

grazie!!

Asterix
27-12-12, 11: 33
Io al lavoro utilizzo un Poggiapolsi tastiera, in questo modo non abbasso la tastiera ma alzo il piano dei miei polsi.

:bai

p060477
27-12-12, 11: 58
Io al lavoro utilizzo un Poggiapolsi tastiera, in questo modo non abbasso la tastiera ma alzo il piano dei miei polsi.

:bai

..anche cosi' gli avambracci non rimangono paralleli al piano come scritto in ogni
guida alla legge 626 per i videoterminalisti..

Andy86
27-12-12, 13: 20
:bai

In effetti anch'io trovo più comodo usare la tastiera inclinata verso di me. :ghgh
La cosa importante per me, però, è avere i gomiti appoggiati alla scrivania, altrimenti si che dopo poco fanno male i polsi. :sisi

p060477
27-12-12, 13: 27
:bai

In effetti anch'io trovo più comodo usare la tastiera inclinata verso di me. :ghgh
La cosa importante per me, però, è avere i gomiti appoggiati alla scrivania, altrimenti si che dopo poco fanno male i polsi. :sisi

..e confermeresti quanto prescritto dalla legge 626 sui videoterminalisti..

MarcoStraf
27-12-12, 22: 12
Guarda, come tutte le azioni ripetitive, alla lunga usare la tastiera fa male a polsi e spalle, e quindi anche alla schiena, anche se si tiene una posizione ottimale. Se la posizione ottimale esistesse, perché in realtà non esiste affatto, il corpo umano non è fatto per stare seduti a battere a macchina.
L'unica cosa che si può fare è cercare di fare lavorare nervi e tendini il meno possibile, ecco quindi perché si consiglia di tenere gli avambracci orizzontali, in modo da essere a novanta gradi con le braccia, e non usare i braccioli della sedia mentre si scrive. I polsi e le dita devono essere in una posizione confortevole, quindi senza inclinazione alcuna, nè orizzontale nè verticale. Le mani devono poter scorrere liberamente sui tasti, quindi è essenziale non usare i poggi polsi quando si scrive, ma solo quando ci si riposa. E parlando di riposarsi, forse la regola principale è fare frequenti periodi di riposo, almeno dieci minuti ogni ora, per poter fare riposare non solo le braccia ma anche gli occhi.
Un ultimo consiglio: io trovo comodo alternare lavorando seduto e in piedi, ho comprato una colonna verticale su cui montare schermo e tastiera, che mi permette di avere entrambi ad altezza ottimale lavorando nelle due posizioni. Stare seduti per troppo tempo non fa bene per niente.
E quando arrivo a casa uso un tablet, così da avere una posizione completamente diversa.

p060477
28-12-12, 08: 50
giusto!

..ma credo che uno dei capisaldi sia il tenere i gomiti appoggiati sul piano e l'avambraccio
parallelo e non inclinato..e cio' puo' avvenire solo con la tastiera inclinata verso le mani..
a meno che nel piano ci sia una buca dove alloggiare la tastiera con inclinazione opposta..

Andy86
28-12-12, 13: 18
a meno che nel piano ci sia una buca dove alloggiare la tastiera con inclinazione opposta..

Quasi quasi la brevetto... :lol:

p060477
28-12-12, 13: 26
..il problema pero' e' che dopo non si vedrebbe bene cio' che si digita..
..per cui dovremmo piegare il collo..ed allora i benefici sul polso ed articolazioni dita
andrebbero a scapito della cervicale...

Andy86
28-12-12, 14: 40
Dipende... chi scrive per lavoro lo fa "alla cieca"... a chi non è capace sembra una cosa impossibile, ma se sai digitare a dieci dita la tastiera non la guardi neanche più... guardi direttamente le parole che compaiono sullo schermo e correggi l'errore al volo. :sisi

p060477
28-12-12, 17: 05
verissimo!