PDA

Visualizza versione completa : Passatempo Una trama in ....10 post !



Pagine : 1 [2]

iaia
13-10-14, 19: 02
1) Rispetta gli anziani.
Ruba loro l'esperienza e la saggezza e sii tollerante poiche' un giorno anche tu sarai vecchio e avrai bisogno d'una stampella in carne ed ossa.
2) Sii curioso.
Ama la conoscenza perche' questa puo' elevare l'uomo e renderlo piu' saggio.
3) Pensa a quali conseguenze potrebbero portare le tue azioni prima di compierle
4) Ricorda che le parole sono pietre...lanciale sempre in modo civile !
5) Gioca e scherza ma senza offendere o danneggiare gli altri.
6) Ricorda di fare donazioni: cio' che per te vale poco potrebbe salvare una vita !
7) La fiducia è merce rara e preziosa. Mai conquistarla allo scopo di arrecare danno, mai tradirla per ottenere illeciti vantaggi.
8) Sii tollerante verso il diverso e quando qualcosa ti turba rammenta il 2° comandamento così che potrai comprendere cio' che non hai capito.
9) Non lasciarti abbattere dalle difficoltà, lotta sempre perché la giustizia e la legalità arrivino a trionfare.

Armandillo
13-10-14, 19: 28
I nuovi 10 comandamenti

1) Rispetta gli anziani.
Ruba loro l'esperienza e la saggezza e sii tollerante poiche' un giorno anche tu sarai vecchio e avrai bisogno d'una stampella in carne ed ossa.
2) Sii curioso.
Ama la conoscenza perche' questa puo' elevare l'uomo e renderlo piu' saggio.
3) Pensa a quali conseguenze potrebbero portare le tue azioni prima di compierle
4) Ricorda che le parole sono pietre...lanciale sempre in modo civile !
5) Gioca e scherza ma senza offendere o danneggiare gli altri.
6) Ricorda di fare donazioni: cio' che per te vale poco potrebbe salvare una vita !
7) La fiducia è merce rara e preziosa. Mai conquistarla allo scopo di arrecare danno, mai tradirla per ottenere illeciti vantaggi.
8) Sii tollerante verso il diverso e quando qualcosa ti turba rammenta il 2° comandamento così che potrai comprendere cio' che non hai capito.
9) Non lasciarti abbattere dalle difficoltà, lotta sempre perché la giustizia e la legalità arrivino a trionfare.
10) Lascia in bianco quest'ultimo comandamento affinche' tu possa ricordare che c'e' sempre qualcosa di buono che puoi fare; un qualcosa che non trovi scritto altrove ma che la tua coscienza di onesto ti puo' dettare in mille e mille occasioni.

iaia
02-01-15, 15: 06
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...

Genzo83
13-02-15, 19: 15
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.

iaia
13-02-15, 21: 29
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.



Ciao, grazie per la riesumazione! Ma... possiamo aggiungere una riga sola ogni messaggio!
possiamo sbizzarrirci con tre righe solo nel finale, e spesso ognuno dei partecipanti propone un suo finale alternativo. ;-)

Armandillo
14-02-15, 14: 49
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...

Nota:
e' vero, tra le regole c'e' quella dell'obbligo del singolo rigo fino al 9° e poi 3 righe per terminare ma si puo' anche modificare se necessario :sisi
L'idea e' nata per permettere un'alternanza piu' snella evitando di appesantire i vari post ma potremmo variare la regola a nostro comodo mantenendo pero' i 10 post come conclusione.

iaia
14-02-15, 15: 12
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...
5) Dietro il mobile c'era un passaggio segreto. Ne uscirono il conte Attilio con i suoi servitori, e avevano delle armi. Cosa poteva fare? Fuggire?

Armandillo
14-02-15, 15: 38
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...
5) Dietro il mobile c'era un passaggio segreto. Ne uscirono il conte Attilio con i suoi servitori, e avevano delle armi. Cosa poteva fare? Fuggire?
6) In silenzio cerco' di capire le loro intenzioni ma quel bisbiglio era incomprensibile ! Certamente pero' quelle armi facevano presagire loschi avvenimenti !

Genzo83
15-02-15, 20: 56
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...
5) Dietro il mobile c'era un passaggio segreto. Ne uscirono il conte Attilio con i suoi servitori, e avevano delle armi. Cosa poteva fare? Fuggire?
6) In silenzio cerco' di capire le loro intenzioni ma quel bisbiglio era incomprensibile ! Certamente pero' quelle armi facevano presagire loschi avvenimenti !
7) Era ormai troppo tardi per prender decisione di dileguarsi. Capì così che pianificavano l'epilogo di una congiura che di lì a poco, in tragedia, avrebbe avuto fine.

iaia
17-02-15, 19: 58
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...
5) Dietro il mobile c'era un passaggio segreto. Ne uscirono il conte Attilio con i suoi servitori, e avevano delle armi. Cosa poteva fare? Fuggire?
6) In silenzio cerco' di capire le loro intenzioni ma quel bisbiglio era incomprensibile ! Certamente pero' quelle armi facevano presagire loschi avvenimenti !
7) Era ormai troppo tardi per prender decisione di dileguarsi. Capì così che pianificavano l'epilogo di una congiura che di lì a poco, in tragedia, avrebbe avuto fine.
8) Tentò il tutto per tutto e scostò la tenda: "Conte, che accade?" chiese, cercando di mascherare la paura. Il conte era esterrefatto.

Armandillo
21-02-15, 19: 07
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...
5) Dietro il mobile c'era un passaggio segreto. Ne uscirono il conte Attilio con i suoi servitori, e avevano delle armi. Cosa poteva fare? Fuggire?
6) In silenzio cerco' di capire le loro intenzioni ma quel bisbiglio era incomprensibile ! Certamente pero' quelle armi facevano presagire loschi avvenimenti !
7) Era ormai troppo tardi per prender decisione di dileguarsi. Capì così che pianificavano l'epilogo di una congiura che di lì a poco, in tragedia, avrebbe avuto fine.
8) Tentò il tutto per tutto e scostò la tenda: "Conte, che accade?" chiese, cercando di mascherare la paura. Il conte era esterrefatto.
9) "Lady - disse - questo e' il momento di decidere da che parte vuole stare...con noi o contro di noi !! Il suo patrigno ha ormai le ore contate !!!"

iaia
21-02-15, 20: 32
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...
5) Dietro il mobile c'era un passaggio segreto. Ne uscirono il conte Attilio con i suoi servitori, e avevano delle armi. Cosa poteva fare? Fuggire?
6) In silenzio cerco' di capire le loro intenzioni ma quel bisbiglio era incomprensibile ! Certamente pero' quelle armi facevano presagire loschi avvenimenti !
7) Era ormai troppo tardi per prender decisione di dileguarsi. Capì così che pianificavano l'epilogo di una congiura che di lì a poco, in tragedia, avrebbe avuto fine.
8) Tentò il tutto per tutto e scostò la tenda: "Conte, che accade?" chiese, cercando di mascherare la paura. Il conte era esterrefatto.
9) "Lady - disse - questo e' il momento di decidere da che parte vuole stare...con noi o contro di noi !! Il suo patrigno ha ormai le ore contate !!!"
10a) Alla dama non parve vero. Da anni cercava il modo di liberarsi del perfido patrigno ed ecco la sua occasione! Si offrì subito di attirarlo in trappola, ma mentre si accordavano uno dopo l'altro quegli uomini iniziarono a contorcersi: erano stati avvelenati! Da dietro un'altra tenda si levò la perfida risata del patrigno.

Armandillo
22-02-15, 14: 17
Intrigo a corte

1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...
5) Dietro il mobile c'era un passaggio segreto. Ne uscirono il conte Attilio con i suoi servitori, e avevano delle armi. Cosa poteva fare? Fuggire?
6) In silenzio cerco' di capire le loro intenzioni ma quel bisbiglio era incomprensibile ! Certamente pero' quelle armi facevano presagire loschi avvenimenti !
7) Era ormai troppo tardi per prender decisione di dileguarsi. Capì così che pianificavano l'epilogo di una congiura che di lì a poco, in tragedia, avrebbe avuto fine.
8) Tentò il tutto per tutto e scostò la tenda: "Conte, che accade?" chiese, cercando di mascherare la paura. Il conte era esterrefatto.
9) "Lady - disse - questo e' il momento di decidere da che parte vuole stare...con noi o contro di noi !! Il suo patrigno ha ormai le ore contate !!!"

10a) Alla dama non parve vero. Da anni cercava il modo di liberarsi del perfido patrigno ed ecco la sua occasione! Si offrì subito di attirarlo in trappola, ma mentre si accordavano uno dopo l'altro quegli uomini iniziarono a contorcersi: erano stati avvelenati! Da dietro un'altra tenda si levò la perfida risata del patrigno.

10b) Troppe angherie aveva subito da quella specie di dittatore e non poteva esimersi dal partecipare. Quindi concordo' di attirarlo nella stanza. Qui il conte Attilio lo pugnalo' ma in punto di morte il patrigno non si rivelo' tale e dopo essersi scusato con Lady le rivelo' di essere invece proprio suo padre naturale e che voleva solo proteggerla !!
Lady sprofondo' dal dispiacere e di lei piu' nessuno ebbe notizie.

iaia
22-02-15, 16: 12
Terribili intrighi mortali!
Chissà se qualcuno proporrà un lieto fine.

Genzo83
22-02-15, 16: 40
1) Rumori di festeggiamenti, attutiti da spesse porte e tendaggi preziosi. Una dama attraversa furtivamente un salone buio e deserto...
2) Era triste e si sentiva ormai a disagio in quell'ambiente dove i ricchi erano soliti parlar d'affari e raccontar le loro recenti conquiste. Sentiva che quella vita le era stata cucita addosso, così come gli abiti che la obbligavano a indossare.
3) Aveva bisogno di respirare aria fresca. Con la mano guantata stava girando la maniglia della porta-finestra, quando un rumore la fermò.
4) Si nascose dietro una tenda un po' incuriosita un po' per il timore e con sua sopresa vide un mobiletto scostarsi dalla parete...
5) Dietro il mobile c'era un passaggio segreto. Ne uscirono il conte Attilio con i suoi servitori, e avevano delle armi. Cosa poteva fare? Fuggire?
6) In silenzio cerco' di capire le loro intenzioni ma quel bisbiglio era incomprensibile ! Certamente pero' quelle armi facevano presagire loschi avvenimenti !
7) Era ormai troppo tardi per prender decisione di dileguarsi. Capì così che pianificavano l'epilogo di una congiura che di lì a poco, in tragedia, avrebbe avuto fine.
8) Tentò il tutto per tutto e scostò la tenda: "Conte, che accade?" chiese, cercando di mascherare la paura. Il conte era esterrefatto.
9) "Lady - disse - questo e' il momento di decidere da che parte vuole stare...con noi o contro di noi !! Il suo patrigno ha ormai le ore contate !!!"

10a) Alla dama non parve vero. Da anni cercava il modo di liberarsi del perfido patrigno ed ecco la sua occasione! Si offrì subito di attirarlo in trappola, ma mentre si accordavano uno dopo l'altro quegli uomini iniziarono a contorcersi: erano stati avvelenati! Da dietro un'altra tenda si levò la perfida risata del patrigno.

10b) Troppe angherie aveva subito da quella specie di dittatore e non poteva esimersi dal partecipare. Quindi concordo' di attirarlo nella stanza. Qui il conte Attilio lo pugnalo' ma in punto di morte il patrigno non si rivelo' tale e dopo essersi scusato con Lady le rivelo' di essere invece proprio suo padre naturale e che voleva solo proteggerla !!
Lady sprofondo' dal dispiacere e di lei piu' nessuno ebbe notizie.

10c) Si sentì obbligata a dare il suo supporto, se non altro perché mostrarsi contrariata le parve pericoloso -qualcosa che poteva mettere a rischio la sua stessa vita. Pur non nutrendo forte simpatia per il patrigno, dopo essersi mostrata apparentemente parte integrante della congiura, Lady lo avvisò di quel che accadeva, convincendolo a rimandare il discorso pubblico previsto per quella sera -quello che lo avrebbe esposto fatalmente al nemico. La dama riuscì così ad evitare il peggio, mentre il conte con i suoi servitori vennero arrestati.