PDA

Visualizza versione completa : Ni + H = Watt Fusione fredda?



calaf
05-10-12, 13: 22
Pare ci siano riusciti.
Che ne pensate?
Fonte (http://bologna.repubblica.it/cronaca/2011/01/14/news/fusione_nucleare_a_freddo_a_bologna_ci_siamo_riusc iti-11237521/)

Eres
05-10-12, 14: 40
Pi di cosa ne pensiamo noi, bisogna sapere cosa ne pensano le multinazionali dell'energia :ghgh
Da sempre energia prodotta a basso costo e maggiore indipendenza dell'utente, non conviene a certa gente

Andy86
05-10-12, 15: 00
Se non ho capito male sempre di nucleare si tratta... quindi dov' il vantaggio? :m:

W l'energia pulita e rinnovabile del sole, dell'acqua e del vento. :sisi

Rodolfo Tatana
05-10-12, 16: 47
un articolo vecchiotto, penso che se non abbiamo notizie ad un anno e mezzo di distanza non abbiano scoperto un bel nulla o perlomeno non sono ancora in grado di spiegare cosa hanno fatto

calaf
05-10-12, 20: 41
Infatti era noto ma la data del giornale odierna e corredata da alcuni nuovi dettagli.
L'energia della fusione pulita. Pare che un nucleo di H per un fenomeno non ancora conosciuto si inglobi, in presenza di uno specifico catalizzatore (?) e a particolari valori di pressione, in un nucleo di Ni trasformandolo in Cu + energia termica molto superiore a quella usata per dar luogo al fenomeno. Il tutto in un'apparecchiatura di modeste dimensioni (sic!).

Il mio parere di dare credito, operando gli opportuni accertamenti, alla scoperta e non farsela soffiare come ad inizio del secolo scorso facemmo con la radio di Marconi.

MarcoStraf
05-10-12, 23: 08
... Il mio parere di dare credito, operando gli opportuni accertamenti, alla scoperta e non farsela soffiare come ad inizio del secolo scorso facemmo con la radio di Marconi.
Beh, pare che il processo sia stato brevettato (o almeno si e' fatta richiesta di brevetto), quindi se fosse vero non ci sono problemi.
Il problema principale e' la classica storia del ragazzo che grida "al lupo". Il dottor Rossi (non Professore, come viene a volte chiamato) ne ha sparate talmente tante nella sua vita (e continua a farlo) che e' ben difficile credergli.
I punti sospetti sono molteplici, primo di tutti perche' il brevetto e' a nome della moglie? Sospetto: in caso di falso il suo nome rimane pulito. Ha annunciato la sua "scoperta" il gennaio 2011, dicendo che alcune aziende stavano gia' usando prototipi. E ha firmato un grosso contratto con una azienda greca (la Defkalion) che stranamente lo ha cancellato pochi mesi dopo. Potrei continuare, ma volgio spendere il meno tempo possibile nelle nuvole.

La mia idea: ha tirato fuori una balla, e ha cercato di ricevere investimenti. Alla fine, quando la balla sarebbe venuta fuori, avrebbe semplicemente detto "mi spiace", ma i soldi nel frattempo li avrebbe presi e spesi (magari finiti in qualche banca compiacente). Un po' come la storia del suo brevetto sulla conversione dei rifiuti, per cui ottenne vistosi finanziamenti e costrui' un grande capannone che invece di eliminare i rifiuti li riversava nel suolo. Scoperto e condannato negli anni '70. Tante', ci sta riprovando.

Il motivo per cui sono cinico e' perche' credo nella termodinamica. Non si crea energia dal nulla. Vedi per esempio
The Physics of why the e-Cat’s Cold Fusion Claims Collapse – Starts With A Bang (http://scienceblogs.com/startswithabang/2011/12/05/the-nuclear-physics-of-why-we/)

Una parola sui complotti, ossia sul fatto che certe "multinazionali" (non ben specificato quali, e di quali nazioni si stia parlando) hanno interessi diversi. Grossa balla. Secoli anni fa si andava a legna, poi a olio, che venne poi sostituito con il carbone, che venne poi sostituito con il petrolio. I grossi produttori di energia farebbero salti mortali per avere un processo economico per produrla.

Andy86
05-10-12, 23: 24
I grossi produttori di energia farebbero salti mortali per avere un processo economico per produrla.

Eppure il processo economico c'. Pensa al pannello fotolvotaico o al mulino a vento. Magari hanno un costo anche elevato, ma una volta pagato il totale del costo l'energia prodotta da quel momento in poi praticamente gratis. Eppure continuano a spingere per costruire centrali nucleari e a petrolio. :boh

MarcoStraf
06-10-12, 00: 52
Eppure il processo economico c'. Pensa al pannello fotolvotaico o al mulino a vento. Magari hanno un costo anche elevato, ma una volta pagato il totale del costo l'energia prodotta da quel momento in poi praticamente gratis. Eppure continuano a spingere per costruire centrali nucleari e a petrolio. :boh
Purtroppo non e' cosi'.
In California si sta tendando con il vento, che per adesso produce il 5% del fabbisogno, ma le turbine non sono solo costose da costruire ma anche da mantenere in funzione. Per i pannelli solari c'e' il problema delle dimensioni, per alimentare una citta' anche piccola occorrono ettari di terreno, e lo si puo' fare solo in vicinanza di una zona desertica dove non ci siano problemi embientali e di deforestazione. Ma i pannelli solari funzionano molto bene a livello "locale", ossia familiare o a basso livello industriale, dove ci sia la possibilta' del montaggio.
Con questo non voglio dire non si debba fare niente, anzi io sono un forte sostenitore delle rinnovabili. In California al momento attuale il 12% della produzione viene da risorse rinnovabili, e per il 2020 si vuole raggiungere il 30%, progetto piuttosto ambizioso, ma se non si tenta... E questa e' la California, uno stato con molta luce solare e molte risorse energetiche naturali, le cose vanno molto peggio in posti come il Minnesota, per esempio.

janet
06-10-12, 16: 42
qui (http://www.nextme.it/scienza/energia/4343-fusione-fredda-e-cat-investimento)c' un articolo in italiano e piuttosto chiaro e dettagliato, se c' la possibilit di business, le aziende investono, altrimenti no, proprio come dice Marco.
Certo ci sono sempre i sogni, tutti italiani, rete internet assente ? Passiamo tutto digitale,nella pubblica amministrazione, tanto il problema del singolo, ne sono bene io qualcosa per il fatto che hanno digitalizzato gli esami di maturit e toccava collegarsi da mezzanotte alle due,finch ci sono scemi come noi, possono dire qualsiasi cosa ma all'estero c' bisogno di certezze, altrimenti niente finanziamenti, altro che complotti

Rodolfo Tatana
09-10-12, 11: 33
Purtroppo non e' cosi'.
In California si sta tendando con il vento, che per adesso produce il 5% del fabbisogno, ma le turbine non sono solo costose da costruire ma anche da mantenere in funzione

forse le rinnovabili non sono economicamente convenienti, almeno nel breve periodo, servono forti investimenti iniziali, ma come dici a livello locale funzionano, e secondo me il prezzo maggiore anche giusto dl momento in cui si parla di energia che non si esaurisce e non inquina come carbone petrolio e termovalorizzatori, quindi l'unica logicamente perseguibile, tanto prima o poi i combustibili fossili finiranno per forza. Dalle mie parti c' un parco eolico tra i piu grossi e moderni d'europa, un investimento enel di 150 milioni, su una quarantina di ettari, pale eoliche di 90 metri in grado di fornire energia a 70000 abitazioni per 20 anni, almeno 250000 persone, smontabile, rimangono le fondamenta ma sono facilmente rimuovibili. in italia esistono i comuni virtuosi, certificati, autosufficenti energeticamente tramite un sistema misto solare eolico in edifici pubblici e privti e terreni pietrosi che non solo serve la popolazione, ma vende energia.

a livello locale funziona molto bene, non funziona ed costosa per noi quando a gestire queste energia rinnovabili ci sono petrolieri che si riciclno ma perseguono sempre e solo lo scopo di lucro per se stessi, infatti del nostro parco eolico non usufruisce la popolazione con sconti sulla bolletta ma l'alcoa.etc..a noi la vendono e costa come l'altra, il comune guadagna l'elemosina di un milione l'anno piu imu