PDA

Visualizza versione completa : Cassazione dice che le coppie gay hanno diritto a vita famigliare



janet
15-03-12, 17: 14
Dopo un periodo di caccia alle streghe, in cui vari politici italiani e non si erano schierati contrari all'unione fra gay ora la Cassazione, ha deliberato che anche se con l'attuale legislazione le coppie gay non hanno diritto a contrarre matrimonio o alla registrazione di quelli effettuati all'estero, tuttavia hanno il "diritto alla 'vita familiare'" e a "vivere liberamente una condizione di coppia" con la possibilità, in presenza di "specifiche situazioni", di un "trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata".
Fonte Ansa (http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2012/03/15/visualizza_new.html_132770235.html)

La situazione si complica sempre più, sancendo ancora la distinzione fra potere politico e quello della magistratura.

Armandillo
16-03-12, 08: 28
Pronunciamento storico direi !
Italia patria del diritto romano che, finalmente, pone una pietruzza di saggezza.
Un piccolo passo di civilta' anche se non mancheranno ostacoli di varia natura e naturalmente penso ai proclami della chiesa di segno assolutamente contrario.

Ciao

Rodolfo Tatana
18-03-12, 15: 24
La cosa grave è che queste cose le debba ripetere la cassazione quando invece sono scritte nella costituzione da 70 anni!!

"tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge,senza distinzione di sesso,di razza,di lingua,di religione,di opinioni politiche,di condizioni personali e sociali. E compito della repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine sociale,che,limitano di fatto la libertà è l’uguaglianza dei cittadini"

solo di poche settimane fa l'ennesima uscita di quel cialtrone di giovanardi "ci sono organi per ricevere e organi per espellere" con il buon Crozza che poi si chiede con quale organo ragioni una persona simile, e ancora "quando vedo due gay che si baciano per strada è come vedere una persona che fa la pipi'", la gente che ha questa mentalita' deve essere discriminata, dobbiamo essere razzisti verso i discriminatori e i difensori delle cause ingiuste sulla base di una presunta moralita' e concetti e buoni principi di cui sanno efficacemente riempirsi la bocca, e poi scopriamo chi va ad escort, chi a trans, chi a minorenni, chi è gay e si nasconde, per finire con i difensori dei principi della chiesa cattolica che poi invece sono sposati tre volte