PDA

Visualizza versione completa : Ubuntu 11.10 indirizzo ip anche a rete scollegata



Asterix
31-12-11, 08: 38
Ciao ragazzi.

Allora in questi giorni di vacanza ho cercato di sistemare un po' il mio portatile di sviluppo con ubuntu e seven installato, tra i vari test alla fine sono ricorso alla reinstallazione di ubuntu con l'errore della cancellazione di seven grrrrrrrrrrr

Comunque ora ho solo ubuntu 11.10 installato - ho installato la virtualbox di oracol per installare un webserver debian dove poter installare i vari vbulletin di test :lol: - joomla ecc.

Al webserver ho assegnato un ip statico 192.168.1.50 che fa parte del mio range home.
Ora fino a quando il portatile è connesso alla rete home tutto funziona bene in quanto l'ip del portatile (DHCP wifi) e l'ip del webserver fanno parte della stessa rete, i problemi ci sono quando stacco la WIFI in quanto al portatile non viene più assegnato un ip e quindi esso non comunica con la macchina virtuale.

Ho provato alla rete lan mai collegata ad assegnare un ip statico ma non è servito, come posso fare a far si che le due macchine continuino a comunicare?

A una cosa spiegatemi le cose passo a passo sono veramente un ignorante in linux e devo poter collegarmi alla virtuale sia con il portatile in rete che non.

:bai

Andy86
01-01-12, 11: 35
:bai

Posta l'output di "ifconfig" e il contenuto di "/etc/network/interfaces", così possiamo vedere più chiaramente la tua "situazione" di rete.

Asterix
01-01-12, 14: 33
Questo è l'ifconfig del portatile


Only registered members can view code.

e nell'allegato c'è ifconfig della macchina virtuale.
Io devo poter comunicare con la virtuale anche se il pc non è collegato alla rete.

:bai

cydonia
01-01-12, 17: 58
per fare quello che chiedi devi configurare la macchina virtuale solo come host(Host-only networking)
http://img708.imageshack.us/img708/6716/selezione001.th.jpg (http://img708.imageshack.us/i/selezione001.jpg/) http://img820.imageshack.us/img820/9866/selezione002.th.jpg (http://img820.imageshack.us/i/selezione002.jpg/)
:bai

Asterix
01-01-12, 20: 54
Ciao

ma come fai a creare una scheda solo host?

Io sulle proprietà della 2 scheda posso mettere solo host ma mi dice che manca il nome e non posso inserire nulla, come fai ad entrare nel menù della prima foto?

Io nella macchina virtuale vorrei avere due schede una che si colleghi alla rete per fare i vari update e l'altra per la rete locale in modo da collegare il tutto a pc scollegato.

:thx
:bai

Edit: trovato necessita avere tutta la finestra aperta e non ridotta, ora provo con calma

pierino_89
02-01-12, 19: 45
Metti una scheda in modalità NAT (per gli aggiornamenti) e una in modalità solo host (per raggiungere il webserver), mi sembra la via più semplice e con meno rogne.
Comunque non ho capito perché hai messo il webserver sulla macchina virtuale e non direttamente su ubuntu!

Asterix
02-01-12, 20: 30
Comunque non ho capito perché hai messo il webserver sulla macchina virtuale e non direttamente su ubuntu!

Perchè sono un casinista e ho già dovuto reinstallare tutto, in quanto variando paramatri e altro non partiva più nulla, ho fatto svariati esperimenti per avere più host sullo stesso server.


Ho fatto delle prove con l'host e non sono riuscito a far comunicare la virtual con il pc grrrr. domani a mente fredda provo di nuovo.

:bai

pierino_89
02-01-12, 20: 53
Se non ricordo male, devi impostare un ip alla scheda di rete vboxnet0 locale e un altro ip alla scheda corrispondente della vm. Ovviamente sulla stessa subnet (però diversa da quella di casa tua).

Asterix
02-01-12, 20: 56
Scusami hai qualche guida per ottimizzare il virtualhost su linux.

io fino ad ora ho trovato un comando che inizia per a2....... e questo mi ha fatto molti casini.

io avrei bisogno di n virtualhost

1. per vbulletin sviluppo
1. per vbulletin backup ct
1. per joomla
e poi per il phpmyadmin.

:thx

:bai

pierino_89
02-01-12, 21: 21
Non ho capito bene la domanda.
Il virtualhosting è un meccanismo di per sé abbastanza semplice, ti permette di mostrare cose diverse in base al dominio che si richiede.
Ovviamente però bisogna capire bene il funzionamento dei singoli file (ed ovviamente delle direttive al loro interno). Provo a farti un breve sunto solo per la parte vhost. Lascio stare gli altri file/cartelle.

PARTE 1: funzionamento delle cartelle
Su debian, viene gestito con 2 cartelle ("sites-available" e "sites-enabled") che servono per contenere i file con le direttive per ciascun vhost.
Però di fatto la cartella sites-available è un contenitore diciamo "di comodità": tu scrivi un file per il sito www.pappappero.local, lo metti in "sites-available" e poi quando decidi che vuoi abilitarlo, lanci a2ensite nomefile e il sito viene abilitato. Tuttavia, a2ensite non fa altro che fare un link al file presente in "sites-available" dentro "sites-enabled". Di fatto se tu crei direttamente il file dentro "sites-enabled" è identico (tant'è che su gentoo invece di quelle due c'è solo "vhost.d" e non esiste a2ensite), è solo una questione di ordine mentale. Così come mettere un vhost per file, puoi anche metterne 5 dentro un file solo, però rimane difficile da mantenere.
Quindi in caso di casini, svuoti "sites-enabled" e riabiliti solo quel che ti serve.

PARTE 2: ordine dei vhost
i vhost vengono caricati da apache in ordine alfabetico, a quanto ho capito. Quindi se tu hai un vhost di default che è del tipo [Virtualhost *] che sta prima di [Virtualhost pappappero.local] non vedrai mai pappappero.local perché il primo ruba le richieste al secondo. Ma questo non l'ho mai capito bene, il server su cui uso i vhost è un po' un casino.

PARTE 3: servono veramente i vhost?
Di fatto, puoi avere 12 istanze di joomla su un singolo vhost, basta che metti ciascuna su una cartella diversa. Quindi se non ne hai una effettiva necessità, non stare neanche a crearne altri. Se non hai l'esigenza di mostrare siti diversi in base a più domini (o se vuoi fare un cookie-free domain), è solo un grattacapo inutile. Anche avere un vhost apposta solo per phpmyadmin è completamente assurdo, piuttosto restringi gli ip che vi possono accedere.

P.S.: lascia assolutamente stare a2enmod (e ovviamente a2dismod) se proprio non ne hai assoluta necessità e se non sei sicuro di ciò che stai facendo. Se disabiliti un vhost pazienza, mal che vada se fai casino brasi la cartella "sites-enabled" e poi riabiliti quel che ti interessa. Se poi ti confondi con i moduli invece potrebbe essere più problematico ricordarsi cosa serve e cosa no.

P.P.S.: forse è meglio se facciamo un thread a parte per apache