PDA

Visualizza versione completa : Multa di 900.000 euro all'Apple dall' AGCM



janet
28-12-11, 14: 32
L'autorità italiana antitrust e garante per le telecomunicazioni ha inflitto due multe all'Apple per la somma complessiva di 900.000 euro. La prima multa riguarda la violazione del Codice di Consumo del 2005, che prevede che il venditore applichi una garanzia di due anni sul prodotto venduto.
1693
Invece l'Apple applicava anche in Italia la garanzia solo di un anno, spingendo poi, i clienti a sottoporsi ad abbonamento per avere ulteriore garanzia per altri due anni o tre. La seconda multa di circa 500.000 euro riguarda il fatto di avere in qualche modo ingannato i clienti, spingendoli, con altre offerte del servizio, tipo 'assistenza telefonica gratuita ad abbonarsi all'Apple Care Protection e quindi a pagare anche per la parte già gratuita per legge.
L'azienda, per ora non ha rilasciato commenti.
ad esempio si può approfondire la notizia qui. (http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/articoli/1032228/antitrust-maxi-multa-a-apple.shtml)

Kirk78
28-12-11, 17: 15
Che fai leggesti anche il mio (http://www.collectiontricks.it/forum/hardware-reti/Ct3884-portatile-indemoniato.html#post104605) post tecnico di ben 2 minuti prima :ghgh? I produttori, ma per me sopratutto la legge europea, si devono adeguare, altrimenti chi ci rimette è solamente il venditore che è, secondo la legge europea fatta male, l'unico "responsabile". Perfetta la tutela del consumatore: ma il venditore non può certo riparare una macchina gratis.... poi pagando apple stessa! Buone le multe, ma i soldini non vanno nelle tasche dei consumatori "truffati" da apple.... Che pazienza che ci vuole. :bai

EDIT: è l'AGCM senza O - Comunicato stampa AGCM (http://www.agcm.it/stampa/news/5829-sanzioni-per-complessivi-900mila-euro-al-gruppo-apple-per-pratiche-commerciali-scorrette.html) - Con la O è l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni... che fantasia è'... l'altra è l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato o, come dici tu giustamente, Antitrust.

janet
28-12-11, 18: 25
i venditori come quelli che aggiustano i computer, per la massima parte incompetenti ci guadagnano eccome. Prova ad andare da uno pseudo tecnico, subito chiedono 70 euro e ti trovi ad esempio il computer formattato e il problema che persiste.L'ultima fregatura l'ho presa con il computer di mio nipote che non si accendeva più, portato dal tecnico, cento euro e continua a non accendersi, ora lo smonto prendo l'HD e butto il resto, tanto era datato.
Mi dispiace ma se ho un prodotto difettoso, qualunque uso la garanzia quando sono sicura che si tratta di un problema tecnico, direttamente del prodotto, così posso chiedere la sostituzione, altrimenti garanzia o no, meglio gli amici e compro roba che resiste, oppure usa e getta che alla fine butto. Quando i tecnici si renderanno conto che non possono chiedere tanti soldi si potrà riusarli, altrimenti molto meglio il fai da te, o l'utilizzo di tecnici sì, ma amici, che la sola non te la danno. Questo per chiarire cosa penso degli abbonamenti per continuare la garanzia, cosa che non farei mai. Quindi l'Apple a me la fregatura non l'avrebbe potuta dare.

Kirk78
28-12-11, 18: 35
i venditori come quelli che aggiustano i computer
Attenzione: i venditori sono coloro che vendono i computer, e spesso NON li riparano. Io intendo loro che ci perdono per colpa dei produttori. Il margine dei commercianti (non tecnici) ti assicuro che è molto basso sui computer di marca.
Cosa diversa è un centro di assistenza più o meno autorizzato, più o meno serio. Quello che hai beccato tu era sicuramente non serio tendente all'illegale. Comunque anche a lor signori si potrebbe far valere la legge. Oppure quantomeno chiamare l'associazione consumatori che si preferisce. :bai

EDIT: Stavo notando che molti centri di assistenza "autorizzati" seri danno 3 mesi di garanzia sulla riparazione. Ora mi sfugge se è stato anche "normato" ma vi faccio sapere. Esempio Gigaset

Qualora si verifichi lo stesso difetto per cui il telefono è stato riparato, i Centri Assistenza Autorizzati Gigaset offrono su tutte le riparazioni effettuate una garanzia di 3 mesi. La garanzia offerta dai centri non è cumulabile con altre garanzie preesistenti.

EDIT 2: comunque forse basta il codice civile 2226 e 2224

2226: L'accettazione espressa o tacita dell'opera libera il prestatore d'opera dalla responsabilità per difformità o per vizi della medesima, se all'atto dell'accettazione questi erano noti al committente o facilmente riconoscibili, purché in questo caso non siano stati dolosamente occultati. Il committente deve, a pena di decadenza, denunziare le difformità e i vizi occulti al prestatore d'opera entro otto giorni dalla scoperta. L'azione si prescrive entro un anno dalla consegna. I diritti del committente nel caso di difformità o di vizi dell'opera sono regolati dall' articolo 1668 .

2224: Se il prestatore d'opera non procede all'esecuzione dell'opera secondo le condizioni stabilite dal contratto e a regola d'arte, il committente può fissare un congruo termine, entro il quale il prestatore d'opera deve conformarsi a tali condizioni.
Trascorso inutilmente il termine fissato, il committente può recedere dal contratto, salvo il diritto al risarcimento dei danni .

janet
28-12-11, 20: 33
Lo so ma bisognerebbe sempre avere l'avvocato in tasca od avere tempo cosa che spesso non si ha. Comunque molto spesso anche i commessi dei grandi centri tecnologici, Mediaworld, Trony, Euronics, faccio una casistica di quelli dalla mie parti, oltre ad essere incompetenti, ora, in base alla legge scopro essere disonesti. In quanto qualche mese fa, comprando un notebook Samsung per il mio uomo, ci è stata offerta la garanzia che prolungava quella di un anno offerta dalla casa, noi non abbiamo accettato, ma rientrava nello stesso caso Apple.

Io mi sono imparata a risolvere dal punto di vista software ogni problema computer, per il resto compro quelli al massimo quelli intorno ai 400-500 euro e li faccio durare cinque-sei anni, il tecnico non mi serve più.

Kirk78
28-12-11, 20: 53
dal punto di vista software ogni problema computer
Scusa se forse non sono stato chiaro. Se si me ne scuso. La garanzia europea copre esclusivamente i difetti hardware (conformità) e non software. Mentre i 2 articoli del codice civile vale per qualsiasi tipo ti lavoro autonomo, come l'assistenza tecnica. Se poi ti tolgono i virus e dopo cinque minuti disinstalli l'antivirus e il firewall e li riprendi....
Il "problema" dell'avvocato è enorme e concordo. Ma almeno una telefonata all'associazione consumatori l'avrei fatta per un parere. Altrimenti poi non ci si deve lamentare, almeno quando c'è la legge dalla nostra parte. Imho sempre!

Al mio antico portatile Acer personale ho fatto l'estenzione di garanzia Euronics a 5 anni (in realtà è un'assicurazione), e dopo 4 anni mi hanno riparato un guasto alla CPU. Ancora funziona. Certo è un pò vecchiotto ma fa il suo lavoro senza batteria (ma aumentandogli la ram a 1GB).
Le mele? A me piacciono nella torta e non con una tastiera :ghgh sopratutto se rischio che dopo un anno possono andare a male.
:bai

Pegaso
28-12-11, 21: 13
Per il discorso Apple era ora che si facesse qualcosa anche se comunque i soldi non vengono ridati ai consumatori che ci hanno rimesso.
Per quanto riguarda un negoziante sono pienamente daccordo che la legge va rivista.
Se io commerciante vendo un pc e dopo 1 anno e mezzo si rompe perchè devo pagare io la riparazione che potrei anche non sapere nemmeno come è fatto un pc all'interno? E comunque anche se so com'è fatto un pc all'interno perchè se il produttore usa pezzi di qualità scadente devo essere io commerciante a pagare???

K.a.o.s.
28-12-11, 22: 38
C'è un po' di confusione.
Qua più informazioni a riguardo: Perché l’Antitrust ha multato Apple | Il Post (http://www.ilpost.it/2011/12/28/antitrust-multa-apple/)

In pratica l'antitrust ha multato Apple per cattiva informazione, non tanto per un anno di garanzia di conformità, che è legale. Quindi non cambierà tanto la situazione :eye.
Anche Amazon con il Kindle offre 1 anno di "garanzia di conformità".

Parafrasando:
se avete un prodotto con un difetto appena uscito dalla fabbrica avete 2 anni di tempo per far valere la garanzia.
La garanzia di conformità invece copre difetti che insorgono nell'uso del prodotto. Questa nel caso di Amazon e Apple è limitata a 1 anno. Nel caso di Apple comprando l'Apple care si può estenderla a 3.

Pegaso
28-12-11, 23: 14
Non è esattamente cosi, le multe che ha preso la Apple sono due, una per cattivainformazione e l'altra perchè dava un solo anno di garanzia quando da noi per legge è due anni e in più spingeva i clienti a estendere la garanzia e quindi a pagare anche per il secondo anno quando invece doveva esere gratuito.

Kirk78
28-12-11, 23: 23
Ha ragione Pegaso. Infatti se leggi bene l'unico documento ufficiale (quello dell'AGCM che ho postato)


1) Mancata informazione e riconoscimento della garanzia legale:
- Apple Sales International 240 (duecentoquaranta) mila euro;
- Apple Italia S.r.l. 80 (ottanta) mila euro;
- Apple retail Italia S.r.l. 80 (ottanta) mila euro;
2) informazioni fuorvianti per indurre alla sottoscrizione del contratto di assistenza aggiuntiva a pagamento:
- Apple Sales International 300 (trecento) mila euro;
- Apple Italia S.r.l. 100 (cento) mila euro;
- Apple retail Italia S.r.l. 100 (cento) mila euro;
Anche per il Kindle su Amazon

Kindle viene fornito con una garanzia mondiale limitata di un anno (http://www.amazon.it/gp/help/customer/display.html?nodeId=200782210). Se sei un consumatore italiano, puoi beneficiare dei diritti conferiti in Italia dalla garanzia legale sui beni di consumo ai sensi del Decreto Legislativo 206/2005, e la nostra garanzia limitata non pregiudica detti diritti. Ciò significa che quando acquisti un Kindle su Amazon.it, rispettiamo la garanzia di due anni sui beni di consumo prevista dal Decreto Legislativo 206/2005.

K.a.o.s.
28-12-11, 23: 30
O hanno cambiato l'articolo o sono fuso io (cosa anche probabile in questo periodo).

Rileggendo leggo proprio cose diverse a un'oretta fa... ma non lo dico per difendere la mia posizione. In ogni caso sempre meglio se otteniamo due anni di garanzia :hap.

Kirk78
28-12-11, 23: 34
o sono fuso io (cosa anche probabile in questo periodo).
Allora saremmo in 2 :oo2. Scusami se ho insistito ma altrimenti sembra che i 2 anni sono una chimera. :bai

janet
29-12-11, 12: 03
nell'esempio che ho fatto della Samsung era il venditore del grosso centro commerciale che offriva la garanzia e non la società, poi sopratutto nei grossi centri la gente non trova il negozietto del tecnico che non esistono più sono sempre i grossi centri che vendono i computer che riparano danni in garanzia e no, ecco perchè trovo estremamente facile fregare le persone inesperte

Kirk78
29-12-11, 12: 35
era il venditore del grosso centro commerciale che offriva la garanzia e non la società
Stessa cosa con il mio esempio Acer da Euronics. Ora la chiamano in un'altra maniera (mi sembra adesso si chiama Serena) e che ripara anche in caso di danno accidentale, quindi non compreso dalla garanzia legale. La mia invece era una semplice estensione se non erro operata dalla SAI o altra compagnia assicurativa. Il negozio Euronics che ho vicino casa, per esempio, non ripara.

Sono daccordo con te che la gente spesso non è informata, non per loro colpa, dei propri diritti e quindi poi i disonesti fanno capolino. Però diciamo che un bel pò di onesti ci sono (almeno lo spero).
Nel 2009 Altroconsumo ha fatto un'indagine: Garanzia di conformità - Altroconsumo (http://www.altroconsumo.it/nt/nc/news/garanzia-di-conformita-consumatori-diritti-e-mercato-12) che prende in considerazione 685 casi segnalati. La situazione è veramente caotica, se volete leggere l'articolo, perché non c'è (imho) la "colpa" del produttore ma del solo venditore che alle volte non è un centro commerciale ma piccolo rivenditore che fa i prezzi bassi su Internet non sapendo che il produttore sotto sotto lo stà buggerando, perché anche glielo stà permettendo la legge europea.

Ben benga quindi una multa ad apple, e a tutti gli altri che non applicano i 2 anni di garanzia, ma vorrei innanzitutto che venga modificata la legge per obbligare sopratutto il produttore o comunque un modo CHIARO per far sì che il venditore si possa far risarcire immediatamente dal produttore se ha dovuto anticipare la riparazione al consumatore dovuta per legge.

Infine, come detto, invece di far cassa con le multe, questi soldi dovrebbero essere messi in un fondo per fare cause (a costo zero per il consumatore "buggerato") contro chi si rifiuta di applicare semplicemente la legge europea. Se ci fosse una vera e propria Class Action come c'è negli USA vedreste come di corsa riparano il prodotto in garanzia. Sempre hardware ovviamente.
:bai

EDIT NOTA sulle riparazioni fuori garanzia:


Nel caso di beni complessi
...
2) Se, terminato il periodo di vigenza della garanzia legale, il consumatore faccia effettuare una riparazione, con sostituzione, ad esempio, di un pezzo di ricambio, il pezzo sostituito sarà coperto dalla garanzia legale biennale a partire dal momento della consegna o dell’installazione.
Non possono in alcun modo essere addebitati al consumatore i costi indispensabili per rendere conformi i beni.

janet
29-12-11, 15: 15
oggi mi sono divertita con un altro esempio di disonestà con il mio portatile Hp, dietro c'è scritto che ha un solo anno di garanzia, ho provato il test della batteria, che dice che dovrebbe essere in garanzia, telefonato a Milano, secondo il tizio non c'è garanzia.Allora non è un altro esempio di presa per i fondelli dei compratori ? Scrivi sul computer una notizia falsa, utilizzi un tuo software e poi dici che non è vero.
Comunque, poichè non mi ricordavo esattamente quando esattamente l'avevo comprato tramite altro software Hp,informazioni di base risulta l'inizio garanzia da febbraio 2010, quindi il software di controllo batteria non sbagliava e stavolta qualcosa faccio.

Kirk78
29-12-11, 15: 58
Hp, dietro c'è scritto che ha un solo anno di garanzia, ho provato il test della batteria, che dice che dovrebbe essere in garanzia, telefonato a Milano, secondo il tizio non c'è garanzia
Ok devo fare una discussione ad hoc sulle garanzie, altrimenti poi andiamo un po' OT. Comunque rapidamente ti dico che hp è una di quelle che come apple dovrebbe avere una multa per me. Già avevo segnalato una cosa simile all'AGCM e all'associazione conusmatori per un portatile HP nel 2° anno: risultato il venditore ha dovuto ripararlo. Quella di 1 anno è la cosiddetta "garanzia convenzionale" (non vendono solo in Italia).
In verità le batterie mi sembra che non hanno 2 anni di garanzia perché le batterie hanno una durata inferiore (ma questo lo dirò nella discussione che farò spero presto). Mi piacerebbe sapere però, se c'è scritto, dove dice che anche la batteria ha un'anno di garanzia. Perché altrimenti è un'aggiunta che fa HP e vale quella.
Cosa diversa per il portatile (solo per consumatori privi di partita IVA acquistati in Italia / Europa), ma come detto, ahimé, deve pensarci il venditore italiano e non il produttore ai sensi del codice del consumo, anche se il difetto è colpa del produttore :furious.
:bai

janet
29-12-11, 17: 48
Va bhè che come dici tu rischiamo di andare in ot, ma la batteria ha un prezzo che va minimo dai 60 sul sito più scalcinato ai 130 euro, tanto è vero che c'era un articolo su un giornale tecnologico in cui si parla del fatto che le batterie hp sono fra le più scarse, durano anche meno di un anno, alcune andavano a fuoco e l'hp voleva estendere a 3 anni la garanzia. Ossia, dovresti dimostrare che io ho fatto un uso improprio altrimenti rispetto al costo del notebook ridarla entro i due anni.

Comunque lasciando stare i notebook che anche senza batterie funzionano, siccome ne stavo parlando su Facebook è pieno di gente che ha comprato lettori o telefonini e dopo poco si è trovato a dover cambiare la batteria interna che costava più di tutto il modello acquistato. A quel punto ha preferito acquistare altro dispositivo.

Pegaso
29-12-11, 20: 16
Premettendo che ci sono sempre le mosche bianche,ma in generale le grosse catene lavorano sui grossi numeri e non il singolo clienteche ha un problema. Ma alla fine lacolpa è ancora di chi va nelle grosse catene a discapito dei piccoli negozi.