PDA

Visualizza versione completa : Piccolo anzi grosso problema tredicesima



janet
11-12-11, 13: 31
Ammetto di capirci molto poco di economia e finanza. Ma ieri sera ho sentito una cosa che mi ha un pò preoccupato, non so se voi avete capito meglio. Il discorso era legato ai pensionati ma in qualche modo riguarda anche me, perchè ho sempre preferito non avere l'accredito dello stipendio ma farmelo pagare contanti presso un ufficio postale, poi mi tengo contanti quello che mi serve e l'altro lo tengo sul conto. Scarsa fiducia nelle carte di credito, che spesso dalle mie parti sono state clonate.
Cosa pensate che dal momento che la manovra penso verrà approvata subito, non mi daranno la tredicesima finchè non va in porto l'accredito dello stipendio ?
Perchè si parlava che non sarebbero stati fatti pagamenti in contanti superiori ai 500 euro.
Rischio secondo voi di non prendere lo stipendio per due o tre mesi ? La paura c'è dal momento che nello stato i tempi sono lunghissimi e da settembre faccio parecchie ore in più e nonostante i solleciti burocratici e di rito ancora non mi è stato pagato nulla.

Asterix
11-12-11, 17: 56
perchè ho sempre preferito non avere l'accredito dello stipendio ma farmelo pagare contanti presso un ufficio postale

Scusa ma come fa il tuo datore di lavoro darti contanti, io ho sempre sentito assegno o versamento presso cc.
I pensionati è lo stato che versa alle poste e poi queste grazie al libretto pensione danno il contante, ora la manovra costringe ad avere un cc. Cosa per me assurda visto che le pensioni arrivano dallo stato e non vedo il motivo di controllare una cosa che loro stessi danno, ma siamo in Italia. Il problema grosso è che si vuole arrivare alla moneta elettronica per tutti i pagamenti al fine di tracciare eventuali evasioni e mi immagino come un pensionato magari con qualche acciacco dovuto all'età possa ricordare un pin assurdo per effettuare i pagamenti (si vedranno molti bancomat con il codice pin scritto vicino).

:bai

Armandillo
11-12-11, 18: 32
Qui (http://www.abcrisparmio.it/notizie/conti-correnti/manovra-monti-stop-ai-contanti-oltre-i-mille-euro-solo-denaro-virtuale) spiega meglio e credo vada in vigore subito dopo l'approvazione.
Dovrai adeguarti Janet :boh

:bai

Pegaso
11-12-11, 18: 45
Scusate l'OT ma il vero motivo per cui si vuole arrivare alla moneta elettronica anche per un pacchetto di sigarette è FARE GUADAGNARE LE BANCHE o meglio chi c'è a capo di tali traffici.

Per quanto riguarda il soggetto della discussione ho paura che devi farti il conto corrente.

Kirk78
11-12-11, 19: 09
Prima di fasciarci la testa con le ipotesi, per me, sarebbe meglio prima attendere il testo definitivo approvato dai 2 rami del Parlamento, poi magari ti dico nello specifico. Attualmente non si poteva ricevere in contanti più di 2500 euro. Nella prima bozza dovevano essere 500, poi 1000 ma eliminando le commissioni (come fanno non saprei... sopratutto quelle estere) poi chissà. Dopo l'approvazione ti posso rispondere più correttamente janet.
Certo farsi pagare in contanti lo stipendio... c'è anche il rischio per te andando in giro con dei contanti, oltre anche al rischio riciclaggio o banconote false. Poi la prova che li hai ricevuti e che l'azienda li ha erogati.... anche fiscalmente parlando.

Io un pensierino ad un conto corrente o ad una carta di debito che ti ricaricano che non paga il bollo la farei.
:bai

janet
11-12-11, 19: 18
io sono insegnante quindi dipendente statale e fra le opzioni c'è il pagamento presso un 'agenzia postale il cui numero dell'agenzia è presente anche in busta paga, fino al 26 dello scorso mese li ho presi in contanti. Siccome siamo in tante così, spero di avere una risposta dal ministero. Ad esempio che finchè non funziona l'accredito mi permettono di avere 500 euro subito e gli altri me li mettono sul conto. Sono un pò preoccupata, non di perdere i soldi ma di invischiarmi in qualche cavillo o lungaggine burocratica che mi impedirà di averli subito.

Kirk78
11-12-11, 19: 40
pagamento presso un 'agenzia postale
Ok allora è legittimo, in realtà non ti pagano in contanti ma accreditano i soldi in un conto alle poste, e poi tu ritiri o li metti nella tua eventuale carta PostePay, in un conto o prendi contanti. Penso forse che allora per te non cambi nulla. Sempre di pagamento elettronico si parla. Se te li accreditavano in banca era la stessa cosa: poi da lì prendi i contanti. Stessa cosa se ti avessero pagato con un assegno circolare.
:bai

Rodolfo Tatana
12-12-11, 13: 42
il vero motivo per cui si vuole arrivare alla moneta elettronica anche per un pacchetto di sigarette è FARE GUADAGNARE LE BANCHE o meglio chi c'è a capo di tali traffici.

non è il vero motivo ma è indubbio che ci guadagneranno qualcosa, e non solo da questo ma evito di scendere in particolari...basti pensare che stanno gia calcolando il licenziamento di migliaia di cassieri. A me piace la strada che si sta intraprendendo contro l'evasione, anche se mi sfugge il nesso con le pensioni, la tracciabilita' dei soldi, pagamenti in contanti ridotto alla piccola spesa quotidiana, la fine del segreto bancario..siamo la nazione europea con piu banconote in circolazione e guardacaso un'evasione pazzesca, state pur certi che queste misure noin ci perdera' il pensionato o il dipendente pubblico ma chi non paga le tasse e dichiara una misera di reddito e poi ha conti correnti ingiustificabili. In Francia la gente paga con la carta elettronica anche per comprarsi il pane e si deve necessariamente andare verso quella stessa situazione prendendo esempio dai paesi in cui l'evasione è ridicola rispetto alla nostra.

tornando al discorso dei 500 euro per i pensionati, forse serve anche a limitare il fabbisogno di liquidita', ma secondo me non è un danno per i pensionati, preferireste che la nonna di 85 anni o il babbo o la mamma anziani o l'invalido in carrozzina facciano file di 3/4 ore alla posta, escano con i soldi in tasca belli pronti magari a subire uno scippo o preferireste che il nonno eviti la fila facendosi accreditare direttamente la pensione in un conto postale per poi prelevare via via quello che è necessario alle spese quotidiane? Mia nonna lo fa da 10 anni, mio babbo da quando è in pensione, mia madre idem, giuro che nessuno gli ha rubato i soldi dal conto

janet
12-12-11, 18: 52
Grazie mille ragazzi, scusate ma in questi giorni molte riunioni. Ho parlato con la segreteria e gli RSU e ho fatto domanda di accredito. Per la tredicesima non ci sono problemi perchè già c'è a quanto dicono, anche se è più leggera di 200 euro, sempre a quanto dicono. Lo so che sembra incredibile ma io tanto so che li prendo, non sto mai a guardare il giorno preciso in cui li danno.
Il problema però ci potrebbe essere per i precari in quanto molti vengono da fuori ed hanno serie difficoltà economiche, bisognerà vedere se anch'essi rientrano nella storia del conto a zero lire. Insomma bisogna prima di tutto capire quale sarà la somma minima che potrà essere erogata in contatti. Aspettare quindi l'approvazione della manovra.