PDA

Visualizza versione completa : Risparmiare ? Si puo' !



Armandillo
09-12-11, 19: 42
Crisi a parte mi chiedevo se aprire un thread dove postare piccoli o grandi accorgimenti, idee e suggerimenti per cercare di risparmiare tempo e soldi potesse funzionare !?
Poi ho fatto la doccia e mi sono detto: certo che si !

Infatti l'occhio m'e' andato allo scarico della vasca e scattata una foto su due piedi ora ve la propongo:

1580

Si tratta di un semplicissimo filtro in plastica per lo scarico di lavandini, bidet e vasche che, a ben vedere, puo' far risparmiare molto.
Prodotti per scarichi, sturalavandini, quand'anche l'idraulico si possono dimenticare adottando questo economicissimo filtro che impedisce fin anche ai capelli di penetrare nelle tubazioni ed ostruirli !
D'accordo....non ho scoperto nulla di eclatante, ma puo' essere comunque un inizio se altri utenti postassero altri metodi, in qualsiasi campo, per economizzare.

Spesso non ci pensiamo o magari siamo pigri o il suggerimento ci sembra macchinoso....no....sto parlando di cose semplici e valide o gia' sperimentate con successo che non costa fatica mettere in pratica.

Io provo ad avviare la discussione....vediamo se decolla :bai

DeST
09-12-11, 21: 43
A me sembra una buona idea, anche perchè da buon amante dell'ambiente so che risparmiare spesso è sinonimo di rispetto alla natura.

Parto quindi con alcuni dei consigli più famosi:
usando un filtro rompi getto per i rubinetti di casa si risparmia un bel po di acqua
un addolcitore per il calcare a monte dell'impianto idraulico fa vivere molto più a lungo lavatrici e lavastoviglie
aprire il frigo nei limiti del necessario fa risparmiare un po sull'elettricità (è utile a questo scopo avere dei postit sul frigo con le cose che mancano)
Quando possibile usare un notebook invece di un pc fisso, fa risparmiare tanta elettricità
Attivare sul pc la sospensione e impostarla nel profilo di risparmio energetico (cosi in caso di inutilizzo il pc si spegne ma salva lo stato del sistema)
Spegnimento per inattività' dei monitor (soprattutto CRT)
cercare di distribuire gli apparecchi elettrici su poche ciabatte, da spegnere quando non utilizzate

Andy86
09-12-11, 23: 11
:bai

- Guardare tutti i giorni occhio alla spesa. :bgg2
- Bere acqua del rubinetto, sempre che sia buona (da me è una delle meglio). Si risparmia un sacco.
- Visto che siamo in zona: spegnere l'albero di natale di notte e quando si esce. :sisi
- Usare lampadine a basso consumo (costano di più, ma non si bruciano quasi mai) e spegnere sempre le luci quando non servono.
- Non buttare il cibo che avanza, sempre che sia ancora commestibile. Ci si possono preparare ottime torte salate. :eye

iaia
09-12-11, 23: 37
Raccomando anche io l'acqua del rubinetto. Informatevi, quasi sempre è ottima. Pensate alle tonnellate di plastica per le bottiglie e ai km percorsi per portarla in giro.
Pensate all'acqua appena uscita dal rubinetto e a quella che sta nella plastica da mesi, sotto il sole nei piazzali.
Poi ancora acqua. Per esempio la lavatrice.
L'acqua del lavaggio può essere usata per mettere in ammollo il carico successivo, tutta l'acqua uscita dalla lavatrice è ottima da buttare nel wc, non è necessario che sia acqua potabile.
Buttando spesso dei buoni secchi di acqua si mantiene lo scarico pulito, da quando lo facciamo non abbiamo più dovuto chiamare gli spurghi.

Armandillo
09-12-11, 23: 43
Restando in tema propongo l'acqua della bollitura della pasta, ottima per il primo lavaggio di posate e piatti sporchi.

Poi il pane, secco per farlo grattugiato e rifatto si puo' utilizzare per pizze o per la celeberrima "panzanella"

:bai

iaia
10-12-11, 00: 17
Non avanziamo il pane perché facciamo quasi sempre delle "piadine" preparate in casa, ma lo compero qualche volta (il pane secco, viene pochi centesimi) per fare i passatelli!

marcella36
10-12-11, 00: 34
un risparmio si ottiene preparando la nota della spesa e attenersi a quella senza fare capricci.
Le offerte speciali possono essere un problema, sembra che tutto costi poco ma la somma finale è....amara.
Molto meglio esaminare attentamente il depliant delle offerte e segnare l'effettiva necessità e la veridicità del risparmio.

janet
10-12-11, 03: 04
molto utile questa discussione
Ad esempio il pane vecchio lo dò ad una collega che vive in campagna ed ha le galline, quindi mi dà le uova. Altra cosa da noi ci sono tantissimi supermercati con prodotti non pubblicizzati ma ottimi, ad esempio gli assorbenti di una nota marca costano quasi 3 euro, quelli non pubblicizzati e sono buoni, 0,99 centesimi. Così anche i biscotti per la mattina ed anche il famoso pangiallo sono riuscita a trovarlo a 3 euro, mentre il mio uomo in pasticceria l'ha pagato 14. Indubbiamente sarebbe stato meglio fare il dolce da soli, ma non si ha proprio il tempo.
Altra cosa per risparmiare è la luce a tempo di fuori, è vero però che spesso ritorno nel momento no e sfrutto quella della vicina sempre accesa per riuscire ad infilare le chiavi, ma anche questo alla fine fa risparmiare

Ricky
10-12-11, 11: 11
- Fare il pane in casa: col forno a legna oppure, per chi ha poco tempo con la macchina del pane: la carichi con le dosi alla sera e al mattino hai il pane caldo pronto. Un notevole risparmio.

- Cercare di evitare di andare al supermercato coi figli sottobraccio: "mamma mi compri quello?". Vedono cose inutili delle quali non sentivano assolutamente la mancanza (ed erano felicissimi), e che all'improvviso desiderano a tutti i costi! :ghgh Miracolo del marketing. Altro motivo per evitare di fargli vedere ore di pubblicità in tv.

- Sembra banale, ma evitate acquisti inutili: tutta quella roba di plastica inutile che dopo un po' finisce nell'immondizia... Costa poco, è vero, ma non ci serve.

- E' dimostrato scientificamente che chi arriva al supermarket senza la lista della spesa compra fino al 60% in più di quello che doveva.

iaia
10-12-11, 11: 37
Non è detto, io non faccio mai menu e liste, un po' perché avendo l'orto cucino quello che raccolgo giorno per giorno e un po' perché quando vado a fare la spesa prendo quello che mi pare migliore. Se sulla lista ho i carciofi e questi sono brutti o troppo costosi, mi conviene seguire la lista? Io scelgo al momento quello che mi pare l'acquisto migliore. Certo bisogna sapere cosa può essere utile.
Anche io facevo il pane in casa, adesso ho problemi alle mani e faccio delle specie di piadine, una meraviglia. Più un pane arabo che piadine. Fatte al momento in padella in pochi istanti secondo il bisogno.
Potrei aggiungere lo scambio. Abbiamo in casa tanti oggetti che non servono più ma che sono ancora in buono stato.
Lo so, alcune persone si metterebbero a ridere se glielo proponessimo, ma ce ne solo altre che scambiano ancora volentieri e non sempre sono le più povere. Ho assistito allo scambio di abitini firmati per bambini tra mamme avvocato e giornalista, quindi chi si lascia condizionare da ciò che è cool sappia che lo scambio è tornato di moda e si può fare.:sisi

DeST
10-12-11, 11: 55
Ritornando al tema dello scarico volevo segnalare per chi non lo sapesse la possibilità di montare uno scarico con il mezzo carico, che permette di usare meno acqua (quando meno necessario :lol:)
Sono d'accordo sulle lampade a risparmio energetico ma devo fare un appunto, queste lampade fluorescenti durano di più se usate costantemente, ma in ambienti tipo sgabuzzini ho notato che accenderle e spegnerle spesso le fa durare meno, quindi opterei per delle luci alogene.
Preferire la doccia al bagno, è più veloce, si consuma meno e ci si lava meglio

Una casa ben isolata a livello termico è una casa che risparmia.
Tra finestre, pareti, e porte spesso le temperature si disperdono portando ad un uso "eccessivo" di impianti di riscaldamento/raffreddamento
La corretta coibendazione delle tubature dell'acqua calda
Per chi non ama l'acqua ustionante dal rubinetto esistono dei miscelatori che permettono di evitare che l'acqua diventi troppo calda miscelandola alla fredda.

L'elettricità non è l'ideale per la produzione di calore per questo consiglio scaldabagno, fornelli e forno esclusivamente a gas (metano possibilmente)

Per gli elettrodomestici prediligere sempre la classe A (costano di più ma si risparmia in consumi)
Evitare di usare l'asciugatrice quando è possibile far asciugare i vestiti su uno stendino
In cucina l'uso della pentola a pressione è sottovalutato, ci si può fare qualunque cosa risparmiando molto tempo ma soprattutto energia
Cimentarsi nel fai-da-te a volte può far risparmiare davvero molto!!
Se fate la raccolta differenziata potreste usare l'organico come fertilizzante per piante o giardino (compost)

Andy86
10-12-11, 12: 46
:bai


quindi opterei per delle luci alogene

Beh, certo. Ogni stanza ha la sua lampada ideale. Io, ad esempio, all'ingresso (quasi al centro della casa) ho una lampada alogena da 5 watt, ottima perché, soprattutto d'inverno, quando non c'è l'albero di natale, capita di tenerla accesa come "faro", se sono spente le altre. :sisi

Rodolfo Tatana
10-12-11, 17: 12
Risparmiare è diventato un dovere, certi accorgimenti "straordinari" per un tipico uomo anni 80-90 dovrebbero diventare abitudini quotidiane e insegniamenti per le nuove generazioni che tra qualche decennio saranno costrette ad attuarli, la lista delle piccole cose è enorme non finisce piu, per esempio:
-si puo' risparmiare sui prodotti di pulizia per la casa o per l'igiene quotidiana consultando semplici video che spiegano come prodursi in casa ottimi prodotti (dentrifrici, prodotti per lavare i piatti, shampoo..) con poche materie prime che spesso abbiamo anche in casa risparmiando un botto di soldi e risparmiandoci pure in salute.
-ancora si puo' risparmiare lasciando l'auto a casa e utilizzando i due piedi per andare a comprare il pane a 500 metri da casa
-curando il pezzetto di terra del nonno che nessuno ha piu voglia di zappare si possono produrre ortaggi e frutta risparmiando tantissimo sugli alimenti vegetali
-metodi per risparmiare acqua ce ne sono tantissimi, ne cito uno un po particolare, ci sono persone che riutilizzano l'acqua della doccia per lo scarico del wc (mettendo dei secchi dentro)
-metodi per risparmiare sul gas, tenere termosifoni spenti o perlomeno a una temperatura accettabile per una casa in inverno (a 18-19 gradi si vive bene senza bisogno di averne 25 e stare in magliettina come mi è capitato spesso di vedere, suvvia chi è freddoloso si metta un maglione in piu e se proprio non ce la fa si trasferisca a vivere nel deserto), un metodo per risparmiare il gas da cucina èquello di spegnere il gas appena buttata la pasta, impiega uno o due minuti in piu a cuocere ma viene bene allo stesso modo e si risparmiano 10 minuti di gas
-evitare tutta la marea di prodotti inutili inventati per far spendere soldi alla gente, davvero il superfluo è sempre troppo. qualche volta evitare di fare la spesa e ingegniarsi con cio che si ha in casa, è straordinario notare quante belle cose puoi fare e cucinare con quello che si ha in dispensa e in frigo che a volte viene dimenticato e poi buttato

iaia
10-12-11, 17: 46
Ottimo per la salute è sostituire l'ammorbidente con l'aceto bianco.

DeST
10-12-11, 18: 35
Ottimo per la salute è sostituire l'ammorbidente con l'aceto bianco
da come lo hai scritto sembra che ci sia chi usa l'ammorbidente per condire l'insalata :lol:

dimenticavo un altro trucchetto, se possedete lo scaldabagno a gas vi conviene montare gli elettrodomestici come lavastoviglie e lavatrice al tubo dell'acqua calda e non fredda, così la temperatura si raggiunge prima perchè l'acqua è stata già scaldata in maniera più economica dall'impianto a gas

I consigli stanno diventando troppi si dovrebbe creare una lista ordinata in cima al thread

iaia
10-12-11, 18: 52
Ma no! Per l'insalata è meglio il limone! :tong2
Fa bene alla salute perché contiene sostanze che non vengono risciacquate, quindi restano sulla pelle. Poi fa bene alla salute (usare l'aceto al posto dell'ammorbidente) perché l'aceto inquina meno dell'ammorbidente!

janet
11-12-11, 10: 39
vi conviene montare gli elettrodomestici come lavastoviglie e lavatrice al tubo dell'acqua calda e non fredda,
mah sarà che io sono fissata con la pulizia della cucina, preferisco lavarli a mano i piatti ed evitare di comprare tutti quei prodotti per lavastoviglie , brillantanti ecc, ci vuole molto poco infine ed è quello che hanno sempre fatto le nostre nonne. E' da una vita poi che non usiamo il microonde. Spesso si comprano cose di cui si può benissimo fare a meno.
Ad esempio proprio una donna che era stata molto tempo a servizio presso delle persone molto ricche mi ha insegnato che se si stendono bene i panni molti poi non necessitano di stiratura.

Comprando poi l'apposito strumento, è possibile rifoderare divani e sedie.
Il problema è che molti sistemi per risparmiare già si usavano e ad esempio nel nostro caso una grossa spesa è per le macchine ed il carburante. Toccherà trovare amici per dividere il viaggio al posto di lavoro e la spesa.

Stavo pensando che a volte la volontà di risparmiare cozza con l'incapacità, ad esempio noi vorremmo togliere la lavastoviglie da incasso e metterci delle mensole ma non siamo capaci e abbiamo chiesto qualche preventivo ma gli artigiani, sopratutto falegnami sono rarissimi ed a peso d'oro e ci costa di meno buttare via tutto e ricomprare il pensile nuovo. Quindi siamo rimasti così, con l'accessorio inutile, pensando che ce lo terremo finchè non decidiamo di cambiare tutti i pensili della cucina.

Rodolfo Tatana
11-12-11, 11: 18
preferisco lavarli a mano i piatti

anche io, bastano 10 minuti..pero' è oggettivo che dal punto di vista economico e del risparmio la lavastoglie fa risparmiare, ci sono le dosi precise per la qualtita' di piatti da lavare (mentre capita spesso che lavandoli a mano magari ne metti piu del dovuto) e si risparmia tantissima acqua per il risciaquo, ma è un discorso soggettivo perchè l'utilita' della lavastoviglie dipende dal numero di individui che formano il nucleo familiare, se io vivo da solo o in coppia non carico la lavastoviglie per 2 piatti 2 bicchieri e una pentola, se ho 3 figli invece la cosa diventa conveniente

janet
11-12-11, 11: 34
Hai ragione Rodolfo ma nel mio ambiente al massimo hanno un figlio, diciamo che c'era un periodo in cui si compravano cucine con tutti elettrodomestici d'incasso, quindi poi per abitudine, sopratutto e non per vero risparmio si usano. So di tante amiche che a pranzo non ci sono e la sera le fanno partire mezze piene.
Poi almeno noi abbiamo capito che come faceva la mamma sarà stato meno bello ma più conveniente in quanto il suo frigorifero bosch e la cucina smeg c'è l'ha da tantissimo tempo, il mio frigorifero da incasso è morto subito. Sarà stata iella ma la prossima volta comprerò solo i pensili.

Armandillo
11-12-11, 15: 43
:bai e grazie per i preziosi suggerimenti :sisi

Vorrei aggiungerne altri:

- ultimamente ho trovato subito fuori citta' dei "selfservice" in alcuni campi agricoli dove e' possibile risparmiare parecchio raccogliendo da soli i prodotti a disposizione e sembra che in molti abbiano accolto favorevolmente l'idea.
Inoltre, quando e' tempo giusto e ci si trova nelle vicinanze, chiedendo il permesso ai "caporali" e' possibile rimediare qualche prodotto, soprattutto quelli non adatti al mercato ma comunque buoni.
Un mio collega, per esempio, al tempo dei meloni, e' riuscito a raccoglierne una buona quantita' di quelli, diciamo, imperfetti e così ha fatto anche per broccoletti ed altre verdure.


- altro argomento riguarda gli hard-discount
E' mia convinzione che, a parte la qualita', poi non e' vero che si risparmi molto.

Un esempio:

comperato un prodotto per lavare i piatti, alla fine, dovendone mettere di piu' per ottenere un buon risultato, facendo un semplice conto ho capito che era meglio usare quello di maggior prezzo visto che ne occorreva la meta' !
Medesima cosa con i tovaglioli che usandoli si "disfacevano" e dovevo usarne altri mentre di quelli buoni ne bastava uno !

janet
11-12-11, 16: 38
altro argomento riguarda gli hard-discount
E' mia convinzione che non tutto è buono ma dei prodotti, sicuramente sì, quindi bisogna sicuramente uscire dall'idea di comprare tutto in un posto. Ci vuole tempo ed organizzazione fra i vari membri della famiglia e non ci sono spese aggiuntive perchè capita che tornando dal lavoro si passi vicino a questi posti.
Ad esempio noi le patate le compriamo a Leonessa e ci portiamo a casa sacchi da dieci o venti chili, costano molto di meno e non si fanno mai cattive.
La carne per tutta la settimana la compriamo in un supermercato che è economico in quanto del gruppo Todis ma ha una fornitura di carne solo italiana e toscana, però lì non compriamo altro e così via.

Debbo però dire che sono favorita dal fatto che il mio uomo lavora in una ditta che ricicla cartone, quindi va a stringere contratti con i dirigenti dei supermercati e si sa che cosa di buono poi, si può comprare.

DeST
12-12-11, 09: 53
Toccherà trovare amici per dividere il viaggio al posto di lavoro...

A fronte dei prezzi di benzina e gasolio qualcosa si sta già organizzando Autostop Carpooling e Car Sharing per passaggi in auto per pendolari in Italia, Europa ed America. Car pooling in autostrada. (http://www.roadsharing.com/it/)

Una curiosità: avete mai provato (io per sbaglio ^^) ad avviare la lavatrice senza aver messo il detersivo? Il più delle cose esce pulitissimo solo le macchie toste lasciano un alone...

iaia
12-12-11, 23: 04
Riguardo il consumo d'acqua e di detersivo della lavastoviglie io dissento. Dipende da come si lavano e si risciacquano i piatti, io posso sfidare qualunque lavastoviglie e vincere. Se chi ha fatto il confronto ha lavato i piatti con l'acqua aperta al massimo da quando ha iniziato a sparecchiare a quando a finito di riporre i piatti certo ha consumato di più.

marcella36
13-12-11, 12: 24
risparmiare? si deve, sarebbe bello poter decidere di risparmiare, sarebbe una libera scelta.
Ho apprezzato molto i tanti suggerimenti, ho cercato qualcosa che facesse al caso di tanti che al limite della sopravvivenza desiderano ottimizzare quel poco, ma quanti bei consigli prevedono l'impiego di utensili ed accorgimenti in qualche modo dispendiosi, non sembrano, alcuni, né pratici né troppo sinceri e veramente attuati. Scusate sono forse molto critica, ma di questo sono ricca.

DeST
13-12-11, 12: 39
L'unico modo per risparmiare senza un piccolo iniziale investimento in prodotti e/o strumenti che possano portare ad ammortizzamenti economici, è l'arte di arrangiarsi e il fai-da-te, e in certi casi se non si è pratici si rischia di andare a peggiorare situazioni precedenti dovendo poi andare solo a rimetterci... Meglio andare sul sicuro!

Rodolfo Tatana
13-12-11, 17: 16
io posso sfidare qualunque lavastoviglie e vincere

iaia sei molto sicura di te, io sono un provetto lavapiatti, non ho mai avuto una lavastoviglie ma sul consumo di acqua dubito di vincere anche usandone il minimo indispensabile, se pero' allarghiamo il discorso anche al consumo di energia elettrica il discorso si complica, comunque credo che vinca la lavastoviglie contro molte persone, sopratutto tra i giovani, c'è gente che a 30 anni impoiega 30 minuti per lavare due piatti 4 posate e una pentola, spesso anche ragazze, che si direbbe magari piu brave in questo mestiere, oddio spesso le trovo davvero pessime, non ci sono piu le casalinghe di una volta.

Armandillo
13-12-11, 18: 15
Beh, visto che si parla di lavare i piatti, io ormai da sempre mi preoccupo di sprecare meno tempo possibile quindi non potendo lavare le stoviglie la sera mi premunisco sciacquandole superficialmente e poi mettendo 2 gocce 2 di detersivo nelle pentole o padelle piu' sporche' affinche' ammorbidiscano lo sporco :sisi

Così facendo, all'indomani, impiego senz'altro meno tempo poiche' non devo stare lì 3 ore a strofinare o usare pagliette e poi risparmio col detersivo e con l'acqua che non necessariamente sara' bollente.

La lavastoviglie, secondo me, e' adatta per famiglie numerose e comunque avra' problemi di consumo elettrico e forse meccanico :boh

:bai

Andy86
13-12-11, 20: 19
:bai


c'è gente che a 30 anni impoiega 30 minuti per lavare due piatti 4 posate e una pentola, spesso anche ragazze, che si direbbe magari piu brave in questo mestiere, oddio spesso le trovo davvero pessime, non ci sono piu le casalinghe di una volta.

Non credo di essere a questi livelli, ma probabilmente mi ci avvicino. A casa abbiamo la lavastoviglie, ma quando faccio il nonna-sitter no, e devo fare a mano, e spesso a fare da padrona è la paura che i piatti non siano mai puliti. Di polso ci vado deciso, ma spesso non so fermarmi, e, pensando di fare meglio, vado avanti e vado avanti e vado avanti... :ghgh

iaia
13-12-11, 20: 54
Le mie tecniche di risparmio dell'acqua risalgono all'infanzia, quando andavamo in vacanza in montagna, in una casa dove non c'era l'acqua e bisognava portarla con i secchi. Mio padre aveva inventato un sistema di acqua corrente, con un bidone messo in alto, da dove con una canna per imbottigliare il vino l'acqua scendeva e si raccoglieva in un altro secchio, e da lì si buttava via.
Poi è migliorata per la mia esigenza di non lavare i piatti nell'acqua già sporca e di inquinare il meno possibile. Sono facilitata dal fatto di cucinare senza grassi, quindi solo raramente ho dei piatti unti.

marcella36
13-12-11, 21: 03
Ma in effetti a cosa potete rinunciare per risparmiare? Signore vi lavate i capelli da sole? e tutti voi ancora fate colazione al bar?
Ma forse accecata dalle rinunce dovevo aprire una discussione su queste. Scusate l'intromissione.

janet
13-12-11, 22: 52
non ci sono piu le casalinghe di una volta.
sicuramente vero anche perchè non ci sono più gli uomini di una volta, tocca potare, aggiustare e inventarsi modi perchè il tempo è tiranno e chi sta maggiormente in casa fa, lavorando entrambi e dividendosi gli incarichi, nel senso che senza ruoli ma insieme, è meglio. Ad esempio nella casa di montagna, cosa assurda alle nove tolgono l'acqua, quindi la prima volta, non sapendolo, lui è andato a prendere l'acqua nel fontanile, che ancora esiste dove una volta si lavavano i panni ed io ho lavato i piatti. Un pò ghiacciatina, l'acqua ma pulita.


colazione al bar
La colazione al bar l'ho eliminata, certo poi sul lavoro, a volte offrono il caffè, poi si rioffre, piuttosto raramente perchè ci sono ancora molti uomini che non gli va che ripaghino le donne. Sono anche in dubbio sul pranzo di natale, tutti insieme al lavoro, che costa venticinque euro, però mi sembra brutto rinunciare.

Rodolfo Tatana
14-12-11, 17: 55
Ma in effetti a cosa potete rinunciare per risparmiare?
Ma forse accecata dalle rinunce dovevo aprire una discussione su queste.

sarebbe una discussione interessante, per quanto mi riguarda mai colazione al bar, anche perchè per abitudine bevo il caffè entro 5 minuti dal risveglio e se è presto aggiungo due biscotti o due fette biscottate e marmellata e non trovo la necesita' di mangiare quando esco, altrimenti se mi sveglio tardi verso le 9 caffè e basta...poi se anche volessi non mi posso permettere di spendere due o tre euro al mattino per caffè e cornetto che facendo due conti sono minimo 60-90 euro al mese. Altre cose cui rinuncio tranquillamente sono cinema pizzeria aperitivi...massimo una mezza birra al bar alla sera, ristorante mai tranne ad agosto quando vengono a trovarmi le nipotine, vacanze mai, viaggi mai, non ho necessita di rinnovare il guardaroba ogni anno ma credo di ssere ugualmente vestito in maniera decente, una cosa cui non rinuncio è il cibo, a me piace cucinare e mangiare bene e non ho problema a spendere soldi per cibo di qualita' (questo è un vizio di famiglia, toglietemi tutto ma non il buon cibo). Posso avere il telefono scarico senza temere di sentirmi escludo dal mondo, posso avere un telefono di 10 anni fa senza sentire l'irrefrenabile bisogno di coimprarmi l'ultimo modello, ho rinunciato ai dischi, ai dvd, purtroppo ai libri, vivo con il minimo indispensabile e non mi manca nulla, io sono fatto cosi', molto semplice. Unica cosa inutile cui non sono ancora riuscito a rinunciare è il tabacco; poi guai a togliermi internet


sicuramente vero anche perchè non ci sono più gli uomini di una volta

senz'altro, comunque mi sono spiegato male, volevo dire che solitamante in una famiglia dove c'è una figlia femmina di solito questa da una mano alla mamma e imparar a fare i mestieri di casa (lavare due piatti, lavare un bagno..fare un sugo, stendere la roba, spazzare in terra) io sono maschio e non ho sorelle, mia madre mi ha insegnato a fare queste cose sin da piccolo anche perchè ha sempre lavorato e giustamente una mano d'aiuto era dovuta, e la ringrazio di questo, ma vedo sopratutto nella nuova generazione rispetto alla mia (io ho 31 anni) vedo una totale incapacita', e posso capire magari il figlio maschio con la mamma casalinga e sorelle in casa che magari si dedica ad altro nella tipica mentalita' maschile di lavori e interessi diversi, ma davvero non riesco a concepire una ragazza di 18 anni che non sa lavare due piatti o è totalmente incapace di fare due spaghetti, fermo restando che nell'era moderna uomini e donne devono saper fare le stesse identiche cose, ho vissuto ai tempi dell'universita con tante persone diverse, ma davvero vedere una donna che lava i piatti con la stessa espressione di uno che ha appena infilato le mani nella cacca, che gli da fastidio l'acqua sporca e "quelle cose che galleggiano"...ma dai! "e impara a vivere" dico io. caso strano ero sempre io a rimettere a posto il casino fatto dagli altri

Armandillo
14-12-11, 18: 35
Ma in effetti a cosa potete rinunciare per risparmiare? Signore vi lavate i capelli da sole? e tutti voi ancora fate colazione al bar?
Ma forse accecata dalle rinunce dovevo aprire una discussione su queste. Scusate l'intromissione.

No, forse no.
La rinuncia, almeno di questi tempi, e' in effetti il risparmio all'ennesima potenza.
Anzi tolgo il forse perche', ripensandoci, io stesso con la mia compagna da anni ormai non ci siamo potuti permettere gia' molte cose :triste
Direi approssimativamente che da quando e' entrato l'euro le spese, diciamo, superflue, si sono ridotte assai.
Cinema, teatro, pizzeria e addirittura vacanze hanno lasciato il posto, come diceva Rodolfo, al mantenimento della buona tavola.
I costi per il vestiario sono aumentati in qualita' diminuendo in quantita' soprattuttoper la signora poiche' io passo piu' tempo con la divisa di lavoro che in borghese.

Quindi direi risparmio obbligato dallo status quotidiano rinnegando assolutamente il "buffo" che avrebbe impedito tante rinunce (su questo si che ci sarebbe da parlare !) !

Insomma riassumendo si puo' dire che tolto il cibo e le bollette (mutuo,spese scolastiche, ecc...) quel che rimane, se rimane, almeno in una famiglia media, e' veramente poco.

Il segno dei tempi ?
Prima a rovistare nei cassonetti erano solo i "barboni"....poi sono arrivati i pensionati (senza offesa alcuna)....ed ora signori e signore ben vestite (e con auto) che fanno incetta di quel che ancora e' buono !

Beh, sto andando OT.....Marcella la tua affermazione come vedi e' valida ed attuale e credo si adatti perfettamente al titolo di questo thread :sisi

Rinuncia = risparmio all'osso

:bai

marcella36
14-12-11, 19: 02
Grazie per questi commenti, mi sento meno sola, ma non perché "mal comune è mezzo gaudio" ma per il fatto che mi sono sentita compresa. Sappiamo veramente di cosa stiamo parlando.

Armandillo
14-12-11, 19: 10
Sappiamo veramente di cosa stiamo parlando.

Oh si !
Credo che la vergogna, ormai, abbia ceduto il passo alla cruda realta' e forse, in qualche caso, ha ceduto al vittimismo.

"Mal comune mezzo gaudio" ?
Direi "mal comune, comune sofferenza" e con cio' intendo il sentirsi piu' vicini agli altri e questo aiuta a comprenderne i problemi.
Sentire sulla propria pelle i disagi di chi vive in indigenza, senza allusioni, avvicina l'uomo all'uomo senza schemi preconcetti e forse rende piu' generosi (paradosso) pur non possedendo molto.

:bai

Ricky
15-12-11, 09: 48
Cose alle quali si può 'tranquillamente' :ghgh rinunciare, e che farebbero risparmiare un sacco di soldi, a mio avviso sono il fumo (che oltretutto fa maluccio alla salute) e il totocalcio, il lotto, i gratta e vinci le slot nei bar e tutta quella robaccia lì.

Al bar della stazione dove vado è pieno di pensionati che cercano la vincita del secolo, ogni giorno, spendendo 20€ minimo tra gratta e vinci e macchinette diaboliche....ogni giorno la stessa illusione... che tristezza.

E fuori dal bar pieno di ragazzi disoccupati che fumano... a 5€ il pacchetto sarei curioso di sapere dove li prendono, i soldi.

iaia
15-12-11, 15: 05
Il problema è che queste cose non le ho mai fatte... e non mi piace nemmeno il caffé.

Rodolfo Tatana
15-12-11, 18: 28
il totocalcio, il lotto, i gratta e vinci le slot nei bar e tutta quella robaccia lì.

lo volgiamo dire che lo stato sta rendendo tossicodipendenti i pensionati per quanto riguarda i grattini e i giovani per quanto riguarda il poker? è una roba assurda, i bar e i tabacchi sono diventati locali dove anziani passano la giornata e spendono la pensione sperando in una vincita fortunata, il problema è che ogni tanto vincono davvero e questo alimenta la dipendenza...per giovani e non esistono ormai centinaia di siti per giocare a poker, spesso si perde, spesso si vince, poi capita quello che si fa prendere un po di piu e ci butta mezzo stipendio; ora ci sono anche i siti per i giochi d'azzardo tipo casino', ovviamente studiati appositamente per creare ancora maggiore dipendenza. siamo lo stato al mondo dove esistono piu giochi, piu varieta' di giochi e se le studiuano ogni giorno per inventarne di altri, tutto per raccimolare i soldi (miliardi) sulla dipendenza delle persone, per me questo è assolutamente immorale, volendo ci si puo' rovinare in un giorno ed è tutto legale


Credo che la vergogna, ormai, abbia ceduto il passo alla cruda realta' e forse, in qualche caso, ha ceduto al vittimismo.

vergogna mai, vittimismo mai, piuttosto chi si dovrebbe vergognare chi guadagna soldi evadendo le tasse, prendendo pensioni assurde, o quei porci che si lamentano che se gli riducono lo stipendio a 5000 euro non ce la fanno a vivere, questi dovrebbero vergognarsi, io no di certo, tutto cio' che ho sara' poco ma è il frutto di sudore e ne vado fiero

janet
18-12-11, 10: 49
sopratutto tra i giovani, c'è gente che a 30 anni impoiega 30 minuti per lavare due piatti 4 posate e una pentola, spesso anche ragazze, che si direbbe magari piu brave in questo mestiere, oddio spesso le trovo davvero pessime, non ci sono piu le casalinghe di una volta.
Lasciamo proprio perdere questo discorso, perchè non avevo capito la fascia di età, perchè io vedo che magari i genitori moriranno di fame ma i ragazzi continuano con gli abiti firmati e con tanti soldi da spendere al bar interno. Tanto è vero che mi chiedo è possibile che continuano molti a fare come le cicale ? E i soldi dove li prendono? Ma non è meglio una merenda fatta con alimenti naturali e preparata dalla mamma ? Invece siamo arrivati all'assurdo che chi se la porta da casa, si mette in un angolo perchè si vergogna, in quanto è sempre il branco che detta legge. Spero che i genitori comincino a sensibilizzare i figli al risparmio ma ho perso le speranze, perchè vedo sempre motorini e patenti e macchine nuove a diciotto anni. Che ci dovranno fare poi, dal momento che molti saranno disoccupati per tot anni ? Mah

Rodolfo Tatana
18-12-11, 11: 17
io vedo che magari i genitori moriranno di fame ma i ragazzi continuano con gli abiti firmati e con tanti soldi da spendere al bar interno

giustissimo, e io infatti do la colpa ai genitori, il padre lavora 8 ore al giorno e magari compra pantaloni da 30-40 euro, fa salti mortali per mettere su pranzo e cena, si priva di tutto, guida lo stesso pandino da 12 anni e magari il figlio "studia" e per lui ci sono i pantaloni da 120 euro e la patente con macchina nuova a 18 anni, telefono a 11 anni, sigarette.. etc..etc.. La nuova generazione è un po molle senza dubbio ma spesso la colpa è dei genitori che non insegnano il valore delle cose e il sacrificio, e preferiscono farli i sacrifici privandosi di tutto il superfluo per darlo ai loro figli, contenti allo stesso tempo del fatto che i propri figli vivano meglio di quanto era concesso loro ai tempi in cui furono giovani. Questo è sbagliato, vista la situazione di crisi mondiale è probabile che i figli da adulti stiano peggio dei genitori (basta guardare le giovani coppie sui 30 anni) per cui è importante insegnare il sacrificio per formare persone capaci di sopravvivere a ogni evenienza; l'umanita' è andata avanti per millenni zappando la terra e procacciandosi il cibo ogni giorno con pochi fronzoli, ora si vorrebbe che l'umanita' vada avanti in comodita e abiti firmati e soldi da spendere, c'è chi puo' pemretterselo ma la maggioranza dovrebbe capire che ai loro figli va insegnato a sopravvivere e non solo a godere del lavoro dei genitori e delle comodita' che questi hanno costruito con tanto sacrificio

marcella36
18-12-11, 12: 39
@janet, @ Rodolfo Tatana, mi associo a quanto dite e lamentate. Desidero raccontarvi un aneddoto della mia vita: Frequentavo il liceo, i miei genitori mi avevano comprato una pelliccia di castorino, mamma ci teneva che figurassimo tutti bene quando uscivamo. Una mattina, uscii furtivamente di casa e andai a scuola indossando la pelliccia, al ritorno mio padre mi vide. severamente mi disse che avevo sbagliato gravemente, avevo offeso indirettamente i genitori delle mie compagne che non avevano possibilità, mi tolse la pelliccia, non ho mai saputo che fine abbia fatto, non ne ho mai posseduta un'altra e non ho mai indossato quelle di mia madre. Non è tutto mio padre mi disse che potevo pavoneggiarmi solo quando mi fossi guadagnata personalmente una cosa superflua, quanto avevo e godevo era frutto del suo lavoro e dell'oculatezza di mia madre. Ho imparato la lezione, il superfluo anche i miei figli e i miei nipoti se lo sono guadagnato e se lo guadagneranno. Credo che manchiamo al giorno d'oggi, in molti, di conoscenza dei valori, siamo un po' il corvo con le penne del pavone.

janet
18-12-11, 12: 48
Sono d'accordo con Rodolfo, anche perchè siccome sono sempre estremamente sincera, debbo dire che anche a me è avvenuta la stessa cosa e non ho capito da adolescente il vantaggio di imparare cose pratiche, oltre a studiare. Quando mia nonna mi voleva insegnare l'uncinetto o a cucire a macchina ho sempre preferito leggere un libro. Dopo che è morta mi sono resa conto di quanto avessi sbagliato, poi mi sono imparata a cucire a macchina da sola, su internet ma dilettantescamente, altra cosa sarebbe stata utilizzare i suoi insegnamenti. L'uncinetto poi, non lo saprò usare mai.

Armandillo
18-12-11, 13: 58
Sono d'accordo con Rodolfo, anche perchè siccome sono sempre estremamente sincera, debbo dire che anche a me è avvenuta la stessa cosa e non ho capito da adolescente il vantaggio di imparare cose pratiche, oltre a studiare.

Non credo tu debba fartene una colpa.
Ora io ringrazio mio padre che mi ha insegnato molte cose pratiche e che oggi mi permettono di risparmiare ma....:triste che sofferenza quando mi chiamava per aiutarlo mentre mio fratello piu' piccolo andava con gli amici !!
Il giovane senza guida si perde facilmente e a quell'eta' non pensa certo alle problematiche del futuro, e' istinto anche quello.
I discorsi di Rodolfo sono senz'altro condivisibili ma sono visti con l'occhio dell'attualita' e senza il sentire di genitore a volte disorientato o peggio incapace intellettualmente di gestire la famiglia nel ricordo, magari, della propria infanzia triste e povera.

Mio padre fin da piccolo mi abituo' alla paghetta ed ora io avrei potuto fare altrettanto se avessi avuto figli ma , per esempio, i papa' dei miei amici non fecero altrettanto eppure son cresciuti bene.
Con questo voglio dire che le strade per poter maturare sani principi possono essere le piu' diverse e molto dipende dall'indole individuale del ragazzo e dalle frequentazioni.

:bai