PDA

Visualizza versione completa : IDC: 10% di riduzione di software pirata, 7500 posti di lavoro in più in Italia



janet
17-11-11, 23: 03
La società di ricerca IDC, in occasione della giornata " 'Play Fair Day',promossa dalla Microsoft per sensibilizzare contro il software "pirata" ha fatto sapere che una riduzione del 10 % della pirateria porterebbe, in 4 anni, a più di 7500 nuovi posti di lavoro ed un miliardo di euro di entrate per l'erario.

L'impatto economico e finanziario dell'uso dei software illegali e' ancora piu' evidente nel paesi dell'area Bric (Brasile, Russia, India e Cina), quelli considerati a maggiore tasso di crescita. Sempre in 4 anni, la riduzione del 10% del tasso di pirateria porterebbe a un valore economico di 142 miliardi di dollari, ed a circa 500.000 nuovi posti di lavoro.
Fonte (http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/tecnologia/2011/11/17/visualizza_new.html_638136280.html)

Kirk78
18-11-11, 14: 47
Perché in Italia (IDC parla di posti di lavoro e di entrate all'erario in Italia), ahimé, si pensa che il sistema operativo win, office (non open) e altri programmi siano "compresi" quando si compra un PC e che un software non possa costare più di un PC. Un PC è solo un'agglomerato di materiali inerti senza software.
Ribadiamo fortemente il concetto: se volete un PC con Windows e Microsoft Office il software potrebbe anche costare più del PC stesso.
Volete software gratuito? Perfetto: installate Linux, OpenOffice e altri software freeware / opensource guardando bene, nel caso siate un'azienda o un professionista, se è consentito l'uso anche in ambito commerciale / professionale.

Secondo la ricerca quasi la metà dei software installati è illegale, e la cosa non è che ci fa proprio piacere. W il software opensource, ma se volete quello "di marca": bisogna, giustamente, pagarlo. E' come se uno andasse a comprare un panino dal panettiere e volesse, o pretendesse di, non pagare il prosciutto :ghgh
:bai