PDA

Visualizza versione completa : Che mangiamo?



Pagine : 1 [2]

iaia
05-02-15, 20: 15
La trippa è venuta bene.
Cipollina, trippa, verdure dell'orto (verza, POCO sedano, chenopodio, porro, salsa di pomodoro) Verdura comperata (carote e patata)
La patata l'ho aggiunta dopo, perché mi pareva che mancasse qualcosa.

Kirk, la tua?

Genzo83
08-02-15, 01: 45
:bai

Questa sera ho preparato i fagioli al sugo con la salsiccia. Una variante più semplice e casereccia del chili messicano.
Ho scelto questa variante (improvvisata una volta, in passato, e ormai collaudata) perché in casa a nessuno piacciono i sapori particolari di spezie come il cumino che normalmente si trovano nel chili.

Ho lessato i fagioli nella pentola a pressione (a me piacciono quelli neri ma si possono usare anche quelli bianchi) e nel mentre ho preparato un bel sugo mettendo a rosolare cipolla, carota, sedano e un po' di salsiccia a pezzetti. Ho poi aggiunto il passato di pomodoro, sale e ho fatto cuocere il tutto a fiamma media. Dunque, quando la salsa era quasi pronta ho aggiunto i fagioli lessati e un filo di olio piccante, per poi cuocere il tutto ancora qualche minuto in modo che i sapori si mescolassero tra loro.

A tavola, mentre mangiavo, mi sono sentito po' Bud Spencer. :bgg2

Un giorno possiamo dedicarci alla vera ricetta del chili, che io non disdegno mai. :sisi

Armandillo
08-02-15, 11: 34
Questa sera ho preparato i fagioli al sugo con la salsiccia. Una variante più semplice e casereccia del chili messicano.

Beh, vista la nostra tradizione culinaria non penso di sbagliare dicendo che il chili messicano e' una variante dei nostri fagioli in umido e non il contrario :sisi
Sono un classico della cucina ed io li adoro anche se spesso si esagera e gli effetti successivi poi si fanno sentire e il "sentire" e' letterale :ghgh
Comunque per precisione si dovrebbero adoperare quelli che qui si chiamano ciavattoni, quelli un po' piu' grossi

:bai

marcella36
08-02-15, 11: 50
Buoni i ciavattoni sono secoli che non li mangio, a me piacevano conditi. I Fagioli in umido con le salsicce sono un classico gustosissimo che preparo con i borlotti.
Fagioli cannellini all'uccelletto
Ho fatto cuocere velocemente delle fettine di carne sottilissime con olio, aglio, salvia e ovviamente sale e pepe, ho tolto dalla padelle le fettine e nel sughetto ho messo ad insaporire i fagioli cannellini (ottimi anche i borlotti) e poi ho riunito la carne ai fagioli. Molto appetitosi.

Andy86
08-02-15, 11: 56
:bai

Penso di non sbagliare dicendo che i "ciavattoni" in italiano si chiamano "bianchi di Spagna". :m:
Io preferisco i cannellini, e comunque qualunque sia il fagiolo, fatti "seccare" nel burro come li faceva mia nonna per me non li batte nessuna ricetta. http://www.hic-sunt-leones.info/Smileys/default/slini4qb.gif

A proposito della possibilità che il "chili" sia una variante di una ricetta italiana, non dimentichiamoci che il fagiolo è originario proprio del Messico meridionale / centro America, ed è stato importato in Europa solo in seguito alla scoperta del nuovo continente.

ps: io fagioli li mangio pure come Zio Paperone... così come sono nella latta. :ghgh

marcella36
08-02-15, 12: 16
Andy86 faresti cosa gradita se ci scrivessi la ricetta dei fagioli "seccati" nel burro. Prova a ricordarla.

Richiesta a qualche piemontese: gli antipasti in Piemonte sono delle specialità e di grandissima varietà, ho avuto modo di gustarli ma non trovo le ricette. Io pranzerei ad antipasti.

Andy86
08-02-15, 13: 02
:bai


Prova a ricordarla.


Non credo di avergliela mai vista fare, comunque credo che basti mettere i fagioli nel burro caldo e lasciar "friggere" finché il burro non si è quasi completamente asciugato... ovviamente aggiustando di sale se serve.

Mia nonna i fagioli li lavava perché non le piaceva l'odore che avevano (quelli della latta) per cui il sale poi ci voleva per forza.



Io pranzerei ad antipasti.
Più che altro perché dopo si è talmente pieni che il pasto non ci sta più... altrimenti non sarebbero "anti". :lol:

Armandillo
08-02-15, 13: 04
A proposito della possibilità che il "chili" sia una variante di una ricetta italiana, non dimentichiamoci che il fagiolo è originario proprio del Messico meridionale / centro America, ed è stato importato in Europa solo in seguito alla scoperta del nuovo continente.

Certo ma io mi riferivo alla ricetta, quindi abbinati alle salsicce :sisi

iaia
08-02-15, 13: 12
...Richiesta a qualche piemontese: gli antipasti in Piemonte sono delle specialità e di grandissima varietà, ho avuto modo di gustarli ma non trovo le ricette. Io pranzerei ad antipasti.

Credo che "l'antipasto" che da sempre facciamo noi sia definito "alla piemontese".
Ci sarebbe anche una ricetta, ma non credo che l'abbiamo mai usata.
Si prendono dei pomodori, pelati e senza semi, si mettono a cuocere e ci si aggiungono le varie verdure, a partire dalle più dure: carote, sedano, cavolfiori, cipolle o scalogno, fagiolini... tutto quello che si vuole o che si ha.
Si tiene il fuoco alto, perché deve asciugare. Le verdure lasciano molta acqua e non deve cuocere molto.
Infatti poi si aggiunge olio, aceto, sale, zucchero, e l'aceto bagna molto.
Quando è cotto si aggiungono olive, capperi meglio se sottosale e sciacquati e tonno. Si mette nei vasi di vetro bollentissimo e/o si sterilizza.

marcella36
08-02-15, 18: 00
Grazie iaia, e grazie Andy, io mi riferisco alla grande varietà di preparazioni che in Piemonte vengono serviti come antipasti.
Ricordo che a Vercelli facemmo un'intera cena mangiando solo antipasti, e di diverso tipo con molte varianti ne ho gustati in giro nella regione.
La ricetta di iaia potrebbe essere un tipo di giardiniera, buona.

iaia
08-02-15, 19: 16
Sì, è come una giardiniera al pomodoro, da conservare. Lo chiamavano "antipasto alla piemontese".

Mi viene in mente solo la Bagna caoda, che però non ho mai cucinato e nemmeno mangiato.

Kirk78
18-02-15, 11: 30
Ciao e scusate il ritardo ma ho avuto un black out dell'ADSL...

di quale parte di trippa parli? Se quella sottile (a Roma: centopelli) la puoi preparare con la verdura o a minestra come si usa al nord, se al contrario parli della parte detta cuffia allora io faccio così
La "centopelli" è più difficile da trovare al supermercato e per via del poco tempo che ho per la spesa mi prendo quella in confezione già precotta un po' più spessa (altrimenti si deve cuocere per parecchio prima della ricetta).
Sinceramente tipo minestra a me sembra che si rovini il buon sapore della trippa. Io la faccio di solito semplice al sugo quando non ho molto tempo:
prima la lavo bene nello scolapasta, poi la passo per qualche minuto in padella senza nulla. La tolgo e la risciacquo e la metto da parte.
Poi per essere pronto mi taglio una o più carote (dipende da quanta trippa ho comprato), la cipolla, gratto parecchio parmigiano che preferisco al pecorino romano e taglio POCO sedano (così è contenta anche iaia). Se ho tempo faccio metto su anche il brodo: sedano, cipolla e carote.
Metto in padella olio lo faccio scaldare e metto le cipolle, carote e il sedano se non faccio il brodo. Se la vuoi un po' piccante anche un pochino di peperoncino. Dopo un po ci metto un pochino di liquido e faccio appassire le cipolle. Alzo il fuoco e ci metto la trippa tagliata in pezzi non troppo grossi e la faccio un po' rosolare nel battuto. Aggiungo della passata di pomodoro e poi chiudo con un coperchio abbassando la fiamma e la faccio cuocere per un 10 minuti. Poi aggiungo un po' di concentrato.
Consiglio di mettere anche un pizzico di zucchero per via dell'acidità della passata. Ma dipende dalla passata.
Richiudo e faccio cuocere per una mezz'oretta girandola ogni tanto. Se vedo che si asciuga troppo ci metto del brodo (se fatto) oppure un po' di acqua, meglio calda per non far smettere la cottura. Non metto sale perché poi ci metto il parmigiano, parecchio che è saporito di suo!
Verso la fine della cottura ci metto del parmigiano e la faccio finire di cuocere. La trippa mi piace abbastanza morbida quindi verso la fine vado di assaggio. Alla fine me la servo con altro parmigiano e del pepe nero (a chi piace).

Se voglio un pizzico di orientale ci metto a metà cottura un po' di salsa di soia.

iaia se proprio non ti piace il sedano e hai fretta ci sono dei tubi di salsina di pomodoro con verdure dove c'è anche il sedano. Devo dire che se si ha fretta non è malaccio. Ce ne sono anche bio. E' venuta bene, ma vista la fretta non l'ho cotta come volevo :triste.

Quando la ricompro (in offerta perché i soldi son pochi) proverò qualche variante con i vostri consigli :clap.


Un giorno possiamo dedicarci alla vera ricetta del chili, che io non disdegno mai
Concordo!

Buon appetito! :bai

iaia
18-02-15, 13: 55
Ehi, che ricetta saporita!
Da noi la trippa è considerata condimento, la salsa è considerata condimento, il parmigiano è considerato condimento!
Guai a cucinare assieme tre condimenti! Con la trippa si condisce la minestra, col pomodoro e il parmigiano si condisce la pasta.
Quanto alla salsina... si, a volte uso quella in tubetto. Quando ne ho bisogno poca. Perché quella in tubetto si conserva a lungo anche se è aperta. Ma... se ne ho bisogno un po' di più uso quella fatta da me, con i pomodori coltivati nell'orticello! :eye:oo2:sisi

Armandillo
18-02-15, 14: 39
...gratto parecchio parmigiano che preferisco al grana padano...

:wall...pecorino...con la trippa va il pecorino, mannaggia !!!

Kirk78
18-02-15, 15: 12
Al posto del grana ora lo modifico con il pecorino (errore mio :ops:) ma la trippa alla romana si fa con il pecorino romano altrimenti poi la Sora Lella si rivolta nella tomba, ma in altre regioni si usa il parmigiano. Essendo io toscano la faccio alla fiorentina (rivisitata) :eye
E poi per me il pecorino romano è troppo salato.

Degustibus :ghgh

:bai

Andy86
18-02-15, 15: 39
E poi per me il pecorino romano è troppo salato.

Anche per me. Preferisco quello quello toscano/senese stagionato o quello sardo maturo (non fiore o fioruso, troppo amaro).
Tra quelli che ho assaggiato mi è piaciuto anche il Roncione, ma è difficile da trovare.

Kirk78
18-02-15, 18: 06
Buoni quei formaggi! Però a me piace anche il fiore sardo. Ma quelli me li pappo senza grattarli ma a fettOne... slurp.
Il Roncione è un pecorino Formaggi della Famiglia Busti (http://www.caseificiobusti.it/prodotti.php?id=38&lang=it&f=5) che forse si può comprare direttamente dal produttore (per i pisani) o si può comprare a Frascati a non poco (29 / Kg). Produzione limitata nei mesi autunnali.
Mi hai fatto venire voglia di cercarlo. Quando vado a fare la spesa settimanale lo cerco a supermercato e ti dico se l'ho trovato.
Mi sembra di non averlo assaggiato.

:bai

Andy86
18-02-15, 18: 52
Ma quelli me li pappo senza grattarli ma a fettOne... slurp.

Si, anch'io, ma son buoni anche grattugiati.
In effetti io quello grattugiato lo prendo già grattugiato, nella bustina, ma non so che tipo è.

Kirk78
18-02-15, 19: 06
In effetti io quello grattugiato lo prendo già grattugiato, nella bustina, ma non so che tipo è.
Noooo ti prego! Alle volte è un mix di vari formaggi e non sai quanta parte della crosta c'è nel mix.
Io compro il parmigiano quando è in offerta al supermercato e me lo faccio chiudere in pezzi da 3/400g sottovuoto. Grattugiarlo sul momento è tutt'altra cosa. Se poi non hai tempo di grattugiarlo a mano ci sono anche le grattuge elettriche dove ci metti un pezzetto di parmigiano e te lo macina anche direttamente nel piatto fumante di spaghetti al ragu!

:bai

Andy86
18-02-15, 19: 55
Buona la crosta. Almeno a me piace. Di solito scarto solo la strisciolina non edibile. :sisi

Se pensate che la crosta non sia buona non avete mai assaggiato la raspadüra.

http://www.info2015expo.it/uploads/Raspadura20di20Bella20Lodi20-20Tecnica20della20raspa1.jpg

Armandillo
18-02-15, 21: 28
Ah, la crosta ! :sisi Non c'e' pasta e patate senza crosta !
Io il parmigiano grattugiato lo congelo nei classici sacchetti e poi bastano 10 minuti per usarlo e stessa cosa per il pecorino.

:bai

iaia
22-02-15, 15: 16
Veramente la crosta del grana la sgranocchio anche così, anzi, la preferisco. Ovviamente la pulisco.

C'è un piatto semplicissimo, chissà se piace anche ad altri.
Uova, pancetta, verdure e polenta.

marcella36
23-02-15, 12: 40
Ottima pietanza, composta da ingredienti semplici e salutari, chissà quanto è antica la sua tradizione.

Kirk78
24-02-15, 14: 40
La crosta del Parmigiano D.O.P. è di per sè "edibile" essendo naturale e prima di trattamenti ma se si pensa che dopo la stagionatura le forme sono impresse con il marchio, vanno caricate nei camion, passa di mano in mano, in caso di confezionamento passa da altre macchine.... la parte proprio esterna io non la mangerei. Arrivo quasi alla fine con la grattugia ma l'ultimo pezzo sinceramente (che comunque non sarà buona come il dentro) non lo tengo. Lo so sembra uno spreco ma ne butto talmente poca. Pochi mm. Poi con la crisi arrivo quasi ad 1mm.

In realtà si potrebbe raschiare bene (operazione non semplicissima se vi rimane una sottilissima striscia) e poi pulirla. C'è chi la fa anche alla griglia!

In altri formaggi confezionati invece alle volte c'è espressamente scritto "crosta non edibile".

:bai

Armandillo
24-02-15, 18: 03
In realtà si potrebbe raschiare bene (operazione non semplicissima se vi rimane una sottilissima striscia) e poi pulirla.

Difatti così almeno io, ma non solo, ho sempre fatto :sisi e poi comunque si lessa (con pasta e patate, per esempio) quindi credo che eventuali impurita' vengano azzerate :boh

marcella36
24-02-15, 19: 30
La crosta del parmigiano, opportunamente pulita è ottima anche nel brodo e nel sugo.
Quando ero piccina, era una specie di premio.

iaia
24-02-15, 21: 42
Anche secondo me è buona.
A me non piacciono i formaggi appiccicosi, e la crosta del grana non lo è!

Kirk78
25-02-15, 14: 04
Viva la crosta crosta, col popopopopopopomodoro :ghgh ha no era la pappa :ghgh
Anche mia nonna lo faceva, ma si parla di tanto tempo fa quando le cose erano molto più genuine e non piene di robe chimiche impronunciabili. O ditte poco serie... :furious

:bai

---------- Post Unito alle 15: 05 ----------

Viva la crosta crosta, col popopopopopopomodoro :ghgh ha no era la pappa :ghgh
Anche mia nonna lo faceva, ma si parla di tanto tempo fa quando le cose erano molto più genuine e non piene di robe chimiche impronunciabili. O ditte poco serie... :furious

:bai

iaia
01-04-15, 08: 04
Io cucino sempre cose poco condite, tipo minestre di verdura dell'orto, piadine senza grassi, torte senza burro e con poco zucchero... ma l'altro giorno ho fritto.
Ho pensato di condividere l'esperimento, visto che ha avuto grande successo.

Avevo una quantità enorme di borragine. Siccome la sto cucinando in tutti i modi conosciuti sul Pianeta (tranne in ravioli, perché in questo periodo ho molti problemi alle mani, non riuscirei) ma ne ho davvero tanta, i modi erano finiti, e ho pensato di inventare qualcosa per rinnovarla.

Ho rinfrescato la mia pasta madre. Ho lavato benissimo la borragine con acqua tiepida e bicarbonato, perché non è mai pulita abbastanza in quanto pelosa, quindi agguerrita trattenitrice di particelle di terriccio.
L'ho lessata in acqua per ulteriore sicurezza (le verdure non pelose le cuocio direttamente in padella con la loro umidità, con la borragine voglio avere un'ulteriore sicurezza che sia davvero pulita).
L'ho passata in padella con un pochino di olio finché non si è ben asciugata. L'ho cosparsa con due cucchiai di farina di riso glutinoso, ho mescolato bene perché non si raggrumasse e ho lasciato cuocere ancora un po' a fuoco basso. Ho spento e così bollente ci ho aggiunto un uovo mescolando benissimo per farlo scaldare in modo uniforme. Avevo preparati tritati una salsiccetta e un po' di formaggio Asiago stagionato e ho mescolato al tutto.
Ho fatto dei dischi con la pasta lievitata, li ho riempiti col ripieno, ho sigillato i bordi e ho fritto i panzerotti o calzoni o come li volete chiamare.
Grande successo.

Armandillo
02-04-15, 18: 34
:bai

visto che mi e' stato chiesto ho deciso di postare una semplice ricetta per una buona pizza rustica da preparare per la Pasqua :sisi

Ingredienti: pasta sfoglia (si puo' comprare gia' pronta), sottilette, prosciutto cotto, carciofi, uova sode e volendo asparagi.
Altro sale non e' necessario in quanto verra' usato per la cottura di carciofi ed asparagi.

Preparazione:

- stendere la pasta sfoglia su una teglia
- fare uno strato di sottilette
- fare uno strato di prosciutto cotto
- fare altro strato di sottilette
- guarnire con carciofi tagliati a pezzetti e cotti in padella con olio e sale
- guarnire con uova sode a fettine
- guarnire con asparagi lessati
- mettere in forno per circa 30 minuti a 200°

Buon appetito :bai

iaia
09-04-15, 13: 37
Deve essere molto saporita.
L'unica mia perplessità riguarda non solo questa, ma tutte le ricette che prevedono uova sode da aggiungere a una preparazione che poi va messa in forno.
Le uova non diventano troppo cotte? tipo gessose? Non mi è mai capitato di mangiare questo tipo di preparazioni fatte da altri e io non ho mai voluto provare a farle io.

Armandillo
09-04-15, 13: 42
Deve essere molto saporita.
L'unica mia perplessità riguarda non solo questa, ma tutte le ricette che prevedono uova sode da aggiungere a una preparazione che poi va messa in forno.
Le uova non diventano troppo cotte? tipo gessose?

No Iaia, tieni presente che per i due giorni successivi ho dovuto anche riscaldarne al microonde una parte avanzata ed e' rimasta sempre buona pero' purtroppo la seconda rustica, quella fatta con ricotta+mortadella tritata, ha preso d'acido e l'ho gettata :boh

iaia
09-04-15, 13: 59
Bene. Qualche volta proverò.

La ricotta ha una durata molto breve, purtroppo.

Armandillo
22-04-15, 12: 56
:bai

A proposito di ricotta voglio postare una semplice ricetta per chi ancora non la conoscesse :sisi

Ingredienti per 4 persone circa:

4 etti di ricotta di pecora
1 confezione di pancetta dolce (piu' o meno sono 140g)
1/2 kg di mezze maniche (http://images.collectiontricks.it/images/86955732699817900000.jpg) oppure vanno bene anche le conchiglie (http://images.collectiontricks.it/images/15072181316382945713.jpg)
pepe

Preparazione:

- porre a lessare la pasta
- in un saltapasta mettere a soffriggere la pancetta con un giro d'olio finche' i cubetti non si rosolano per bene (debbono perdere il colore rosato ed indurirsi)
- togliere in anticipo la ricotta dal frigo per stemperarla

Quando la pasta e' cotta aggiungerla nel saltapasta con un po' d'acqua di cottura e poi aggiungere la ricotta, amalgamare il tutto.
Servire quindi la pasta con una spolverata a piacere di pepe.
Buon appetito :bai

iaia
22-04-15, 17: 13
Io qualche volta faccio la pasta con la ricotta e salsa di pomodoro.

Armandillo
22-04-15, 17: 28
Io qualche volta faccio la pasta con la ricotta e salsa di pomodoro.

...e io non l'ho mai assaggiata in quel modo :m:...provvedero'

Andy86
22-04-15, 18: 33
Io la pasta con la ricotta la faccio solo con la ricotta e basta, però uso quella di mucca.
Comunque tra le quattro quella di pecora è quella che mi piace meno.

iaia
22-04-15, 19: 51
Io niente ricotta di mucca.
Non è troppo insipida, solo ricotta? Almeno ricotta e olive.

Andy86
22-04-15, 20: 04
Nella pasta non è insipida perché si stempera con l'acqua di cottura che è salata.
Se la mangio da sola metto lo zucchero (usanza del sud, ma è da lì che viene la ricotta), e comunque ultimamente ho trovato una marca che è già zuccherata in partenza.

iaia
22-04-15, 20: 31
Sì, con lo zucchero. Basta non esagerare. I cannoli sono immangiabili, secondo me.

Andy86
22-04-15, 21: 51
A me invece i cannoli piacciono tantissimo. http://www.hic-sunt-leones.info/Smileys/default/slini4qb.gif

Armandillo
23-04-15, 10: 12
Sì, con lo zucchero. Basta non esagerare. I cannoli sono immangiabili, secondo me.

Beh, dipende.
Io che sono goloso da sempre :hap ho nel tempo assaggiato varie tipologie di cannoli "siciliani" ma solo ultimamente ho potuto assaggiarne di originali, nel senso che sono stati prodotti da pasticcerie di veri siciliani, e debbo riconoscere un'enorme differenza :sisi infatti erano meno dolci e la ricotta molto piu' leggera con una cialda friabile...insomma, cannoli extra !!

Per quanto riguarda la pasta, avendola mangiata ieri sera, non sono convinto che da sola la ricotta possa bastare e men che meno con lo zucchero :nono ...de gustibus !

iaia
23-04-15, 11: 04
Anche io penso che pasta, ricotta e acqua della pasta non siano poi un granché.

Ricotta con lo zucchero si mangia non sulla pasta, sul pane o sui cracker. Come dicevo, per me poco zucchero.

Armandillo
23-04-15, 11: 49
Ricotta con lo zucchero si mangia non sulla pasta, sul pane o sui cracker. Come dicevo, per me poco zucchero.

:sisi vero...anche se "la morte sua" e' sul pane con la marmellata ed ovviamente senza aggiungere lo zucchero !!

Andy86
23-04-15, 11: 52
:bai

Allora nelle vostre vene non scorre neanche un po' di sangue meridionale. :tong2
A dir la verità io credevo di essere più milanese che salentino, ma a quanto pare c'è chi è peggio di me. :lol:

Vi lascio la ricetta, così vi potete ricredere. :bgg2

Ingredienti:
Pasta meglio se buca o concava, perché possa raccogliere bene la ricotta, ma vanno bene anche gli spaghetti.
Ricotta per lo stesso peso della pasta (la ricotta pesa), meglio se di quella fresca pugliese, ma ci si accontenta.
Sale q.b.

Mettere a lessare la pasta in acqua bollente salata.
In una ciotola (o direttamente nel piatto se è una porzione sola) versare la ricotta, sbatterla con la forchetta, aggiungere acqua di cottura fino ad ottenere una crema (si deve sciogliere).
Scolare la pasta, aggiungerla direttamente alla ricotta e mescolare.
A piacere condire con pepe (io non lo metto).

Immagine da internet:
http://blog.giallozafferano.it/ipasticcidicasamia/wp-content/uploads/2013/08/Pasta-con-la-ricotta.jpg

Buon appetito.


anche se "la morte sua" e' sul pane con la marmellata

Eh no, su quello ci vuole il burro. :sisi

iaia
23-04-15, 13: 19
Infatti a quanto ne so niente sangue meridionale!
Ne ho pagate le conseguenze.
Trovandomi tanti anni fa con solo colleghe meridionali, hanno accertato che ero completamente nordica, e da quel momento non mi hanno più parlato nè chiamato per nome. Ero quella là.

Armandillo
24-04-15, 11: 48
A piacere condire con pepe (io non lo metto).

Ahaaaaa...allora vedi che ci vuole :tap ...ecco, cos' e' meglio :sisi

Certo, burro e marmellata e' un classico, ma anche ricotta e marmellata non scherza :hap

:bai

Andy86
24-04-15, 12: 10
:bai

Ma io il pepe sulla ricotta non l'ho mai visto. L'ho detto perché c'era in quella foto. :ghgh

Armandillo
24-04-15, 15: 26
:bai


:bai

Ma io il pepe sulla ricotta non l'ho mai visto. L'ho detto perché c'era in quella foto. :ghgh

Sei giovane :hap ...senza pepe perde moltissimo...e' accettabile solo se non lo si sopporta :boh

Andy86
24-04-15, 15: 58
Infatti non sopporto i sapori piccanti.

E poi secondo me è come la storia del sale... più ti abitui a metterlo e meno riesci a farne a meno.

Quando il cervello associa un sapore ad una cosa è difficile schiodarlo, ecco allora che se le caramelle sanno di banana, la banana comincia ad avere un altro sapore... (io da piccolo mangiavo le banane, poi ho assaggiato le caramelle ed ora le banane non mi piacciono più, non c'è niente da fare [però ho imparato a mangiare le mùs senza zucchero]).

Armandillo
24-04-15, 17: 28
Infatti non sopporto i sapori piccanti.

E poi secondo me è come la storia del sale... più ti abitui a metterlo e meno riesci a farne a meno.

Quando il cervello associa un sapore ad una cosa è difficile schiodarlo, ecco allora che se le caramelle sanno di banana, la banana comincia ad avere un altro sapore... (io da piccolo mangiavo le banane, poi ho assaggiato le caramelle ed ora le banane non mi piacciono più, non c'è niente da fare [però ho imparato a mangiare le mùs senza zucchero]).

Sicuramente c'e' del vero in quello che affermi ma in questo caso, credo, il pepe acquisisce un ruolo, direi, fondamentale completando un piatto che sarebbe piu' povero e piu' insipido se ne fosse sprovvisto.
L'equilibrio nelle ricette e' forse la cosa piu' difficile da ottenere ma se non si esagera, appunto col sale ad esempio, credo che "abituarsi" non sia poi cosa così sgradita, o peggio, dannosa :boh

marcella36
24-04-15, 17: 42
La ricotta è una grande risorsa e buonissima, adatta al salato come ripieno di schiacciate (a Roma pizza del fornaio) anche fatte in casa con l'aggiunta di una bella fettina di mortadella! E le torte salate di cui Arma è maestro, ma anche io., come condimento per la pasta e io ci metto il pepe, il cui profumo mi apre la porta all'appetito, Non dimentichiamo la ricotta fritta dorata!! I panzerotti ripieni di ricotta e salsiccia piccante, la ricotta stimola la fantasia e non costa molto per la resa che dà.
Con i dolci la ricotta è un ingrediente importante, si usa pure nell'impasto, ricorderò la crostata di ricotta, la cassetta di ricotta, per parlare di ciò che si prepara facilmente in famiglia, apprezzo anche una bella fetta di pane con ricotta sale e pepe, ricotta e zucchero (volendo anche la cannella) ricotta e marmellata di fichi o di ciliege se di amarene impazzisco e ne mangio troppa. E' tanto tempo che non la mangio preparata con zucchero e mistrà in una tazzina, ti addolcisce il cuore.

iaia
27-04-15, 17: 25
Qualche giorno fa ho fatto i pansoti di borragine.
Non ho seguito la ricetta originale.
A parte che non esiste UNA ricetta originale e che ognuno pensa che la sua versione sia la più originale.
Io ho fatto come ho potuto.
La pasta andrebbe impastata con farina, olio e vino.
Io ho fatto una normale pasta all'uovo.
Come ripieno ho messo borragine e bietoline scottate a asciugate in padella, condite con formaggio Asiago stagionato e grana.
Non saranno la versione originale ma erano buoni.

3161

MarcoStraf
29-04-15, 00: 20
... secondo me è come la storia del sale... più ti abitui a metterlo e meno riesci a farne a meno ...
Il sale da' sapore a tutto, anche ai cibi meno saporiti, pero' una volta che ci si abitua a cuocere senza sale si apprezzano di piu' i sapori e si fa fatica ad andare nei ristoranti economici dove mettono montagne di sale ovunque.
Io ho iniziato a cucinare senza sale (assolutamente nulla) dopo i miei problemi di coronarie, sostituisco il sale con un pizzico di pepe e spezie, e devo dire ho impiegato pochissimo ad abituarmi. Anzi, se un cibo e' buono e fatto con ingredienti freschi, il sale rovina tutto. Senza sale si scoprono un sacco di sapori e aromi che prima erano semplicemente "nascosti". Perfino la verdura si apprezza di piu' con una semplice spruzzata di succo di limone (broccoli cotti a vapore conditi con succo di limone, ormai non ne posso piu' fare a meno)
Se proprio volete eliminare il sale, vi consiglio di farlo graduatamente.

Andy86
29-04-15, 13: 26
Io non ce la farò mai ad imparare a mangiare completamente senza sale.
Tra l'altro io trovo che le spezie, salvo pochi casi, modificano il sapore degli alimenti invece di esaltarlo come fa la giusta quantità di sale.

Anche sostituire il sale con il formaggio (che poi contiene sale) non è la stessa cosa.

iaia
29-04-15, 13: 47
Il fatto del sale per me resta un mistero.
Una persona che conosco, a dieta strettissima sia come calorie che per il sale (magrissima ma con problemi al cuore) mangia tutto insipido, non può mangiare nemmeno qualche foglia di verdura perché contiene sali minerali e quindi sale... poi una volta a settimana ha la bresaola.
A me sembra folle.
Già a me la bresaola non piace. Penso a chi è abituato a mangiare tutto senza sale e un giorno a settimana mangia la bresaola che è un salume e quindi molto salato. Sicuramente più di qualche foglia di insalata senza sale, che le sono proibite.

marcella36
29-04-15, 19: 29
Le diete, a parer mio, anche se indicate da alcuni medici, rimangono un mistero che alternativamente segue le mode.
La bresaola comunque è un salume particolare infatti è carne di vitello.
Non basta forse mangiare di tutto in poca o pochissima quantità? Eliminare alcuni alimenti può per esempio danneggiare il fegato.

Andy86
29-04-15, 19: 34
La bresaola comunque è un salume particolare infatti è carne di vitello.

A seconda della marca c'è anche quella di cavallo o di tacchino.
A me però non piace a prescindere dall'animale.



Non basta forse mangiare di tutto in poca o pochissima quantità?

Quoto in pieno. :quot

MarcoStraf
29-04-15, 20: 04
... Non basta forse mangiare di tutto in poca o pochissima quantità? ...
In linea di massima, si, ma dipende molto dalla nostra condizione medica, vedi per esempio diabetici o come me chi ha problemi di coronarie. Personalmente non mi hanno vietato nulla, l'importante e' che non esagero, per esempio un gelato al mese potrei anche mangiarlo, ma a quel punto lo elimino completamente e lo sostituisco con sorbetti o altri dolci che non contengono latte, creme e tuorli di uova.
Stessa cosa per il sale, una volta che uno si abitua a metterne sempre di meno poi ci si abitua a toglierlo completamente. Il problema del sale e' che a volte si esagera in maniera assurda, basta guardare il contenuto di sodio nelle etichette dei prodotti in scatola tipo fagioli e pelati. E perfino nei succhi di frutta, a me piaceva il succo di pomodoro adesso non lo sopporto piu' da quanto sodio ci mettono dentro.

In genere io non guardo quello che fa la gente con le loro diete. La cosa piu' assurda e' seguire diete senza nessuna guida, che non valgono nulla, occorre seguire diete ben equilibrate e fare frequenti analisi del sangue per evitare scompensi. Per esempio e' inutile mangiare il tofu una volta per settimana "perche' fa bene" se poi negli altri sei giorni ci ingurgitiamo di carni rossa... Altra gente va poi dai "dietologhi" senza neanche accertarsi se siano serii o soltanto dei ciarlatani.

La dieta mediterranea e' una dieta ben equilibrata, con la giusta combinazione di carni, pesce e verdura, specie quella dell'Italia meridionale, nel nord si fa troppo uso di burro, uova, formaggi e crema.

iaia
08-06-15, 13: 56
Visto che ho dato scandalo dichiarando di preparare e mangiare i biscotti all'ammoniaca sposto qui il discorso.

Ci sono molte ricette in rete https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&rlz=1C1GGGE_itIT632IT632&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=biscotti%20all%27ammoniaca
Io, come mio solito, non uso ricette, perché per me cucinare è arte, e vado a occhio.

Inizio col versare in una ciotola un po' di farina, aggiungo poco zucchero, ammoniaca per dolci qb, sale, olio evo e olio di riso e mescolo.
Ora si possono aggiungere varie ed eventuali, tipo cereali, mandorle tritate, cacao, cocco, caffè liofilizzato... quello che si vuole, oppure lasciarli al naturale.
Si completa l'impasto con uova qb oppure uova e latte.
Si possono fare sia con un impasto morbido, da stendere con il cucchiaio o con uno spara-biscotti, che con un impasto più asciutto, da stendere con il matterello. Se l'impasto è troppo appiccicoso per il matterello si può stenderlo mettendolo tra due fogli di carta da forno.
Si possono tagliare a quadri o rotondi col bicchiere, o con le formine, se l'impasto non è troppo morbido.
Vengono sempre bene.
L'importante è farli molto sottili perché lievitano tantissimo. Inoltre più sono sottili e meglio esce l'ammoniaca.
Durante la cottura si sente il puzzo caratteristico dell'ammoniaca, meglio cuocerli con la finestra aperta, ma se i biscotti sono sottili esce completamente.
Non lascia nessun retrogusto, per quello non c'è bisogno di aggiungere aromi o vaniglia, perché non c'è bisogno di mascherare il gusto agro del lievito chimico.
Io se mangio un biscotto acquistato mi contorco per il mal di stomaco (sono intollerante al lievito chimico che contengono)
Mi piace cucinarli, peccato che con i miei problemi alle mani e braccia per me sia piuttosto faticoso.
3175

Kirk78
20-06-15, 18: 18
Ciao a tutti i gourmet di CT!

Chiedo a voi un parere. Ho trovato in fondo al congelatore dei funghi congelati a cubetti nel sottovuoto del 2011-12. Li ho aperti e anche se erano congelati l'odore di fungo porcino era come se si annusasse uno appena tagliato.

Per voi sono ancora mangiabili? In fin dei conti erano sottovuoto e congelati. Magari cuocendoli un po' di più?
Io sono uno che buttare le cose da mangiare e come un peccato... ma certo non vorrei stare male.

Che dite? Grazie! :bai

P.S. se ho tempo la prossima settimana aggiorno le ricette di CT! :eye

Andy86
20-06-15, 18: 38
2011/2012 è la data di produzione o di scadenza?
Se è quella di scadenza io li butterei.

Kirk78
20-06-15, 18: 50
Non è tanto la data di scadenza (spesso detto preferibilmente e che le ditte mettono per pararsi da problemi e vendere di più) ma il fatto che sono funghi, non carne, e che l'odore appena riaperti sia ottimo come appena messi in freezer appena colti e talgiati. Inoltre pensavo che una volta, quando non c'erano i pozzetti freezer, si congelavano i funghi o verdure e che alla bisogna si scongelavano.
Un fungo non è di per se.... un fungo? :ghgh
Mi chiedo se si congela una zucchina tagliata appena colta, magari biologica, la si mette sottovuoto e la si congela: cosa può succedere?
Se c'è qualcuno che ha delle conoscenze mediche e mi può dire cosa potrebbe succedere mi piacerebbe molto. Non solo per me ma anche per il mio caro amico Andy86 e tutti gli altri utenti e lettori di CT. :fleurs
:bai

iaia
20-06-15, 18: 52
Se sono al naturale (senza oli o altri ingredienti grassi) mi pare che durano di più. Non credo che ti possano fare male.

Kirk78
20-06-15, 18: 57
Sono solo i porcini tagliati a cubetti (Boletus edulis e relativo gruppo) senza altro. Qualcuno di voi ha avuto, come me, questo tipo di "dimenticanza"? :bai

marcella36
20-06-15, 19: 47
La conservazione, che io sappia, deve essere sicura, nel senso che nell'involucro non ci deve essere la presenza di gocce di ghiaccio, potrebbe significare che la temperatura non è sempre stata uguale, in questo caso è meglio non usare il prodotto.
Peccato grave buttare del cibo ma anche usarlo non integro come dovrebbe.

Kirk78
20-06-15, 20: 07
Carissima marcella36 l'involucro era, ora l'ho aperto, totalmente privo di aria (era sottovuoto) e nessuna goccia interna. Che dici per te, che hai molta più esperienza di noi e quindi mi fido, cosa dici? Magari li cuocio di più. :bai

P.S. in parole povere cosa fareste voi? I miei amici Andy86 dice di buttarla, iaia crede non possa farmi male, marcellina dice se non integro.... :boh
Ma poi cosa può succedere... sono funghi :boh

marcella36
20-06-15, 20: 29
Kirk78 come posso prendermi una responsabilità così grande? Se poi ti viene mal di pancia? Marcellina da saggia diventa vecchia svampita!!
Ti prego stai attento a ciò che fai, in fondo non hai le voglie come le donne incinte capricciose.
Direi la medesima cosa anche se si trattasse di carciofi, il discorso, per me, non è sul tipo di cibo, ma sulla sua conservazione, tu hai aperto l'involucro (dimenticato) quindi puoi decidere meglio di me che sono purtroppo lontana da tutti.
Se decidi di mangiarli devi dimenticare le incertezze e godere il cibo.

Kirk78
20-06-15, 20: 35
Non responsabilità, ma solo parere :sisi Poi se ho il mal di pancia è una mia decisione... pazienza! Andrò in bagno più spesso :ghgh
Ma se tutti dite del tipo: ho provato e sono andato/a all'ospedale.... allora è diverso. :oo2
Ripeto: cosa fareste al posto mio? :fleurs

:bai

iaia
20-06-15, 20: 40
Secondo me sono buoni.

Andy86
20-06-15, 20: 40
"lè mai sucéss nient, lè al parlà che frega la gent" dice un vecchio proverbio milanese. :hap


Qualcuno di voi ha avuto, come me, questo tipo di "dimenticanza"? :bai2

Non ho il freezer a pozzetto, per cui non corro questo rischio. :bgg2

Armandillo
21-06-15, 10: 16
@Kirk....buttali :sisi

Il freddo mantiene...ma brucia e che io sappia le indicazioni stesse riportate nelle istruzioni dei pozzetti o freezer potenti parlano di un massimo massimo di 3 anni (normalmente 1 solo anno).

:bai

iaia
21-06-15, 12: 55
Se siete tutti d'accordo mi arrendo, ma non sono convinta. Il suo pacchetto è sottovuoto, non c'è dentro aria e non ha fatto cristalli
:bai

Armandillo
21-06-15, 15: 03
Per fare un po' di informazione: qui (http://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/tempi-conservazione.html) e qui (http://www.alimentipedia.it/congelare-funghi.html) e un po' di risposte (https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20101024072726AAFdr9y)

:bai

Kirk78
22-06-15, 09: 28
Insomma vedo che abbiamo tutti dei dubbi, anche nei link del buon Armandillo (ci sono 2 affermazioni esattamente contrarie come per esempio chi dice dopo "alcuni mesi" e chi "Io nel freezer ho funghi cotti "al dente" dal 2009 e freschi del 2010 e non ci sono problemi"), inoltre leggo espressamente nel primo link.

Superati i limiti di tempo consigliati dalla tabella sovrastante, gli alimenti sono ancora perfettamente commestibili ma le loro caratteristiche nutritive ed organolettiche sono soggette ad un lento ed apprezzabile declino.
In italiano dovrebbe essere: i fugni porcini non saranno ancora così porcinosi :ghgh ma non fanno male sopratutto perché non grassi (lipidi).

Anche i dottori non concordano, ma devo dire che nessuno espressamente dice che i prodotti senza grassi (come i funghi) consumati dopo anni facciamo male. Se vado in bagno spesso ve lo faccio sapere :ghgh.
Mia nonna i funghi (da non lavare) li essiccava al sole e dopo in caso li congelava anche per parecchio tempo (anni) e consideriamo che in passato i congelatori non erano quelli di adesso e costavano un enormità le macchine per il sottovuoto: lei è rimasta tra noi quasi per 100 anni e figli, nipoti e bisnipoti non sono stati male. Certo la fibra dei nostri nonni è tutt'altra cosa di quella di adesso.

Grazie infinite a tutti per i vostri commenti! E comunque consiglio a prescindere di, quantomeno per le caratteristiche organolettiche e nutritive e poi non si sa mai, di non eccedere troppo tempo nel consumare prodotti congelati e quindi, di scrivere la data di congelamento nelle buste da freezer. Se potete prima metteteli sottovuoto, magari a porzioni così da non doverli scongelare tutti.

Buon appetito, e consumate bene e non acquistate esageratamente ma il giusto: è un vero peccato far andare il cibo a male! Un alimento appena colto, cotto e mangiato è sicuramente più buono di uno congelato anche entro la tabella consigliata di conservazione in freezer. :bai

iaia
22-06-15, 10: 08
Certo, sempre a porzioni!


Tanto per dire, conosco una persona che compera un quarto di manzo, lo mette in freezer intero e quando gli serve un pezzo lo toglie, lo scongela, taglia via il pezzo e ricongela.
Non è un consiglio!!!!!!!
Solo per dire che se non è morto lui non muori nemmeno tu con i tuoi ordinatissimi e ben confezionati (e non grassi) funghi.
Che dire: vuoi invitarmi a pranzo? Menu funghi, dividiamo il rischio!

Andy86
22-06-15, 10: 36
:bai

Kirk, una cosa, pensa che ti pensa da quanto li hai scongelati i funghi?
Da sabato sono passati due giorni, quindi forse sono anche due giorni che si stanno "decomponendo". :m:


Tanto per dire, conosco una persona che compera un quarto di manzo, lo mette in freezer intero e quando gli serve un pezzo lo toglie, lo scongela, taglia via il pezzo e ricongela.

:shock Che genio!!! :boh

Kirk78
22-06-15, 11: 12
Sono daccordo sul fatto che MAI ricongelare, perché una volta scongelato incomincia il processo di deterioramento perché esposto all'ara! Va cotto e consumato massimo entro massimo 24 ore (se tenuto in frigo è ancora meglio). Se la persona che conosce la dolce iaia toglie dal freezer il quarto, poi lo taglia congelato, e il resto lo rimette ancora congelato in freezer allora ok. Cosa diversa se lo lascia scongelare....


Che dire: vuoi invitarmi a pranzo? Menu funghi, dividiamo il rischio!
Sarebbe certo un piacere invitare a pranzo te cara iaia e anche le altre belle persone che sono su CT :fleurs! Magari ognuno cucinava una ricetta di CT diversa e poi si commenterebbe tutti insieme :bgg2

Pensate una bella tavolata con Asterix e LadyHawke a capotavola (ovvio no? :sisi) e i "cuochi" di CT che fanno un piatto diverso e poi si mangia tutti insieme! E poi giù commenti culinari! Ovviamente tutto fresco e magari bio :ghgh
Masterchef CT, ma senza i rimbrotti dei vari "capi" chef! Siamo tra amici!

Ovviamente dopo averli aperti alle 21 li ho poi cotti molto prima delle 24 ore consigliate :eye. Una volta cotto c'è il "normale" tempo di conservazione in frigo come se fosse cotto da fresco. :bai

marcella36
22-06-15, 15: 48
Che idea! Masterchef CT! sono pronta, anche a lavare i piatti oltre che a cucinare!! iaia porta i fiori per il centrotavola, come piatto da preparare decidete voi.
Che bella idea, che sogno!

Andy86
22-06-15, 16: 35
poi lo taglia congelato

Come se fosse facile, mia mamma una volta ha rotto un coltello con il pane congelato, ed era un coltello bello grosso. :sisi

iaia
22-06-15, 16: 37
... iaia porta i fiori per il centrotavola, ...

Potrei portare anche fiori commestibili! e i biscotti.

Come mi piacerebbe, se avessi salute sufficiente!



Come se fosse facile, mia mamma una volta ha rotto un coltello con il pane congelato, ed era un coltello bello grosso. :sisi
Guarda, è un amico di una mia zia. Non mi risulta che lo tagliava congelato... e non è l'unico.
Non coi quarti di manzo, ma persone che congelano il coniglio intero e ne cucinano mezzo poi rimettono via l'altro le conosco.
Io faccio le porzioni anche con le verdure.
In questo periodo sto congelando una grande quantità di verdura, in particolare la tetragonia, che avendo tempo sarebbe da raccogliere ogni giorno.
Prendo delle scatolette come "formina," taglio un sacchetto da freezer e rivesto le scatolette.
Questo serve a togliere poi facilmente il contenuto.
Ci premo dentro la verdura, usando come pestello un'altra scatoletta uguale, in modo che non ci resti aria, copro e faccio congelare queste "polpettine" sottili.
Quando si induriscono le tolgo dalle scatolette e ne posso confezionare anche molte assieme magari con un divisorio tra l'una e l'altra perché non si attacchino.
Così si congelano e scongelano velocemente e se me ne serve di meno si rompono facilmente anche con le mani perché sono sottilissime, se me ne serve di più basta prenderne di più.

Armandillo
22-06-15, 17: 49
Sempre e solo per info

Noi non sappiamo se e come vengono tenuti i prodotti al supermercato :boh e non solo.
Per dire, m'e' capitato di congelare del pane e poi una volta scongelato mi sono accorto che era gia' stato congelato dal fornaio (il pane si sente quando non e' fresco)
Mi sono capitati dei gelati, chiusi in scatola, che una volta aperti presentavano "sgocciolamenti" segno evidente di non immediata introduzione in frigo :boh
Io stesso in un noto supermercato ho notato carrelli pieni di prodotti da congelare fermi in attesa che l'operatore li introducesse nel frigo e chissa' da quanto erano lì e ancora piu' chissa' se alcuni erano gia' in fase di scongelamento dal passaggio dal camion al frigo !!

Insomma c'e' da chiedersi se le nostre discussioni alla ricerca della correttezza poi in effetti non vengano rese vane da scorrettezze del fornitore o del distributore !

Denunciare ?
Chi e' in grado di stabilire quanto un prodotto puo' rimanere a temperatura ambiente ?

Per inciso comunque i gelati di cui sopra li ho mangiati ugualmente :ehmm ma non vi dico con quale titubanza !
Da allora comunque ho fatto molta piu' attenzione e se per caso dovesse ricapitarmi mi recherei subito dal negoziante pretendendo la sostituzione :sisi

:bai

iaia
22-06-15, 22: 08
Eh, sì.
Non dovevano rendere obbligatoria l'applicazione di un'etichetta sensibile al calore sui prodotti freschi e surgelati?
Il bollino è del tal colore? Il prodotto si è scaldato e non è più buono.


Penso che il pesce ormai vecchiotto truccato da pesce fresco con una quantità di sostanze più o meno legali sia pericolosissimo.

Kirk78
22-06-15, 22: 34
Ragazze e ragazzi di CT, se pensiamo che ciò che si compra potrebbe essere alterato, che la catena del freddo sia stata interrotta, che le zucchine vengono da paesi dove il controllo alimentare non c'è, che il bio in realtà non lo è per niente, se ha l'olio di palma (che alcuni dicono che in realtà non è così "velenoso" come si dice), se .... allora facciamoci tutti l'orto sperando che lo smog non faccia male e che la terra o altro che compriamo non sia anch'essa piena di veleni. E poi ci compriamo una mucca per il latte :ghgh

Non andiamo mai a mangiare fuori (soldi pochi permettendo)? E non mangiamo mai da amici e parenti?

Se usciamo di casa e attraversiamo la strada? Ma poi rischiamo di farci mettere da qualche ****** che ci mette sotto e poi scappa? Che facciamo non usciamo di casa?

Non dico essere totalmente "come va va", ma cerchiamo si di fare attenzione, ma non facciamoci (io in primis) troppi problemi altrimenti poi non si vive più.
Vi posso solo dire di segnalare ad un'associazione consumatori tutte le cose che non ci garbano e che i supermercati hanno molti più controlli dei normali negozi, ivi compresi quelli piccoli "solo bio" che hanno ortaggi e frutta sciolta non confezionata.

Il fatto dell'indicazione dell'origine del prodotto è andata dispersa anche da parte della comunità europea.

Magari io faccio enormemente più di attenzione se devo far mangiare i miei nipoti :sisi. Che dire: spero di campare fino all'età di mia nonna, ma visto che non riceverò mai la pensione se non una sotto la minima e a 77 anni.... che mi compro il bio oppure andrò al discount?

Per me non ci penso più di tanto, ma mi spiace per i nipoti. :bai

Andy86
23-06-15, 11: 56
Per dire, m'e' capitato di congelare del pane e poi una volta scongelato mi sono accorto che era gia' stato congelato dal fornaio (il pane si sente quando non e' fresco)

A parte che certo pane in freezer non si conserva neanche quando è fresco.
È buono appena comprato alla mattina e basta.

E poi, di solito, quando i prodotti sono di origine scongelata c'è scritto sull'etichetta, almeno nei supermercati di una certa dimensione vedo spesso quella dicitura stampata sull'etichetta dei prodotti a peso.



Mi sono capitati dei gelati, chiusi in scatola, che una volta aperti presentavano "sgocciolamenti" segno evidente di non immediata introduzione in frigo :boh
Io stesso in un noto supermercato ho notato carrelli pieni di prodotti da congelare fermi in attesa che l'operatore li introducesse nel frigo e chissa' da quanto erano lì e ancora piu' chissa' se alcuni erano gia' in fase di scongelamento dal passaggio dal camion al frigo !!


Hai dimenticato di citare il trasferimento dal supermercato verso casa, che anche con borsa termica non è sempre... termico.
Proprio ieri ho comprato dei gelati e arrivato a casa ho voluto mangiarne subito uno prima di metterli in freezer accorgendomi che, purtroppo, erano già molto morbidi.

Armandillo
23-06-15, 12: 08
:bai


A parte che certo pane in freezer non si conserva neanche quando è fresco.
È buono appena comprato alla mattina e basta.

Beh forse non sara' valido per alcuni tipi specifici :bohma per quello che consumo io va benone.
C'e' da dire che comunque la si metta il pane fresco e' altra cosa, lo so, e che una volta scongelato andrebbe consumato tutto evitando di tenerlo per il giorno dopo.



Hai dimenticato di citare il trasferimento dal supermercato verso casa, che anche con borsa termica non è sempre... termico.
Proprio ieri ho comprato dei gelati e arrivato a casa ho voluto mangiarne subito uno prima di metterli in freezer accorgendomi che, purtroppo, erano già molto morbidi.

Anche questo e' vero ed ora che fa piu' caldo io uso inserire nella borsa termica i ghiaccioli del freezer :sisi

Kirk78
29-06-15, 14: 56
che anche con borsa termica non è sempre... termico
Se devo prendere dei congelati io nella borsa termica ci metto anche un paio di "mattonelle" che ho sempre nel freezer. Immagino siano quelle che intendeva il buon Armandillo con "ghiaccioli del freezer".
Il pane congelato e poi "cotto" direttamente dal negozio / super DEVE essere indicato per legge proprio perché non può essere ricongelato, esattamente come il pesce decongelato (esempio alcune seppie e calamari non freschi). Di solito sono le baguette lunghe. Le poche volte che l'ho preso, a parte che c'era scritto, erano buone. Una sola volta, per me, non era cotta bene. Forse perché hanno sbagliato col timer. :bai

iaia
29-06-15, 15: 07
Io non compero più nemmeno il pane.
Ho sempre in frigo un panetto di pasta madre, quando mi serve ne stacco una pallina, la appiattisco molto sottile e la cucino in padella, coperta, ottenendo una sorta di piadina senza grassi. Poi aggiungo un poco di farina e acqua alla pasta madre e la ritrovo pronta per la volta seguente.
Unico problema è che in questo modo non ho il pane secco, che mi farebbe comodo in diverse preparazioni.

Kirk, erano buoni i funghi? Sufficientemente "fungosi"?:bai

Kirk78
29-06-15, 15: 33
Mi ero dimenticato cara iaia: sì sì buoni e porcinosi :ghgh e nessun problema come immaginavamo, solo io e te :fleurs!
In verità anche io non mi compro più il pane fresco (solo pancarrè per vari motivi e ne ho visti anche bio che non costano molto di più di quelli "normali"). Pensa che io tempo fa mi sono anche comprato la macchina per il pane (e marmellate) ma il tempo per farmelo non ce l'ho e la cosa mi dispiace un bel po'.
Quando, il sogno, faremo una CT reunion allora proverò anche a fare il pane fatto in casa e vediamo quale è il più buono. Sono ovviamente certo che sia il tuo visto che lo fai da tanto tempo e io non ho ancora provato la macchina impastatrice.. Poi mi dicono che il lievito non dura molto... Magari ci dai la ricetta e la inserito nella lista delle ricette che, scusatemi, non ho ancora avuto il tempo di fare :triste

Bh per il pane secco... magari una volta ne fai un po' di più e lo fai seccare per ricette varie o per fare in pangrattato tuo :eye

:bai

Armandillo
29-06-15, 17: 44
:bai


Se devo prendere dei congelati io nella borsa termica ci metto anche un paio di "mattonelle" che ho sempre nel freezer. Immagino siano quelle che intendeva il buon Armandillo con "ghiaccioli del freezer".

:sisi proprio quelli


Il pane congelato e poi "cotto" direttamente dal negozio / super DEVE essere indicato per legge proprio perché non può essere ricongelato, esattamente come il pesce decongelato (esempio alcune seppie e calamari non freschi). Di solito sono le baguette lunghe. Le poche volte che l'ho preso, a parte che c'era scritto, erano buone. Una sola volta, per me, non era cotta bene. Forse perché hanno sbagliato col timer. :bai

Non ho mai visto una indicazione del genere :triste ed e' facile intuire che metterla probabilmente allontanerebbe i clienti che si rivolgerebbero altrove.
Molto dipende dalla zona in cui si vive :sisi e, per esempio, oggi che qui e' festa ho trovato comunque pane fresco in una rosticceria che viene rifornita di continuo !
Quello che mi fa piu' rabbia e' che dovendolo congelare poi, allo scongelamento, mi ritrovo del pane duro come se fosse rifatto e che deve essere consumato tutto e subito :triste

iaia
29-06-15, 18: 48
Io facevo anche il pane "vero"
http://www.fioridiaia.altervista.org/albums/altro/ricette/pane-3-25-ottobre-2009.jpg

http://www.fioridiaia.altervista.org/albums/altro/ricette/pane-25-ottobre-2009.jpg
ma ora ho problemi alle mani e non riesco più ad incordare l'impasto.

Così ora faccio queste piadine, a volte con farina bianca, a volte con farina ai cereali, ma vanno cotte e mangiate, non sono adatte da portare alla "reunion" :-(


Prendo una pallina di pasta
3185


La stendo sottile.
3186

Questa ai cereali è più difficile da stendere ma ci si prova. Eccola in trasparenza.
3187

Poi la butto in una padella da crepe già calda e la copro con un coperchio
Poi la giro
3189

copro di nuovo e un pochissimo tempo è cotta.
Volendo fare la pizza, subito dopo girata bisogna farcirla velocemente e ricoprire subito.

iaia
29-06-15, 18: 54
La ricetta della pasta
ho avuto per anni una vera pasta madre, iniziata da me. Il pane veniva buono e saporito anche senza sale. Poi si è esaurita e non l'ho più rifatta.
Quella che uso ora l'ho iniziata semplicemente con un paio di cucchiaiate di farina, un pezzettino microscopico di lievito di birra e acqua.
A questa base quando è lievitata si aggiungono altra acqua e farina.
La quantità da tenere a disposizione dipende da quanta pasta si usa. Se ne aggiunge più o meno quanta se ne toglie.
Pare che sia meglio non aggiungere sale durante la lievitazione, lo si può aggiungere appena prima di utilizzarla. Io per la pigrizia va a finire che non ce lo metto proprio.

Metto sale e olio nell'impasto dei cracker sfogliati.
3190

3191

3192

Kirk78
29-06-15, 21: 24
Mi viene voglia di mangiare solo il pane di iaia :fleurs :clap
Magari fossero così ottimi anche i consigli della comunità europea..... :furious
Avete sentito dell'ultima imposizione (sciocca direi :whip) della comunità europea di obbligarci a permettere di fare il formaggio fatto... con il latte in polvere :shock! Ora manca solo che ci impongano di permettere di fare il Chianti Gallo Nero DOCG... con le bustine! Solo noi italiani sappiamo fare il formaggio con F maiuscola!
Poi ci si chiede perché qualcuno rumoreggi di lasciare la comunità europea... se continuano a fare queste baggianate, permettetemi il termine, le persone che pensano a quella soluzione aumenteranno a dismisura! :bai

MarcoStraf
30-06-15, 01: 01
Cibo al Cartoccio

Ho appena imparato a usare questo meraviglioso metodo di cottura, di cui ne conoscevo l'esistenza ma che non ho mai provato perche' ritenevo troppo complicato o difficile. Chissa' perche', in effetti e facilissimo e veloce, il cibo rimane tenero e gustoso e non si sporca nemmeno pentole e scodelle, non richiede olio o burro quindi e' leggero e salutare. Puo' essere usato sia con carne (o pesce) che con verdure. L'unica cosa che abbiamo bisogno e' ovviamente un forno con un piano di cottura, e la carta da cottura, mi raccomando di buona qualita'. Ho sostituito questo metodo sia alla cottura in forno (che lascia la carne troppo secca) che quella in tegame.

Se siete interessati potete trovare molte ricette in rete, assieme a video e alle tecniche per assemblare il cartoccio. Io utilizzo quella semplice di ripiegare i lati, o di costruire un "fagottino" attorcigliando gli angoli in cima, senza chiuderlo con un cordino (in genere la buona carta da forno si lascia chiudere senza bisogno di legami)

Se volete provare, iniziate con qualcosa di semplice semplice, tipo un filetto di pesce con succo di limone, coperto di fettine sottilissime di limone a affiancato da verdurine fresche di stagione. A seconda dello spessore del filetto, bastano una decina di minuti.

Bastano pochi minuti di preparazione e mentre il cibo e in forno si puo' preparare un primo (io faccio un riso intergrale o cuscus alle erbette), quindi uso questo metodo durante la settimana.

Musica consigliata: K.D.Lang

iaia
30-06-15, 06: 37
Ottima idea!
Io non l'ho mai fatto sia per la necessità di accendere il forno (cosa non ben vista in casa mia) sia per come lo utilizzò mia madre un'infinità di anni fa.
Io ero piccola. All'epoca la nostra alimentazione era costituita essenzialmente da minestrone con riso, con rari e sporadici exploit.
Uno di questi fu il cartoccio.
Non ricordo quale fosse il soggetto base "incartocciato" (allora c'era l'alluminio) ma mia madre ci mise talmente tante erbe aromatiche che mi viene la nausea solo a ripensarci.

MarcoStraf
30-06-15, 18: 23
Non usare l'alluminio, da' un sapore "metallico" al cibo, lo provato la prima volta, quando ancora non avevo la carta da forno.
Non mettere troppe erbe, durante la cottura al cartoccio come quella al vapore il cibo assorbe tantissimo i sapori, usa solo sale e pepe (io come sapete non uso il sale), e solo una spezia, se cuoci assieme a verdure o ortaggi aromatiche bastano quelle. E non esagerare mai con verdure troppo "forti", tipo cipolle, ne basta una piccola quantita' per dare il sapore. Ricorda che a differenza della pentola il tutto rimane racchiuso. Infatti proprio per questo e' molto meglio usare il porro che la cipolla.

Perche' siete contrari all'uso del forno? Ha il grosso vantaggio che il cibo cuoce molto piu' omogeneamente, a differenza della pentola o tegame in cui bisogna rivoltare sempre. La cottura al cartoccio poi richiede meno tempo sia della cottura classica sui fornelli, che quella al forno.

L'unico problema e' un po' quello comune anche con la pentola a pressione: non si puo' controllare la cottura (o almeno, non e' semplice). Per questo bisogna sperimentare un po', non avendo paura se la prima volta non e' perfetto. Come tutte le cose, bisogna farci l'abitudine. Ma ripeto: e' molto piu' semplice di quanto sembri, e a meno di fare errori grossolani (come ho fatto anche io la prima volta che ho messo troppe cipolle: MAI PIU') il risultato e' sempre accettabile.

iaia
30-06-15, 20: 30
Hai ragione, mai troppi aromi! Quella volta mi hanno davvero disgustato.
Parlo di molti molti anni fa, la carta da forno probabilmente non c'era, o non era di uso comune.

Ora io spesso cuocio in padella con fuoco molto basso, è un'ottima imitazione del forno.

Credo di averlo già detto. Con lo stesso sistema della fiamma bassissima faccio degli ottimi fiori di zucca impanati e "fritti" senza olio.
Vengono friabilissimi e (ovviamente) per nulla unti.

Armandillo
01-07-15, 12: 21
:bai


Perche' siete contrari all'uso del forno? Ha il grosso vantaggio che il cibo cuoce molto piu' omogeneamente, a differenza della pentola o tegame in cui bisogna rivoltare sempre. La cottura al cartoccio poi richiede meno tempo sia della cottura classica sui fornelli, che quella al forno.

Interessante Marco questo procedimento, che non ho mai provato...il microonde si puo' usare ? Lo hai provato ?

Andy86
01-07-15, 13: 11
:bai

Secondo me il microonde va bene solo se dispone di una funzione grill/crisp, altrimenti no.

Io nel microonde uso il grill per imitare la cottura del pane nel forno normale, spengo le microonde (a zero) e lascio andare solo il grill per dieci minuti, il pane esce come dal forno normale senza bisogno di aspettare che si scaldi.

iaia
01-07-15, 13: 16
E non ti brucia, il pane? cuoce sopra e sotto?

Secondo me il cartoccio al grill brucia
Io non uso il grill del microonde perché fa puzza e fumo.

MarcoStraf
01-07-15, 23: 44
:bai



Interessante Marco questo procedimento, che non ho mai provato...il microonde si puo' usare ? Lo hai provato ?
Non ho mai provato il microonde, che uso solo per riscaldare e scongelare. Ma la carta da forno va perfettamente bene da usare nel microonde (e' fatta con carta riciclata ricoperta da silicone e sopporta temperature fino a 232 gradi centigradi). Il pesce al cartoccio come quello che ho descritto io cuoce nel microonde a massima potenza in soli due minuti (almeno e' quello che ho letto nei miei libri di cucina)

MarcoStraf
03-07-15, 17: 18
Preparazione:
Accendere il forno a 400F (fate la conversione in centigradi)
Tagliare una carota a fettine sottili e disporle sulla carta.
Mettere i filetti di pesce sopra la carota.
Spruzzare il pesce con succo di limone e poca erbetta (qui ho usato della salvia)
Coprire il pesce con sottilissime fettine di limone.
Aggiungere alcune verdure (qui ho usato teste di broccoli)
3193
Chiudere la carta arricciando i bordi
3194
Infornare per 10-12 minuti
Preparare un contorno (io uso in genere o cuscus integrale o riso integrale, entrambi si preparono in meno di dieci minuti.
Servire in tavola e buon appetito!
3195
La carta da forno può essere riusata più volte, basta pulirla passandoci sopra una salvietta umida, arrotolarla e metterla in frigo.

Edit: a quanto pare le foto prese dal mio iPad vengono visualizzate invertite alto con basso.
Beh, rendono l'idea. :)

iaia
03-07-15, 17: 28
Come sei ordinato, complimenti!
(fotografa con l'iPad capovolto...)

Armandillo
14-09-15, 13: 05
:bai

Questa e' una info per buongustai: si puo' comprare e cucinare la pajata o pagliata !!!!!!!!!! :gogo

Gia', l'Europa ha tolto il divieto di consumazione per questo alimento, una volta considerato molto umile, ed io ne ho subito approfittato gustandolo ieri a pranzo 3241

iaia
14-09-15, 19: 18
Non sapendo cosa fosse sono andata a cercare.
Per tradizione qui si mangiavano le interiora, per esempio quelle di pollo, ma si lavavano accuratamente. E' il pensiero del latte digerito che contengono le vostre che mi nausea.

marcella36
14-09-15, 19: 49
I rigatoni co' la pajata sono sempre stati un must, in tempi moderni ristoratori nelle vicinanze del mattatoio sono arricchiti per l'afflusso di stranieri e star, così un cibo tradizionalmente popolare fin dal medioevo divenne un piatto turistico. Anche per la coda alla vaccinara vale il medesimo discorso. Il fritto misto romano che oltre altre cose prevedeva cervello, animelle, schienali penso siano ormai in pochi a cucinarlo e a gustarlo anche perché richiede tempo e bravura. Per quanto mi riguarda anche se lontana quando ho potuto (raramente) ho mantenuto queste tradizioni. Vi lascio volentieri le polpette di soia.

Andy86
14-09-15, 20: 12
Ma chi è che ha detto che per mangiare cose strane bisogna andare al cinese? :lol:

iaia
14-09-15, 20: 40
A parte che io la soia non la mangio, nè sotto forma di polpette nè di altro (a parte la lecitina che quella ce la ritroviamo in molti alimenti e che se avessi più pazienza eviterei anche quella), è proprio così vergognoso che io non mi voglia nutrire col latte già digerito da un animale appena prima di essere ucciso?
Non dovrebbe esserci l'obbligo di dover apprezzare un cibo solo perché piace a quasi tutti.
Anche le cavallette fritte piacciono a quasi tutti, ma io non le mangio. Solo che l'idea della cavalletta fritta non mi nausea.

Armandillo
14-09-15, 21: 35
:bai

Il discorso sarebbe lungo Iaia perche' se andassimo a vedere bene cosa, come e quando un alimento viene preparato credo che dovremmo rivedere le nostre idee :sisi
Che la pajata non possa piacere in quanto al gusto, beh, sfiderei, in onesta' s'intende, chiunque a dimostrare il contrario :hap se pero' ci sono altre motivazioni queste ultime vanno rispettate.
Da piccolo un po' cresciuto la "beba", cioe' la verdura, non potevo proprio digerirla a tal punto che mi veniva di rigurgitarla e la gruviera pensavo puzzasse di piedi sporchi, pensa un po' :ghgh
Ora mangio la verdura e la gruviera e' il mio formaggio preferito ma, per esempio, la fiorentina non la mangerei mai così come tutti i generi di carne cruda !
Dico sempre che nessuno puo' affermare che un alimento non piace senza averlo almeno assaggiato :boh

La pajata, la trippa e la coratella rientrano tra quegli alimenti che essendo legati alle parti meno nobili dell'animale spesso vengono gia' preventivamente mal giudicati allo stesso modo, per esempio, del sanguinaccio e tutto cio' e' comprensibile ma e' altrettanto innegabile che col tempo tanta gente, uno sono io, li ha elevati a piatti di gran gusto e molto ricercati.

Per questo dico che si deve rispetto sia a chi li apprezza sia a chi li disprezza.

Armandillo
10-11-15, 19: 55
:bai

Dato che Marcella me l'ha chiesto molto volentieri daro' la ricetta della caponata...quella che conosce la mia compagna :sisi

Ingredienti per 4 persone circa:

- 5/6 patate medie
-1 melanzana
- 2 zucchine
- 3 peperoni rossi
- aglio
- sale
- olio
- cipolle

1 fase

- tagliare a dadini le patate e condirle con sale, olio e aglio
- mettere nel forno fino a parziale cottura

2 fase

- in padella cuocere zucchine e melanzana tagliate a dadini solo con olio e sale

3 fase

- cuocere in padella i peperoni tagliandoli a strisce assieme ad una cipolla tagliata finissima

Quando le patate sono semicotte aggiungere tutti gli altri ingredienti fino a termine cottura e....buon appetito :hap

marcella36
12-11-15, 19: 52
Ti ringrazio molto Arma e insieme la tua compagna, questa ottima ricetta io la chiamo (come diceva mia madre) "Fricandò"
Ma io stavo pensando ad una ricetta meridionale detta appunto Caponata di melanzane, potrei fare una ricerca ma sono diventata pigra.

iaia
12-11-15, 20: 06
Marcella, intendi forse questa?
Ricetta Caponata - Le Ricette di GialloZafferano.it (http://ricette.giallozafferano.it/Caponata.html)

marcella36
19-11-15, 20: 03
Si, grazie iaia è proprio quella. Scusami per il ritardo nella risposta :forgive:fleurs

iaia
19-11-15, 21: 45
Ci mancherebbe, rispondiamo quando possiamo!
:bai

Armandillo
08-08-16, 18: 36
Che mangiamo ? Cosa mangiano ?

Insalata giapponese (https://www.youtube.com/watch?v=v2Yc9xUcrGw)

:boh:shock

marcella36
09-08-16, 11: 46
Preferisco mangiare l'erba di un prato.

iaia
13-08-16, 10: 12
Anche io mangio sempre le erbe spontanee. Non raccolte nei prati, non mi fido. Quelle che nascono o che semino nel mio orto e poi le raccolgo.

Ho visto il video e ne ho cercati altri.
Non le mangiano, sono modelli di cera per esposizione nei ristoranti.
Per non esporre e rovinare cibo vero
https://www.youtube.com/watch?v=9y2Ej3AZ4c0
https://www.youtube.com/watch?v=YsBWIipA-jE

Matisse
17-08-16, 12: 11
In ogni caso è sempre meglio mangiare l'insalata dei nostri orti.

Andy86
02-11-16, 20: 07
:bai

Oggi ho provato un procedimento particolare per fare le caldarroste, ottenuto mettendo insieme più metodi, e mi sono venute veramente squisite.

Ho fatto così:

Dopo aver lavato le castagne le ho tagliate a croce solo sul lato tondeggiante, per quelle non tondeggianti su uno a caso. (ma forse la prossima volta proverò a tagliarle di più).

Poi le ho messe a bagno in acqua fredda salata, sciogliendo una bella manciatona ad occhio di sale grosso, per almeno venti minuti (abbondanti).

Quindi le ho tolte dall'acqua e le ho asciugate con uno strofinaccio (che così si è inumidito).

Le ho messe in una padella senza buchi (altrimenti con i buchi mi bruciavano troppo senza cuocere) e le ho cotte per circa 20/30 minuti, controllando ad occhio quando il colore di quelle più aperte tendeva al giallo e girandole di tanto in tanto.

Poi le ho trasferite nello strofinaccio umido con cui le avevo asciugate e appena non scottavano più... sotto a chi tocca!!! http://www.hic-sunt-leones.info/Smileys/default/slini4qb.gif

---

Ultimamente quest'anno mi erano sempre venute insipide, avevo già fatto prove con il sale direttamente in padella, ma alcune erano venute troppo salate e alcune comunque insipide, e poi la buccia a molte non si stacca mai.

Ho visto che molti su internet mettono a bagno le castagne dopo averle tagliate, così ho voluto provare, ma con la variante di aggiungere il sale nell'acqua invece che in padella, così che si assorbisse, e ha funzionato.

Solo alcune in cui il taglio era rimasto troppo piccolo o chiuso sono rimaste insipide e/o con la buccia attaccata, ma per la maggiore non riuscivo più a fermarmi, meno male che il mio stomaco si riempie in fretta!!! :ghgh (ma tanto io son quello che ha fatto la fatica di raccoglierle, quindi me ne spettano di più... :tong2)

So che c'è chi usa insaporirle con vino e/o birra invece che con il sale, ma a qualcuno che le ha assaggiate non sono piaciute, dicono che cambiano il sapore, perciò evito.

Matisse
02-11-16, 20: 47
Ho sempre preparato le caldarroste con il metodo tradizionale, ma questo lo proverò senz'altro :thx

marcella36
03-11-16, 10: 52
Ciao a tutti, grazie ad Andy confermo che non si finisce mai d'imparare. Peccato che le castagne costino tanto

iaia
03-11-16, 13: 07
Non mangio le castagne da un bel po'.
Ultimamente facevo una cottura ibrida, prima microonde poi padella forata sul gas.
Assolutamente niente sale!

Matisse
03-11-16, 14: 13
Non le ho mai preparete nel microonde, come funziona?

Andy86
03-11-16, 15: 05
Nemmeno io... ma mi hanno detto che sanno di castagne bollite. :m:
A me piacciono anche bollite, ma ad altri no. E poi per fare caldarroste bisogna approfittarne finché ci sono.


Assolutamente niente sale!

Anch'io fino a quest'anno non ho mai messo il sale, però le castagne (per altro prese sempre negli stessi boschi) non sono mai state così insipide come quest'anno... oltretutto fatte con il sale mi sembra si avvicinano di più a quelle fatte dai caldarrostai in piazza.

Armandillo
03-11-16, 17: 49
:bai

Io le ho fatte sempre nel forno dopo averle intaccate e preferisco così che sul gas.
Non ho mai sentito qualcuno che ha messo del sale :boh

Andy86
03-11-16, 19: 04
Al forno me le hanno sconsigliate perché pare ci voglia troppo tempo. Almeno chi le fa dice ci impiegano quasi due ore per essere cotte. :boh
Poi può essere che ci voglia un forno più moderno, oppure che a te piacciano più dure o al dente.

iaia
03-11-16, 20: 02
Le ho preparate davvero molti anni fa, non ricordo esattamente.
Le ho incise, quello sicuramente, altrimenti a microonde esplodono.
Se dovessi farle adesso le metterei in una ciotola coperta o in un sacchetto per microonde, in modo che resti dentro l'umidità, e le cuocerei a potenza non troppo alta, mescolandole di tanto in tanto.

Poi le avevo tostate nella pentola bucata sul gas piuttosto alto. Penso sia il sistema più veloce.

Tantissimi anni fa, quando a scuola si potevano ancora mangiare cose estranee alla mensa, avevamo fatto le caldarroste su un braciere autocostruito. Buonissime... ma preparazione assai lunga, e sbucciare castagne per una scolaresca intera mi fece cuocere le mani.

Armandillo
05-11-16, 15: 14
:bai

In effetti cuocendole nel forno ci vuole piu' tempo ma il risultato e' sicuramente ottimo :sisi

Armandillo
06-11-16, 08: 09
:bai

Per curiosita' ho una domanda per Iaia, ma non solo:
vi risulta che nel broccolo si possano annidare i tagliaforbici ?

3481

iaia
06-11-16, 15: 31
Si annidano un po' ovunque, possibile anche se improbabile, perché per coltivare le verdure in genere usano una quantità di pesticidi e ben poco sopravvive.

Armandillo
06-11-16, 17: 46
Beh, da una parte il fatto che vi fossero e' indice probabilmente di un prodotto "ecologico" senza pesticidi ma dall'altra il fatto che vi fosse una femmina con uova e dei piccoli mi fa capire che il "nido" era lì da tempo :boh
E' la prima volta che mi capita poiche' prima mi succedeva talvolta di trovare dei minuscoli acari e venendo fuori quasi sempre solo alla bollitura alla fine buttavo tutto e cambiavo menu' :sisi

iaia
07-11-16, 14: 36
La foto è dell'esemplare rinvenuto nel tuo broccolo?
Perché ha le "pinze" curve, quindi è maschio.
Il maschio difende il nido, niente di strano che stesse in un nido, ma di solito lo fanno sotto terra, non nei broccoli.:boh

Penso che il modo migliore per cucinare il broccolo sia di staccare delicatamente le cimette, lavarle e metterle in un cestello per cuocerle a vapore. Io uso anche il "tronco" che si può lessare a parte oppure assieme, mettendolo però un po' prima perché è più duro.
Con "broccolo" si intendono tutta una serie di verdure. Dalle mie parti il broccolo ha le cimette.

Andy86
07-11-16, 16: 36
All'inizio di questo thread c'è un illuminante post di Marcella sui vari tipi di broccoli:
http://www.collectiontricks.it/forum/sweetbar/Ct3706-mangiamo.html#post99570



di solito lo fanno sotto terra, non nei broccoli.:boh

Magari quei broccoli sono stati conservati a lungo lontano dalla terra (scatole in un magazzino di supermercato?) e quegli "esemplari" che si sono portati dietro non hanno trovato posto migliore che quello.

Armandillo
07-11-16, 16: 46
La foto è dell'esemplare rinvenuto nel tuo broccolo?
Perché ha le "pinze" curve, quindi è maschio.
Il maschio difende il nido, niente di strano che stesse in un nido, ma di solito lo fanno sotto terra, non nei broccoli.:boh

Specifico: quei broccoli non sono di supermercato ma provengono da uno di quei fruttivendoli che vendono i propri prodotti e questo forse spiega la probabile mancanza di pesticidi :boh
Al lavaggio prima e' uscito un tagliaforbici poi l'altro che sicuramente era femmina perche' dietro alla coda aveva attaccate delle uova :sisi poi ancora guardando meglione ho visto uno piccolissimo.
A quel punto non mi sono soffermato ed ho gettato tutto.

In passato di tagliaforbici ne trovai nelle pesche di quel tipo (credo spaccarelle) che hanno un foro sul picciolo

:bai

iaia
07-11-16, 17: 13
Io le trovo nei semi di chimomanthus praecox, che sarebbe il calicanto d'inverno, e in genere negli spazi ristretti, quindi ha un senso che si siano rintanati nel broccolo, anche se di solito preferiscono la terra. Ho visto solo una volta un piccolo, di colore bianco ma già formato.

Andy86
15-01-17, 10: 31
:bai

Cercando di passare oltre il discorso precedente e non immaginare anche i dolci "infestati"... (:ghgh)



Ieri ho provato a fare la Torta di riso senza mars

Visto che dicono che i mars sono pieni di ingredienti "extra" che sarebbe meglio evitare, ho provato a sostituirli con ingredienti più naturali ricreandone la composizione.

Ho messo:
60g di miele (dovrebbe funzionare anche il caramello (zucchero sciolto), ma è più difficile da gestire)
60g di cioccolato (io ho usato quello al latte per una questione di gusti, penso funzioni anche con quello fondente)
20g di burro
75g di riso soffiato (ho fatto una dose piccolina per prova, se aumentate la dose di riso aumentate anche il resto in proporzione).

Ho sciolto il miele in padella, quando era quasi liquido ho aggiunto il burro e il cioccolato a pezzettini e ho continuato a mescolare finché non si è sciolto tutto in un unico composto cremoso, quindi ho aggiunto il riso soffiato a fontana e ho mescolato finché non è diventato tutto un unico composto dello stesso colore.

A questo punto ho versato il tutto in una pirofila piccolina (per la quantità di impasto) foderata con la carta forno leggermente bagnata, aiutandomi prima con il cucchiaio e poi con i lembi della carta forno ho lisciato la superficie schiacciando leggermente.

Ho lasciato raffreddare a temperatura ambiente e poi ho messo in frigo fino a completa solidificazione.

Dopo la prima consumazione non ho più rimesso in frigo (le temperature odierne non sono tali da richiederlo) in modo che non fosse troppo fredda.

Il risultato è spettacolare. Buonissima. Sfido chiunque a distinguere questa torta da quella classica con il mars, a parte forse il colore un po' più scuro e la consistenza leggermente meno friabile (ma anche in quella originale dipende sempre da quanti mars ci si mette).

Buon appetito.

Andy86
02-09-17, 20: 49
:bai

Stasera ho assaggiato la pizza romana dell'esselunga, la forma era proprio quella della pala ovale di Arma (https://www.collectiontricks.it/threads/6353-Archiviato-La-persona-sotto-di-me-8?p=247388#post247388), la versione era quella margherita, mozzarella e pomodoro.

Il sapore era quello di una normale pizza, ma devo dire che mi è piaciuta molto la particolare consistenza, una pizza così croccante non l'ho mai assaggiata, né in pizzeria, né dal fornaio. Parte della crosta l'abbiamo lasciata perché troppo dura, ma sicuramente ha influito il fatto di riscaldarla nel forno di casa, perché ormai si era raffreddata, ma le altre pizze non escono così neanche quando le scaldi.

:clap

Armandillo
04-09-17, 16: 48
:bai Andy

Felice che ti sia piaciuta :sisi
Scartare il bordo e' abbastanza normale in quel tipo di pizza poiche' non viene "stirata" come quelle tonde :bohdove, al contrario, il bordo talvolta e' molto appetitoso anche non essendo condito e poi riscaldandola in forno si asciuga, forse verrebbe meglio col microonde che invece l'avrebbe ammorbidita :sisi

Insisto su quella bianca spaccata e farcita con fichi...non la scordereste piu' ! :bgg2

iaia
04-09-17, 17: 30
Per Arma: Pizza nel microonde?
Per Andy: non la prenderò... non oso nemmeno immaginare di potere mangiare la pizza... curiosità: la vendono all'Esselunga ancora calda?

Armandillo
04-09-17, 17: 42
Per Arma: Pizza nel microonde?
Per Andy: non la prenderò... non oso nemmeno immaginare di potere mangiare la pizza... curiosità: la vendono all'Esselunga ancora calda?

:bai Iaia

:shock...mi sono perso qualcosa ? Perche' non puoi mangiare la pizza ?

Che io sappia la pizza non solo e' venduta alla Esselunga ma anche in tutti i supermercati piu' grandi :sisi

La pizza nel microonde ? Certo !
Per un periodo breve compravo pizze surgelate e lì le scongelavo poi per un altro breve periodo ci mettevo tranci di pizza di vario tipo scaldandoli e il risultato, dopo aver trovato il giusto equilibrio tempo/intensita', e' stato ottimo.
Se nel microonde metti il pane per scongelarlo, perche' non la pizza :boh

iaia
04-09-17, 17: 47
Non mangio la pizza (e nemmeno tante altre cose) causa dieta perenne. In pratica per non ingrassare devo mangiare un quarto rispetto alla media della popolazione.
Ora mi sono un po' stancata e sto mangiando anche cose che mi sarebbero assolutamente proibite, tipo frutta e pomodori, ho mangiato un paio di volte un uovo intero anziché solo l'albume, ma pane, pasta e pizza penso che non potrò mai.
Mi chiedevo perché la pizza a microonde proprio perché il pane viene malissimo.

Armandillo
04-09-17, 17: 55
Non mangio la pizza (e nemmeno tante altre cose) causa dieta perenne.....Mi chiedevo perché la pizza a microonde proprio perché il pane viene malissimo.

Mi spiace tu debba privarti di cotanto prelibato alimento :sisi ma una volta al mese penso che potresti mangiarla :sisi

Il pane non viene male...certo se lo mangi troppo tardi si indurisce subito ma appena scongelato va benone.
La pizza, ti assicuro, scaldata al punto giusto resta gustosa, forse solo un po' ammorbidita ma non e' detto che cio' sia un male

:bai

iaia
04-09-17, 17: 57
Allora mi fido!

Andy86
04-09-17, 18: 05
Curiosità: la vendono all'Esselunga ancora calda?

Come tutte le cose di panetteria dell'esselunga va a fortuna.
Loro la mettono sugli scaffali ancora calda, ma poi si raffredda.
Se capiti al momento giusto, appena hanno rifornito lo scaffale, la trovi calda.
Se no la trovi fredda.

----

Anche a me non piace il pane scongelato al microonde (a meno che uso la funzione grill-combinata) mi pare che viene gnucco, più che morbido.

Piuttosto preferisco in forno normale o padella, anche se viene secco, tanto a me piace il pane secco.

(Quando ero piccolino e, come tutti i bambini, mettevo in bocca di tutto, mia nonna ne metteva un pezzo raffermo sulla stufa a legna apposta per indurirlo e darmi qualcosa da mettere in bocca... e io lo mangiavo tutto. :bgg2)

Andy86
09-09-17, 13: 42
:bai

Voi come li cucinate i fagioli freschi?

Io la prossima volta dovrò provare con la pentola a pressione, perché in pentola normale ci vuole quasi un'ora e mezza, poi dicono che uso troppo gas. :wall
Solo che con la pentola a pressione non posso mettere il sale a metà cottura, e magari metterlo prima i fagioli scoppiano... :m:
(metterlo in fine cottura poi non mi piacciono perché non lo assorbono).

Tra l'altro in pentola normale tengo a fiamma minima senza quasi far bollire, faccio bene o tanto vale?
In pentola a pressione credo che cambi poco.

Ps: io ci faccio cuocere insieme anche una piccola patata perché ho letto che assorbe gli zuccheri e gli fa mettere meno aria nella pancia.
Per ora sembra che funzioni. :m:

iaia
09-09-17, 14: 31
Che io sappia ai legumi non si mette mai il sale e io non lo metto.
Non credo che scoppino, più che altro la buccia indurisce.

Perché nella pentola normale lo metti e in quella a pressione non puoi?

Siccome nei fagioli ci sono sostanze non molto salutari, che in parte si eliminano mettendo in ammollo quelli secchi, penso che potresti provare a mettere in ammollo anche quelli freschi. Ovviamente per pochissimo tempo.
Non sono pratica, io i legumi non li potrei nemmeno assaggiare (invece una volta al mese circa un piccolo assaggio di legumi lo faccio. Questa trovata l'ho pensata adesso.
Invece il mio ex amico bulgaro, convinto sostenitore della velenosità dei legumi, diceva che per eliminare almeno in parte gli anti nutrienti che contengono occorre cambiare anche l'acqua di cottura.
Farlo non è semplice. Se si interrompe l'ebollizione si rischia di bloccare per sempre la cottura.
Si dovrebbero mettere i fagioli in una pentola, ma non liberi, possibilmente dentro a quei cestelli che servono per scolare. Mettere a bollire una seconda pentola con altra acqua e mantenerla in piena ebollizione. Dopo una decina di minuti di bollitura estrarre dalla prima pentola il cestello contenente i fagioli e il più rapidamente possibile metterlo nella seconda pentola.

Se li metti a bollire senza farli bollire... non cuoceranno mai.
Consiglio di un'altra mia amica per risparmiare il gas: coprire la pentola. Lei aveva cucito un grazioso copri pentola imbottito con un vecchio maglione. Attenzione: il copri pentola non deve toccare la fiamma, nè parti della pentola roventi. Altrimenti va tutto a fuoco!!!

Andy86
09-09-17, 14: 57
Perché nella pentola normale lo metti e in quella a pressione non puoi?

Intendevo che siccome dicono di mettere il sale alla fine, ma a me non piace, io faccio un compromesso e lo metto a metà cottura.
Però con la pentola a pressione non posso perché non posso aprirla a metà cottura (se no perde la pressione).

Tra la pellicina un po' dura e i fagioli insipidi preferisco la prima.


penso che potresti provare a mettere in ammollo anche quelli freschi. Ovviamente per pochissimo tempo

C'è un piccolo dettaglio... i fagioli sono surgelati, sono quelli che ho raccolto a luglio, mica potevo consumarli tutti subito.
I fagioli li vendono anche surgelati, e ho pensato che era meglio che seccarli proprio perché così non dovevo ammollarli il giorno prima.

Solo che scongelati a freddo in teoria potrebbero spappolarsi, dicono di metterli in acqua fredda e poi scaldare per evitare che si spappolano.


Dopo una decina di minuti di bollitura estrarre dalla prima pentola il cestello contenente i fagioli e il più rapidamente possibile metterlo nella seconda pentola.

Si, ci avevo pensato. Però magari non dopo dieci minuti ma almeno quando l'acqua comincia a diventa nera.
Comunque nella pentola a pressione non si può fare.



Se li metti a bollire senza farli bollire... non cuoceranno mai.
Consiglio di un'altra mia amica per risparmiare il gas: coprire la pentola. Lei aveva cucito un grazioso copri pentola imbottito con un vecchio maglione. Attenzione: il copri pentola non deve toccare la fiamma, nè parti della pentola roventi. Altrimenti va tutto a fuoco!!!

Ma se li faccio bollire troppo scoppiano. E poi avevo provato anche a farli andare a fiamma più alta. Cambia pochissimo. Si asciuga l'acqua più rapidamente, ma il fagiolo non cuoce lo stesso.

Il copri-pentola non capisco come sarebbe fatto, una specie di coperchio?

E poi come fa a far risparmiare gas? Il gas che esce è sempre quello, non è che se scalda di più ne esce di meno...

iaia
09-09-17, 15: 26
La pentola a pressione si può aprire. Certo bisogna spegnerla, fare diminuire a sufficienza la pressione, aggiungere gli ingredienti e poi richiudere. Io quando cucinavo lo facevo. Ci sono cestelli anche per la pentola a pressione.

Se sono congelati prova con il cambio dell'acqua.
Non andrebbero mai buttati nell'acqua bollente, nè freschi nè secchi nè congelati.
Acqua bollente solo se stanno già bollendo, per cambiarla senza fargli perdere il bollore (me lo diceva il bulgaro, io non l'ho mai fatto).



Il copri pentola... è una specie di cappuccio che si mette sopra, così la pentola emana meno calore e serve meno gas per fare bollire il contenuto. Continua a bollire anche dopo avere spento il fuoco. Copre la parte sopra e i lati della pentola.
Se il gas non si può abbassare ulteriormente io lo abbasso dalla parte sbagliata. Nel senso in cui lo si spegne.

Non trovo la foto del copri pentola della mia amica.
Aveva visto questo
http://www.iocasa.it/cucina/risparmiare-cucina-wonderbag-borsa-fornello
e ne aveva fatto uno simile, dove mettere la pentola dopo aver spento il fuoco, e uno fatto al contrario. Un cappuccione da mettere sopra alla pentola per non disperdere il calore mentre cuoce.
Da usare con le cautele sopra esposte: fuoco basso e stoffa lontana dal fuoco.
E' una soluzione un po' estrema... per veri risparmiatori.

Un altro modo per risparmiare potrebbe essere quello di lessare subito una buona quantità di fagioli freschi e di congelarli già cotti.

Andy86
09-09-17, 15: 34
Se il gas non si può abbassare ulteriormente io lo abbasso dalla parte sbagliata. Nel senso in cui lo si spegne.

Con il fornello vecchio e scassato di mia nonna lo facevo pure io... però con quello di casa il minimo è già bassissimo, ma mi dicono lo stesso che più di un'ora di gas è comunque troppo.


Un altro modo per risparmiare potrebbe essere quello di lessare subito una buona quantità di fagioli freschi e di congelarli già cotti

Potrebbe essere.
Io avevo letto che congelarli cotti poi si spappolavano alla scongelatura... :m: così ho deciso di congelarli crudi.

iaia
09-09-17, 15: 58
Non, so, non ho provato a congelarli cotti.
Ho visto su internet che si possono conservare in vasi sterilizzati, ma io non mi fiderei. Non ci si mette l'aceto, e senza aceto è facile che i prodotti in vaso di vetro vadano a male, nonostante la sterilizzazione.

iaia
10-09-17, 21: 56
Mi spiace tu debba privarti di cotanto prelibato alimento :sisi ma una volta al mese penso che potresti mangiarla :sisi

Arma, oggi ho fatto la pizza...

Armandillo
11-09-17, 16: 22
Arma, oggi ho fatto la pizza...

:clap....ho messo un "grazie" visto che i "mi piace" non li vedo piu' :boh e spero ti sia venuta bene :sisi

iaia
11-09-17, 18: 04
E' vero, il "mi piace" è sparito con l'ultimo aggiornamento. :triste
Ho fatto una semplicissima pizza in padella. E' piaciuta anche a mia mamma.
Avevo un pezzetto di lievito di birra congelato da... forse da un paio d'anni...
Impastata, tirata sottilissima, e cotta in padella col coperchio. Prima cotta da un lato, girata, farcita alla velocità della luce e incoperchiata di nuovo.
Prima la facevo spesso, anche senza farcitura, da usare al posto del pane. Avevo la pasta madre. Mi piaceva riempirla di insalata o cicoria.

Matisse
11-09-17, 18: 58
Non avevo mai sentito che la pizza si potesse fare anche in padella... la proverò senz'altro.

iaia
11-09-17, 21: 06
Ti racconto come è nata la cosa.
Tempo fa una mia amica mi fece iscrivere a un forum di cucina. Sarei ancora iscritta ma non entro da anni. Lì cucinano cose molto... come dire... chic, rispetto ai miei standard. Io cucino principalmente verdure strane che coltivo nell'orto oppure erbe spontanee, che coltivo o raccolgo. Già allora non usavo il burro, non ho mai pesato niente e sono abituata a una cucina che è più arte che scienza. Nel senso che uso quello che ho, non seguo le ricette, non pesavo niente (ora con i conti delle calorie mi tocca) e non raramente inizio con l'idea di cucinare una certa cosa e finisco con l'ottenere tutt'altro.
Insomma, non ero adatta per quel forum, dove gli iscritti andavano nel panico se la ricetta richiedeva 43 grammi di un certo ingrediente e loro avevano la bilancia con la divisione minima di 2 gr. e non sapevano come fare a pesare esattamente i 43 grammi.

lì alcuni facevano la pizza in un modo strano. Non sono certa di ricordare tutto alla perfezione. A grandi linee accendevano il forno a temperatura altissima, iniziavano a cuocere la pizza in padella e la trasferivano nel forno, per simulare le altissime temperature di un forno da pizzeria.
Provai anche io, bruciai al primo utilizzo una teglia nuova che mi aveva regalato un'amica che le produce, un'altra rimase deformata, un'altra perse lo smalto... e alla fine decisi che era meglio cuocerla completamente in padella, con l'accorgimento di cuocere prima un lato, girarla, condirla velocemente e ricoprirla col coperchio. Ci vuole un po' di pratica, la pasta sottile, il fuoco alto, tutti gli ingredienti di farcitura già pronti per fare tutto supervelocemente e una padella un po' spessa.
Io la faccio senza olio, mia mamma vuole la padella ben unta.

Mi trovavo benissimo con le "piadine" di pasta madre.
Prima facevo il pane in forno, tipo ciabatte o pagnotte, ma da quando ho avuto troppo male alle mani e non sono più riuscita ad incordare l'impasto ero passata alle piadine.

Matisse
12-09-17, 09: 44
Ho in freezer una pizza ai formaggi surgelata, provo a scongelarla nel microonde e poi la passo in padella. Ti faccio sapere cosa viene fuori..

iaia
12-09-17, 13: 27
Prova. Non ho mai provato con una già cotta.

Matisse
12-09-17, 13: 38
Ho lasciato scongelare un'oretta fuori dal freezer la pizza, poi l'ho messa 5 minuti nel microonde così il formaggio si è sciolto, poi l'ho messa in padella con coperchio per 2/3 minuti stando attenta a smuoverla sotto ogni tanto con una paletta perchè altrimenti tentava di attaccarsi al fondo della padella. Quando sotto è diventata dorata e sopra si era sciolto tutto l'ho messa sul piatto e devo dire mi è piaciuta. Certo nel forno diventa più croccante però così è più veloce.

iaia
12-09-17, 13: 52
Ottimo! Forse 5 minuti nel microonde è troppo. Era a potenza bassa? altrimenti diventa gommosa

Matisse
12-09-17, 16: 27
Se la pizza si è già ben scongelata magari ne bastano anche meno e la potenza era normale.

iaia
15-09-17, 17: 04
Bene, bene.
A me la pizza ha fatto male. Ho iniziato ad assaggiare anche qualche altra cosa e in un questi pochi giorni ho preso un kg e mezzo.

Vado a raccogliere un po' di verdura per cena! Probabilmente farò una minestrina di chenopodio. Erbaccia infestante.

Matisse
15-09-17, 17: 22
Ho cercato chenopodio e dopo aver visto l'erba penso che preferisco ancora una bella pizza :bgg2

iaia
15-09-17, 19: 45
Ma il mio è il gigantheum! Non è considerato degno di un nome a se, così i botanici lo assimilano alla varietà album, ma ti assicuro che
non ha niente di bianco.
Quest'anno è rimasto bassetto, ma qualche anno fa è arrivato a 3 metri. Da qui gigantheum.
3642

Matisse
16-09-17, 11: 27
Non mi riferivo all'altezza della pianta, ma al fatto che preferisco comunque una bella pizza ad una minestra :bgg2 Scusa la battuta, ovviamente avrai i tuoi motivi per fare il contrario.

iaia
16-09-17, 12: 43
Certo! Era solo per dire che i miei, da piccoli, sono più graziosi dei chenopodi comuni.

A volte assaggiate qualcosa di strano?
Io qualche giorno fa ho comperato una formaggella spalmabile di riso.
Non sono vegana nè vegetariana. Sono intollerante al lattosio ma non ne faccio una malattia, non prendo quasi mai nemmeno i formaggi senza lattosio, che ora si trovano dappertutto.
Era così per provare.
Non male, la formaggella di riso, pensavo peggio. Ma... di sicuro non la riprendo. A parte il costo che mi pare esagerato (4 euro per 200 gr.) è grassissima, impossibile da digerire. Contiene olio di cocco, sarà quello?

Dai, ditemi se avete comperato qualcosa di inusuale e se vi siete pentiti o convertiti.

Matisse
16-09-17, 13: 05
Ho voluto provare il seitan ( già pronto da consumare) e l'ho messo subito nella lista dei cibi che non comprerò più. Per me che ama i cibi gustosi è stato come mangiare un pezzo di gomma.

Andy86
16-09-17, 13: 06
:m:

Stando sui formaggi, che mi piace assaggiare, mi è capitato spesso si comprare formaggi pensando che fossero buoni e prendermi grosse delusioni.
Oggi spesso ai supermercati si trovano formaggi che dovrebbero essere stagionati, almeno al primo stadio, e invece non lo sono neanche lontanamente.
Ci sono certi "piave" e "montasio" che invece sanno di fontina. E stagionati sarebbero buoni. :whip

Tra l'altro, mi chiedo perché i formaggi stagionati non dovrebbero avere lattosio.

L'anno scorso, ad una fiera enogastronomica, ho comprato un pezzo di pecorino sardo da venditore sardo, il venditore voleva vendermi mezza forma, io ne volevo una fetta da assaggiare, alla fine ci siamo "accordati" su un quarto di forma, e inizialmente mi sono pentito di averne preso così tanto... alla fine invece era così buono che sono stato contento di averne avuto abbastanza per quasi tutto l'inverno. :ghgh

iaia
16-09-17, 13: 16
Con la stagionatura o fermentazione il lattosio si autodigerisce. E' vero che i formaggi stagionati non hanno lattosio.
All'inizio del problema mi faceva male anche il grana, ora che mi sono stabilizzata i formaggi stagionati e lo jogurt li posso mangiare, formaggi freschi tipo fontina e quartirolo no.
Dipende dalla gravità dell'intolleranza.

iaia
16-09-17, 17: 52
:ghgh
A proposito di novità alimentari, mi è capitata una cosa che non avrei mai pensato possibile.
Vi fornisco la storia lunga.
Ho una vicina che frigge in continuazione e mi dà sempre l'olio usato.
Io lo uso per preparare il sapone da bucato. (ma in realtà lo uso anche per tutte le pulizie: pavimenti, piatti...)
Oggi le ho portato un panetto di sapone fatto con il suo olio, per ricambiare il fatto che mi dà l'olio... poi le piace, dice che lava meglio di qualsiasi altro sapone e detersivo (ed è vero).
Dopo nemmeno mezz'ora, quindi 3 minuti fa, è arrivata con una pizza surgelata, per ricambiare il sapone. (e io con cosa ricambierò?:shock)

Così proverò anche io l'ebbrezza di scongelare e finire di cuocere una pizza surgelata semiprecotta.
Visto che sto ingrassando, completiamo l'opera.
Vi dirò!

Andy86
16-09-17, 18: 23
:shock No, come fa a pulire l'olio me lo devi spiegare, che è una delle cose che si lava meno in assoluto.
Sapevo che con l'olio si potevano pulire le macchie di grasso sulla pelle (perché è un altro grasso), ma per il bucato... :boh


Visto che sto ingrassando, completiamo l'opera.

Mangiane un pezzettino per giorno come pane, tanto è buona anche secca, così hai il tempo di smaltire. :sisi

Matisse
16-09-17, 18: 45
Sono curiosa anch'io di sapere come fai a fare il sapone con l'olio :sisi

iaia
16-09-17, 20: 57
Esperimento pizza.
Ne ho mangiata mezza.
Non ho fatto caso alla marca, ma dev'essere di un qualche discount. Non mi pare di avere visto marchi conosciuti.
Ho preso la pizza ancora surgelata, il formaggio mi pareva piuttosto "plasticoso" :shock così l'ho messa in padella col formaggio in giù a fiamma bassa per qualche minuto. Quando l'ho guardata si stava ammorbidendo, l'ho girata e l'ho lasciata sempre con fiamma bassa. Poi l'ho trasferita un mezzo minuto su un fornello più largo, per essere sicura che il caldo arrivasse fino al bordo.
L'ho dovuta tenere sul fuoco un po' troppo a lungo, perché mia mamma non arrivava. E' diventata forse un po' troppo croccante, ma non era male.
Mi è piaciuta la pasta, meno il pomodoro e ancora meno il formaggio. Ho aggiunto l'origano, che non c'era.
Anzi, per essere precisa, foglie di Calamintha nepeta.
P.s. Qualcosa che mi ha fatto allergia in quella pizza c'era. Ho le guance tra il viola e il porpora...


Sapone: Matisse ha capito.
Andy, non hai mai visto sui Fiori di Iaia? Non pulisco con l'olio, uso l'olio per fare il sapone, poi pulisco col sapone.
Il sapone si fa con l'olio, sempre.
Io per quello da bucato uso l'olio usato della vicina, perché io non friggo da anni e non ne ho. Se non avessi il suo userei olio nuovo e strutto. Costa un po' caro, lo strutto. Per fare il sapone ce ne vuole parecchio.
Si può fare con ogni tipo di olio o grasso. Ci sono delle tabelle che indicano cosa ci si può aspettare da un certo grasso o da un altro, in termini di durezza del sapone, formazione di schiuma e potere pulente. Io posso dire che non sempre ci azzeccano. Spesso faccio il sapone col 100% di olio di arachidi, che non si dovrebbe proprio, le tabelle prevedono una catastrofe, non un sapone, e a me viene benissimo.
Ultimamente ho dei problemi con le saponette per il corpo, fatte con oli pregiati, tipo cocco e andiroba, ma quello con l'olio usato viene sempre bene.
Ci sono tanti video su internet, che spiegano come si fa.
Io prima di usare l'olio "esausto" lo lavo, facendolo bollire con acqua e poi scartandola, con olio nuovo si fa prima.
Tanti fanno opere d'arte, più che saponette.
Io no. Ho delle formine carine per il sapone per il corpo, ma quello da bucato lo colo nelle bottiglie di plastica, oppure in quelle del latte, e a volte anche questo mi sembra troppo faticoso. L'ultima volta l'ho messo in una bacinella di plastica e poi l'ho tagliato a pezzi col coltello.
Una roba proprio rustica.
Lo profumo con oli essenziali naturali o con foglie profumate, tipo rosmarino, alloro, tanaceto, erba s. Pietro... . Significa che il profumo resta meno intenso rispetto a chi usa profumazioni chimiche, e a volte sparisce completamente.
L'ultimo che ho fatto però è rimasto buono, leggero ma buono. Profumato con canfora e limone.
Se volete provare, guardate i video!

Matisse
17-09-17, 10: 07
Grazie iaia, era più una curiosità che altro perchè anch'io friggo pochissimo e quindi non avrei la materia prima.

iaia
17-09-17, 14: 33
Se ti va di fare il sapone puoi farlo con olio nuovo. E' molto più veloce. Ci sono diverse ricette già predisposte e testate, se non vuoi pesare e calcolare.
Io mi trovo benissimo.
Prima se usavo i panetti per il bucato anche solo una volta avevo la pelle delle mani scorticata.
Poi quello fatto in casa pulisce meglio. Con i detersivi era come se lo sporco si stratificasse. Avevo cose ormai ingrigite, che lavate col mio sapone hanno ritrovato il colore originale, e sembrano nuove.
Quanto al sapone per mani e bagno con quelli acquistati risultato simile: gomiti a scaglie, braccia ruvide...
Da quando mi lavo con le saponette fatte da me ho la pelle molto più liscia e i gomiti sembrano nuovi :ghgh

Matisse
17-09-17, 17: 37
Allora provo a prepararlo.